giovedì 23 maggio 2013

Terra Mystica - Prime impressioni


scritto da polloviparo.

Qualche giorno fa nelle prime impressioni di The great Zimbabwe, scrivevo che fra i “must have” di Essen di quest’anno, ossia: “Keyflower, The Great Zimbabwe, Tzolkin e Terra Mystica” mi mancava da provare proprio quest’ultimo e che avrei rimediato!
Ecco fatto, finalmente sono riuscito a provare Terra Mystica!
E' stata davvero una lunga corsa. Ad Essen non l'ho preso aspettando di leggere qualche feedback. Dovevo prendere la copia Cranio a Modena, ma poi per una serie di eventi è saltata (leggansi poche copie disponibili).
Poi sembrava dovesse arrivare in negozio, ma è slittata all'estate...
Ora finalmente grazie alla Z-MAN games il gioco è disponibile in quantità sul mercato e ho potuto finalmente mettere le mani sulla mia copia
A questo punto potrei condividere le mie impressioni con voi, anche se devo ammettere che c’è un pensiero che mi frena un po’…
Il pensiero che mi frena è il seguente: “Terra Mystica è uscito da ormai un anno e se ne è parlato su siti, forum, blog, in abbondanza e io mi chiedo cosa mai potrei aggiungere io che non sia già stato detto?”
Anche il nostro Fabio, aveva scritto una corposa anteprima che potete trovare qui.



Quindi, se io vi dicessi che la componentistica è superlativa, una delle migliori che mi sia mai capitato di trovare in un gioco EURO (non prendo a termine di paragone giochi americani e miniature perché sarebbe fuori luogo), probabilmente mi direste che voi già lo sapete.
Una scatola bella profonda, con le sette schede bifacciali delle quattordici razze, la plancia, tonnellate di legno, addirittura i componenti in sette colori diversi pur essendo il gioco per massimo cinque giocatori, in modo che il colore sia correlabile alla razza scelta.
Tokens, tokens e ancora tokens… una gioia per gli occhi… ma voi già lo sapete….


N.B. Taaaannnto materiale si traduce in taaaannnto spazio necessario, quindi, specie se in più giocatori, preoccupatevi di avere una tavola bella larga!

Se io vi dicessi che si tratta fondamentalmente di un gioco di civilizzazione, con elementi di gestione risorse ed una ambientazione fantasy puramente di facciata, piuttosto astratto… un gioco in cui i giocatori devono sviluppare la propria razza costruendo edifici sulla plancia… dedicandosi al culto degli elementi (fuoco, terra, aria, dire, fare, baciare, lettera e testamento…) già… lo sapete.
Un gioco dove le razze sono asimmetriche, hanno poteri dedicati e alcuni sostengono che siano sbilanciate, mentre altri che hanno molte partite all’attivo, sostengono, al contrario, che siano bilanciate, ma occorra capire come sfruttare al meglio le singole potenzialità.
Un gioco che ha avuto una gestazione di circa 10 anni e che vede fra i playtester un certo Uwe –Agricola, Le Havre, Ora et Labora- Rosemberg.

Un gioco impegnativo, sicuramente non adatto ai giocatori occasionali, ma puramente e squisitamente per gamers. Un gioco dal regolamento piuttosto complesso, che necessita di una spiegazione sicuramente articolata, tanto che alla prima partita si ha quasi la sensazione che duri più la spiegazione della partita stessa.
Un regolamento all’apparenza complesso per un gioco che dopo un paio di turni vi sembrerà fin troppo semplice…

Ma già lo sapete.

Se vi raccontassi che si tratta di un gioco che probabilmente non porta con se alcun vento di novità, ma miscela sapientemente meccaniche già viste, potreste rispondermi, oltre che lo sapete già, che si tratta di una frase troppo abusata ultimamente che vediamo scritta in un sacco di recensioni.
E allora mi sembrerebbe di essere banale, mi sembrerebbe di proporvi la solita minestra riscaldata, un copia incolla di mille altre recensioni.

