lunedì 23 settembre 2013

Essen 2013 e dintorni (X)

scritto da Fabio (Pinco11)

Ci avviciniamo rapidamente alla fiera più importante dell'anno e noto già alcune particolarità rispetto al 2012. Prima di tutto devo dire che stavolta il flusso di uscita dei manuali è decisamente più rallentato rispetto al passato, così come le uscite. Con questo voglio dire la marea editori dei titoli che arrivano annualmente sui tavoli della manifestazione (si parla di almeno 500 novità, anche se poi alcuni calcoli arrivano ad 800) si indirizza, a seconda di esigenze (vedi tempi di produzione) ed idee, verso strategie diverse, dove alcuni pensano sia utile essere già sul mercato entro Essen, mentre altri vogliono arrivare come totali sorprese alla fiera. La sensazione è che quest'anno ci sia la tendenza a giocare 'in difesa', ossia a rinviare alla manifestazione uscite ed informazioni precise: a supporto di quanto dico ricordo che lo scorso anno avevamo visto per esempio un Libertalia già in giro con copie di preproduzione nell'estate, così come un Leggende di Andor che spaccava e sfondava molto prima della fine di ottobre.

Quest'anno, ora come ora, le cose sembrano decisamente più ferme e non so se è un segno positivo. Vabbè, passiamo ora ai nostri consueti flash sulle principali uscite,  che è ciò di cui i lettori di queste carrellate vogliono prima di tutto aver notizia :)

Ystari

L'editore francese quest'anno promette di essere decisamente sugli scudi, perchè accanto all'attesissimo Spyrium proporrà una coppia di autori decisamente nota, ovvero da una parte il mitico Reiner Knizia e dall'altra il meno noto, ma interessante (in quanto coautore di KeyflowerSebastian Bleasdale, occupati insieme nella ideazione di Prosperity, titolo per 2-4 giocatori con partite da un'oretta in su. Il gioco mette i partecipanti nei panni di leader che devono programmare la crescita equilibrata di una grande nazione attraverso sette decadi, bilanciando la crescita della produzione di energia con l'ecologia.
Tra i materiali di gioco sono preannunciate numerose tessere, equamente ripartite tra i due settori in questione ed a livello operativo ad ogni turno, dopo aver prodotto un effetto fisso, ha a disposizione giusto due azioni a scelta tra le quattro disponibili: tra le azioni primarie vi è, naturalmente, l'acquisto di edifici, che deve essere però calmierato, visto il poco spazio disponibile per essi (spesso, così è preannunciato, si dovrà scegliere di 'coprire' precedenti edifici). A fine partita saranno presi in considerazione diversi parametri (ecologia, energia, capitali, ricerca e, naturalmente, prosperità), attribuendo così la vittoria.
Sono curioso di vedere come un 'astrattista' come Knizia abbia lavorato con il più estroso Bleasdale ..

Czech Board Games

L'editore ceco si è distinto negli scorsi anni per aver proposto titoli, diciamo 'alternativi', proponendovi, tra gli altri, di concorrere per avere un bell'infartino (Infarkt) o per bere come delle spugne (Czech Pub): quest'anno il tema prescelto è quello ospedaliero, con un party game a base di carte, dal nome Dr. Hrubec, ideato dall'esordiente Stepan Peterka. Il titolo, per 2-5 giocatori, vi mette nei panni di imprenditori nel settore ospedaliero che entrano in conflitto tra loro per comporre il miglior team di dottori: il fatto  è che  essi sono un attimino 'pazzerielli' (la frase pubblicitaria è un qualcosa del tipo: sono il dr. Hrubec. Non ho licenza di uccidere, ma può accadere. Qualche volta un intervento chirurgico diventa un'autopsia. Alcolisti, mutanti, mucche pazze. E, soprattutto, qualcuno mi ha ancora tolto la licenza..), così come bizzarri sono i casi che gli sono presentati ed i metodi utilizzati per fermare gli avversari, con furti di pazienti e, quando capita, anche attacchi diretti.
Che è un qualcosa di goliardico l'avrete capito: se è la vostra cup of tea lo sapete voi ...

