giovedì 14 febbraio 2013

Noblemen - Recensione

scritta da Faustoxx


Ambientato nella Inghilterra elisabettiana, Noblemen ci cala nelle vesti di aristocratici britannici (da 3 a 5: solo con custom rules è utilizzabile per 2) che cercano di accrescere il prestigio della propria casata.
L'autore del gioco è Dwight Sullivan e nel 2009 il gioco aveva vinto il concorso Hippodice ed è stato pubblicato nel 2012 a cura della Pegasus Spiele.
Il titolo mescola diverse meccaniche, unendo quelle tipiche dei gestionali con il piazzamento tessere, invitando i giocatori ad ampliare progressivamente la propria residenza, al fine di accattivarsi i favori di re e regina.
Quanto al target privilegiato il 12+ sulla scatola fa capire che siamo di fronte ad un titolo non esattamente per famiglie, così come i 90 minuti a partita lo rendono un gioco destinato ad utenti non necessariamente 'esperti', ma almeno 'motivati'. 


Costruiamo la nostra umile dimora: come e con cosa ?

Aprendo la scatola, si rimane impressionati, quasi impauriti dalla quantità dei materiali presenti nel gioco: 15 o 16 fustelle di tessere in solido cartoncino, manate di trippoli, a forma di castelli, palazzi chiese e “Follie” ed una ingombrante Regina in legno, puzzilli vari, un sacchetto ed un mazzo di carte “scandalo” sono ciò che troverete nel gioco. Anche gli schermi dei giocatori non sfuggono alla logica della ricchezza, visto che sono componibili e consentono di tenere traccia dei titoli che si ottengono nel corso del gioco!

Potrei dire che Noblemen è due giochi in uno: il primo è quello vero proprio, il secondo lo si scopre quando defustellato tutto quanto, vorrete rimettere tutto nuovamente nella scatola e scoprite che non riuscite a chiuderla, specialmente se volete mettere le tessere nel sacchetto ;)

Nonostante l'iniziale shock il gioco è più facile e scorrevole di quanto possa sembrare.

Ditemi che avete capito tutto dal disegno!!
Il gioco si svolge nell'arco di tre decenni. Durante il proprio turno ciascun giocatore esegue una delle azioni disponibili e se il giocatore di turno è in possesso del favore della regina, il segnatempo viene fatto avanzare di uno spazio. Se lo spazio occupato è contraddistinto da una maschera, viene effettuato un ballo in maschera dove la Regina conferisce ai giocatori titoli nobiliari in funzione del prestigio ottenuto. I titoli nobiliari ottenuti conferiscono punti vittoria e sconti per la costruzione degli edifici. L'ultimo spazio del circuito è contraddistinto da un edificio: viene effettuata una valutazione delle costruzioni Quando il segnatempo ha compiuto un intero giro, un decennio finisce; si piazzano le nuove costruzioni che potranno essere costruite ed un nuovo decennio inizia. Alla fine del terzo ed ultimo decennio il giocatore con più punti vittoria è il vincitore del gioco.

Qui un 'comodo' riassunto degli effetti di alcune azioni ;)
Ci sono 7 azioni possibili a disposizione dei giocatori di cui due effettuabili solo una volta per decennio, ma le due principali sono quella di espandere la propria tenuta giocando tre tessere tra quelle a disposizione e l'azione di costruzione dove si potrà erigere uno dei quattro tipi di edifici a disposizione nel gioco.
La prima azione è quella che permette di costruire il motore economico del gioco, ossia piazzare tessere: i campi ci fanno ottenere denari ; i boschi ci fanno pescare nuove tessere; le fontane giocate accrescono il nostro prestigio per i balli in maschera; i prati giocati permettono di costruirci sopra un edificio
Quando riusciamo a piazzare 4 tessere di uno stesso tipo nella nostra tenuta otteniamo un bonus ulteriore di 2 denari se costruiamo una fattoria, oppure 2 tessere extra se otteniamo una foresta, e, se completiamo un giardino otteniamo il favore della regina.
Una sezione del tabellone...
Per quanto riguarda gli edifici, che possiamo costruire abbiamo:
Castelli che ci danno punti vittoria e la possibilità di piazzare uno dei nostri armigeri nella tenuta di un altro giocatore ; Palazzi, che sostituiscono i castelli già edificati e che danno punti vittoria e punti prestigio durante il ballo in maschera e ci fanno guadagnare il favore della Regina. Chiese, che permettono di pescare una carta scandalo e conferiscono ulteriori punti vittoria ai castelli/palazzi adiacenti. Follie: Stravaganze architettoniche molto costose, ma che offrono molti punti vittoria specialmente per chi prima le costruisce.
Oltre a queste azioni principali ci sono due azioni che possono essere svolte una sola volta per decennio, ossia esigere le tasse ed acquistare terreni, grazie alle quali in funzione delle fattorie e dei boschi giocati potremmo raccogliere denari o tessere territorio.
Un'altra azione possibile è quella di donare dei terreni alla chiesa in cambio di punti vittoria ed un'altra possibile è quella di acquistare dei favori dalla Regina in ragione di un favore ogni 2 sterline spese. Oltre ad incamerare immediatamente 1 PV per ogni favore acquistato potremmo poi spenderlo nell'esecuzione di un'azione di gioco o durante il ballo in maschera.
Infine, se siamo veramente pigri, possiamo riposarci ed incamerare 1PV senza colpo ferire.

