giovedì 4 febbraio 2010

Preview - Pool Sharks

Il titolo che vado oggi a presentare, ossia Pool Sharks, della Gamewright, ideato da Bradford Ross, ha in verità pochi motivi per essere inserito all'interno di un sito dedicato ai giochi da tavolo, in quanto, pur essendo, indubitabilmente, un 'gioco' che si utilizza appoggiato su di un 'tavolo', si tratta semplicemente di un mini - biliardo: visto che però ogni tanto fa sempre piacere divagare leggermente dal tema dell'analisi di ponderosi regolamenti di titoli solidi e/o strategici, ho pensato di fare cosa gradita segnalandolo.

Materiale e regole
Come potete vedere dall'immagine infatti quello che è fornito è  infatti un vero e proprio piccolo tavolo da biliardo, in materiale plastico, il quale è però arricchito dal fatto che nelle buche sono inseriti (uno per ciascuna) dei contenitori per le palle che vi cadono a forma di pesce: ogni volta che la palla cade il pesce chiude per un attimo la bocca, per simboleggiare che l'ha inghiottita ed una volta che vi siano entrate tre palle, la bocca si chiude per il resto della partita. Da qui la prima evidente variante rispetto al gioco del biliardo tradizionale.
La seconda enorme differenza sta nel fatto che NON vi è fornita una stecca, bensì una piccola 'pistola' a molla, a forma di pesce, che ha tre diverse posizioni, per dare diversa forza al colpo. Le palle, infine, sono di materiale plastico (sembra pesante, tipo quello delle vere palle da biliardo).
Il manuale (rinvio al sito della casa per leggerlo) consiste in una sola pagina e si limita a ricordare le regole base del biliardo, proponendo alcune varianti nel piazzamento iniziale delle palline o nel calcolo dei punti.

Impressioni
Si tratta indubbiamente di un gioco indirizzato verso una fascia di pubblico di età più bassa: l'adattamento di un gioco da adulti come il biliardo con il tema 'marino' è stato comunque ben realizzato e non escludo che si possa trovare divertimento nel giocarci. Parecchi anni fa ebbi occasione di giocare con un amico che aveva un mini biliardo da tavolo ed in effetti ci si divertiva un sacco, ma allora avevo un'altra età ..., per cui deduco che la fascia di età in cui questo tipo di gioco attrae  sia orientata parecchio verso il basso: giocarci con i propri figli può comunque essere divertente, per cui ho pensato di proporre comunque il titolo.
I materiali sono colorati e plasticosi, per cui non garantirei sulla estrema durabilità, ma l'idea della 'stecca - pistola è alla fine logica per un prodotto che non vuole essere una replica di un reale biliardo e può risultare carina. Il prezzo di vendita è suggerito per gli States in 27 dollari, per cui per chi volesse togliersi lo sfizio può essere un'idea ..
Se siete ancor più curiosi vi segnalo una video recensione in inglese, di Tom Vasel, che può essere utile, anche per chi non comprenda bene la lingua, per vedere il gioco in uso.

Un saluto ed alla prossima !!!

-- Le immagini sono tratte  dal sito della casa produttrice (Gamewright), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --- 

Nessun commento:

Posta un commento