venerdì 24 febbraio 2012

Gunship: First Strike! - Anteprima

Scritta da Chrys.

Per gli amanti della fantascienza è sicuramente un buon periodo, con molti titoli interessanti di diverso genere usciti nell'arco del 2011. A questi si aggiunge, almeno in potenzialità, Gunship: First Strike! (2-4 giocatori, di Steve A. Wood) edito dalla Escape Pod
Se non ne avete sentito parlare prima è perchè si tratta dell'ennesimo progetto in crowdfounding nato su Kickstarter, piattaforma che ci ha ultimamente portato alcuni dei titoli più interessanti (Alien Frontier, Belfort, Eminent Domain... solo per citarne alcuni).

Segnalo anche che nonostante l'origine oltreoceano del gioco i disegni e la grafica sono dell'italianissimo Luca Oleastri... se volete potete anche vedere altre suoi lavori nel suo portfolio su Boargame Geek cliccando qui.


Il gioco vuol essere un combattimento di astronavi basato su meccaniche di carte, dadi e plance secondo una meccanica ancora non ben definita. Quello che mi ha subito interessato è la parte "pre-partita" di assemblaggio delle astronavi.
Nel gioco vi saranno tre tipologie di astronavi in ogni flotta (la gunship sarà l'incrciatore da guerra ed è quello che configuriamo... invece i caccia e la nave trasporto saranno fisse) e come potete notare dalle foto quaste sono create selezionando determinate carte (ali, armatura, cannoni, bombe, ecc.) che vengono montate a formare la nostra astronave.

Vi è quindi un interessante fase di deck(ship)building in cui si può settare la nostra flotta in base alle nostre esigenze tattiche e stile di gioco (chiaramente nel limite di un certo budget).


Ogni giocatore avrà quindi una gunship, vari caccia ed nave trasporto che dovrà difenedere. Gli sviluppatori hanno già spiegato che se il gioco viene recepito dal mercato faranno delle espansioni sotto forma di mazzi che aggiungeranno nuovi pezzi e nuove modalità di gioco (sfonda le linee nemiche, cattura, sbarca sul pianeta, ecc.).

Faccio notare che NON è un gioco di miniature, ma uno strategico di combattimento in cui la battaglia avviene con carte dadi ed abilità ma senza la parte di spostamento e piazzamento delle miniature su una mappa, ma solo una distribuzione simbolica in zone/fasce delle astronavi (il tuo trasporto, intermedia, trasporto avversario)... potete capire meglio dal video (minuto 4:59). Nella foto vedete delle carte ma nel gioco completo vi sananno dei token (vedi al fondo).

La fase di attacco avviene tramite la pesca di carte azione (attacchi, manovre difensive, riparazioni, ecc.) e i danni vengono segnati piazzando delle carte danno sulla nave avversaria, tenendo conto di scudi e armatura, o dei segnalini distrutto sulla plancia dei caccia.

Esempio di gunship pronta a combattere...
Altra cosa interessante è che è già previsto un sistema di campagna in cui viene tenuta traccia delle varie partite e del controllo dei vari settori dello spazio, con una meccanica tale da rendere rilevanti sconfitte, danni e navi distrutte nell'ottica di una campagna militare più ampia.


Dimenticavo!! L'uscita del gioco è già assicurata ed è già in fase avanzata di produzione anche se mancano ancora 37 giorni. Infatti ha avuto un fortissimo apprezzamento dalla comuniti tanto che ha già raccolto 42.000$ di finanziamento in meno di un mese a fronte degli 8.500$ necessari per andare in stampa.

In più avendo superato di molto il budget minimo sono stati aggiunti numerosi miglioramenti tra cui la sostituzione delle carte che rappresentavano i caccia e la gunship con token, plance e carte per 4 flotte (inizialmente ne erano previste solo due) e se raggiungeranno i 45.000$ nei prossimi 37gg (cosa praticamente certa) nella scatola vi saranno anche dei dadi speciali incisi.

Per avere aggiornamenti sul gioco o per contribuire preordinando una copia per 40$ più spedizione, oppure una edizione speciale per 55$ (comprende due espansioni: equipaggio ed asteroidi) potete visitare la pagina kickstarter del progetto.

