martedì 11 ottobre 2011

Gambit 7 - Recensione

Ultimamente mi sono dato al recupero di quei giochi, anche non recenti, che in passato desideravo giocare senza averne avuta la possibilità (principalmente per colpa di una distribuzione europea scarsa se non nulla). 

Anche oggi rimarrò in tema Days of Wonder (settimana scorsa recensii l'ottimo Fictionaire) e vi parlerò di Gambit 7, un altro divertente party game per 3-21 giocatori. In realtà si tratta sostanzialmente di un gioco per 3-7 giocatori, ma essendo giocabile anche a squadre è naturalmente possibile giocare in molti di più (il regolamento suggerisce un massimo di 3 per squadra).


Come il succitato Fictionaire anche qui abbiamo una revisitazine delle meccaniche dei classici trivia a cui viene dato nuovamente un approccio del tutto differente. 

NELLA SCATOLA
La scatola è di dimensioni medie e contiene al suo interno una clessidra, 100 carte domanda (con sette domande in ognuna), 21 fiches di cartoncino, 7 cartoncini plastificati per scrivere le risposte e altrettanti pennarelli cancellabili. Completan la linea una tabellina segnapunti e una lunga plancia in cartoncino leggero. I materiali sono tutti di qualità soddisfacente: personalmente avrei preferito un tabellone in cartoncino spesso telato come le tipiche plance (è una mia fissa), ma a conti fatti questo soddisfa comunque a pieno le esigenze di gioco.

COME SI GIOCA
Una partita dura 15-30 minuti e si struttura in 7 round alla fine dei quali vince il giocatore o la squadra con il punteggio più alto. Ogni round viene letta una domanda di argomento diverso (economia, arte/letteratura, geografia/natura, storia, cultura popolare, scienza. sport/tempo libero): la particolarità rispetto ad un normale gioco di domande è che, sebbene qualche punto lo si faccia  dando la risposta giusta, il più dei punti lo si fa... scommettendo!

La domanda
Come dicevo ogni turno si legge pubblicamente una domanda: tutte le domande permettono di dare una risposta numerica (date, quantità, pesi, dimensioni, ecc.). Ogni giocatore squadra scriverà quindi segretamente la sua domanda sul proprio cartoncino, dopodichè vengono tutte rivelate simultaneamente.
A questo punto, senza che naturalmente si legga la risposta vera, le varie risposte vengono ordinate numericamente accanto alla plancia. Se il numero di risposte è dispari, quella che sta in mezzo va sul settore blu e le altre rispettivamente sopra e sotto. Se invece sono pari le due serie partono dai settori verdi. In caso di risposte uguali vengono entrambe poste a fianco allo stesso settore.

Le scommesse
Ora si gira la clessidra da 30 secondi e ogni giocatore squadra ha a disposizione 2 fiches di valore 1 da giocare, puntandole su una delle fasce (possono essere puntate sulla stessa o su due fasce differenti) o sulla fascia nera in fondo (se si ritiene che le risposte siano tutte troppo alte). Ogni squadra ha anche a disposizione una fiche speciale di valore 7 che può scegliere di giocare assieme alle altre (questa segue però una regola a parte). Finita la clessidra si svela la risposta vera e si individua la carta che più si avvicina ad essa.

Come potete notare nell'immagine sotto, più le risposte si allontanano dalla media, più sale il moltiplicatore dei punti (sotto non si vede ma c'è ancora una fascia arancione con i valori 12 e 8, ed una fascia da 15 (tutte sballate in eccesso).

In questo esempio la domanda era: "Quanti anni è durato il singhiozzo
più lungo del mondo?" La risposta corretta è 48 quindi la più vicina è il 38
del giallo che fa 4 punti di fiche e 4 di risposta corretta. Il rosso sbanca
con la fiche da 7, ma il rischio è alto... se sbagliava perdeva tutto!!
Les jeux sont faits!
A questo punto si assegnano i punti moltiplicando il numero di fiches puntate per il moltiplcatore del settore... in ogni settore ci sono 2 moltiplicatori, uno bianco da usare se si è i soli ad aver sommesso lì ed un secondo colorato (subito sotto) in caso più giocatori abbiano messo fiches su quella risposta.
Quest'ultimo valore viene anche assegnato a chi aveva scritto la risposta che si è rivelata essere corretta. Se invece tutte le sisposte sono più alte della vera vince 15 punti chi aveva puntato sulla apposita fascia in basso.


Prima abbiamo parlato della fische speciale da 7: se questa è stata puntata sulla risposta corretta il giocatore guadagna 7 volte il suo attuale punteggio (urka!!) ma se lo si punta su quella sbagliatasi perdon tutti i punti accumulati fino a quel momento (urkissima!!).

CONSIDERAZIONI FINALI
Personalmente il gioco mi è piaciuto molto e le partite provate fino ad oggi non hanno mai scontentato nessun partecipante. Il fatto che la conoscenza della risposta esatta non sia così importante (scommettere bene conta di più) lo rende un gioco adatto a tutti, più di deduzione che di cultura specifica (un po' quel che succede nell'ottimo Fauna di Friedman Friese). Inoltre la possibilità di "vender bene" la propria risposta (mostrandosi sicuri, spingendola a parole, bluffando con la prima fiche) è anche molto divertente.

Lo scommettere naturalmente è la parte più divertente e crea un ambiente interessante e molto caotico, un po' in stile rulette, con la maggior parte delle scommesse negli ultimi 15 secondi (prima ci si osserva l'un laltro tipo sfida western...). In definitiva è un ottimo party game... e si spiega in 3 minuti di orologio.

Per quanto riguarda la lingua il gioco è solo in inglese ma la dipendenza dalla lingua è quasi nulla: è infatti sufficiente che la domanda venga letta publicamente da un giocatore con una conoscenza media dell'inglese, ma a parte questo la dipendenza dalla lingua è nulla. Per fortuna perchè il gioco esiste solo in inglese, in francese o in tedesco.

La rigiocabilità è molto alta in quanto una partita è fatta di 7 round e il gioco ne contiene 700 quindi un numero veramente alto. Infine pur non avendolo potuto provare con fasce di età mescolate ritengo che per tipologia funzioni bene anche se al tavolo ci sono dei bambini.

DOVE E A QUANTO?
Il gioco è abbastanza difficile da trovare (almeno io ho penato un po')... nei negozi anche specializzati non l'ho mai visto mentre è possibile trovarlo su alcuni store online. Il sito Egyp.it vende la versione in inglese a 22,39 euro.


-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco, da BoardGameGeek o dal sito della casa produttrice (Days of Wonder) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

Nessun commento:

Posta un commento