mercoledì 25 aprile 2012

Kingdom Builder: Nomads

Scritto da Chrys

Dopo Essen abbiamo parlato diffusamente di Kingdom Builder (2-4 giocatori), il gioco essenita di punta marchiato Queen Games che io e Fabio abbiamo avuto modo di provare: il gioco base non ci aveva esaltato particolarmente ma aveva invece riscosso parecchi consensi nella comunità gamer (al punto che per dare una opinione più completa ed equilibrata Fabio ha scritto l'articolo a quattro mani con Poldeold che rientrava invece nella cerchia di chi lo aveva apprezzato).

Oggi torniamo a parlarne in occasione dell'espansione appena uscita in germania è cioè Kingdom Builder: Nomads.


Questa espansione permette di giocare con un giocatore in più (aggiungendo semplicemente un set di casette per il quinto giocatore) e fornirà anche delle nuove tessere da sostituire a quelle del set base per variare la plancia e l'esperienza di gioco.

Le nuove tessere plancia avranno sopra al posto dei castelli (che davano punti bonus) una nuova struttura speciale che è il campo nomade. Come nelle regole standard costruire (piazzare un a casetta) adiacente ad una struttura permette di prenderne il relativo token. In questo caso però il token del campo nomade fornirà abilità di tipo diverso (quindi lo si pescherà a caso coperto): potrà permettere di costruire tre casette extra su uno specifico terreno, muovere una casetta (in lineqa retta finchè non incontra un ostacolo), eliminare una casetta avversaria, costruire ignorando le regole di adiacenza o potrà essere scartabile in cambio di punti. Gli effetti sono quindi abbastanza importanti ma potranno essere usati una sola volte e forzatamente il turno seguente (in caso contrario andranno scartati).



Nella scatola sono anche incluse tre nuove carte obbiettivo sempre per aumentare la rigiocabilità, oltre a delle carte sostitutive per alcuni obbiettivi precedenti (non si tratta di errata ma di adattamenti al fatto che se si gioca con le nuove tessere vanno a sparire i castelli).

Sicuramente l'espansione sarà apprezzata dagli amanti del gioco base ed è indubbio che aumenti la rigiocabilità anche se mi da l'impressione che i campi nomadi aumentino ulteriormente anche il fattore alea, che a mio parere in questo gioco è già fin troppo alta (considerando anche che non siamo davanti ad un gioco alla RuneBound ma davanti ad un astrattone mascherato da fantasy). A questo si aggiunge il prezzo non certo contenuto per una espansione, visto che viaggiamo sui 30 eurozzi (!!).
Va detto che in questo periodo di crisi anche la Queen Games ha chiaramente qualche problema di liquidità, come si nota dalle tirature ridotte e dalla distribuzione a singhiozzo, quindi sta probabilmente mungendo un po' dove può...

Chi non può farne a meno può comunque trovarla in quasi tutti i negozi specializzati di questa terra (dato che la Queen Games resta una casa abbastanza grossa e Kingdom Builder un marchio parecchio diffuso) sia online che offline; come al solito la trovate anche da Egyp.it al prezzo di 29,90.

-- Le immagini sono tratte dal sito della casa o dal manuale del gioco e tutti i diritti appartengono alla casa editrice (Queen Games). Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

2 commenti:

  1. Il gioco non mi è piaciuto, ma sembra uno dei possibili candidati allo Spiel des Jahres 2012.
    SSQT (Sono Strani Questi Tedeschi)

    RispondiElimina
  2. Il gioco, come è stato scritto, mi è piaciuto.
    Ho avuto modo di rigiocarlo (purtroppo non spesso) e provo cmq un certo entusiasmo quando viene riproposto (per me questo è un buon segno).
    Condivido con Nero79 la possibilità concreta di vincere lo Spiel des Jahres viste le sue caratteristiche (che elencai in uno dei post dedicati al gioco).
    L'espansione, pur non avendola provata, segue la falsa riga del gioco, quindi può essere interessante. Il prezzo però non aiuta molto a meno di non essere iper appassionati a KB.
    L'introduzione del 5° giocatore (classico meccanismo di marketing per spingere all'acquisto di un'espansione... ma non potevano introdurlo già nel gioco base subito? Mah...) mi sembra sia l'elemento più utile in un gioco dove l'interazione dovrebbe essere potenziata per renderlo più avvincente e strategico.

    Grazie a Chrys per l'interessante recensione. Mi piace sempre questo sito perché non esclude nessun tipo di gioco a priori. Un plauso quindi a tutti voi.

    Ciau Pol

    RispondiElimina