-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco, o dal sito della casa produttrice (Escape Pod) alla quale  appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

8 commenti:

  1. Davvero molto interessante. La fase di costruzione della Gunship mi intriga tantissimo.

    pjojo

    RispondiElimina
  2. Carino!
    Eclipseha (ri)aperto un mondo! La fantascienza!
    Ps a tal propositoito...consiglerei la recensione o
    Una preview di quel gioco che non mi ricordo come
    Si chiama....anzi si the ares peoject!
    Saluti stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh.. oserei dire che il nuovo boom della fantascienza nel boardgame, anche se recente, è arrivato già prima di Eclipse (capolavoro di gioco ma che seguiva già la nuova primavera del genere)... basta pensare a Eminent Domain, Alien Frontiers, Battlestar Galactica, Ascending Empires, e molti altri.

      PS: terrò di sicuro in considerazione la tua proposta per l'anteprima. ^__^

      Elimina
  3. Bell'articolo e ben spiegato! :)
    Sono Luca Oleastri, illustratore ed italiano, nonché colui che ha realizzato tutte le illustrazioni per Gunship: First Strike! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca! Mi fa piacere saperti lettore del nostro blog ^__^
      Complimenti per il lavoro fatto e scusaci per l'omissione... parliamo dempre dei game-designer e spesso dimentichiamo il lavoro dei grafici. Provvedo subito ad aggiornare anche l'articolo. ;)

      Naturalmente se hai qualche particolare, indiscrezione o aneddoto da condividere siamo tutto'recchie... :P

      Elimina
    2. Ciau Chris, non per fare polemica ma conoscendo la storia di eclipse, ti posso assicurare che nonostante sia uscito dopo poco quei giochi che comunque hanno fatto da (ri)apripista alla fantascienza, Eclipse e' molto + vecchio. Mi spiego meglio, come ti avevo accennato sulla recensione di eclipse, ho seguito con molto interesse la creazione del gioco attraverso il suo forum e la tempistica che c'e' voluta per darlo al grande pubblico. Il gioco e' stato pensato tra il 2009 e il 2010.
      Poi ce' stata una fase di betatesting sempre tra gli autori e pochi intimi di un anno. Infine con 3 scatole demo sono andati a giro per un po' tutte le fiere a mostrare i loro gioco. Essendo il gioco Svedes c'e' voluto + tempo per farsi conoscere. Poi la produzione e tutto il resto e tante' che il gioco e' uscito sulla scia del successo dei giochi di fantascienza.
      Ma il gioco era gia belle che pronto quando ancora dovevano uscire i giochi da tu elencati. Semplicemente i produttori di quei giochi son stati + veloci =D. .
      Tra l'altro li sto seguendo un po' tutti quelli che hai elencato e aspettavo un recensione di the ares progect, appunto, per poi sperare di provarlo da qualche parte...(play modena???) insieme agli altri...che a pisa con ovviamente non c'erano...sig

      Come sempre, scritto lunghissimo...non mi so controllare...sorry
      Saluti Stefano

      Elimina
    3. Ma figurati ^__^ ..qualunque informazione aggiuntiva è sempre gradita.
      Quello che intendevo io, indipendentemente da quanto prima fosse in cantiere, è che comunque non è che Eclipse abbia riaperto il genere.

      Tolto che 2 anni di gestazione tra idea, playtaesting e trovare chi lo pubblica è assolutamente nella norma e si arriva facilmente oltre se non sei un nome noto; potrei dirti che AF che è uscito nel 2010 risale anche lui almeno a 1-2 anni prima nella sua ideazione, ma non cambia perchè il concetto è che gli autori di Eminent Domain o di Alien Frontier non si sono certo ispirati ad Eclipse (che all'epoca girava in cerca di un editore o a playtestare) e nemmeno Eclipse a loro (in fondo sono completamente diversi anche per meccaniche).

      C'è stato semplicemente un revival del genere fantascientifico e tra l'altro è una cosa persino slegata dal nostro settore e generalizzata (è avvenuta anche col cinema con una nuova ondata di film di fantascienza/alieni tutti nel 2011... ricordo anche un articolo del settore che ne parlava). E' inevitabile che questo influenzi anche il nostro settore ludico, solleticando la fantasia dei designer da un lato e la propensione a pubblicare delle case dall'altro.

      Elimina
  4. La Fantascienza possiamo dire che sia stata rilanciata da Race for the galaxy...o comunque nel periodo 2007-2009..la prima ondata di titoli importanti è arrivata ben prima del 2010, con i vari Galaxy Trucker, Space Dealer, Galactic Emperor, Terra Prime, Planet Steam, Mecanisburgo, Supernova, Space Alert, le riedizioni di Cosmic Encounter e Space Hulk, Android, Starcraft, Ad Astra e Battlestar Galactica. Eclipse direi che ha seguito l'onda..

    RispondiElimina