Perché dovrei dirvi che giocando a Terra Mystica è facile e in alcuni tratti divertente, scovare e riconoscere delle meccaniche già utilizzate in altri giochi…
Se vi dicessi che mi ha ricordato i Coloni di Catan per l’aspetto visivo del materiale, probabilmente mi prendereste per pazzo…
“Eppure le casine sono quelle e anche i ponti ricordano le stradine…” … “Sì ma non vorrai mica mettere i coloni di Catan con Terra Mystica!” … “Si, ma ci sono gli esagoni…” … “Ma qui non ci sono dadi e poi si terraforma…”

TERRAFORMARE ecco la parola d’ordine di Terra Mystica…

Quasi un neologismo, tanto che se scrivete questa parola in Google cominciano ad uscire dei pianeti, ma il termine esiste perché come ci spiega wilkipedia:

“La terraformazione (o terraforming in inglese) è un ipotetico processo artificiale atto a rendere abitabile per l'uomo un pianeta o una luna, intervenendo sulla sua atmosfera - creandola o modificandone la composizione chimica - in modo da renderla simile a quella della Terra ed in grado di sostenere un ecosistema. La terraformazione è molto al di là delle possibilità della tecnologia odierna e gli studi su di essa sono per ora speculativi.”

Ma qui non si tratta di pianeti, si tratta di trasformare pianure in deserti o pianure in montagne per renderle adatte all’insediamento della nostra razza.

Quali saranno mai queste razze, se non le più classiche provenienti dalla letteratura fantasy, quali nani, giganti, halflings, ma anche perchè no nomadi, fachiri, ingegneri e allora perché non buttare dentro anche architetti, imbianchini, postini mi chiedo io..

Ma voi sapete già tutto….

Perché mai dovrei dirvi che mi ha ricordato Hansa Teutonica per il modo in cui i pezzi che si rimuovono dalla plancia personale aumentano le risorse a propria disposizione…
Io dico Hansa Teutonica, ma qualcun altro potrebbe anche dire Eclipse…
Perché dovrei dirvi che la scalata nei culti mi ha ricordato il recente Tzolkin, ma sono sicuro che se andassi a scavare troverei altro…
Una razza fantasy che si espande su un territorio potrebbe ricordarmi anche Smallworld… o forse no?
Il modo di utilizzare l’acqua poi mi ricorda il sempre recente The Great Zimbabwe, ma qui interviene un interrogativo.
Entrambi i giochi sono stati presentati quest’anno è se è vero che Terra Mystica ha avuto una gestazione di tanti anni, chi avrà copiato da chi?
Esistono forse altri giochi che usano la stessa meccanica e ora non mi sovvengono?
E’ nato prima l’uovo o la gallina?


Andiamo avanti…

Inutile perdere tempo a raccontarvi che il gioco ha una forte interazione, ma totalmente di tipo indiretto.
Si combatte per le posizioni migliori, per le azioni esclusive, nella scalata ai culti, nel cercare di avere la città più estesa possibile (chi ha detto Ticket to ride? Silenzio là in fondo!), ma non ci si fa la guerra…
Tanto lo avete già letto da qualche altra parte..
Così come avete già letto che l’interazione invece è ben presente perché oltre a questi aspetti c’è anche la necessità di stare “vicini vicini” come direbbero due simpatici cagnolini in una puntata di paperissima…
Perché se non si sta vicini vicini… la roba costa un sacco e poi non si guadagna potere!

Avrete letto che proprio per questo motivo il gioco resta godibile anche in due, sebbene non sia stata studiata nessuna riduzione della mappa o qualsiasi altro espediente a favore della scalabilità.
Scalabilità sulla quale nutro qualche perplessità, soprattutto nella partita a due, ma non ho provato e quindi non ho voce in capitolo…

Resta il fatto, che seppur con forti elementi di confronto, la sensazione di giocare in multisolatiario permanga. 

