martedì 15 maggio 2012

Alta Tensione / Power Grid - The Robots

Scritto da Chrys

Ad oggi Alta Tensione (aka Funkenshlak o Power Grid) è forse il capolavoro indiscusso di Friedman Friese, che diciamocelo... sforna febbrilmente giochi nuovi ma comunque munge la sua "mucca elettrica" almeno una volta l'anno con l'immancabile espansione.

Il gioco è sicuramente molto conosciuto quindi non mi dilungo in spiegazioni (e se non lo conoscete potete leggervi la nostra recensione con video tutorial di qualche mese fa). Alta tensione è effettivamente un ottimo gioco, ma sebbene ufficialmente giocabile in 2-6 giocatori perde decisamente molto se affrontato in 2 ed anche in 3 non brilla.

Per ovviare a questo (perchè Friese ci vuole bene e deve comunque pagarsi l'affitto) è uscito The Robots, una aespansione per Alta Tensione che si cimenta nel curioso compito di aggiungere al tavolo dei giocatori virtuali caratterizzati da una propria personalità e comportamenti distintivi. Questo permetterebbe quindi, sulla carta, di giocare in quanti si vuole indipendentemente dal numero di giocatori umani. Sarà Vero?


NELLA SCATOLA...
...che ovviamente scatola non è trattandosi semplicemente il regolamento e 2 fogli di cartone A4 conteneneti abbastanza pezzi per costruire 6 robots. Ho parlato di pezzi perchè ogni robot è montato come un puzzle, come si vede anche dalle immagini.

COME FUNZIONA
Ogni robot è formato da 5 pezzi: i tre centrali determinano il suo comportamento nelle 3 fasi del turno (asta per le centrali, acquisto risorse, espansione nelle città) mentre il primo e l'ultimo determinano il criterio del primo piazzamento e l'abilità speciale del robot (uno parte con più elettrodollari, un'altro paga le centrali con uno sconto rispetta alla puntata finale, un'altro è sempre ultimo nell'ordine indipendentemente dalle cttà, ecc.).

Chiaramente ad inizio gioco si sceglie con quanti robots giocare e questi vengono assemblati (il termine ci azzecca proprio) con dei pezzi a caso. Questo garantisce oltre 7700 possibili combinazoni di abilità... un numero decisamente sufficiente a garantire quasi matematicamente che non si affronterà mai due volte lo stesso avversario.

Le abilità in certi casi sono impostate in modo da funzionare in totale autonomia (ad esempio "punta a comprare la centrale che rifornisce più città; massima offerta costo base + 10 electrodollari") mentre altre richiedono che uno dei giocatori umani, stabilito col criterio indicato, effettui la scelta (ad esempio "costruisce città come decide il giocatore umano attualmente ultimo; non può saltare città se disponibili").

Se volete leggere le regole potete scaricarle in inglese dal sito della Rio Grande (in italiano non è ancora uscito).

MA FUNZIONA?
Chiaramente non è la stessa cosa che giocare in più giocatori umani, ma il risultato è senza dubbio migliore di qualsiasi partita a 2 ed è comunque un esperienza interessante. I robots non sono eccessivamente temibili (anche se in una partita uno ha surclassato un umano, quindi sono comunque da non sottovalutare e relativamente competitivi). 

Va detto che si comportano comunque in modo coerente e commettono errori (avendo comportamenti "scriptati"), ma soprattutto sono spesso prevedibili il che non è affatto un male, non solo perchè se agissero a casaccio sarebbe molto peggio perchè andrebbe persa la componente NON aleatoria del gioco, ma soprattutto perchè sono dei fattori aggiuntivi di cui tener conto strategicamente (so che se il robot agisce prima di me si espanderà in una certa direzione, o so che se non costruisco città sarò ulrimo e quindi sceglierò poi io se il robot comprerà le risorse minime necessarie o tutte quelle che può immagazzinare, ecc.).


A livello di tempistiche chiaramente allungano il gioco (la partita fatta in 2 umani + 2 robot è durata più di quella classica da due) ma dilatano i tempi molto meno di un giocatore umano, che ha molti più tempi morti in cui valuta cosa fare. Anche se ogni tanto uno dei giocatori sceglie il più delle volte le azioni sono automatizzate.

La dipendenza dalla lingua è molto limitata... per le edizioni straniere basta sapere l'inglese (o il tedesco) quanto basta per capire le scritte sul robot (dalle foto vi fate un idea della complessità). Sul manuale ogni scritta è inoltre spiegata in dettaglio qualora non fosse chiara la dicitura. Questa espansione è comunque disponibile anche in italiano quindi accessibile anche a chi ha problemi con le lingue.

Non ho certo analizzato tutte le possibili combinazioni (ehi... ho anche una vita! ^__^) ma mi sembrano relativamente bilanciate: ma soprattutto chi se ne importa se non lo sono... nella vita ad un tavolo i giocatori non sono mai allo stesso livello quindi se in una partita ci si trovasse con un robot più forte di un altro, sarà solo un avversario più temibile.

Quasi dimenticavo... l'espansione in italiano costa 9,90 euro (cavoli... si ripaga da sola in un paio d'usi considerando che ai giocatori virtuali non devi offrigli nè da bere nè da sgranocchiare durante la partita... ;P ) e come al solito potete trovara dal negoziante di zona, nei vari negozi online e naturalmente anche sul sito Egyp.it. ^__^

-- Le immagini sono tratteda BGG (Rob Thijssen, Henning Kröpke) e dal sito della casa editrice (2F). Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

3 commenti:

  1. I Robot sono una simpatica idea...

    Comunque in Italiano l'espansione è pubblicata da Stratelibri ed il regolamento (tradotto) è incluso...

    Ciao!!!

    RispondiElimina
  2. Io ho un'edizione in Italiano comprata da poco. Spero entro fine settimana di uploadare il manuale in italiano su bgg.
    Comunque è veramente una espansione da comprare se si è amante di questo gioco se si è spesso a costretti a giocaer in due. Movimenta tantissimo il gioco e alle volte ti ostacola le decisioni.

    RispondiElimina
  3. Cavolo ragazzi!! Avete ragione!!
    A mia discolpa a volte le recensoni le scrivo con largo anticipo (magari all'epoca non c'era) o molto più probabilmente sono rinco***onito (gli anni passano). Ora correggo la recensione ^__^

    RispondiElimina