martedì 18 settembre 2012

Anteprima - Pirates of the Spanish Main (shuffling the deck)

Anteprima - Pirates of the Spanish Main (shuffling the deck) di Nero79

La Wizkids/Neca casa editrice famosa soprattutto per Heroclix il gioco di miniature predipinte che utilizza varie licenze (Marvel, DC Comics, Lord of the Ring ecc...) e per il gioco di dice building Quarriors, pubblicò qualche mese fa un annuncio nel quale cercava un designer (non alle prime armi) per sviluppare un gioco di carte che sfruttasse un loro vecchio franchise caduto ormai nel dimenticatoio. A spuntarla fu Phil Walker-Harding, a dirla tutta non so bene perché dato che la sua lista di giochi su boardgamegeek mi lascia perplesso (non ne conosco nemmeno uno ma non mi sembrano granché, sentitevi liberi di smentirmi).

Il gioco su cui si è messo a lavorare con il patron della Wizkids, Bryan Kinsella è l'ennesimo gioco di carte del 2012, Pirates of the Spanish Main - Shuffling the deck.




Il franchise Pirates of the Spanish Main nacque nel 2004 come gioco di miniature navali collezionabili. La particolarità erano proprio queste navi in cartoncino da montare che si acquistavano come pacchetti di figurine, ma che permettevano (con un sistema brevettato) di avere in pochi minuti una flotta di modellini di navi tridimensionali da schierare per affondare le navi avversarie a colpi di cannonate, cercando di accaparrarsi i tesori sparsi sulle isole. Il gioco morì ufficialmente nel 2008, dopo una serie di espansioni pessime che introdussero vichinghi, sottomarini e altre nefandezze... ma sto divagando.

Tornando al gioco di oggi, questo gioco di carte a tema piratesco usa alcune illustrazioni dell'originale (che oggettivamente non sono male anche per gli standard odierni), ma a parte questo è un gioco totalmente diverso che abbandona le meccaniche del wargame in miniatura, in favore di regole di stampo family con meccaniche di bluff e controbluff.

Componenti
Nella scatola troviamo 90 carte suddivise in 24 carte movimento, 58 carte avventura, 9 carte nave, 9 carte pirata e 9 carte stiva.

Le carte movimento permettono di muovere navi avanti e indietro in una fila come indicato, di danneggiare navi o di scartare/evitare carte avventura.
Le carte avventura hanno segnalini fama sul retro e del testo (in inglese) che ne descrive l'effetto (danno fama a navi in posizioni specifiche nella fila)
Le 9 carte nave (3 sono inglesi, 3 olandesi e 3 spagnole) hanno un lato danneggiato e un lato non danneggiato, sulle 9 carte stiva (una per nave) andremo a posizionare la fama guadagnata da ciascuna nave.
Le 9 carte pirata vanno distribuite ai giocatori. Ogni pirata appartiene a una delle 3 nazioni disponibili e ha una delle 9 navi in gioco.
Tutto molto funzionale, se come me avete giocato al gioco di miniature i disegni vi ricorderanno le serate passate a incollare i fragilissimi alberi delle navi che si dovevano staccare dalla nave per indicare i danni... 

Il gioco
Le 9 carte nave vengono messe in una fila dal lato non danneggiato, sotto ogni nave ci sarà una carta Stiva. In alto va il mazzo di carte movimento con 3 scarte scoperte e uno spazio per gli scarti, mentre a destra il mazzo delle carte avventura (con un numero di carte scoperte pari al numero di giocatori nella versione avanzata) con uno spazio per gli scarti. Ogni giocatore (da 2 a 4), riceve un determinato numero di carte pirata (2 in tre o quattro giocatori, 3 in due giocatori) che terrà nascoste agli altri. Lo scopo del gioco è cercare di far guadagnare più fama alle navi dei propri pirati senza essere troppo ovvi nelle mosse, in quanto ogni giocatore può accusare un altro di avere in mano un determinato pirata e (se le accuse sono corrette) guadagnare così metà della fama accumulata dalla nave di quel pirata.
I giocatori nel turno devono svolgere una delle seguenti azioni:
a) giocare una carta movimento che permette di spostare una o più navi nella fila (anche se danneggiate)
b) riparare una nave eventualmente danneggiata (girandola sul lato non danneggiato)
c) accusare un giocatore di avere in mano un determinato pirata
d) passare

Per giocare una carta movimento, si sceglie una delle 3 carte movimento scoperte e se ne risolve l'azione muovendo le navi (e le loro stive) lungo la fila come indicato, dal mazzo movimento una carta sostituirà quella appena giocata riportando le carte a tre.