Potrei parlare del fatto che il gioco tutto sommato non abbia una durata proibitiva, visto che comunque la partita si articola in sei turni.
Potrei parlare del fatto che in ognuno di questi turni ci sia una tessera che vi dirà come fare punti e che le azioni andranno eseguite una alla volta, fino a quando tutti i giocatori avranno passato.
Potrei dirvi che sarà quindi necessario ottimizzare la vostra strategia, cercando di fare conciliare le vostre esigenze di costruzione con i tempi dettati dal gioco.
Se costruire la fortezza mi darà dei punti extra nel turno successivo, anche se avevo intenzione di costruirla nel turno in corso, probabilmente mi converrà aspettare.

Potrei raccontarvi che le azioni possibili sono otto: Terraformare, migliorare una struttura, progredire nella navigazione, nella capacità di terra formare, dedicarsi ai culti, utilizzare il potere, utilizzare le azioni speciali e ovviamente passare.
A proposito il primo a passare diventa il primo giocatore (sono sicuro che questa non l’avete mai sentita!)
Non starò neanche a descriverle perché tanto le avete già lette in altre recensioni.
Altrimenti potrei descrivervele utilizzando degli acronimi per risparmiare tempo e parole e così i Punti Potere diventerebbero PP e i Punti Vittoria PV…
Così dovrei dirvi che quando costruirete, dovrete stare attenti, perché se siete adiacenti ad avversari, loro guadagneranno dei PP, ma dovranno pagare dei PV, voi invece farete più PV quando riuscirete a fondare la vostra C.


Come cos’è “C”? Città no… mi sembrava così semplice!!!

A proposito di PP, ho trovato invece molto intrigante il modo in cui l’energia passa da una vaschetta all’altra prima di poter avere l’energia disponibile…. No adesso non venite a dirmi MANCALA,  perché poi qualcuno potrebbe tirare in ballo Trajan e non ne usciamo più.
E poi qui non si abbandonano dei sassolini lungo la strada e quindi il paragone è fuori luogo!

E poi lo vogliamo dire o no quant’è bello dopo aver costruito la casettina e il trading post, buttare su la propria fortezza o il proprio Santuario che oltretutto ci da una bella TB! (pssst pssst TB è Tessera Bouns…)

E poi lo vogliamo dire o no come sia bello scegliere la propria pergamena che ci darà dei bonus per il turno in corso e restituirla quando si passa, scegliendone una nuova fra quelle disponibili… come dite? Si fa qualcosa di simile anche in VANUATU? Lì ci sono dei personaggi e non delle pergamene, smettetela di cercare delle somiglianze dove non ce ne sono!

Di cosa stiamo parlando se voi sapete già tutto, avete letto già tutto, ve lo ha raccontato il vostro migliore amico, vi ha fatto provare il gioco vostro cugggino (sì con tre G).


Sapete già che Terra Mystica al di là di tutti gli scherzi e le battute è probabilmente (e sicuramente per il gusto di chi scrive) il miglior gioco del 2012?
Sapete già che è un gioco molto gratificante, a fattore alea praticamente nullo, molto equilibrato e con molti percorsi per fare punti?
Sapete già che il limitato numero dei turni in alcuni casi lascia la sensazione del “avrei voluto fare di più”, ma si traduce anche in una durata del gioco abbordabile?
Sapete già quanto alta sia la rigiocabilità per via degli elementi di setup variabili e per le numerosissime razze che rendono possibili diverse esperienze di gioco?

Insomma se siete degli amanti del gioco German, nella sua forma più classica, Terra Mystica è assolutamente da avere, ma io... COSA VE LO DICO A FARE, visto che SAPETE GIA' TUTTO!!!!

P.S. Per concludere, visto che ora ho provato tutti e quattro i titoli voglio stilare la mia mini classifica:

1. Terra Mystica - Giocone con una componentistica superlativa
2. The Great Zimbabwe - Altro giocone, ma secondo a Terra Mystica per la componentistica.
3. Tzolkin - Questa volta  forse è addirittura la componentistica a impattare più del gioco, ma comunque un titolo molto valido.
4. KEYFLOWER - Più leggero, ma non per questo meno divertente, perfettamente giocabile anche in 6 (cosa da non sottovalutare).




