domenica 23 settembre 2012

Kickstarter: Viticulture

scritto da Fabio (Pinco11)

Il tema della coltivazione di vino sembra essere diventato piuttosto popolare nel mondo dei giochi da tavolo, visto che mi vengono in mente, così d'acchito diversi titoli recenti che si sono occupati delle dinamiche legate alla produzione di una delle prime bevande alternative all'acqua della storia. Nell'anno di Vinhos o giù di lì uscirono infatti anche Vintage e Toscana ed anche per questo anno ad Essen avevo sentito parlare di un Vignobles (della Ludically): ora ho avuto notizia del successo ottenuto su Kickstarter da Viticulture, produzione a stelle e strisce, frutto della fantasia creativa di Jamey Stegmaier e Alan Stone, prodotto che si era posto una barriera per passare alla produzione di ben 25.000 dollarozzi di finanziamento, che ha superato, assommando, a circa due settimane dalla fine della raccolta, già 35.000 verdoni offerti.
Quanto alle meccaniche si tratta di un classico gestionale, con piazzamento omini, adatto da 2 a 6 giocatori dai 10 anni in su, per partite da circa un'ora di durata



Alla partenza ogni partecipante, entrando nei panni di un imprenditore vinicolo, riceve un appezzamento di terreno, un vecchio torchio e tre lavoratori e l'idea, da lì, è quella di impegnarsi per ampliare al massimo la propria produzione.

L'idea di massima del gioco è quella che ogni turno sia diviso in quattro fasi, corrispondenti alle stagioni (a livello teorico). 
Prima di tutto si procede a determinare l'ordine di gioco (più avanti si è nell'ordine, maggiori bonus compensativi si ricevono), quindi segue la fase di scelta ed esecuzione azioni, nella quale si costruisce il proprio 'motore produttivo', ampliando la propria tenuta, acquistando carte vino, fruendo di altre carte bonus e così via. Altri elementi che incontriamo nel corso del turno sono rappresentati poi dalla coltivazione dell'uva per produrre i vini, dalla sua raccolta e messa nel torchio e quindi dalla produzione e successivo invecchiamento dei prodotti finali, così come dall'utilizzo di visitatori ed esperti, che forniscono aiuti per lo sviluppo dell'impresa.


L'autore, fiducioso del gradimento del gioco, ha anche offerto una garanzia soddisfatti o rimborsati per gli acquirenti (non so quanto vi converrà, comunque, rimandare eventualmente lo scatolo negli States ed ha già ideato una espansione, nella quale compaiono, con una aggiunta alla scheda base del giocatore, anche olive, mele e pomodori, ampliando la vostra gamma produttiva.

Quanto al prezzo per copia viaggiamo sui 35 dollarozzi, ai quali però sono da aggiungerne altri venti per la spedizione nel Belpaese. Se avete ulteriori curiosità, eccovi il link al manuale, in inglese, che è però per ora, mentre scrivo, ancora in versione 'bozza', per cui non immediatissimo da capire (mancano diverse illustrazioni). Chiudo segnalando che il gioco appare in larga parte indipendente dalla lingua, ma sono presenti alcune scritte in inglese su carte e schede.

Nota: i diritti sui titoli citati spettano alle rispettive case produttrici (Stegmaier Games). Le immagini sono state tratte dai siti delle case in questione o dal manuale di gioco : ai proprietari dei giochi e delle immagini spettano tutti i diritti su di esse: vi è piena disponibilità a rimuovere ogni notizia od immagine su semplice richiesta o ad aggiungere specificazioni o chiarimenti --

Nessun commento:

Posta un commento