È possibile con carte movimento speciali danneggiare le navi (voltando la carta nave sul lato danneggiato), poiché le navi danneggiate possono muoversi lungo la fila ma non guadagnano fama, una delle possibili azioni del turno è quella di riparare una nave a scelta. Essendo un gioco di bluff, continuare a riparare la nave del proprio pirata potrebbe farvi scoprire.

Se le azioni di un giocatore si fanno troppo scontate, è possibile accusarlo di essere un determinato pirata. Se l'accusa è corretta, il giocatore che ha indovinato guadagna metà della fama accumulata da quella nave
(approssimando per eccesso), se l'accusa è infondata, non sarà più possibile accusare qualcuno di essere quel pirata per il resto della partita e quindi la fama per quella nave sarà al sicuro (questo rende il timing per l'accusa determinante). È anche possibile accusare subdolamente qualcun'altro di essere un pirata che abbiamo noi...

Eventualmente un giocatore potrà anche passare senza eseguire azioni e se vuole, potrà scartare una carta movimento tra quelle scoperte e sostituirla con una dal mazzo di carte movimento.

Dopo questa azione obbligatoria si rivelerà la carta avventura e se ne risolveranno gli effetti, dando la fama alla nave indicata (se più navi ottengono fama si usa il dorso di carte avventura prese dal mazzo o dagli scarti). Nella versione avanzata delle regole si mettono un numero di carte avventura pari al numero di giocatori in fila. Giocandole una a turno in ordine ma conoscendo quelle in arrivo è possibile fare un minimo di pianificazione. Le due regole avanzate (neanche poi troppo) direi che sono obbligatorie per dare al gioco un minimo di profondità strategica.

Il gioco finisce quando si esaurisce il mazzo di carte avventura. A questo punto ogni giocatore rivela i propri pirati e aggiunge alla fama accumulata, quella nella stiva delle proprie navi. Vince chi ha più fama, in caso di parità chi ha meno navi danneggiate e in caso di ulteriore parità chi ha le navi in posizione più avanzata nella fila.

Impressioni
Giochino semplice dalla durata contenuta (sulla mezz'ora). Ambientazione appiccicata sopra ma sappiamo che con i giochi di carte è spesso difficile fare altrimenti. Lo considero una versione un po' troppo seriosa di Guillotine con l'aggiunta del bluff (anche se di giochi con manipolazione di file di carte ce ne sono molti altri). Se fosse stato sviluppato in Italia, sarebbe un gioco perfetto per la Dv Giochi. Il gioco di miniature aveva avuto un discreto successo anche da noi ma non mi pare fosse localizzato in italiano, chissà se qualcuno si prenderà la briga di farne una versione italiana. Nell'anno dei giochi di carte, dato anche il prezzo contenuto (attorno ai dieci euro) con cui dovrebbe arrivare nei negozi a fine settembre e l'inglese relativamente semplice, ve lo consiglio... io lo prendo.

Una piccola curiosità: tra i ringraziamenti del regolamento (che trovate qui in inglese) c'è n'è anche uno a Vlaada Chvatil (quello di Dungeon Lords e Dungeon Petz) per aver suggerito alcuni concetti chiave del gioco...  

-- Le immagini sono tratte dal manuale, da boardgamegeek.com o dal sito della/e casa/e produttrice/i  (Wizkids/Neca) alle quali appartengono tutti i diritti sul gioco di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. -- 

3 commenti:

  1. Questa è una grande notizia! Ho giocato per anni con le miniature di Pirates of the Spanish Main ed espansioni (tutto in inglese, ma di facile comprensione) e quando capita lo rispolvero con piacere. Ho sempre sperato in una rinascita del titolo, vedremo se questa nuova versione sarà all'altezza del nome che porta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. difficilmente sarà all'altezza ma come fillerino può andare

      Elimina
  2. 19 settembre... pirate day... ricordate di giocare a qualcosa in tema Arrrrrr :-)

    RispondiElimina