Visto che è già un po’ che se ne parla e come era logico aspettarsi visto l’enorme successo, è in fase di preparazione la prima espansione.
D’altronde quando si ha per le mani una gallina dalle uova d’oro è bene farle fare più uova possibile.
Dalle voci trapelate si dice che siano in fase di test nuove carte Bonus, Città, tessere Punteggio e condizioni di punteggio a fine partita.
Non mancheranno ovviamente nuove razze che a quanto pare saranno 6, oltre a due nuovi tipi di terreno, anzi circolano già dei nomi che sono i druidi e gli accoliti.
Vedremo se sarà possibile metterci le mani sopra ad Essen di quest'anno.

Per concludere i dati comunque parlano da soli, nel momento in cui scrivo Terra Mystica ha già raggiunto la 20 posizione della classifica di BGG.

La mole di materiale, fa sì che il prezzo sia piuttosto impegnativo, attualmente sul sito della Cranio Creations la versione italiana viene pubblicizzata ad un prezzo di circa 60 euro.
Per chi non ha la pazienza di aspettare che questa raggiunga il mercato, per l'edizione Z-MAN sono richiesti invece circa 70 euro.
Anche se sono tanti soldi, mi sento di dire che in questo caso il prezzo vale la candela!

Il gioco è disponibile da Egyp.

-- Le immagini sono tratte da BGG. Tutti i diritti sul gioco appartengono all'Autore ed alla Casa editrice. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

9 commenti:

  1. Concordo sulla componentistica davvero imponente, per il resto parliamone.

    Solitamente valuto un gioco sulla impressione che mi lascia a fine partita e sulla voglia di tornare a giocarci a breve per scoprire nuove strategie e tattiche.

    Al termine delle partite di TM tutto questo non è avvenuto: stiamo parlando di un bel gioco per carità ma da parte mia non è il capolavoro. Tante le idee ma nessuna vera novità.
    E tra TM e The Great Zimbabwe scelgo assolutamente quest'ultimo per il gusto ed il piacere di giocarci e per la profondità di strategie e tattiche che ha.

    In sintesi ritengo che le meccaniche di un gioco debbano essere più premianti rispetto agli aspetti di componentistica.

    La mia personale classifica è quindi la seguente:
    1) The Great Zimbabwe
    2) Keyflower davvero divertente e "bastardo"
    3) Tzolkin
    4) Terra Mystica

    RispondiElimina
  2. Come sempre recensione molto divertente del Pollo.
    Avendo provato anche io tutti e 4 i titoli sono perfettamente in linea con la classifica che ha inserito nel suo articolo. L'unico elemento sul quale mi distaccherei è Keyflower che, a gusto personale, non mi è per niente piaciuto.
    Se vogliamo valutare la rigiocabilità sia tecnica che in termini di voglia di riprovarlo, vince a mani basse Terra Mystica. Poi, che sia un mix ben riuscito di meccaniche viste da altre parti, sono pienamente d'accordo, ma anche miscelare sapientemente ingredienti già esistenti è una capacità mica da poco (in fondo una torta si fa in linea di massima con farina, latte, zucchero, uova e poco altro, ma c'è torta e torta!).

    RispondiElimina
  3. gran gioco sì, ma anch'io metto The Great Zimbabwe un gradino sopra.
    Agzaroth

    RispondiElimina
  4. Tutto quello che di legno c'è nella scatola è brutto e fatto male.
    Non una casetta uguale all'altra, tagliate e rifinite pure male.
    I colori, spesso sbiaditi o diversi da pezzo a pezzo.
    Questi sono i buoni materiali? Parliamone.
    Poi che ci sia tanta roba dentro è vero, quello che invece è di cartone è di buona fattura.

