mercoledì 31 luglio 2013

Recensione - Kniffel das Kartenspiel

Recensione - Kniffel das Kartenspiel di Nero79

Oggi vi parlo di un gioco che ha stupito un po' tutti nel mio gruppo di gioco qui in Germania diventando una hit dell'estate come quei tormentoni da Festivalbar (o manifestazione equivalente moderna).
Dopo l'ennesima partita a Brügge in cui chi ha perso rifletteva su quanta strategia fosse pianificabile in quel gioco (tra parentesi a me piace un sacco, comunque...), Joachim tira fuori questo astrattissimo gioco tra le risate di tutti visto che si trattava del "gioco di carte dello yahtzee" (in tedesco conosciuto come Kniffel).

Scopro su boardgamegeek che Kniffel das Kartenspiel, gioco per 2-4 giocatori pubblicato in Germania dalla Schmidtspiele è in realtà una reimplementazione di Perpetual-motion Machine, un gioco del 2010 dell'americano Ted Alspach.



L'editore tedesco preferisce togliere del tutto l'ambientazione posticcia dell'originale, che vedeva i giocatori cercare di mantenere in funzione l'invenzione di un sedicente inventore/truffatore in modo da ingannare il pubblico e creare un gioco asciutto e senza anima come solo i teutonici sanno fare. Hanno anche sistemato alcune regole e aggiunto qualche cosa creando (secondo me) il sostituto definitivo della Scala 40.

Nella scatola
Nella scatola troviamo 4 plancette fronte/retro, 65 carte numerate da 1 a 13 in cinque colori, 72 cubetti bianchi. L'artwork è sicuramente poco accattivante (complice forse la mancanza di una ambientazione) ma decisamente funzionale per il gioco. Sulla plancia c'è qualche scritta in tedesco ma, se conoscete le regole, le assimilerete in fretta.

Il gioco
Ogni giocatore riceve una plancetta (di comune accordo si potrà decidere di giocare la versione semplice o quella avanzata). In alto sopra la plancetta mette un certo numero di cubetti in base al numero di giocatori in una riserva che chiameremo "magazzino". Dal "magazzino" prende 3 cubetti che può posizionare sulla propria plancetta negli appositi spazi dove vuole. Questi spazi cambiano le regole base del gioco lasciando determinare ad ogni giocatore una propria strategia. Ogni giocatore in base a dove avrà piazzato i 3 cubetti potrà pescare solo un certo numero di carte dal mazzo coperto, un certo numero di carte invece da una fila di carte scoperta. Avrà poi magari un diverso limite di carte che potrà tenere in mano o un maggior numero di cubetti presi dal "magazzino" e messi in "riserva" pronti per essere usati... insomma non ci avete capito nulla eh? Sembra complicato ma non lo è.

Lo scopo dei giocatori è quello di riuscire a piazzare sulla propria plancia tutti i propri cubetti. Per farlo è necessario prenderli dal magazzino e metterli in riserva. Quelli in riserva invece si potranno piazzare sugli appositi spazi nelle varie linee giocando i set di carte indicati in modo da avanzare nelle varie linee che garantiscono "poteri" sempre più forti (come ad esempio un limite di carte in mano più alto, la possibilità di pescare più carte dal mazzo coperto, la possibilità di pescare più carte dal mazzo scoperto o di convertire più cubetti dal magazzino alla riserva...)

Insomma il gioco sembra davvero una versione pimpata della Scala 40 in cui si pescano carte cercando di completare doppie coppie, tris, full e scale per poter piazzare i cubetti in riserva sulla plancia, oppure si decide di scartare carte per spostare i cubetti dal magazzino alla riserva preparandosi a piazzarli nei prossimi turni... se poi riuscite a scartare dalla vostra mano 5 carte uguali (5 numeri uguali nei diversi colori), farete yahtzee e potrete piazzare cubetti presi direttamente dal magazzino su un livello libero di una linea qualsiasi
(questa regola l'hanno aggiunta per giustificare il legame con lo yahtzee).

Interessante il fatto che ogni giocatore può sviluppare una propria strategia cercando di massimizzare un potere piuttosto che un altro, giocando quindi più volte sul raccogliere lo stesso tipo di set (non so un full o una scala): Necessaria parecchia attenzione perché in pratica a gioco avviato ognuno gioca con regole di pesca/conversione e carte in mano proprie... inoltre un piccolo difetto del gioco è il fatto che con tutto quel pescare e scartare finirete col mescolare e rimescolare il mazzo di 65 carte più e più volte durante una partita (soprattutto in 4 giocatori). Ad un certo punto qualcuno chiude (e vince) riuscendo a piazzare gli ultimi cubetti sulla propria plancia.

Impressioni
Un gioco arido come il Sahara ad agosto ma se riuscite a soprassedere alla mancanza di tema di un gioco di carte e cubetti e ai tempi morti dati dal dover resettare il mazzo decisamente spesso, avrete tra le mani ad un prezzo contenuto, un gioco davvero ben congeniato, che vi farà pensare e ripensare su quale sia la strategia migliore da adottare o quali siano i poteri migliori da prendere gratis a inizio partita.

Noi l'abbiamo provato già un po' di volte e non ci siamo ancora stancati... i rosiconi di Brügge sono persino arrivati a dire che questo è un gioco più tattico e strategico del nuovo gioco di Feld... di sicuro costa meno. Per me è un buon passatempo estivo da ritirare fuori se avete come ospiti dei nongiocatori miscredenti che non riescono ad andare oltre alla Pinnacola e i mazzi di carte da gioco francesi.

  
-- Le immagini sono tratte dal manuale, da BGG o dal sito della casa produttrice (Schmidt Spiele) alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

3 commenti:

  1. Nn cio capito na mazza!!!! Ma mi ispira uguale...piu che altro per proporlo alla moglie allergica a qualsiasi gioco (tranne, appunto, le carte) in attesa che il figlio cresca e per poi lei stara a gurdacci giocare a eclipse!!!! Muahahah...saluti Stefano.

    RispondiElimina
  2. Parade e Gold! sono due giochi di carte uxorofili e antiallergici con cui vai sul sicuro... il passo successivo è Jaipur... poi pian piano non dico che arriverai a poter giocare con lei a Eclipse ma meglio di niente!

    RispondiElimina
  3. Come giochi di carte per mogli e fidanzate, suggerirei Sei e Pinguin party, per poi passare magari a Coloretto e Mamma mia.
    Ciao

    RispondiElimina