sabato 21 luglio 2012

Clash of Cultures : le prime immagini

scritto da Fabio (Pinco11)

Pochi giorni fa scrivevo qualche prima riga menzionando tra le uscite in arrivo per ottobre Clash of Cultures, ennesimo (dirà qualcuno di voi) gioco di civilizzazione, nel quale i partecipanti assumono la direzione / gestione di un gruppo di seguaci, conducendoli per mano attraverso i secoli ed il progresso tecnologico (comodo sapere in anticipo a cosa condurrà ogni scoperta, eh ?!).
Di titoli di questo tipo in giro ce ne sono diversi, per cui nel leggere delle notizie che gli editori (in particolare la Z-Man) lasciano trapelare, a volte la sensazione è quella di deja vu (grandi meraviglie - ce l'ho - albero tecnologico - ce l'ho - combattimenti - ce l'ho - mappa modulare - ce l'ho), ma nonostante questo la scimmia sale .. Non so perchè (sarà perchè l'autore è Christian 'Merchant and Marauders' Rasmussen?) ma la sensazione di poter essere davanti ad un gioco di civilizzazione, di quelli che fanno girare un casino di componenti e di scelte e che restano equilibrati, è sempre attraente, almeno per me: che poi abbia la possibilità di trovare degli avversari con i quali giocare poi è un altro discorso  ... ;)


Vabbè, se devo rimanere sul breve passo subito a vedere il tabellone del giocatore (o meglio la 'scheda personale'), per scoprire come sia ricostruito su di essa un bell'alberello delle scoperte scientifiche, ciascuna con accanto la sua bella spiegazione degli effetti che la stessa produrrà sulla vostra simpatica civiltà.
Ho diviso in due l'immagine perchè era troppo grossa (!) e potete notare come ci sia una bella sfilza di categorie tra le quali scegliere, ossia una dozzina, tre delle quali poste in diretta dipendenza con le proprie antecedenti logiche. 


Ho anche idea che i colori a fianco delle singole scoperte abbiano a loro volta un peso nella possibilità di scelta ...

Ci saranno poi le grandi meraviglie (sembra sette ...) le quali, costruibili sulla base di determinati prerequisiti tecnologici, garantiranno stabili positivi effetti a favore di chi le erigerà.



Qui ancora le carte azione, le quali recheranno due diversi effetti su di esse, uno strettamente di combattimento ed uno più 'pacifico'. Accumulabili, segrete e giocabili in momenti chiave del gioco.


Infine, last but not least, ecco un modo per rendere un pò diverse le partite l'una dall'altra ossia le carte obiettivo, le quali riconoscono punti vittoria mano a mano che sono completate. 

Prime sensazioni: come si può immaginare sarà il classico giocone che vale la pena di essere imparato e giocato SOLO ed esclusivamente se avete intenzione di dedicargli un bel tot di partite, altrimenti lasciatelo pure dove sta, perchè la fatica che ci metterete nelle prime 3-4 partite per memorizzare tutto la avrete fatta per niente. Secondo me le premesse perchè sia il 'giocone' per hard core gamers di quest'anno ci possono essere: la dipendenza dalla lingua è però feroce, per cui resta da vedere se qualcuno si muoverà in tempo per una traduzione, magari prima che tutti gli anglofoni si accontentino di prendere la versione originale .. ;)

-- Le immagini sono tratte  dal sito della casa produttrice (Z-Man) alle quali appartengono tutti i diritti sul gioco di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

9 commenti:

  1. stavo per prendere Through the Ages in italiano, mi toccherà aspettare...

    la vostra recensione ovvio :D

    RispondiElimina
  2. mi ispira! nn conosco il gioco. l'autore ed il suo M&M si!
    aspetterò altre anteprime e "prove su strada".

    saluti!
    Lollo23

    RispondiElimina
  3. Pare veramente un bel gioco.
    Mi sono informato sul forum su alcune dinamiche di gioco tipo l.ordine di gioco e la sequenza dei turni.
    Proprio rispetto a through the age che ha il difetto dell attesa tra un giocatore e l.altro questo dovrebbe avere anche un ordine di gioco variabile e misero stress di attesa tra un giocatore e l.altro in quanto nn si fanno tutte le azioni insieme.
    Insomma,pare veramente il nuovo eclipse !
    Saluti Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che dicendolo non fai altro che guadagnarti un'altra potenziale recensione da fare .. ;)

