sabato 28 maggio 2011

Anteprima - Conquest of Nerath

scritto da polloviparo
 
Sembra che la Wizards of the Coast sia molto “prolifica” in questa fase dell’anno, visto che oltre a “Ikusa”, riedizione del vecchio Shogun di Michael Gray in uscita per il 26 luglio, è stato annunciato Conquest of Nerath, atteso per il 21 giugno.
Si tratta di un gioco (per 2-4 giocatori, tempo a partita stimato: 120 minuti) degli autori Richard Baker, Mons Johnson e Peter Lee, che si pone come obiettivo quello di avvicinare giocatori di ruolo al gioco da tavolo.



Il titolo sfrutta il brand di “Dungeons & Dragons”, conosciutissimo ad amanti dei GdR e non: si tratta non certo del primo tentativo di trasposizione da GdR a GdT, tralasciando ad esempio “Dungeons & Dragons: The Fantasy Adventure Board Game” del lontano 2003, non possiamo non menzionare i recensissimi  “Castle Ravenloft Board Game”, “Wrath of Ashardalon” e “The Legend of Drizzt”.
Questi ultimi tuttavia rientrano nella categoria dei “Dungeon Crawling” e si scontrano con giochi quali Tomb della Alderac Entertainment Group (la casa del più noto Thunderstone) o Descent della Fantasy Flight Games. Apro una parentesi, sembra che abbiano riscosso anche un discreto successo e che sia molto apprezzata l’assenza del classico DM (Dungeon Master) invece richiesta in Descent.
Tornando al discorso sulla appetibilità del gioco di cui parliamo per gli appassionati dei giochi di ruolo, se il passaggio da “pen andpaper” a “dungeon crawling” è sicuramente “indolore” per un giocatore di ruolo classico, bisognerà vedere cosa succederà con questo nuovo titolo: per la prima volta, infatti, sembra che le creature e le razze del mondo di D&D si scontreranno in “salsa” wargame. Un gioco di conquista, quindi, nel quale le armate delle proprie unità di terra, insieme a macchine d’assedio, mostri, navi, elementari e draghi, si uniranno per sconfiggere quelle degli avversari.
I giocatori impiegheranno inoltre i propri eroi, quali guerrieri e maghi, per guidare le proprie truppe e per esplorare i dungeons alla ricerca di artifatti magici e tesori, capaci di accrescere la propria forza di combattimento.
E con questo sembra proprio che la Wizards of the Coast, abbia preso spunto dagli errori di Runewars (titolo con cui probabilmente Conquest of Nerath dovrà confrontarsi) , in cui gli eroi sono completamente slegati dal resto delle meccaniche di gioco.

Veramente ricca la dotazione, che a quanto pare comprenderà:

* Regolamento
* Dadi
* Plancia di gioco
* 110 carte
* 252 parti in plastica (fra cui le bellissime miniature).

Per il momento mi limito a giudicare la bellissima plancia di gioco che costituisce un ottimo biglietto da visita.
Come scritto poche righe sopra, per il titolo in questione sarà inevitabilmente preso come metro di paragone Runewars. E’ mia sensazione che tuttavia Conquest of Nerath sarà molto più semplice e vicino ad un “Warlords of Europe” (tanto per evitare la parola “Risiko” che sarebbe probabilmente troppo riduttiva). Questa supposizione nasce prendendo come esempio l’altro titolo di prossima uscita “Ikusa” e dall’analisi di altre edizioni della WotC, quali ad esempio Risk Godstorm.
Il successo del titolo quindi dipenderà molto da quanto il publisher abbia prestato attenzione ai giudizi negativi di chi ha criticato Runewars: se riuscirà a incontrare il gusto di questi giocatori e ad ottenere buone recensioni nei suoi primi mesi di vita, probabilmente riuscirà a far sentire il proprio nome.

Si segnala che su BGG viene evidenziata una presenza moderata di testo e la conseguente necessità di etichette o di “player aid”. Non resta che aspettare il 21 giugno, data preannunziata di uscita.

-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco,da BGG o dal sito della casa produttrice (Wizard of the Coast) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

Nessun commento:

Posta un commento