giovedì 26 maggio 2011

Anteprima - Olympos

Olympos Anteprima - scritto da Iziosbiribizio / polloviparo

"All'alba della civilizzazione, prendete il destino di un intero popolo nelle vostre mani. Davanti a voi, si estendono le pianure del Peloponneso. In lontananza, si staglia la mytica Atlantide. Tuttavia, per creare un in questa terra promessa, dovrete sconfiggere i vostri nemici, sviluppare tecnologie, costruire meraviglie, e soprattutto pregare per la clemenza degli dei, che vi osservano ogni vostra mossa dalla cima dell'Olimpo!"

Così si presenta Olympos, gioco di Philippe Keyaerts (edito dalla Ystari) per 3-5 giocatori che promette un'atmosfera avvolgente, con un pizzico di mistero (Atlantide) e un pizzico di Grande Fratello (gli Dei che tutto vedono!). Guardando le immagini il materiale sembra fatto con cura, le immagini sono ben curate, e ci sono un sacco di gettoni di cartone e carte.



Vediamo che si svolgono le cose ..
In Olympos i giocatori rappresentano delle tribù che stanno cercando di colonizzare Grecia e dintorni, compresa Atlantide(sempre che sia stata davvero lì!). Mano a mano che si conquisteranno territori, saranno disponibili scoperte scientifiche e meraviglie architetturali. Alla fine del gioco, la civiltà più prestigiosa vincerà.

L'anteprima si basa sulle regole per 4 giocatori, infatti il gioco per 3 o 5 giocatori è considerato una variante alla fine del manuale.
L'ordine di gioco è determinato dal tracciato temporale: il giocatore più indietro ha diritto a tante azioni, ognuna di esse con un costo preciso che lo faranno avanzare sul tracciato, fino a che rimane l'ultimo del gruppo.Unica eccezzione è l'uso del gettone Clessidra, che permette di compiere un'azione gratis senza spostamenti sul tracciato.
I giocatori possono scegliere tra due azioni per ogni turno:

- Espansione: Non a caso, questa fase è molto simile alla fase di espansione di Smallworld. Infatti è possibile introdurre un nuovo colono dalla propria riserva o spostare quelli già presenti sul tabellone. Il movimento da una regione all'altra, o dall'esterno del tabellone costa 1 punto tempo, attraversare il mare 2 punti tempo(può essere ripetuto più volte). Se il movimento finisce in un territorio vuoto, il giocatore ne rivendica la proprietà prendendo un gettone risorsa corrispondente alla regione (un gettone Zeus se è un territorio dell'Olimpo), mentre scoppia una battaglia se il movimento termina su una regione già occupata da un altro giocatore.
Il combattimento è vinto automaticamente dall'attaccante, ma il costo dell'azione dipende dalle forze militari presenti nella regione: se l'attaccante ha più spade del difensore, 1 punto tempo, meno spade 2 punti, molte meno spade 3. Il difensore da il gettone della risorsa all'attaccante, ma riceve un gettone clessidra. Tuttavia il colono del difensore rimane, e se l'attaccante decidesse di spostarsi su un'altra regione il controllo tornerebbe al difensore. E' anche possibile decidere di scappare, per il colono che è sotto scacco di un altro giocatore.
-Sviluppo: Lo sviluppo consiste nel fare una scoperta o costruire una meraviglia. a) Scoperta: se il giocatore possiede i gettoni regione e/o i cubetti risorsa necessari per sviluppare una tecnologia, prende la tessera corrispondente e la piazza di fronte a se (le risorse usate tornano nella riserva generale) e questa le permetterà di usare i poteri descritti. L'azione costa 7 punti tempo e fa terminare il turno del giocatore corrente. b)costruire meraviglie: ogni meraviglia costa un certo numero di stelle ,guadagnate tramite certe tecnologie, battaglie, carte, e viene posta di fronte a se per dare un certo numero di punti prestigio a fine partita. L'azione ha lo stesso costo della precedente.

Ci sono ancora due elementi da analizzare, le carte destino e le carte olimpo. Le prime vengono pescate quando il giocatore supera uno spazio Zeus sul tracciato temporale, possono essere giocate subito e in qualsiasi numero, e se danno punti prestigio a fine partita vanno tenute coperte di fronte al giocatore.Per gli effetti delle carte rimandiamo al manuale (qui in inglese sul sito della casa). Le carte olimpo rappresentano 9 dei che occasionalmente interromperanno i giocatori attivi. Per i primi due e l'ultimo spazio zeus una carta olimpo viene pescata alla fine del giocatore che ha raggiunto uno di quegli spazi, e gli effetti vengono applicati immediatamente. Per i 3 spazi Zeus doppi, viene pescata una carta olimpo non appena un giocatore arriva su quello spazio, e un'altra quando l'ultimo giocatore lo supera. Metà degli dei sono benigni, l'altra metà...no! Ma rimandiamo al manuale per le descrizioni.

Il gioco termina quando un giocatore supera l'ultimo spazio Zeus, dando la possibilità a tutti i giocatori di fare un ultimo turno. Come detto, il vincitore sarà il giocatore con più punti prestigio che vengono assegnati per i territori conquistati, le meraviglie e le scoperte, più eventuali bonus.
Alcune delle scoperte e meraviglie ...

