martedì 20 dicembre 2011

Blood Bowl Team Manager - Prova su Strada


Scritta da Chrys.

Ho avuo modo di giocare alcune partite a Blood Bowl Team Manager in queste ultime settimane ed eccomi qui a parlarvene. Avevo già pubblicato un'anteprima diversi mesi fa ed anche un tutorial video delle regole, quindi alcuni di voi sapranno già abbastanza bene di cosa parlo.

Per gli altri sappiate che si tratta di un gioco di carte per 2-4 giocatori ambientato nel mondo di Blood Bowl a sua volta legato all'ambientazione Fantasy di Warhammer. Siamo quindi davanti a partite di rugby in cui si sfidano sul campo umani, elfi, nani, orchi, minotauri, demoni e molto altro ancora.

Nella scatola, come tradizione nei giochi Fantasy Flight Games, trovate una saccata di materiale, per la precisione 6 squadre (umani, elfi, nani, orchi, kaos e skaven) ciascuna con un mazzo di 12 giocatori base, un mazzo upgrade e un contatore di fan. Inoltre abbiamo un corposo mazzo Star Players (giocatori famosi) con una sessantina di carte per ognuno dei due schieramenti (buoni e cattivi), un mazzo miglioramenti generici, un mazzo con le partite, un mazzo speciale, token palla, token fallo e vari altri token. La qualità dei materiali è ottima e le illustrazioni sono di altissimo livello.

IL GIOCO IN BREVE
Si può giocare da 2 a 4 giocatori: ciascuno riceve una squadra con i suoi 12 giocatori base, il conta-fan ed il mazzo miglioramenti. La partita si svolge in una serie di turni in ciascuno dei quali vengono estratte un tot di carte partita (in base al numero di giocatori) ed una carta evento speciale, che può comportare una variante al gioco od essere un torneo. Su ognuna viene messo un token pallone. Tutti pescano una mano di 6 carte e ogni giocatore a turno piazza un giocatore in una delle partite, mettendolo a destra o a sinistra di essa. Ad ogni partita possono ovviamente partecipare solo 2 squadre, una per lato (ad eccezione del torneo a cui tutti possono aderire).

Ogni giocatore piazzato ha delle icone che attivano un effetto immediato, ed eventualmente delle abilità speciali (schivare, proteggere, robusto, giocatore scorretto, ecc.) che gli conferiscono benefici di vario genere. Le icone ad effetto immediato sono:
Placcaggio: si sceglie un avversario nella stessa partita, si confronta la carta e si tirnao 2 dadi (il giocatore con il personaggio più forte sceglie poi il dado da considerare.. se di pari forza si tira solo un dado e cosa viene, viene). I risultati possono essere niente, avversario a terra o attaccante a terra (una sola faccia per dado). Se l'avversario è atterrato la sua carta viene girata di 90° (e si usa poi il valore di forza ridotto indicato su quel lato).
Pallone: il pallone si sposta di un movimento verso la propria squadra (se era dall'avversario va a centro campo, se era in centro va in mano al giocatore)... a fine turno lo schieramento con la palla avrà +2 alla forza della squadra per determinare il vincitore di quella partita.
Fallo: si pesca un token fallo e lo si mette sul giocatore.. verrà poi girato a fine partita e potrà valere +1, +2 o +3 alla forza, un punto fan o essere un fischietto (il giocatore viene espulso).
Freccia: si pesca un personaggio dal proprio mazzo e poi se ne scarta uno... questo è l'unico modo di modificare la propria mano (e quindi la rosa di giocatori disponibili) durante il turno.

Prima che i nani giocassero il runner la partita era in pareggio (3 a 3, e palla in centro), ma giocando il Runner con l'icona palla questa si è spostata di uno andando in mano al nano: ora i nani conducono 7 a 3. Se Gli orchi giocassero un altro black ork potrebbero provare a placcare il nano con la palla (essendo più forti scelgono loro il dado). Il nano atterrato viene girato di 90° (e quindi verrebbe solo 1 di forza) e perderebbe anche la palla.
Una volta che tutti i giocatori hanno piazzato le 6 carte si calcola il vincitore di ogni partita (chi ha il maggior valore di forza totale sommando i giocatori nella partita, più eventuali bonus da palla o falli) che riceve il premio centrale, mentre ogni partecipante riceve i benefici dal suo lato della carta. 
Questi premi possono essere nuovi fan, nuovi giocatori, miglioramenti generici o miglioramenti della squadra (se sulle carte è indicato più di un simbolo dello stesso tipo significa che si pescano tante carte quanti i simboli, ma se ne tiene sempre solo una). 
I vari upgrade danno azioni o abilità speciali (ad esempio il coreografo di meta fa quadagnare 2 fan extra se si vince una partita con la palla dal proprio lato, il medico di gara raddrizza un giocatore steso, ecc.), mentre i nuovi giocatori si aggiungono al proprio mazzo.

Finiti i turni prefissati il giocatore con maggiori fan vincerà la partita, naturalmente dopo aver calcolato eventuali bonus dovuti ad effetti delle carte.


CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco è divertente, con una componente strategica notevole.. infatti ogni volta che tocca a te le possibilità sono numerose e la scelta non è legata solo a dove schierare il proprio giocatore, ma anche in che ordine farli entrare, senza contare il cercare di capire cosa farà l'altro.