      Elimina
  4. Seeeee e pooiiii!!!!
    Comunque pare veramente un giocone.
    L'unico scoglio di sto gioco e' la grossa presenza di testo in ingrese. Tra carte e robe varie c'e' diversa robba da imparare.
    Ora sento la asterion che intenzioni ha.
    Sia mai che producano anche questo e magari in contemporanea con la versione originale. =D
    Ottimista eh??

    Saluti
    Stefano

    RispondiElimina
  5. E' un periodo in cui gioco molto poco, e guardo poco anche le novità. Questa invece mi interessa, ma devo anche dire che vedere certi elementi come le "wonder" e gli alberi delle tecnologie mi stanca un po'; mi fa sperare che il regolamento almeno abbia qualche colpo d'ala rispetto a certe dinamiche che ormai più o meno tutti conosciamo come le nostre tasche.
    I giochi "alla Civilization" non mi hanno stancato, però il genere ha bisogno di un nuovo soffio di vitalità.
    D'altra parte la grafica sembra piuttosto carina...

    RispondiElimina
  6. Tutto giusto quel che dici Bruno. Penso che di novita in questo tipo di giochi ce ne siano poche da poter sbalordire e sbaragliare la concorrenza. Al massimo ci potra' essere qualche ideuzza integrata bene nelle dinamiche e magari qualche altra meccanica che fara' invece storcere il naso.
    Quel che chiedo io a questi giochi alla fin fine e' una durata contenuta da poterli giocare in una serata "larga", che riescano bene o male ad amalgamare un po tutti gli elementi del 4X e che sia abbastanza rigiocabile e che ogni volta dia stimoli diversi nel rigiocarlo.
    Prendo per esempio Civilization, il metodo di vittoria e' bello, ma sbilanciato.
    Through the age, non e' proprio un gioco di civilizzazione ma da l'idea di esserlo ma per me ha il difetto delle lunghe attese tra un giocatore e un altro. in 4,l'ultimo puo' farsi un caffe, una partita a Fifa e scaricare una lavatrice e stendersela...almeno nel mio gruppo di gioco =D

    Questo pare molto interessante riguardo a come si fanno punti, in tanti modi, e che non c'e' una strada sicura vincente e le tecnologia sono tutte utili ma hanno una logica in base alle tue effettive necessita (tipo il territorio dove ti trovi o a come si evolvono i giocatori avversari, o che ne soooo)
    E oltre tutto cambia l'ordine di gioco durante i round in base alla sommma di punti cultura e citta felici. Chi ha di + decide l'ordine di gioco...carina come idea ma come vedi poco innovativa...

    Quello che spero e' che il tutto funga e sia rigiocabile all'infinito o oltre (ehm...verso l'infinito e oltreeee!!!! gridava qualcuno...)e che duri una volta apprese le regole e giocato un po' non oltre le 3 ore...senno gli amichetti di gioco me lo cassano...

    Intatto mi smazzolo i forum poi vedremo...finche ho tempo....=D

    Saluti
    Stefano

    RispondiElimina
  7. Confermo che la Asterion si e' accodata per la produzione di Clash of Culture in ITALIANO...
    il mio sesto senso vince sempreeee!!!!
    =D
    mhuahuahuhauuahhuahua
    Ma per l'espansione di eclipse non sanno ancora cosa fare...intendo per le regole....bohhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!

    Saluti Stefano

    RispondiElimina
  8. Christian Marcussen è diventato il mio attuale dio da quando ha sfornato quel M&M che vi dico sto letteralmente consumando, sapere che sta per sfornare un altro gioco mi fa subito rizzare la coda e contemporaneamente mi fa pensare che invece di perdere tempo, deve mettersi a lavorare su una espansione per M&M altrimenti esco pazzo XD (oppure non mi dispiacerebbe una edizione deluxe con componenti super-mega-cazzuti dal prezzo esorbitante)

    RispondiElimina