Quando c'è il ballo in maschera a partire dal giocatore che ha attivato questa fase si conta il prestigio accumulato aumentato di eventuali favori e carte scandalo giocati. Quando tutti i giocatori hanno calcolato il proprio prestigio vengono assegnati i titoli nobiliari in funzione dei punti accumulati e della classifica tra i vari giocatori (eh sì solo uno può essere Duca o Duchessa). Ciascun titolo nobiliare conferisce immediatamente dei PV e degli sconti durante la fase di costruzione.
Come è intuibile il favore della Regina passerà di mano assai frequentemente e questo ridurrà la durata del gioco anche in maniera considerevole specialmente nell'ultimo decennio. Spesso e volentieri un turno di gioco in meno compromette la pianificazione per cui la scelta del tempo deve essere ben ponderata.

.. ed altra sezione del tavolo da gioco
Signori si nasce, non si diventa ;)

Per quanto riguarda le meccaniche di gioco definire Noblemen è problematico perchè c'è il piazzamento tessere, c'è un po' di worker placement, c'è un po' di gestione risorse mascherato (se vogliamo chiamare risorsa il prestigio che si valuta durante i balli in maschera) e ci sono pure le carte scandalo che possono essere usate in vari modi.
Definire Noblemen un gioco di piazzamento tessere è assai riduttivo poiché le tessere sono lo strumento per sviluppare denaro e prestigio, ma i punti si fanno con le costruzioni. Inoltre non bisogna trascurare il prestigio per i balli in maschera perchè un Duca può incassare 7 punti vittoria per ballo in maschera (e ce ne sono 6 durante il gioco). La scelta del tempo ed il controllo degli avversari sono la chiave per giocare Noblemen al meglio.
L'alea è presente nel gioco specialmente nella pesca delle nuove tessere e delle carte scandalo, tuttavia questa non inficia il gioco poiché sono possibili strategie alternative in grado di adattarsi alle tessere pescate.

Per quanto riguarda la scalabilità trovo che il gioco dia il meglio di sé con 4-5 giocatori. Abbiamo giocato anche in 3 e ho trovato che spesso facevamo la stessa mossa senza differenziare le possibili strategie. Solo in seguito, nel mid-game, e in funzione delle tessere giocate le scelte si sono differenziate ed il gioco è diventato più vario.
Per quanto riguarda la durata 90 minuti sono sufficienti per una partita con 5 giocatori e i tempi morti tra un turno e l'altro sono abbastanza ridotti.
Il sistema di costruzione dello schermo del giocatore

L'interattività è ben presente nel gioco sia in forma indiretta, sia in forma diretta sotto forma del piazzamento dei propri omini negli altrui possedimenti, quanto nella conquista della Regina che dà un punto vittoria a giro e riduce la durata del gioco di un turno ogni volta che passa di mano.
Le tessere ...

Il gioco è adatto sia ad una vasta platea di giocatori: i neofiti apprezzeranno la facilità del regolamento e la linearità del gioco, mentre i gamers più smaliziati apprezzeranno le possibili sfumature tattiche del gioco ed una discreta profondità strategica unite ad una durata di gioco contenuta.

Noblemen è quindi un bel gioco che, come Village, è uscito in sordina poco dopo Essen e al quale auguro il successo che il suo illustre predecessore ha meritato nello scorso anno.

-- Le immagini sono tratte dal sito della casa e/o da BGG (scattata da André Kretzschmar). Tutti i  diritti sul gioco appartengono all'Autore ed alla Casa editrice (pegasus). Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. -

2 commenti:

  1. Ciao Faustoxx.
    L'ho comprato a Natale Noblemen

    Stai traducendo il regolamento?

    RispondiElimina
  2. Ciao Andrea,

    no sono un po' preso in questi ultimi tempi e riesco a dedicare molto tempo alle traduzioni. Però se hai bisogno di una revisione della traduzione sono a disposizione.

    RispondiElimina