In quanto a scalabilità devo dire che non ho notato particolari differenze tra il gioco a 2 e la partita in 3 o 4 giocatori, anche se naturalmente nel secondo caso capita di dover tenere d'occchio più persone contemporaneamente. Si tratta quindi di un ottimo gioco anche per giocarci in due.

La longevità è eccezzionale, visto che nel corso della partita si pescano forse un decimo delle carte dai vari mazzi principali (star players e upgrade generici), quindi ad ogni partita si vedranno sempre carte e giocatori diversi. Senza contare le potenziali combinazioni in base alle carte scelte (e qui c'è una piccolissima componente di deck building) e al fatto che ciascuna delle 6 squadre ha caratteristiche tutte sue tali da rendere il gioco differente a seconda della squadra usata.

Tenete presente che non si tratta di un filler e la durata media è di circa 30 minuti a giocatore (stranamente la scatola questa volta è onesta nei tempi dichiarati)... fortunatamente il ritmo è abbastanza sostenuto e soprattutto dopo i primi turni, avendo a disposizione varie abilità aggiuntive da interruzione date dagli upgrade, non è possibile disinteressarsi al gioco altrui se non si vuole perdere clamorosamente.

Il gioco è disponibile sia in inglese che in italiano... le scritte sono però molte, quindi se optate per la versione in inglese siate sicuri di giocarci con persone con un buon livello di conoscenza della lingua.

Per i giocatori più accaniti con problemi di spazio segnalo che la scatola è di formato piccolo (come quella di Elder Sign) e quindi porterà via poco spazio nella vostra collezione.

Il gioco è disponibile sia in versione inglese che in versione italiana ad un prezzo di circa 35 euro. Come al solito entrambe le versioni sono disponibili sul sito Egyp.it.

-- Le immagini sono tratte dal sito della casa editrice (Fantasy Flight Games) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta. --

7 commenti:

  1. Anche se il gioco è deviato dal progetto originale (doveva essere un deck building) secondo me hanno fatto un buon lavoro per rendere giustizia al bloodbowl in un gioco senza miniature (direttiva GAMES WORKSHOP). I diversi mazzi delle razze catturano in pieno lo spirito della squadra (Orchi votati al pestaggio, Chaos con poteri speciali e sempre pronti al fallo, Skaven fallosi e veloci a ciclare il mazzo, elfi abili nei passaggi, nani lenti ma forti in difesa, umani con abilità nella media un po' in tutto).
    Le illustrazioni poi sono le stesse del recente videogioco targato Cyanide.

    RispondiElimina
  2. ma è veramente un filler come da rece o la complessità è un pochino più elevata?

    RispondiElimina
  3. Come ho scritto nei commenti finali NON si tratta assolutamente di un filler, nè per tempistiche (mezz'ora a partecipante) nè per le meccaniche. Secondo me è un gioco con molte scelte strategiche durante la giocata delle carte (per combinazione dei vari effetti, poteri extra, ordine di giocata, analisi delle strategie avversarie, ecc.) ed anche alcune importanti decisioni tra una fase e l'altra per via della seppur limitata componente di deck building (spesso si pescano più giocatori/upgrade e si valuta quali tenere, e in alcuni casi quale dei propri vecchi giocatori sostituire col nuovo).

    Inoltre, e questo forse non l'ho scritto, è un gioco ad informazione totale: si conosce la rosa avversaria iniziale ed ogni volta che si assume un nuovo giocatore deve essere mostrato a tutti, e descritti i suoi poteri e abilità varie. Allo stesso modi gli upgrade acquisiti vanno dichiarati e tenuti scoperti.

    Non è Puerto Rico e le regole sono anche abbastanza semplici, ma le implicazioni strategiche sono tante e gestire bene la squadra e i poteri è difficile e richiede cervello e pianificazione (e come ho detto più volte l'accoppiata "regole semplici + strategie complesse" è la mia preferita).

    RispondiElimina
  4. scrivo qui il mio dilemma: sono intenzionato a prendere un gioco di carte tra rune age e blood bowl. Ultimamente sono propenso per quest'ultimo sia per l'originalità che per sistema diverso da Dominion.
    Chi ha giocato ad entrambi saprebbe consigliarmi?Lo so sono due giochi differenti, ma ,premettendo che ho già Dominion, quale reputate migliore???

    RispondiElimina
  5. Io possiedo entrambi e li ho giocati diverse volte tutti e due. Personalmente Rune Age ,i è picoiuto, ma se hai già Dominion mi sento di consigliarti serenamente Blood Bowl. Per RA quanto abbia dei twist interessanti (scenari e mazzetti personali delle razze) la meccanica è quella di un deck building puro.

    Come tu stessa hai notato BB ti da invece un'esperienza di gioco decisamente diversa, sia per meccaniche che per tematica.

    RispondiElimina
  6. Ti ringrazio, hai rafforzato la mia idea. Per rune age ci farò un pensierino quando usciranno le espansioni.

    p.s. sono un uomo:)

    RispondiElimina
  7. Preso, bello bello! non aggiungo altro a ciò che èstato scritto, solo che col passare delle settimane il crescendo della squadra è palpabilissimo! Molto divertente e per nulla semplicistico

    RispondiElimina