mercoledì 23 dicembre 2009

Review : Days of Steam


Il titolo del quale ci occupiamo oggi è un gioco di piazzamento tessere, ideato da Aaron Lauster, dal nome Days of Steam, pubblicato originariamente (l'anno scorso) dalla Stratamax ed ora riedito, con una grafica rinnovata, dalla Valley Games, che lo ha presentato a Essen. Qui trovate il regolamento completo, articolato in otto pagine, ma molto semplice, in quanto ricco di esempi e disegni.

I materiali forniti consistono in un set di 80 tessere sulle quali sono raffigurati tratti di ferrovia di vario tipo, (track tiles) con incroci, scambi, ecc., 12 tessere raffiguranti città (tre per ciascuno dei colori: rosso, verde, giallo e blu), 4 tessere 'treno' ed una cinquantina di cubetti di legno, di vario colore.


All'inizio della partita ogni giocatore (da 2 a 4) riceve un segnalino di legno raffigurante una locomotiva del suo colore, una delle 4 tessere 'locomotiva' ed un segnalino da piazzare su di essa (in corrispondenza del numero '0'), nonchè tre tessere ferrovia pescate a caso. Al centro del tavolo è piazzata una tessera città, sulla quale ciascun giocatore posizionerà la sua locomotiva  e su di un lato del tavolo sono poste due tessere città scoperte, su ciascuna delle quali si collocano due cubetti pescati a caso dall'apposito sacchetto di tessuto.

A questo punto il giocatore di turno potrà compiere una delle seguenti quattro azioni:

1. piazzare una tessera ferrovia. Vi sono alcune regole per il piazzamento, tra le quali cito il fatto che la tessera piazzata deve collimare con quelle esistenti, che almeno uno dei tratti di ferrovia che raffigura (ve ne possono essere diversi) sia con il piazzamento collegato ad una città e che non sia più lontano di 5 tessere dalla città più vicina. Piazzando la tessera il giocatore guadagnerà i 'punti vapore' indicati sulla tessera, segnandoli sulla propria tessera 'locomotiva' tramite lo spostamento del segnalino di legno (il vapore non può mai scendere sotto lo 0 e salire sopra il 6!). Una volta piazzata la tessera il giocatore ne pescherà una nuova a caso ;

2. piazzare una città (immagine a fianco). E' possibile solo se vi sono almeno due tessere che la separano da una città già esistente e deve essere collegata ad un'altra città da un tratto di ferrovia. Si può scegliere se piazzare una delle due tessere città scoperte già presenti sul tavolo o se pescarne una a caso, ponendo poi su di essa due cubetti pescati a caso dal sacchetto.

3. Muovere la propria locomotiva. Percorrere ogni tessera costa 1 punto 'vapore' (salvo le tessere collina che costano 2) che va sottratto da quelli disponibili segnati sulla propria tessera 'locomotiva': (immagine a fianco) se si vuole muovere più di due caselle attraversando una curva si deve tirare un dado, per verificare se il treno deraglia (facendo un punteggio superiore alle caselle mosse - max 6 - meno 2: esempio per 4 caselle di movimento deve fare più di 2). In caso di deragliamento si perde comunque il vapore corrispondente al movimento e si rimane nel punto di partenza. Se la locomotiva entra in una città che ha un cubetto sopra può caricarlo e portarlo con sè (max uno alla volta): il giocatore potrà scaricarlo, trattenendo il cubetto per se, nella città dello stesso colore del cubetto.
4. Stare fermo in una tessera con raffigurato un deposito d'acqua, guadagnando così 4 punti vapore.


Si ottengono punti consegnando i cubetti (che rappresentano merci) nelle città che li richiedono (dello stesso colore), in misura di 2 per cubetto. Ci sono poi bonus crescenti per chi consegna nel corso della partita cubetti di colori diversi. Ogni volta, inoltre, che piazzando una tessera si 'chiude' un circuito ferroviario che collega almeno due città (in modo tale che si possa andare da una all'altra e tornare senza usare due volte lo stesso tratto di rotaia), si ottiene 1 punto. Il primo che arriva a 13 punti vince (oppure chi ha più punti quando è pescata l'ultima tessera ferrovia). Nell'immagine a fianco un esempio di circuito tra la città gialla e quella rossa.

Queste le regole, in sintesi (c'è qualche piccola aggiunta, ma credo il meccanismo ci sia tutto). Venendo alle impressioni sul titolo l'idea che si ha è che rappresenti una sorta di incontro tra Carcassonne e Steam (detto simpaticamente), mutuando dal primo il meccanismo del piazzamento tessere e dal secondo l'idea del pick and delivery (raccogli e consegna) le merci nelle città di quel colore. Giocato risulta assai gradevole, sia nella versione a 2, che in quella multiplayer e devo dire che è meno banale di quanto non possa apparire a primissima vista. Tanto per capire si deve fare attenzione a quanto 'vapore' hanno gli avversari in quanto, non potendo mai essere superato il '6', essi potrebbero essere costretti a muovere la locomotiva, non piazzando tessere al loro turno e questa impossibilità può essere sfruttata per cercare nel frattempo di chiudere dei circuiti, cosa che spesso richiede almeno due piazzamenti successivi.

Il posizionamento delle città è inoltre cruciale, visto che avere cubetti che potranno essere trasportati alla meta giusta a breve distanza può garantire la vittoria. L'esperienza è quella di partite che vedono una fase iniziale molto guardinga, con giocatori che cercano di fare del tutto per non avvantaggiare gli avversari, seguita poi dal piazzamento di varie città, quasi in contemporanea, con una vera e propria corsa per il prelievo dei cubetti. Il mix tra piazzamento tessere e movimento della locomotiva è quindi interessante e nel contesto di un titolo che comunque non richiede troppa riflessione, consente di mettere in atto piccole strategie, anche a medio termine. Una piccola componente push your luck (rischio) è introdotta poi dal tiro del dado se si vuole rischiare a muovere più velocemente la locomotiva. Nel complesso direi quindi che è un titolo assai gradevole, che non ha ottenuto forse, nella prima edizione, il riscontro che meritava.

A livello di prezzo le copie della vecchia edizione si trovano a meno di 20 euro su internet, mentre quella nuova costa circa il doppio. Dalle immagini che vedo però il redesign ha comportato solo dei ritocchi grafici e, visto che la vecchia edizione era comunque funzionale, si può pensare di risparmiare ;-)

Riguardo alle differenze grafiche le immagini si riferiscono alla versione Valley Games, mentre le foto le ho scattate io, che ho la versione Stratamax. Se volete approfondire qui trovate un video in inglese (utile comunque per vedere il gioco in movimento), qui una recensione in inglese (complessivamente positiva, lo considera un titolo di inizio al mondo dei giochi di ferrovie) e qui un'ulteriore presentazione (sempre in inglese, sorry ..).

--- Le immagini del gioco riprodotte sono tratte dal regolamento, da BGG (postate da Rich Fach),  o dal sito della casa produttrice (Stratamax - Valley Games), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. ---

Nessun commento:

Posta un commento