mercoledì 28 dicembre 2011

Anteprima - Stomple

I giochi astratti percorrono, a seconda dei casi, strade distributive molto varie, visto che alcuni escono quasi in sordina, vendute direttamente dal loro ideatore, in una veste editoriale 'scacchistica' ed essenziale, mentre altri sono recepiti da produttori più grandi, che li sottopongono ad interventi 'cosmetici' di vario tipo, ottenendone i risultati più disparati.
Il titolo del quale andiamo ad occuparci oggi, ossia Stomple, titolo per 2-6 giocatori ideato da Greg Zima e prodotto dalla Spin Master Ltd. (la distribuzione credo sia per ora solo oltreoceano) rientra sicuramente nella seconda delle categorie indicate. Si tratta infatti in radice di un titolo astratto rientrante nella categoria dei giochi di 'isolamento', il quale è proposto in una veste editoriale di indubbio appeal anche per un pubblico familiare.


Materiali e regole
L'immagine illustra efficacemente i materiali di gioco, consistenti in un tabellone di gioco consistente in una griglia 7x7 sulla quale sono destinate ad essere collocate casualmente 49 biglie, in 7 colori diversi. 
Si noti che all'interno di ogni casella della griglia c'è un buco, circondato da materiale gommoso, cosa che è stata studiata per consentire, durante il gioco, di premere sulla biglia desiderata (stomp) facendola cadere sul sottostante raccoglitore. L'effetto prodotto è solo cosmetico, visto che le biglie cadute si recuperano a fine partita, ma è indubbiamente più divertente che semplicemente prelevare le biglie stesse dal tabellone e metterle da parte.
Ogni giocatore riceve quindi un proprio aggeggino, ovvero lo stomper, con sopra un colore, che utilizzerà nel corso del gioco quale proprio segnalino e per spingere le biglie nei buchi.
Il gioco è presto detto. Si gioca a turno ed ognuno (dopo la prima mossa introduttiva) ha a disposizione due alternative: 1) spostare il proprio segnalino su di una biglia adiacente (orizzontale, verticale o diagonale), spingendola nel buco : se vi sono altre biglie adiacenti di quel colore il giocatore continuerà a spostare il proprio trippolo spingendo le varie biglie di quel colore nei buchi, eliminandole dal gioco (un esempio nell'immagine a lato) ; 2) saltare in una qualsiasi casella del tabellone che contenga una biglia del proprio colore (indicato sullo stomper): anche in questo caso se vi sono altre biglie adiacenti di quel colore devono essere di volta in volta eliminate (un esempio lo trovate nell'immagine più in basso).

Si procede sino a che non siano più possibili mosse per gli altri giocatori: ogni volta che uno sia impossibilitato a muovere verrà rimosso dal gioco. A fine partita sono attribuiti punti, nella logica di partite organizzate su più round: 3 per chi vince, 1 per ogni biglia rimasta sul tabellone e 3 per ogni biglia speciale (color marmo rosso venato). Il manuale, così come una sorta di tutorial, entrambi in inglese, sono reperibili sul sito ufficiale del gioco.

Impressioni
Si tratta di un gioco che propone un meccanismo di base tanto astratto quanto semplice da spiegare, tanto che anche un bambino, una volta visti un paio di esempi, sarà in grado di giocare da subito rispettando le regole. Evidente è la volontà della casa, nel proporre questo gioco in una veste di componentistica colorata e piacevole, oltre che alla vista, anche al tatto, di rendere il prodotto appetibile al pubblico familiare: lo stesso meccanismo della caduta delle palline del raccoglitore, pur irrilevante al fine del gioco, risulta indubbiamente attraente (in un paio di brevi articoli pubblicati negli USA dopo la presentazione del gioco alla Chicago Toy Fair, si parlava appunto di bambini entusiasti di spingere le biglie nei buchi ...).
Quanto al concetto del gioco direi che l'idea è classica, apparendo come una elaborazione dello stesso principio che abbiamo già visto, per esempio, in Hey, it's my fish, debitamente modificato, tanto da dar vita ad un'idea nuova e sufficientemente distinta da tale titolo. L'alternativa tra i due diversi tipi di mossa a disposizione concede infatti la possibilità ai giocatori di studiare la disposizione delle biglie e di muovere con l'obiettivo di creare delle 'isole' nelle quali poter in seguito saltare (grazie alla presenza al loro interno di una o più biglie del proprio colore), nelle quali, possibilmente, non vi siano biglie del colore degli avversari in gioco. La rigiocabilità è offerta dalla disposizione casuale delle biglie che avviene in ogni partita, per cui si può considerare ogni nuovo schema una sorta di piccolo puzzle da risolvere. 
Il gioco si presenta quindi come non banale, suscettibile di un sufficiente approfondimento e studio (anche se il c.d. 'albero combinatorio' non sembra essere certo infinito) e nel contempo validamente proponibile anche ad un pubblico di neofiti o familiare. Un buon compromesso quindi: quanto alla scalabilità direi che mentre in due il gioco risulta piuttosto rigoroso, senza elementi di alea (salvo particolare sfortuna nella disposizione iniziale, ma ricordo che si può giocare anche a punti, con possibilità di equilibrare il tutto nel lungo periodo), con l'aumentare dei partecipanti lo spirito diventa decisamente più quello proprio di un filler, piuttosto che di un gioco con profondità strategica, visto che semplicemente, nel giro di un turno, chiunque, con l'aumentare dei giocatori e con il progredire del gioco, può essere facilmente isolato, mangiando gli avversari che lo seguono tutte le biglie nelle quali egli potrebbe 'saltare', senza alcuna possibilità di reale difesa.
Una bella idea, comunque, nella logica della diffusione dei giochi astratti : chissà se sarà mai disponibile da noi .. Negli States risulta ordinabile tramite Amazon o Barnes and Nobles.

Il titolo, infine, è stato recentemente selezionato dal club Mensa tra i giochi da tavolo meritevoli di nota per i soci ..

-- Le immagini sono tratte dal manuale o dal sito della casa (Spin Master Ltd), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte  ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta --

2 commenti:

  1. Ma adesso Spin Master ha aperto la filiale italiana quindi è molto probabile che a breve venga distribuito anche in Italia.

    RispondiElimina
  2. Ho notato la notizia, ma non ho reperito alcun contatto attivo al quale rivolgersi per avere informazioni sulla distribuzione di questo prodotto ..

    RispondiElimina