martedì 15 gennaio 2013

Kickstarter - Rivet Wars

scritto da Fabio (Pinco11)

La CoolMiniOrNot, editrice nata sull'esperienza dell'omonimo sito che ospita immagini di miniature, ha decisamente capito come utilizzare Kickstarter. Questo è un dato pacifico.
Dopo i successi ottenuti con Zombicide, Sedition Wars e Relic Knights, titoli che hanno raccolto a occhio e croce tra i 750.000 ed il 950.000 dollarozzi ciascuno di finanziamento (leggi pre-ordine), è ora la volta di Rivet Wars, nuovo gioco da tavolo a base di miniature, il quale, a venti giorni dalla conclusione della raccolta, ha già messo insieme la bella cifra di 215.000 biglietti verdi.

Di che si tratta, vi chiederete voi? Beh, vi rispondo io: un pacchetto di miniature sicuramente, poi, a seguire, qualche altro componente utile a farne un gioco da tavolo. Cattivo? No, è solo che la stessa pagina di kickstarter contiene al 95% immagini delle miniature e spiegazioni di quali mini addizionali possono essere ottenute, limitandosi la descrizione del gioco ad un video di 45 minuti (leeeento!) che simula una partita.


Se siete dei pignoloni, di quelli che vorrebbero sapere cosa farsene delle miniature dopo aver pagato minimo 90 dollari (più 25 per la spedizione per noi) per il pacco, che sarà pronto dall'autunno in poi, dico che il gioco si dovrebbe svolgere su di un tabellone quadrettato composto da sei schede 6x6, a formare un campo di battaglia e che ci saranno carte a determinare effetti vari delle unità in gioco.

Per il resto non rimane che bearsi della visione delle miniature, tutte finemente scolpite (in questo, lo ammetto, sono davvero bravi) e pronte per essere dipinte dalle amorevoli mani degli acquirenti.


Il mondo di riferimento è stato pensato davvero bene e consiste in un una sorta di universo vagamente steampunk con omini tondeggianti molto simpatici. Due le fazioni in guerra, assimilabili grosso modo ad asse e alleati, anche se hanno avuto il buon gusto di evitare di contraddistinguere i cattivi con simboli o simili.

Ottima l'esperienza visiva nel complesso, ma lascio alle immagini fare il loro dovere. ah, dimenticavo una cosa vitale: tutte le miniature sono fornite NON dipinte! Questa è una cosa ovvia per i miniaturisti, ma non altrettanto per i neofiti, per cui l'ho sottolineato ;)

Unica curiosità che mi resta: assodato che negli States queste cose vanno alla grande, quanti dei nostri lettori sta preordinando titoli di questo tipo su kickstarter?

-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco o dalla pagina Kickstarte della casa produttrice (CoolMiniOrNot) alla quale  appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. -

4 commenti:

  1. nonostante segua con molto interesse i titoli kickstarterati, non ne ho mai finanziato uno. nessuno mi ha mai ispirato particolarmente, complice il fattore " tante belle immagini ma le regole??"
    se e quando c'erano, non mi ispiravano.
    i giochi di miniature, che tanto vanno oggi giorno, non mi piacciono, essendo più orientato sui boardgame.
    insomma, dei veri e propri BEI giochi su kickstarter li devo ancora vedere. e voi che ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma credo che Alien Frontiers sia forse il gioco più convincente uscito da Kickstarter. Ed effettivamente io lo trovo veramente un signor gioco.

      Ciau

      Elimina
  2. Siamo sempre li....se le spedizioni costassero meno un pensierino su qualche gioco si potrebbe anche fare ...ma a questi costi risulta difficile.

    Certo non avrai mai il materiale bonus ma se aspetti il prodotto lo troverai disponibile anche in italia,dopo aver preso Zombicide stò valutando di prendere DreadBall !!

    RispondiElimina
  3. Personalmente fino a poco tempo fa avevo solo supportato progetti di giochi di carte che includessero nella ricompensa i PNP, così da finanziare solo la versione digitale per poi stamparmi le carte a costo onesto. In questo modo ho acquisito praticamente tutti i giochi della Small Box Games, purtroppo non sono tante le compagnie che offrono questa opportunità (forse meno remunerativa per loro), e sono rimasto molto soddisfatto perché il prezzo è sempre stato molto onesto (anche troppo, nell'ultima campagna con 5$ ti davano praticamente ogni singolo gioco realizzato negli ultimi due anni più tre inediti riadattamenti di vecchi giochi) e ho avuto la possibilità di provare molti giochi prima di farmeli stampare in forma "professionale".

    A Dicembre ho per la prima volta finanziato un gioco "fisico" - Guilds of Cadwallon - dubbioso anche io su regolamento e miniature come specchietto per le allodole. Tuttavia vista l'incredibile quantità di materiale aggiuntivo sbloccato, i costi complessivamente onesti, e il nome del designer che ha fatto Intrigo - gioco poco conosciuto che apprezzo molto - mi hanno fatto premere il bottone verde. Speriamo bene, in caso vi farò sapere! ;)

    Il mese scorso ho comprato Fleet, ma se avessi saputo della campagna Kickstarter probabilmente sarebbe stato quello il mio primo gioco fisico finanziato! Peccato che ora ottenere gli extra sia così difficile! :(

    RispondiElimina