mercoledì 10 ottobre 2012

[Punti di vista] - Acquisti sbagliati ..

scritto da Fabio (Pinco11)

Pochi giorni fa, leggendo l'articolo scritto da Nero79 (ed il commento nostalgico di un simpatico lettore) sul gioco di carte di Pirates of the Spanish Main (Wizkids), mi sono tornate in mente le vicende legate al titolo originario, una collezionabile a tema piratesco, che ha rappresentato per la mia personale esperienza il titolo di 'mio acquisto ludico più sbagliato'.

Premetto che non è colpa del gioco e cerco di spiegare cosa è accaduto più o meno in sintesi, evidenziando i miei errori. Si tratta di qualche anno fa ed avevo letto un articolo elegiaco sul gioco in questione scritto da un blogger americano, il quale rievocava la ore ed ore passate dietro a questo titolo, per il quale aveva investito centinaia e centinaia di dollari, ma che, per lui, era valso la pena.
Un pò affascinato dalla descrizione, mi misi in giro a vedere i costi della cosa ed avevo scoperto che si trattava di un intelligente giochillo che proponeva delle piccole navi da costruire, staccando i pezzi da apposite schede in materiale plastico (tipo le carte, ma più spesse) preincise col laser (o roba del genere) e contenute in apposite buste.
Il teorico mix fu subito ipnotico per me: da una parte rievocava la magia di una volta delle sorpresine del kinder nella parte della costruzione di un modello 3D partendo da carte piatte e dall'altra le regole delineavano una battaglia a colpi di dadi da svolgersi direttamente sul tavolo, muovendo i natanti di uno spazio prefissato, pari a tot centimetri (l'unità di misura dello spostamento erano le carte), per poi vedere se si era nel range giusto per colpire gli avversari: i numeri indicati sulle vele ed il numero di alberi indicavano la potenza di fuoco (ed i punti ferita, visto che ad ogni colpo andava giù un albero) ed il tutto prometteva di essere veloce, ma coinvolgente. Una sorta di Warhammer in miniatura, pensai ;)

Primo errore: invece di pensare a prendere giusto due buste per una prova, metto all'opera il compulsivo che c'è in me e mi metto a fare una ricerca approfondita per internet, scoprendo che negli States c'era un negozio , tale Dave and Adam Card World, il quale vendeva pacchi da 50 buste al prezzo che qui ne trovavo giusto 4 o 5. Faccio due conti e vedo che le spese di spedizione sono però proibitive.

Secondo errore: coinvolgo allora un paio di amici che, a loro volta, cadono rapidamente nei miei stessi errori (per la serie, guarda gli altri che fanno errori, così da farli anche tu, solo meglio degli altri ...) ed approvano un ordine maxi da dividere in tre, con diverse proporzioni. Arriva il tutto, spacchettiamo furiosamente ognuno a casa sua e ci mettiamo a scrivere le statistiche di tutto ciò che troviamo. Ci sentiamo inoltre più volte per telefono, felici come un bimbo di cinque anni al quale hanno appena regalato un pallet di ovetti Kinder.

Terzo errore: sempre prima di giocare, procediamo rapidamente al secondo ordine di 'roba', completamente fulminati dall'idea che 'ci sono navi di alcune espansioni che non abbiamo preso ma che sono troooppo forti', per cui dobbiamo bilanciare le nostre flotte con quelle. Morale: altro pallet di roba che arriva.

L'epilogo ve lo immaginate, vero ? Ci si vede strapieni di aspettative, che quasi quasi ci mettevamo alla prima a simulare lo scenario della rottura del blocco navale (si parla di 50 navi ...), ma ripieghiamo su uno scenario più basico, arricchito comunque dalle isole ricostruite con tecniche modellistiche da uno di noi. Risultato: uno termina dicendo che 'non è un gioco che fa per lui' e gli altri due, me compreso, si rivedono mi sembra giusto un'altra volta. Ora i barchini (così li abbiam chiamati) riposano su di uno scaffale nascosto a casa di uno dei due amici.

Questa storia si è poi ripetuta, ma con uno svolgimento più semplice, del tipo 'mi piacerò sicuramente e lo compro al volo', ma sempre più raramente, perchè un pochetto ho imparato dai miei errori ;)
Ho avuto così più volte esperienze di titoli presi e poi scambiati prima di averli giocati (ricordo Vinhos, che già facevo fatica a leggere le regole e che poi è volato via da casa, scambiato con 7 Wonders, prima di defustellarlo, perchè non trovai nessuno che voleva provarlo) o dopo la partitella di prova (vedi Arcane Legions, che addirittura iniziai a pitturare, rapito dall'entusiasmo - risultato: due serate all'attivo e riposa su di un altro scaffale di un amico), ma il fenomeno è, dopo la bruciante storia dei barchini, in netto calo.