    RispondiElimina
  5. ...e bravo pollo!!! sempre piu furminato sei!!! cosi un cio' capito na mazza sulle regole del gioco perche' io leggo te e solo te per le recensioni dei giochi...perche' tu sei il mio idolo, la mia icona, il mio santo!!! =P
    ma di che!!!!!!!
    insomma sto terra mystica le' un bell'arrosto....ma mi sa che finche un lo provo col cavolo che lo compro...e mi sa che finche' il pargolo non ha l'eta' per giocare a memoir 44 o eclipse...un se ne parla!!! ahahahah
    scherzi apparte anche gli altri giochi nella classifica mi piacerebbe provare...perche' mi ispirano tutti....
    ma ho anche troppi giochi comprati ancora da provare..e mi sono messo il veto...che se non provo non compro piu!!! (oltre a voler provare prima i giochi comprati che mi sono belle scordato le regole gia' lette piu e piu volte -_-)
    senza aggiungere la mancanza di tempo e alla congiunzione astrale con gli amichetti di gioco...e poi ho eclipse e la sua mega espansione!!!
    saluti Stefano

    RispondiElimina
  6. Grazie Bruces per aver condiviso le tue opinioni.
    Partendo ovviamente dal fatto che si tratta di una “mini classifica” di personalissimo gradimento e in quanto tale è normale (e lecito) che l’ordine non sia uguale per tutti, rimango fedele alla mia scelta.
    Anche per me ha un peso la voglia di rigiocare che mi lascia un titolo e in questo caso, parlando di Terra Mystica e The Great Zimbabwe, direi che la voglia di cimentarmi in un’altra partita è alta per entrambi.
    Anch’io metto in primo piano le meccaniche di gioco alla componentistica, non a caso Tzolkin occupa solo la terza posizione.
    Reputo il livello di sfida molto interessante sia per Terra Mystica che per The Great Zimbabwe, al pari del senso di appagamento che una partita restituisce.
    Al contempo non me la sento di chiudere totalmente un occhio su una componente grafica che reputo inaccettabile nel 2013.
    Inoltre, per quanto io apprezzi questa tipologia di giochi, trovo TGZ molto “calcoloso” il che rende necessario, oltre alla gente giusta, anche della “serata giusta” per poter essere apprezzato a pieno.
    Quindi tutto sommato, essendo TM leggermente più semplice, l’ho trovato forse un filino più fruibile e divertente.
    E’ una di quelle sfide vinte al fotofinish, per solo qualche millesimo di secondo, ma dovendo sbilanciarmi per me vince TM.
    Il fatto che non contempli elementi di novità assoluta per me non è un difetto.
    Giacomo (che ringrazio per i complimenti) con l’esempio degli ingredienti e delle torta, mi ha praticamente tolto le parole dalla bocca.
    Ultimamente, vedo quasi una ricerca ossessiva del “fattore novità”, tanto poi da chiudere un occhio su eventuali pecche del gioco (sia chiaro non è il caso di TGZ).

