domenica 6 gennaio 2013

[Recensione] Mamma Mia!

scritto da Nero79

Mamma Mia! è un gioco per 2-5 giocatori (6 con l'espansione) di Uwe Rosenberg pubblicato nel 1999 dalla tedesca Abacus Spiele, quasi un decennio prima che il designer diventasse famoso per i suoi cervellotici gestionali come Agricola, Le Havre e Ora et Labora... ma successivo al simpatico filler Bohnanza (da noi diventato Semenza).
L'autore, ancora distante anni luce dai suoi capolavori ludici, propone un gioco di carte a prima vista semplice, ma con  meccaniche di gestione della mano e memoria non banali.
Quest'anno esce a cura di Red Glove un'edizione tutta italiana... vediamo se può essere di vostro gradimento.



L'ambientazione, appena accennata, è quella di una pizzeria in cui i diversi pizzaioli giocano set di ingredienti e ordini nel tentativo di completare le proprie pizze e sabotare quelle degli altri.

Componenti
È un gioco di carte e quindi 180 carte è quello che troverete nella scatola (oltre al regolamento).
Le carte sono suddivise in:
- carte ingrediente: (rosso) salame, (verde) peperone, (marrone) fungo, (viola) oliva e (giallo) ananas!!!
Non proprio tutti ingredienti tipici della pizza come la intendiamo noi, ma essendo un gioco tedesco perdonategli la passione per la pizza Hawaii (con l'ananas... che purtroppo esiste davvero qui in Germania).

- carte ordinazione: queste mostrano le diverse pizze con una serie di ingredienti necessari per prepararle. Ogni carta ordinazione ha un retro del colore del giocatore... ogni colore è associato ad un ingrediente che sarà quello centrale nelle proprie pizze (sempre presente). Abbiamo poi pizze speciali come la boombastica (15+ ingredienti di qualsiasi tipo) e le pizze jolly (mostrano una J al posto del set dell'ingrediente necessario... sarà il giocatore quindi a decidere quali ingredienti usare).

Il gioco
Ogni giocatore riceve 9 carte, 8 ingredienti e una carta ordine (le altre carte ingrediente vanno in un mazzo di pesca), infine un mazzetto coperto di carte ordine con il dorso del proprio colore. Al proprio turno un giocatore deve giocare una o più carte ingrediente dello stesso tipo dichiarando ad alta voce cosa ha giocato (ad esempio: 3 ananas): oltre a questa giocata obbligatoria può aggiungere alle carte ingrediente giocate anche una carta ordine dalla propria mano. Le carte giocate vengono messe tutte in pila una sull'altra. A questo punto il giocatore può pescare un numero di carte ingrediente dal mazzo di pesca o carte ordine dal mazzetto personale pari al numero di carte giocate (può pescare solo da uno dei due mazzi), in modo da avere sempre in mano lo stesso numero iniziale di carte.
Il giocatore giocherà un'ordinazione quando ritiene che sul tavolo ci siano tutti o quasi tutti gli ingredienti della pizza in quella ordinazione.
Le carte giocate dai giocatori successivi andranno sempre in cima alla stessa pila.
Si procede in questo modo finché finiscono le carte ingredienti nel mazzo di pesca. L'ultimo a giocare impersonerà il pizzaiolo che verificherà se le ordinazioni dei giocatori sono andate a buon fine. In pratica gira il mazzo degli scarti senza mischiarlo e raggruppa gli ingredienti in colonne separate per tipo. Quando viene girata un'ordinazione, il giocatore che l'ha piazzata tenta di preparare quella pizza usando gli ingredienti disponibili sul tavolo ed eventualmente aggiungendo quelli mancanti scartando carte ingrediente dalla propria mano.
Se la pizza viene preparata si scartano tutti gli ingredienti e quella ordinazione vale un punto vittoria, altrimenti gli ingredienti rimangono sul tavolo e l'ordinazione viene scartata. Si procede in questo modo fino alla fine del mazzo e poi si ripetono le due fasi per altri due turni (per un totale di tre turni). Chi alla fine ha preparato più pizze è il vincitore.