Qual'è la morale di tutto questo? Beh, prima di tutto è una sorta di lungo aneddoto, che penso richiamerà alla memoria di molti ricordi similari in chi legge (siamo un pò tutti compulsivi?), che alla fine così negativi non sono, ma soprattutto quello che penso è che non (quasi) è mai colpa del gioco se sbagliamo, ma delle nostre aspettative e del non aver capito a che pubblico era indirizzato. Il 95% delle scatole che giacciono inutilizzate (o sono state già scambiate senza essere quasi utilizzate) infatti stanno lì ferme (o son già partite) perchè non sono adatte, non solo a noi, ma al gruppo degli amici che abbiamo 'a disposizione'. E' per questo che quando, spesso, qualcuno mi contatta per chiedere consigli su cosa prendere, cerco di ricordare di mettere sempre dentro il classico avviso: mi raccomando, prima di comprare, pensa con chi lo vorresti giocare !!!

A proposito: sto pensando di ricomprare ancora Hansa, perchè è un gioco che mi piace un sacco come idea e meccaniche, ma sono ancora un attimo trattenuto dalla considerazione che l'ultima volta che l'avevo comprato è andato via 'intonso' perchè nessuno ci aveva voluto giocare. Però a me, che l'avevo giocato grazie ad un programmino in flash, era piaciuto tantissimo ... Errare è umano ... perseverare è diabolico .. Ma resisterò? Che dite ?

E voi ? Avete qualche scheletro (oppss.. volevo dire scatolo) nell'armadio ?

Nota: i diritti sui titoli citati spettano alle rispettive case produttrici (Wizkids). Le immagini sono state tratte dai siti delle case in questione o dal manuale di gioco o da BGG (postate da Ole, Charles Picard, Riz The Bloody) : ai proprietari dei giochi e delle immagini spettano tutti i diritti su di esse: vi è piena disponibilità a rimuovere ogni notizia od immagine su semplice richiesta o ad aggiungere specificazioni o chiarimenti -- 

29 commenti:

  1. La guerra dell'anello.
    L'ho preso di seconda mano, l'ho provato e a dire il vero lo ho amato e lo amo tutt'ora ma so che è improponibile. Non mi capita praticamente mai di avere serate da solo uno contro uno, le uniche papabili n questo senso sono con mia moglie che ovviamente non apprezza la tipologia. E il bello è che quando l'ho comprato dentro di me già sapevo che non lo avrei mai giocato come avrei voluto, però lo tengo li, sai mai che magari prima o poi, per farci una partita, arrivi Godot :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi la risposta data al Silvano ;) Ti capisco. Sin troppo ;)

      Elimina
    2. Idem...altro che uno, ne ho almeno una decina che han fatto "quella fine".

      Sigh...

      Giochi di cui mi son pentito io stesso, ve ne sono diversi pure lì, fra cui: Cave Troll, Chtulhu lo stregone di salem, Dungeon twister, Futurisiko, Ghost stories, Lotr lcg, Minimonfa, The Pillars of the earth, Race for the galaxy, Small world, World of warcraft adventure game, Yggdrasil.

      (mi scuso per il doppio post)

      Elimina
  2. Hai trovato almeno l´Olandese Volante? Io ne avevo un bel po' di navi e per quanto e con alcuni amici ci abbiamo giocato per un po'. Il gioco da tavolo che fecero invece era davvero terribile e lo comprai a scatola chiusa... grave errore.
    In generale ho un sacco di giochi che prendono polvere e a cui non gioco mai, più che altro per mancanza del pubblico giusto. Quest'anno mi sono ripromesso di trattenermi ad Essen e di prendere solo quello che spero possa funzionare tra i miei amici giocatori più o meno occasionali. I giochi più impegnativi li proverò grazie ad altri nel mio gruppo di gioco (a cadenza mensile)...

