giovedì 1 novembre 2012

Essen 2012 - La prima volta ad Essen


scritto da Bernapapà

Ciao a tutti. Mi chiamo Francesco, ed ho avuto la fortuna di accompagnare Fabio nella spedizione Essen. Sono qui a raccontarvi un po' le mie impressioni per quella che è definita da tutti la madre di tutte le fiere dei giochi, e che è stata la mia “prima volta”.

In effetti, dal punto di vista emozionale, la fiera è veramente sorprendente! Vedere questa massa di gente che si accalca per partecipare ad un evento che, da noi, interessa una piccola percentuale della popolazione. La, invece, si trovano persone di tutte le età, e, come diceva Fabio, anche una marea di connazionali... girando a caso fra gli stand ci è capitato almeno un paio di volte di provare dei giochi insieme ad alcuni italiani, ovviamente mai visti prima.
Ma procediamo con ordine: già dall'ingresso, e poi subito nei primi stand, si ha l'impressione di come questa mostra sia grande, e di come, almeno nelle prima due giornate, sia difficile orientarsi in questi spazi che sono veramente vasti! Ci si fa trasportare un po' dalla folla, fino a quando non si trova un buco libero per sedersi e provare qualcosa, o fino a quando la “corrente” non ti porta verso padiglioni meno affollati, dove è possibile riprendersi un attimo e fare il punto di quello che si è visto, provato, o di quello che si è visto in svendita a prezzi sbalorditivi.

La montagna di giochi presenti, sia come prima uscita che come pile di pacchi in svendita, ti fa percepire come questo mondo sia veramente vasto! E' impensabile, anche per un “sommelier” come me (la definizione non è mia, ma calza bene: a me piace “assaggiare” più giochi possibili) anche solo immaginare di poterli provare tutti! Quindi, raggiunta questa consapevolezza, mi sono “rassegnato” a provare il maggior numero di titoli possibili, e devo dire che, 25 titoli in 4 giorni (ma nei 25 abbiamo veramente di tutto di più) sono proprio una bella cifra!

L'atmosfera che si respira è si caotica, ma anche affascinante e coinvolgente: ti siedi al tavolo con persone di altre nazioni che non hai mai visto e nel giro di 5 minuti sei già a farti 4 risate su una mossa sbagliata o su un errore commesso da qualcuno. Lì dentro hai quasi l'impressione che le persone siano “più buone”... fini a che non vedi che, nel gioco, ti stanno facendo una vera carognata... ma ci si diverte da matti!

Il cuore palpitante del giocatore è diviso fra due attrattive molto forti: provare il più possibile giochi nuovi, oppure accaparrarsi le offerte di giochi (vecchi) a prezzi veramente stracciati? Così ci si barcamena fra queste due attività: trovi un tavolo libero e ti siedi, oppure vagoli negli hard-discount dei GdT dove, volente o nolente, ti rimane attaccato alla mano qualche gioco da 10, 5, o addirittura 3 euro... (e come fai a lasciarlo lì!?!?!).

Ovviamente per provare i titoli più promettenti, si deve fare un po' la posta agli stand più famosi... ed è così che, nello stand Z-Max in tre giorni diversi siamo riusciti a provare Der Palast From Carrara, Le Havre per Due e Clash of Cultures: tre giochi veramente molto molto belli!
Veniamo ad una piccola rassegna con impressioni dei giochi che ho provato (oltre a quelli or ora elencati):

Al Rashid: veramente molto bello: belle componenti, gioco profondo... proprio una bella esperienza! Da provare!

Yedo: piazzamento lavoratori con obiettivi segreti: con componentistica decisamente bella da vedere (un tabellone gigante, 4 mazzi di carte diversi, tesserine, puzzilli ecc...): meccanica non nuovissima, ma bel gioco.

P.I.: un ottimo gioco per gli amanti del Cluedo: ogni giocatore deve scoprire i “delitti” contenuti nelle carte del giocatore che ha di fianco, ma senza passaggio di carte in mano. Anteprima a breve sul blog!

Phantoms: gioco di carte per due: anche qui la fa da padrona la componentistica, con carte decisamente ben fatte e robustissime (inutili le bustine): niente di nuovo, ma veloce ed appassionante.

Animal Farm: 1984: gioco di alleanze variabili, ben ambientato e che può riservare serate di gran divertimento

Goblins Inc: gioco che contrappone due robot (fatti di tessere) che si devono distruggere a vicenda: in 2 ogni giocatore comanda un robot, mentre in 4 sono due i giocatori a “dirigere” il robot. Provato in due risulta non molto entusiasmante, perché la componente più intrigante dovrebbe essere quella della possibilità di “remare contro” alla propria squadra (ognuno infatti persegue obiettivi propri).
Escape: gioco cooperativo in cui si deve uscire da un labirinto entro un tempo scandito da una musica di tamburi battenti di 10 minuti: componenti belli, ma la meccanica è lanciare una manata di dadi per trovare le combinazioni adatte a farti passare da una stanza all'altra: atmosfera coinvolgente, ma non garantisco nulla sulla longevità, anche a breve!

Amber: giochino di piazzamento tessere per raggiungere, dal proprio castello, i villaggi limitrofi che danno punti... ma attenzione, anche gli altri possono arrivarre agli stessi villaggi soffiandoteli, o addirittura venire ad occupare il tuo castello: la presenza di tessere “vanga” che permette di sostituire le tessere piazzate dagli avversari dona quel poco di profondità maggiore: il tutto inserito nell'aleatorietà di pesca delle tessere! Carina l'ambientazione ma se le tessere non si pescano giuste, c'è poco da fare...