Ma tu vuliv 'a Pizza

Successivi all'originale Mamma Mia! sono usciti un'espansione stand alone (cioè giocabile anche senza il gioco originale) dal titolo Sole Mio! che introduce nuove carte ordinazione con nuove combinazioni di ingredienti oltre agli ingredienti doppi e Mamma Mia! Plus che unisce il gioco originale e l'espansione aggiungendo anche un sesto ingrediente (gamberetti) portando il gioco fino a 6 giocatori. Nonostante le varie modifiche, la meccanica resta quella del gioco originale.


Impressioni
Devo dire che la prima volta che l'ho giocato non ci ho capito molto e sono rimasto perplesso. Mi hanno raccontato che la stessa perplessità l'ha avuta anche l'editore, indeciso fino all'ultimo se pubblicare o meno questo gioco.
Sono sempre molto dubbioso sui giochi che sfruttano la meccanica della memoria e questo, provato come filler da inizio serata, non mi era piaciuto per niente. Poi nel mio gruppo abbiamo cominciato a giocarlo un po' di più e ho iniziato a capire meglio come funzionava il tutto e come dovevo muovermi in questa sorta di puzzle mentale collettivo. Tra i pro del gioco citerei il fatto che può essere un utile allenamento per imparare a tenere traccia delle carte giocate, un qualcosa che può magari tornarvi utile anche in altri giochi di carte e non. Tra i contro del gioco citerei il fatto che, se avete nel vostro gruppo dei giocatori che rivaleggiano con i calcolatori elettronici (nel mio ci sono), avete ben poche possibilità di vincere e potreste trovare l'esperienza di gioco un pochino frustrante. In un gruppo omogeneo, già al secondo giro, tutti afferrano le meccaniche di gioco e iniziano una lotta serrata all'ultimo salame...
Da provare...

Trovate l'intera gamma della serie Mamma Mia! (Mamma Mia! ed. tedesca, Mamma Mia! ed. italiana, Sole Mio! e Mamma Mia! Plus) su egyp.it... avete solo l'imbarazzo della scelta.

 -- Le immagini sono tratte dal sito dell'editore o da BGG.  Tutti i diritti sul gioco appartengono all’Autore ed alla Casa Editrice (Abacus Spiele). Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione dei giochi. -

3 commenti:

  1. È uno dei primi filler che comprai molto tempo fa. Entusiasmato dalla meccanica semplice e simpatica comprai anche l'espansione "O sole mio" (mai usata!!!).

    Il gioco scorre bene e rispecchia, a mio modo di vedere, le caratteristiche di un vero filler:
    - spiegazioni brevi,
    - partite brevi.
    È basato su una meccanica non così evidente. Oltre a ricordarsi le carte giocate bisogna anche sapere quando vale la pena pescare da un mazzo piuttosto che dall'altro oppure quando tenere degli ingredienti e quando giocarli.
    Cmq, pur essendo farcito di una certa dose di fortuna, è un gioco da poter proporre a tutti , anche giocatori non pù di primo pelo (io lo uso anche a scuola nel momento ludico che organizzo ogni settimana e funziona molto bene).

    Il mio dunque è un voto positivo!

    Ciau

    RispondiElimina
  2. Salve, cerco un consiglio per una coppia con figli che forse un giorno giocheranno con noi ma a cui ora rubiamo il tempo per provare a (ri)giochicchiare tra noi, ci piacciono Mamma mia, Cartagena, Carcassone, Bonanza è bello ma un po' troppo complesso; NON ci piacciono particolarmente i giochi di ruolo (Per dire Coloni di Catan sono già troppo 'di ruolo' per noi).
    Quindi un gioco abbastanza breve, semplice ma accattivante e non troppo ripetitivo.
    Graziieeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a vedere le recensioni di Splendor; Handler der Karibik (Port Royale), Machi Koro, Jaipur ;)

      Elimina