giovedì 15 agosto 2013

Firenze Gioca - 21 e 22 settembre 2013

Il 21 e 22 settembre 2013 si terrà la manifestazione Firenze Gioca, ospitata all'interno del Teatro ObiHall: si tratta di un evento gratuito, che si svolgerà dalle 12 alle 24 del sabato e dalle 10 alle 20 della domenica, per proporre un insieme di eventi e proposte, che spaziano dal gioco libero, assistito grazie ad una ludoteca, alla torneistica, ad uno spazio prototipi nei quali saranno ospitati giochi in realizzazione e così via.

L'evento si è andato evolvendo nel tempo, iniziando come un qualcosa di costruito da un gruppo di amici, per assumere sempre maggiore importanza e frequentazione: leggo nel comunicato stampa che oramai sono diverse migliaia i visitatori che annualmente accorrono alla manifestazione.

Ne dò quindi notizia segnalando la cosa a tutti gli appassionati, segnalandovi il sito di Firenze Gioca per approfondimenti e riportando di seguito la loro breve descrizione della storia dell'evento.


Il progetto “FirenzeGioca” nasce dalla mente di Michele Comerci, giocatore e appassionato di giochi, intorno alla metà degli anni ’90 come contenitore del torneo “Città di Firenze” di Paroliamo e Contiamo.
Svolgendosi  ogni anno fino al 2001 in location “ufficiose”, l’evento comincia a raccogliere, edizione dopo edizione, un consenso sempre più ampio ed un numero di persone sempre maggiore desidera investirvi le proprie forze, dando corpo all’idea originaria.
E’ così che il 27 Novembre 2006, Michele Comerci insieme a Piero Santoni (“L’ingegneria del Buon Sollazzo”), Luca Simone Giovanni Betti, (“Chi non gioca di non tocca”), Mirella Vicini (“Stratagemma”), Stefania Tallone (“Le Spire del Drago”), Gabriele Vandini ed Elisa Sirna (“Risiko! Club Maledetti Toscani”), decidono di dare vita all’associazione senza scopo di lucro “ProGioco Firenze”, riuscendo insieme ad altri collaboratori, a catturare l’interesse di molte realtà ludiche e portando il progetto “FirenzeGioca” al raggiungimento di una propria “maturità filosofica” sempre più fortemente espressa col susseguirsi delle edizioni.
La manifestazione del 2007 sancisce il crescente desiderio di ampliare gli orizzonti, scegliendo come luogo ideale il teatro Saschall.
L’anno del “salto” risulta ricco di impegni, tra titubanze e scelte “politiche” importanti, ma lo staff ci crede e la manifestazione si consolida grazie alla presenza di oltre quattromila visitatori ed al lavoro di  tante associazioni che prestano gratuitamente la loro passione.
 Il Comitato Promotore festeggia la vittoria “portando in trionfo” coloro che hanno permesso una riuscita così straordinaria dell’evento: il Quartiere 2 di Firenze, che da sempre ha creduto e continua tutt’ora a credere in “FirenzeGioca”.
Di anno in anno la crescita è costante e nelle edizioni successive altre associazioni prendono parte alla manifestazione, apportando il loro indispensabile contributo con presentazioni di giochi inediti, realizzazione di tornei e conferenze intorno ai temi ludici da parte di esperti del settore. Il pubblico risponde in modo più che positivo e ad ogni festa la partecipazione aumenta, riconfermando le classiche attività permanenti (ludoteca con prestito e dimostrazioni di giochi da tavolo e di società, rievocazione storica e Fantasy, Gioco di Ruolo da tavolo e live, gare di giochi di abilità, tornei, spazi per i piccoli giocatori (5-10 anni) con attività dedicate) ed introducendo novità importanti che, edizione dopo edizione, arricchiscono sempre di più il programma.
Ormai “FirenzeGioca” è diventata una tradizione per l’ambiente ludico toscano e per tutte le persone che annualmente partecipano alla manifestazione.
È passata dall’essere una giornata per “pochi intimi”, al prestigioso evento che richiama pubblico da ogni parte d’Italia, mantenendo da sempre le sue peculiarità di “festa gratuita del gioco per tutti” e di cui il Comitato Promotore, ProGioco Firenze, il Q2 e tutte le associazioni che vi partecipano, non possono che andare fiere, rispondendo sempre più convinti e partecipi: “FirenzeGioca e io la fo giocare!”.

2 commenti:

  1. Quindi ci sarai?
    almeno ci vediamo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che per tutti gli eventi pre - Essen tutto dipende dalla disponibilita' di tempo nell'immediatezza. Per riuscire a concedermi la trasferta in terra di Cermania devo fare qualche sacrificio ... ;)

      Elimina