mercoledì 17 aprile 2013

Anteprima - Nautilus

Scritto da Iziosbiribizio


Il capitano Nemo sta diventando vecchio, e il Nautilus, uno dei sommergibili più avanzati che ci siano, non si guiderà di certo da solo. E' giunto il momento di scegliere un braccio destro che si distingua nelle specialità ritenute più importanti dal celebre eroe di 20mila leghe sotto i mari. 
Scienza, Esplorazione, Navigazione, Ingegneria e Guerra, tutti requisiti basi nel CV di un buon capitano di sommergibili. Quale sarà il giocatore in grado di strappare agli altri l'ambita promozione? Ce lo dirà il gioco creato da Charles Chevallier, omonimo del famoso sommergibile, Nautilus, in un filler da 25 minuti per 2 giocatori edito da Libellud.

Materiali 
Nautilus è un gioco di carte, in cui i giocatori dovranno avere la carta più alta nei domini preferiti da Nemo per assicurarsi un vantaggio. Ci saranno quindi le carte dominio, elencate nell'introduzione, che possono valere uno o due punti a seconda del numero di stelle su di esse. Per aggiudicarsele, si userà un mazzo di 14 carte tuffatore con un valore che va da 1 a 14, entreranno in gioco anche delle carte speciali, con particolari poteri, che sconvlogeranno le poche regole del gioco. 
Il tutto verrà posato sul tabellone, rappresentante il Nautilus, con dei posti riservati alle 6 carte dominio (ce ne saranno sempre 6 scoperte) e due per i mazzi nuotatori e carte speciali. 

Le regole 
Il gioco dura esattamente 6 round, coincidente con la fine del mazzo carte dominio. 
Il turno è molto semplice. Prima di tutto il primo giocatore pesca due carte speciali.
Una la conserva, l'altra la dona al giocatore avversario. Ogni giocatore quindi mette una carta scoperta vicino al posto del tabellone occupato dalla carta dominio di cui vorrebbe impossessarsi, alternandosi finchè tutti i posti non vengono occupati. Quindi ogni dominio viene assegnato al giocatore che ha puntato la carta più alta. 
Ci sono tuttavia le carte dalla 6 alla 9, che permettono di cambiare un pò il gioco. La 7 e la 8 difatti permettono di spostare la carta adiacente sul lato dell'avversario, occupando così il suo posto e bloccando un dominio. La 6 e la 9 permettono di spostare più in basso un nuotatore, liberando quindi lo spazio in modo da poter puntare una carta più alta. Attenzione, le carte speciali vengono scartate a fine turno, quindi vanno usate subito! Ce ne sono due, del valore di 0 e 15, usate per vincere o perdere sicuramente su un dominio, una che blocca lo spostamento dei nuotatori e altre che permettono di pescare carte o di osservare la mano avversaria. Qualche dispettuccio insomma. 
Alla fine del 6 round si conteranno i punti, 1 per ogni stella sulle carte dominio e -1 per ogni macchia di inchiostro. 

Conclusioni 
Il gioco si chiama Nautilus, ma poteva chiamarsi padella, mobile o altro. L'ambientazione è assolutamente posticcia, anzi forse è uno di quei pochi giochi male ambientati in cui stona proprio la scelta di storia e "luogo". Ma si sa ormai da tempo che trovare un bel connubio ambientazione-regole diventa sempre più difficile.
D'altra parte anche le regole non hanno nulla di innovativo, ricorda molto ma molto un Mow in cui si usano due lati anzichè un'unica fila. 
Poi è un gioco per soli due giocatori, grosso limite oggigiorno, in quanto moltissimi giochi di gran lunga più belli sono ben scalabili in due oltre che tenere un posto al tavolo in più per altri amici. Eh no, questo gioco non è proprio il massimo, sarebbe quasi da evitare. A meno che non abbiate mai giocato a qualcosa di simile, il che è davvero molto difficile.

-- Le immagini sono tratte dal manuale del gioco o dal sito della casa produttrice (Libellud) o da essa postate su BGG, alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. -

2 commenti:

  1. trovo interessanti le recensioni anche dei giochi scarsi, anzi soprattutto dei giochi scarsi, almeno so di che si tratta :)

    RispondiElimina
  2. Io l'ho comprato da poco "a scatola chiusa" nel senso che non avevo idea di cosa si trattasse, ma cercavo un giochino per due, simpatico, rapido ed econimico. Nautilus è proprio tutto questo. La fortuna conta, perchè dipende dalle carte che si hanno in mano, ma c'è la possibilità di farsi un sacco di carognate con l'avversario. Io ci gioco con mio marito e una partitina tira l'altra. E poi ha delle carinissime illustrazioni. Sicuramente non è un must have, ma nemmeno da evitare.

    RispondiElimina