    RispondiElimina
  3. Io mi giustifico dicendo che "sono un collezionista" e che i giochi "mint" valgono di più.
    Placa la mia anima (ma non il mio portafogli, sigh!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il collezionismo è una scusante valida. Ma a quel punto puoi comprare praticamente ogni cosa, per cui diventa una scusa 'troppo' valida :)

      Elimina
  4. Eriadan, anch'io ho la Guerra dell'Anello e non ci ho nemmeno mai giocato! Però conserva il mio numero di telefono, e quando andremo in pensione ci riuniremo in un residence per giocarci 50 volte di fila! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella della pensione è pure una delle mie idee. Peccato che chissà se ci sarà ancora la pensione, quando arriverò ad avere l'eta ... Ho inoltre una serie di altre cose che non ho tempo di fare e che rinvio alla pensione: ho paura che alla fine quando ci arriverò non avrò più tempo o voglia di fare tutta quella roba. Cmq quando vi chiuderete nel residence mandatemi un sms, magari porto altra roba e ci si ferma qualche giorno in più :)

      Elimina
  5. Io ho giocato alla Guerra dell'Anello, ora è su uno scaffale da anni, aspetto di rigiocarlo con mio figlio appena cresce un po'. Intanto, qualche settimana fa ho comprato l'espansione che era venduta a soli 15 euro su r2p... Bello eh? Dai, pensaci anche tu! :-P

    Comunque posso dire che in generale ho fatto pochi acquisti "sbagliati" anche a causa dei limiti di portafoglio e di spazio in casa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me lo spazio in casa è un notevole aiuto a calmierare le 'entrate' ed il tempo a disposizione per giocare è il secondo. Ciò però non mi impedisce, annualmente, di vendere almeno una quindicina di titoli meno utilizzati per fare posto per i nuovi ... ;)

      Elimina
  6. Heroscape e Il signore degli anelli lcg! Entrambi osannati dalla critica sono finiti sullo scaffale dopo aver fatto solo una partita introduttiva con la speranza di "vabbè dai ci giocherò la prossima volta, stavolta preferisco pinco pallino". Ed è stato pure difficile levarmeli nonostante condizioni pari al nuovo e ampio pubblico. Menomale che esistono le math trade:)Per i lresto tutti acquisti miratissimi. Il pubblico?beh si crea!Io e la mia ragazza giochiamo Descent in 2 (uno l'OL e l'altro i 4 eroi) se dovessimo aspettare altra gente per quel macigno....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Descent ... Road to legend ... vengo anch'io !!!
      .. non è che vi interesserebbe anche Arcane Legions ? :) :) Scherzo: chissà di dove siete .. ;)

      Elimina
    2. Ovviamente, mi manca solo Oceano di sangue...mi sa che siamo lontani(Catania);)
      Ecco Arcane legions non lo conoscevo, ma forse era meglio che non me lo facevi conoscere...

      Elimina
  7. Si, sono un nostalgico di “Pirates of the Spanish Main”. Allora comprai qualche bustina lasciandomi convincere dall’ampia scelta di vascelli e pirati (anche il tema mi intriga). Essendo in più un giocatore di magic ho nel codice genetico la voglia di espansione, di pezzo raro e potente, ecc…
    Devo dire che l’idea di gioco è molto carina (come dici tu Fabio, una specie di Warhammer dei poveri, o una sorta di Wings of War dei poveri), espandibile ma fino a che lo decido io. Purtroppo però poi subentrano altre priorità ludiche e anche questo giochino finisce nel “quasi dimenticatoio” (meglio non dirlo troppo forte altrimenti mia moglie mi incalza per venderlo).

    Acquisti sbagliati? Non direi. Anche perché non ho il palato molto fine nei giochi, mi piace giocare a più o meno tutto. Ho di certo le mie preferenze, ma come dice Romano, sono un COLLEZIONISTA, amo possedere dei giochi con la convinzione che quel tal giorno, con quella tal compagnia sarà il momento per quel gioco! Ciò può valere anche per una “Guerra dell’anello”, acquistata a metà prezzo da un giocatore che la vendeva per evidenti motivi di kg di polvere accumulatisi nel tempo. Ci ho giocato 4-5 volte e ora è un paio d’anni che è stata inserita sotto altre scatole e non più utilizzata (anche se ammetto di averla aperta qualche volta…). Verrà ancora il suo momento, ne sono sicuro.

    Semmai il problema non è tanto l’acquisto sbagliato ma è il poco tempo per giocare a ciò che ho comprato. Noi siamo una bella compagnia e quindi si fanno spesso giochi nuovi o di altri e io così mi ritrovo con scatole ancora intonse che aspettano speranzose di essere aperte. QUESTO È IL MIO GROSSO PROBLEMA!

