martedì 3 maggio 2011

[Prova su strada] Fresco

Spesso propongo sul blog anteprime (preview) dei titoli più attesi, analizzandoli in profondità sulla base di regole e dello studio delle loro meccaniche. In questa rubrica, dal nome, appunto 'prova su strada', troverete invece soprattutto le impressioni di gioco tratte dal recensore dopo svariate partite, completando idealmente la prima presentazione a suo tempo proposta. Lascio quindi la parola a Chrys per sua recensione.

scritto da Chrys
 
Dopo mesi dal successo riscosso ad Essen ho finalmente potuto mettere le mani su Fresco, nella versione internazionale con all'interno incluse le tre mini-espansioni (ritratti, richieste del vescovo e colori terziari). Procedo quindi col darvi le mie impressioni a fronte di una decina di partite; non mi dilungherò a spiegarvene le meccaniche perchè sono già state descritte nei minimi dettagli da Fabio nell'anteprima alla quale vi rimando per approfondimeni sulle regole. Nei post passati potete anche trovare un'interessante intervista con gli autori.


In sintesi in questo gioco interpretiamo dei pittori rinascimentali che competono per ottenere maggior prestigio (punti vittoria e denaro) restaurando la volta della cattedrale per conto del vescovo. Nel gioco base ogni turno ci troveremo a dover decidere a che ora alzarci (dall'ora dipende l'ordine di azione ma anche i prezzi a cui si comprano i colori al mercato) e a quali compiti dedicarci tra visitare il mercato, restaurare l'effresco, eseguire ritratti per denaro, miscelare colori ed andare a teatro (per alzare l'umore dei nostri assistenti). Il gioco è estremamente legato al tema e ci si sente effettivamente immersi nel mondo della pittura rinascimentale.


Fresco si è meritato la sua fama trattandosi di un gestionale dalle meccaniche eleganti, che si sviluppa peraltro in un tempo contenuto (circa un oretta di gioco in 4 giocatori), scorrevole e senza tempi morti. Si tratta sostanzialmente di un gioco di piazzamento lavoratori e gestione risorse (dove però le risorse sono i colori primari e i colori secondari e terziari da essi derivati). I componenti sono della massima qualità ben curati ed in catoncino spesso, mentre i cubetti in legno che rappresentano i colori sono persino dimensionati coerentemente, nel senso che se misceliamo un cubetto rosso ed un cubetto blu otteniamo un cubetto viola di volume circa doppio (!!) e lo stesso discorso vale per i colori terziari (fucsia e marrone). Inoltre la versione con le tre espansioni è letteralmente stracolma di elementi e dà veramente una bella sensazione all'apertura della scatola, soprattutto in confronto ad altri giochi della stessa fascia di prezzo.



Il regolamento è abbastanza semplice e veloce da spiegare, ma le dinamiche che si generano permettono strategie differenti ed interessanti, il che lo rende anche un ottimo gioco per approcciarsi al genere (non a caso la Queen Games lo inserisce tra i Family Games). Una volta presa la mano con le meccaniche base si potranno poi introdurre le tre mini-espansioni (tutte assieme o solo 1-2 alla volta) ciascuna delle quali aggiunge nuove azioni e profondità al gioco; ogni espansione allunga anche leggermente il gioco (+5-10 minuti) poichè aggiunge nuove scelte tattiche da valutare... i giocatori più scafati saranno tentati di giocarlo già con tutte le espansioni ma personalmente suggerisco di giocare prima la versione base con al massimo un'espansione. In particolar modo le richieste del vescovo aggiungono un ulteriore livello di strategia nella scelta delle aree da restaurare perchè introducono una componente di collezione di set di tessere.
Le partite risultano sempre molto combattute e, a meno di madornali errori, è raro che un giocatore resti così indietro da non poter più recuperare se gioca bene le sue scelte nei turni successivi. Devo inoltre ammettere che la presenza di uno schermo che nasconda agli altri giocatori colori e talleri è stata una scelta azzeccata, nell'ottica di un pubblico ampio e family, perchè evita una situazione di conoscenza assoluta delle strategie avversarie, che avrebbe probabilmente allungato i tempi di pianificazione del turno e smorzato la tensione; tra l'altro va detto che è virtualmente impossibile tenere a mente i colori avversari (tra acquisti, usi e miscelazioni) o il loro denaro, se non a breve termine.

Il gioco è stato praticamente introvabile in italia per diversi mesi (cosa che non mi spiego, visto e considerato che nella sua versione internazionale conteneva di base all'interno anche il regolamento italiano) ed è ancora raro trovarlo nei negozi dove viene venduto anche a 59 euro nell'edizione con le espansioni incluse; ma potete trovarlo a molto meno online: ad esempio su Egyp.it la versione internazionale è reperibile a 44,90 euro (con le 3 espansioni e le regole in italiano).

-- Le immagini sono tratte dal manuale, da BGG (postate da Henk Rolleman) e/o dal sito della casa produttrice (Queen Games) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

2 commenti:

  1. questo gioco mi ha intrigato fin da subito, belli i materiali, le meccaniche e l'ambientazione.
    ho solo un paio di dubbi: a) il prezzo che mi sembra un po' troppo elevato e b) la scalabilità
    giocando gran parte delle volte in 2 temo che la variante col "morto" (o Leonardo mi sembra) non risulti granche fluida...

    voi l'avete giocato in 2?

    RispondiElimina
  2. Rispondo in ordine:

    A) Non so il prezzo a cui ti riferisci: su uPlay l'ho preso a 45 euro nella versione "full" multilingua con le 3 espansioni e ti assicuro che vale ogni centesimo... i componenti sono uno spettacolo, la scatola è piena di cose e le tre espansioni aggiungono varietà e rigiocabilità.
    Nei negozi ne ho vista invece qualche copia a 59,90 (forse è a questo che ti riferisci) e l'ho lasciato lì, cercandolo e prendendolo poi online.
    A 59 mi sembra troppo caro dato che in germania la versione base (senza espansioni) viene sui 36 euro e quella full multilingua con anche l'italiano (quella in vendita da noi) viene 45 euro, quindi personalmente non mi capacito del rincaro.

    B) Personalmente non l'ho mai giocato in 2 e le opinioni online in inglese sono varie (alcuni ne parlan bene altri non tanto): nel gioco in 2 l'uso alternato di Leonardo permette certamente strategie più aggressive di disturbo (praticamente ci si alterna nel controllarlo, quindi si tratta di un 2 contro 1 alternato visto che chiaramente quando tocca a te lo usi per ostacolare l'altro).

    RispondiElimina