Riff Raff: gioco per famiglie... la barca in equilibrio mooolto precario: chi fa cadere gli oggetti che deve appoggiare sulla barca perde! Niente di nuovo, ma il sistema di bilanciamento della barca è veramente ben fatto, e l'impatto scenico è veramente grandioso! Divertimento assicuratoma non per tutte le tasche...

Qin: gioco semplicissimo, ma profondo, di piazzamento tessere. L'ambientazione è praticamente assente, e la componente aleatoria è determinante, ma rimane comunque un bel gioco, soprattuttto perché ci vogliono 2 minuti 2 per impararlo!

Ho provato, come dicevo, anche altri giochi, tipo Lady Fairy, Among the stars, Slavika, La Venise Du Nord, Aperitivo, Millemiglia, Castels, ed un paio di giochi astratti con i cubi. Se qualcuno volesse la mia impressione su questi, sono a disposizione!

Ora vi lascio. Riassumendo: sicuramente una bellissima esperienza! 
Se avete qualche curiosità che abbiam lasciato non risposta sono qua ...

17 commenti:

  1. Ciao sarei curioso di sapere cosa avete poi acquistato sia come novità che come gdt vecchi super scontati

    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni conto che ho comprato poche cose (per via della difficoltà a riportarle in Italia via aereo) e privilegiato cose che non potevo reperire facilmente. Ho preso Myrmes, Archipelago, Castles, Al Rashid, Ark Noah, Palaste Carrara e Riff Raff, oltre ad un Dobble ed una auto radiocomandata per il bimbo ;)

      Elimina
    2. I giochi nuovi te li ha elencati Fabio, io ti dico alcune cose che mi sono rimaste attaccate alle mani per i prezzi sbalorditivi... qualche esempio: Lungarno 3 €, Chinatown, Costantinopolis, Mage Storm, Dakota e tanti altri a 5 €, El Grande, Hotel Samoa a 10... e così via. Per non parlare dell'usato garantito: ossia giochi usati con il contenuto perfetto, risigillato. Fortuna che eravamo in aereo, altrimenti si faceva una razzia da paura!

      Elimina
  2. Ciao! Potreste dirmi che gioco é quello con i fantasmini? Mi date anche qlk informazione in piú riguardo Le Havre per due? Grazie e continuate cosí, siete grandi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un gioco per bambini della Drei Magier Spiel. Qui trovi le istruzioni anche in italiano: http://www.schmidtspiele.de/media/files/SS_Anl_klein.pdf
      Si chiama Il castello degli specchi (in tedesco Spiegel Spukschloss).
      Le Havre per due sarà oggetto di una recensione apposita a breve ;)

      Elimina
  3. Grazie per la rapida risposta. Aspetto con ansia la recensione di Le Havre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conto di provarlo stasera Le Havre per 2. Dalla lettura del regolamento ha meccaniche diverse dall'originale, rubando la ruota ad Ora et Labora ed avendo edifici sempre in un ordine prestabilito...
      Sono curioso, perchè amo molto Le Havre ed anche l'Agricola per 2 non mi è sembrato male...

      Elimina
    2. L'idea alla base del gioco è sicuramente intelligente. Ho qualche dubbietto sulla longevità, però, considerando l'ordine prestabilito degli edifici, ma credo debba essere visto come titolo destinato (anche per fascia di prezzo) a confrontarsi con i giochi di carte, per cui può brillare lo stesso ;)

      Elimina
  4. Bel racconto di un'esperienza...
    Pur essendo la mia "seconda volta" l'emozione è stata veramente grande (anche per il borsellino...). È incredibile come una fiera possa coinvolgerti e lasciarti il segno anche per le settimane seguenti.
    Consiglio quest'avventura a tutti coloro che hanno la possibilità e che sono amanti dei gdt.
    Ciau

    RispondiElimina
  5. Come vi è sembrato Millemiglia? Guardando le immagini in giro a me sembra un Leader 1 con un'ambientazione diversa, sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei contattarli per un articolo dedicato al gioco, così da toglierti ogni curiosità ;)

      Elimina
  6. Ciao, che mi dici di La Venise du Nord? Mi intriga per la grafica e per l'autore (vedi Troyes), ma non ho ancora avuto modo di leggere il regolamento. A te è piaciuto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooooooooo. Cerco però di convincere Bernapapà a scrivere lui un articolo su di esso ;)

      Elimina
    2. Promesso: scriverò quanto prima un articolo su La Venise Du Nord...

      Elimina
  7. Ehi raga, a quando le recensioni di "Le Havre: Ancora in porto", "Swordfish" e "Die palast von Carrara"? Grazie 1000.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora: Swordfish la sta facendo Berna, Die Palast potrei anche scriverla subito, ma vorrei farci qualche partita extra, perchè sia una vera recensione e non un 'prime impressioni'. Le Havre l'ho già giocato un paio di serate, per cui ancora un paio di volte e ci dovrei essere ;)
      Direi che ci sono buone possibilità di avere quindi le recensioni di almeno due dei tre titoli entro fine mese o prima!!!

      Elimina
  8. Grazie ancora e già che ci sono faccio qualche altra richiesta: "Robinson Crusoe: Adventure on the Cursed Island" e "Ruhrschifffahrt 1769-1890" :)

    RispondiElimina