domenica 20 maggio 2012

Small World Realms

Scritto da Chrys

Questa espansione per Small World (2-5 giocatori) consiste in un box contenente una gran quantità di tasselli geomorfici incastrabili dalla forma simile ad un ingranaggio che permettono di creare mappe sempre diverse per le vostre sfide a Small World. 

Nella scatola di Small World: Realms sono presenti 26 tessere terreno ciascuna contenente 2-3 territori differenti; le tessere presentano da un lato territori dell'edizione base e dal'altro i territori di Smallworld Underground, e sono pertanto compatibili con entrambi i set. 

Nella scatola sono anche presenti 22 altre tessere varie tra montagne, picchi (nuove montagne più alte con livello/difesa due) e burroni abissali, ciascuno delle dimensioni di 1/3 di tessera, che permettono ulteriori personalizzazioni della plancia.

In più nella scatola sono presenti un tracciato segnaturni (che nel gioco base era sul tabellone), e numerosi altri token e pezzi di plancia aggiuntivi: sponde dei fiumi, miniere, tunnel di collegamento e 8 token speciali (trono arrugginito, ecc.) che servono nei vari scenari. 

GLI SCENARI
Inutile dire che le possibili combinazioni sono infinite, ma il gioco non si limita a fornire un sistema di generazione casuale (o volutamente ricercata) di scenari originali: contiene infatti anche un manuale con 12 differenti scenari.

Questi non sono semplicemente delle mappe pregenerate ma rappresentano delle vere e proprie varianti di gioco, con regole e/o obbiettivi speciali. 

Ad esempio lo scenario "Go East" presenta un tabellone più o meno rettangolare con un largo fiume che scorre da nord a sud. I territori ad est sono più ricchi (chi li controlla ottiene una moneta extra) e tutte le razze, sia adi inizio partita che durante, devono entrare dal bordo ovest. Si intravede una chiara citazione dell'espansione americana del selvaggio west.

Questo genera uno scenario estremamente competitivo ed affollato nel lato orientale con i vari popoli che tentano di calpestarsi per arrivare ad occidente.

Invece lo scenario "Dig Too Far" è una vaga citazione (lo dichiara l'autore, Philippe Keyaerts) del Signore degli Anelli (in particolare fa l'occhiolino alle miniere di Moria). e presenta uno scenario sotterraneo (è per il gioco Smallworld: Underground) con tre gallerie che si dipartono verso sud-est. Queste sarebbero delle vene ricche d'oro il cui scavo ha però risvegliato delle creature del sottosuolo.

Queste gallerie, che forniscono reliquie e molte monete, di valore crescente ma mano che si esplora in profondità (tabellina in basso a destra) e sono popolate da creature neutrali che perà non sono i popoli  generici in declino ma sono bensì più forti man amno che si procede. 

Una volta che determinati mostri vengono "svegliati" non si limiteranno a difendere passivamente ma attaccheranno anche (nell'articoletto la Days of Wonders non entra nel dettaglio del come questo avviene).

DATA DI USCITA
Il gioco uscirà in inglese a luglio 2012, mentre non è ancora stata data alcuna notizia su una eventuale edizione in italiano (ma in questo caso la trovo quasi superflua, non essendoci nulla in lingua, manuale degli scenari a parte).

-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco o dal sito della casa produttrice (Days of Wonder) alla quale  appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco.--


3 commenti:

  1. Espansione che pare abbastanza utile (anche se qualcosa di simile era stata già creata dai giocatori stessi). PEccato per il prezzo...

    RispondiElimina
  2. Il potenziale è lo stesso dell'espansione Marinai per Coloni di Catan: scenari e possibilità di generare un'infinità di mappe rendendo la longevità del gioco oscenamente elevata.

    Acquisto sicuro, tanto che probabilmente finirò con l'ordinarla con Underworld che rimando da troppo tempo.

    RispondiElimina
  3. Arrivata ieri, tra scenari (con regole specifiche) e mappe random direi che è decisamente promettente.

    Sarebbe stato facile limitarsi a introdurre sempre e solo nuove razze, invece si stanno esplorando spesso e volentieri nuove direzioni (si pensi a Tales & Legends, Necromancer's Island e ad artefatti e luoghi di potere di Underworld), direi che mi fa decisamente piacere, visto che si tratta di uno di quei pochi giochi a cui non rifiuto mai uno partita. :)

    RispondiElimina