    RispondiElimina
  7. Agzaroth, sapevo che anche per te i gradini erano invertiti, avendo letto le tue ottime recensioni sulla TdG (ne approfitto per farti i complimenti) in cui avevi votato rispettivamente 9 per TGZ e 8 per TM.
    Plombiers, per curiosità tu che edizione hai acquistato di Terra Mystica?
    Io ho quella della Z-MAN e le casettine sono tutte uguali. Anche i colori non presentano particolari problemi, quindi non saprei che dirti…
    Stefanooooo grazie per i complimenti (perché sono complimenti vero?), anche per il “furminato”!
    Scherzi a parte, a volte quando scrivo mi piace ironizzare un po’, anche perché visto che stiamo parlando di giochi, tanto vale giocare fino in fondo!
    E poi a prendersi sempre sul serio e a fare solo recensioni ultratecniche, si finisce con l’apparire gli “ultrasaccentoni super illuminati” che è un titolo che assolutamente non mi aggrada!
    Sì questo Terra Mystica è un bell’arrosto, ma di quelli buoni però…
    E poi meglio l’arrosto del fumo non trovi? ;)
    Questa volta non ho voluto appositamente scrivere niente sulle meccaniche, anche perché riassumere tutto sarebbe stata un’impresa titanica.
    Considera comunque che è un gioco in cui fondamentalmente devi sviluppare il tuo insediamento sulla plancia, quindi parti con due casettine e a mano a mano andrai a costruire strutture più complesse.
    Le strutture necessitano di risorse (più che altro lavoratori e soldi, coerente no?).
    Inoltre puoi dedicarti ai culti, sacrificando dei sacerdoti.
    A mano a mano che rimuovi gli edifici dalla tua plancia personale aumenti le tue “income” (rendite), concetto che ad un appassionato di Eclipse come te dovrebbe essere chiaro :)
    Ad ogni turno si hanno delle tessere che incentivano la costruzione di qualcosa tramite l’assegnazione di punti e delle pergamene che assegnano dei vantaggi esclusivi ai giocatori.
    Aggiungi delle tessere bonus ottenute per la costruzione di determinati edifici (religiosi) che danno dei boost sulle track dei culti e altri vantaggi.
    A fine partita vengono premiate le posizioni per ogni culto, proporzionalmente alla posizione più alta e l’estensione più ampia sulla plancia.
    L’estensione è data da adiacenze dirette e indirette (vedi il regolamento per ulteriori dettagli).
    Sempre sulla plancia personale si può progredire in tracciati che permettono di ottenere pale per terrraformare (ossia rendere il terreno adatto ai propri insediamenti) e la navigazione (per migliorare l’adiacenza tramite acqua) con un dispendio inferiore di risorse (oltre che dei punti).
    Infine trovi l’energia spendibile per azioni bonus o da scambiare per sacerdoti, lavoratori, ecc…
    So che è poco, ma spero di avere aggiunto qualcosa che ti può aiutare a capire di che gioco si tratti.
    Se aspetti che il pargolo impari a giocare ad Eclipse, la vedo un’attesa piuttosto lunga, anzi occhio perché il gioco che può fare ora è quello di mangiarsi le astronavine e i cubetti!
    Sul veto all’acquisto è la solita storia… sai quante volte me lo sono posto, ma poi si accende quella dannata vocina!
    In linea di principio è giustissimo provare quello che si è già acquistato prima di buttarsi in giochi nuovi.
    Anzi sarebbe ancor più giusto approfondire anche i titoli invece di volerne provare sempre dei nuovi, ma cosa vuoi che ti dica… ormai gira così…
    Mi sa tanto che sono irrimediabilmente quello che Fabio definirebbe un sommelier ;)

    RispondiElimina
  8. Io con Terra Mystica ho avuto solo una esperienza di gioco e non ne sono rimasto troppo entusiasta, o almeno non tanto da prenderlo. Mi ha confermato la personale sensazione di poca 'brillantezza' (o innovatività) che mi aveva già suscitato quando avevo letto le regole prima di Essen, tanto che in Germania non lo avevo preso (a 55 euro). Capisco nel contempo come il gioco sia solido e l'idea delle razze diverse sia intelligente e doni durevolezza al tutto. Diciamo che non si è rivelato, stranamente, la mia 'cup of tea', pur avendone gli astratti presupposti ;)

    RispondiElimina
  9. La versione "nostra" diciamo, è quella della tana dei Goblins di Pisa presa da me direttamente ad Essen.
    Abbiamo giocato una partita ieri sera e ancora mi trovo infastidito dai materiali, al di là del design degli edifici che trovo abbastanza brutto.
    I cilindretti dei punti prestigio, quelli viola per capirsi, sono uno diverso dall'altro.
    La stessa cosa per i lavoratori, in teoria cubatti bianchi, che invece sono neutri, lasciati cioè color legno (poco male) e tagliati piuttosoto male.
    Per € 55 pretenderei un pò più di cura.
    ALla prossima manifestazione mi guarderò meglio se alla Cranio le nuove stampe son migliori.

    RispondiElimina