    Ciau

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, quello di conciliare le esigenze dei numerosi 'sommellier' sempre alla ricerca di titoli nuovi e di chi vorrebbe invece dedicarsi ad approfondire meno giochi, ma studiandone meglio le meccaniche. Pensa che io, nonostante il fatto che il tenere questo blog mi spinga verso il primo gruppo, preferirei il secondo atteggiamento .. Chissà: magari un giorno capito dalle tue parti e giochiamo a Pirates (quando andrò in pensione, così lo metto nell'elenco delle cose da fare ...) :)

      Elimina
    2. Anch’io continuo a sognare una dorata pensione fatta di pomeriggi e serate all’insegna del gioco (un po’ come i nostri nonni con scopa o Jass). Spero piuttosto di arrivare in forma alla pensione eh eh. Visti i tioli che mi aspettano, un po’ di lucidità è più che consigliabile!
      Cmq da Sommelier ti dico che mi piace sempre provare qualcosa di nuovo, ma una volta vorrei veramente provare ad approfondire un gioco fin nelle più fini meccaniche (stile giocarlo per un mese intero…), ma credo sarà utopia pura.

      In ogni caso, ti rinnovo l’invito. Se passi per il Ticino fammelo sapere che qualcosina si organizza sempre (anche di gastro-eno-ludo-…).
      Sarebbe bello invece bersi un caffè ad Essen. Io sarò presente soltanto sabato e domenica perché prima lavoro. Ev. sentiamoci via mail per i contatti.

      Ciau e grazie per questi articoli simpatici che ci aiutano a capire che non siamo soli nel mondo con le nostre fisime e le nostre “strane” abitudini.

      Poldeold

      Elimina
    3. Mandami una mail con il tuo numero di cellulare, così ci si vede ad Essen !!!

      Elimina
  8. lupin III.
    pensai: due avventure in stile lupin, miniature da urlo, sicuramente c'è stato un gran lavoro dietro.
    alla prima lettura delle regole credetti di essermi rincoglionito: l'alzheimer comincia a picchiare duro? espressi le mie perplessità a un altro giocatore, provai a fargli leggere le regole, e anche lui mi disse che aveva delle difficoltà a comprenderle.
    poi andai su internet e vidi che le modifiche via via intercorse erano più lunghe del regolamento originale.
    reimpacchettato il gioco e venduto: ho imparato che un gioco PRIMA si prova e POI si compra!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però si deve avere la possibilità di provare ... Cosa che postula l'accesso a gruppi più ampi di giocatori.

      Elimina
  9. Se qualcuno mi seguisse sarei pronto a tornare nei mari di Spanish Main anche adesso, ho il raccoglitore sempre a portata di mano... Per quanto riguarda HANSA, si può prendere ad occhi chiusi (come ho fatto io) senza rimanere delusi (l'ho apprezzato molto perchè tema e ambientazione mi ricordano un gioco per pc della serie PATRICIAN), piace a tutti, è semplice ma con i suoi momenti riflessivi, uno spostamento sbagliato può fare la differenza...
    Pirates of the Spanish Main (shuffling the deck) quando arriva??? Argh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottolineo che il difetto NON è di Pirates, che anzi mi sembrava carino, ma nostro come giocatori! Hansa pensa che lo avevo autoprodotto, non lo avevano voluto giocare. L'ho comprato e non l'hanno voluto giocare (troppo astratto, probabilmente). Sto pensando ancora di riprenderlo ... So che non lo vorranno ancora giocare. Torna al primo punto .. ;) :P

      Elimina
  10. A me Vinhos piace, acquisto felice per me...
    Di giochi infelici purtroppo ne ho alcuni ma ormai è davvero difficile che li becco... (ricordo un Dune, gioco storico ma personalmente non mi dice nulla).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema qui è stato che nessuno gli ha voluto dare una chance al povero Vinhos .. ;) Anche io sto riducendo il numero degli 'infelici' ma, complice anche la funzione di recensore, mi capita ancora di prendere cose che mi piace recensire, ma che poi chi conosco (non ho a portata di mano un gruppo numeroso) non gioca .. :(

      Elimina
    2. E' un peccato quando il proprio gruppo non vuole giocare ad un gioco che trovi ottimo e magari ti obbliga a fare un gioco che odi ._.

      Elimina
  11. Una massima che vi propongo: lascia che i giochi li comprino gli altri, tu gioca. Ok, non l'ho seguita con fedeltà nemmeno io...

    RispondiElimina
  12. Un piccolo gioco facile e veloce, fatte moltisime partite, e mi ha sempre divertito... vedere tutte le (bellissime) navi solcare i (tovaglia) mari a suon di spingardate e abbordaggi... semplicemente fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sniff ... i rimpianti aumentano ;) Ok, lo metto tra le cose da fare nella pensione ;)

      Elimina
  13. Corsari dei caraibi.. Il gioco mi piace da matti ma da due anni che cel'ho sono riuscito a fare solo una partita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pirati son fatti così: o ne fai parte o non li vedi mai ;)

      Elimina