Flatlined Games

Questa presentazione la dedico all'amico Matteo, che ogni volta che ci si vede vorrebbe mettere sul tavolo, anche fossero le 3 di notte, il vecchio Richechet Robot. Questo Twin Tin Bots, ideato da Philippe Keyartes, riprende infatti il tema dei robottini, proponendo ai giocatori (da 2 a 6) la sfida di competere per raccogliere minerali su di un pianeta. La cosa avviene procedendo ad ogni turno a preprogrammare i movimenti e le azioni, trovandosi nel corso dell'esecuzione però di fronte alle impreviste (!) azioni altrui, che possono un attimo influire sugli effetti di quanto settato. A questo aggiungiamo che di turno in turno la sequenza di azioni può essere limitatamente modificata, per cui comprendiamo come il gioco non sia esattamente matematico come Ricochet ... ;)

Gry Leonardo

La Polonia sembra esser diventata grosso centro produttivo per le case editrici di boardgames: la Gry Leonardo, che ricordo per i loro Magnum Sal e Mare Balticum, esce quest'anno con un gestionalino a base di carte (è il trend del 2013, l'avrete ben capito ...), dal nome Letnisko, ideato da Karol Madaj (già autore di Kolejka). I giocatori, da 2 a 5, si fronteggiano in questo titolo indipendente dalla lingua, sullo sfondo di una località turistica polacca degli anni '30, dovendo gestire i resort turistici (destinati ad un target di clienti molto ricchi, come era quello dell'epoca), sviluppandoli in modo tale da attrarre clienti, che giungono in treno, e guadagnare il più possibile.
 Si parte con due trippolini ometto ed una casetta e si deve cercare di fondare il nuovo Club med ... ;) Semplici sono dichiaratamente le meccaniche, per un target  di pubblico ampio: sono, lo ammetto un attimo curioso ...

Clicker Spiele

Per ora l'editore tedesco ha messo a disposizione solo le regole nella propria lingua per il suo Cafè Melange, ideato da Stefan Riedel (noto per Schinderhannes), titolo per 2-4 giocatori che promette di farvi puntare sulle vostre capacità logiche. 
Il gioco infatti, ambientato nel 1910, a Vienna, vi propone di sfruttare la presenza nel bar Centrale della città di diverse personalità (Freud, Adler, ...i), attirando così clientela che può gradire di sedersi nei tavoli vicini al loro. Come tutte le personalità, però, questi volti noti hanno ben precise preferenze (io mangio solo in tavoli quadrati ...), che devono essere conciliate al meglio, per ospitare in sala più persone possibili ...
Curioso tema di fondo per un titolo che promette riflessione ed astrazione ;)


Hurrican

L'editore svizzero propone una nuova variante sul tema Mr Jack, nella quale due giocatori si affrontato, in un sistema asimmetrico, con sullo sfondo l'organizzazione di un'opera: uno dei partecipanti vuole sabotarla (assumendo il ruolo del Fantasma, impersonando uno degli otto protagonisti), mentre l'altro è l'investigatore che deve smascherarlo.
Schema di gioco classico, con diverse interessanti varianti, il tutto con un piccolo tabellone di gioco e diverse carte.
Sempre la coppia Cathala - Maublanc è dietro all'ideazione del titolo.

-- Immagini tratte dai siti delle rispettive case e/o da manuali o dalla fonte citata nell'articolo. I diritti sui giochi citati spettano ai rispettivi autori ed editori. Le immagini saranno rimosse su semplice richiesta ove non ne sia gradita la messa online qui.


1 commento:

  1. Dr. Hrubec acquisto sicuro dopo aver preso infarkt non posso mancare..
    Letnisko posso dire che è interesante,a secondo del tempo arriveranno o meno turisti e noi dovremo essere pronti ad accoglierli potrebbe assomigliare a titoli del genere come hotel samoa ma a differenza di quest'ultimo lo trovo piu tattico e completo e visto il costo ve lo consiglio.
    Unica cosa che mi fà storcere il naso e il token presidente che avantaggia un po' troppo chi è in testa

    RispondiElimina