Considerazioni:
Sicuramente questo gioco presenta la firma dell'autore, soprattutto nella fase movimento, ma le meccaniche sono intriganti. il gioco sembra ruotare molto sul tracciato temporale, dando quindi l'impressione di poter (e dover) organizzare bene le mosse dando un tocco molto strategico e molto profondo al tutto. La grafica è ottima, i materiali sembrano buoni, le regole sono semplici e intuitive. Tuttavia rimanendo un gioco tutt'altro che banale. La curiosità di provarlo sale, per poter verificare se sarà davvero all'altezza delle aspettative.

Il gioco è in vendita nei negozi specializzati a circa 50 euro, oppure lo potete comperare sullo store online Egyp.it a 44,90 euro.
Concludo poi dicendo che in questi giorni la casa ha pubblicato anche le regole per la variante del gioco per soli due partecipanti.

Anche Polloviparo ha dato una prima lettura alle regole e quelle che seguono sono le sue primissime impressioni, in linea con le mie ...

Il gioco è un classico gioco di civilizzazione light, che utilizza un interessante sistema di azioni con un corrispondente costo da contrassegnare sull'apposita barra del tempo. Come ogni gioco di civilizzazione che si rispetti, non mancano le risorse e gli sviluppi tecnologici, così come le meraviglie.


Ho dato una letta veloce al regolamento che risulta veramente molto semplice, come tradizione dell'autore, anche se probabilmente non adatto ad un pubblico occasionale. Il gioco sarà pubblicato dalla Ystari Games (con l'immancabile "Y" nel titolo), e sarà rivolto ad un numero di 3-5 giocatori. La durata di una partita stimata nell'ordine di 90 minuti.

Quanto alla grafica Arnaud Damaegd ha davvero fatto un ottimo lavoro e nel complesso di tratta di un titolo che è balzato attualmente in testa alla mia wishlist.


-- Le immagini sono tratte dal manuale, da BGG (messe online da Eric Martin) e/o dal sito della casa produttrice (Ystari) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

6 commenti:

  1. Il suo quasi omonimo Olympus non mi ha mai convinto del tutto, la corsa per prendere gli edifici unici, che in certi casi facilitano non poco le cose attira l'attenzione di tutti i giocatori e allora cosa fai...lasci stare e ti concentri su altre strade?
    Sicuramente la conoscenza profonda del gioco permette molte strategie ma questo, per me, significa pure giocare costantemente ad un solo gioco (che poi sarebbe la cosa migliore).
    Ho comunque proposto una "regola" nel mio gruppo che prevede di giocare almeno tre serate consecutive un Gioco che vale.
    Questo Olympos mi attira di più come meccaniche e anche a livello di grafica, così aggiungerò un'altra voce all'infinita wishlist :))

    OT. ma questa voce che gira in rete al riguardo di un boardgame sul mitico Lupin III come la vedete? http://chromaline.wordpress.com/2011/05/23/lupin-iii-sceglie-litalia/ Vi prego di ritenere eliminabile il mio OT
    Buon Gioco.

    iNvernomuto

    RispondiElimina
  2. è entrato anche nella mia wishlist, vediamo cosa dicono gli altri... a sottolineare l'adeguatezza che deve avere un gioco per un gruppo.
    riguardo lupin III spero facciano un buon lavoro. non disprezzerei se si potessero utilizzare i vari personaggi avendo zenigata come avversario diretto e margot come avversario/compagno subdolo

    RispondiElimina
  3. Olympus, nome a parte, ovviamente, centra molto poco con il nuovo titolo di Philippe Keyaerts.
    Il primo utilizza un sistema di "worker placement" con elementi di gestione risorse e sviluppo della propria civiltà attraverso la costruzione di edifici.
    Questo, come ci ha ben illustrato Iziosbiribizio è un gioco di "civilizzazione light" che più si avvicina ad uno "smallworld" (o "Vinci" come preferisco dire io).
    Olympus è un gioco che a mio avviso "o si odia o si ama".
    Sebbene molto semplice nel regolamento, occorre una buona conoscenza per capirne le sfumature.
    Quindi come dici giustamente tu, necessita di diverse partite.
    Oggi siamo abituati a continui annunci di giochi nuovi, che ci fanno dimenticare molto velocemente quelli appena acquistati.
    Le nostre wishlist si allungano ed i nostri portafogli "piangono".
    Così succede che alcuni giochi non abbiano l'attenzione che meriterebbero.
    Come ho scritto nel mio commento "Olympos" è in testa alla mia wishlist, cos'altro aggiungere ? ;)

    Per quanto riguarda l'OT, i giochi cooperativi, non incontrano i miei gusti e quindi lascio che sia qualcun'altro a risponderti.
    Fermo rimanendo che Lupin III per me sta beinssimo nel "mondo dei cartoni animati" e non sento assolutamente il bisogno di una sua versione "in scatola".

    RispondiElimina
  4. Saluti a tutti di nuovo!
    Altro titolo,questo "OlympOs" che mi mette molta curiosità e che spero di provare a breve.
    l'ambientazione e la grafica mi piacciono molto...l'unica cosa che i rende un pò perplesso è la sezione del combattimento: anche leggendo il regolamento mi ha lasciato qualche pensiero.

    e nota positiva anche sul prezzo che sembra essere molto interessante.

    Lollo23

    RispondiElimina
  5. Molto accattivante a vedersi, poi è da capire se "ricalca" altre strade già percorse, oppure ha degli elementi di novità.

    RispondiElimina
  6. http://www.gioconomicon.net/modules.php?name=News&file=article&sid=5932

    RispondiElimina