sabato 19 ottobre 2013

POLCAST - il podcast del pollo (puntata 03)

scritto da polloviparo.

L'argomento di oggi è: "I giochi da tavolo è il gentil sesso".

Ciao a tutti, ed eccoci al terzo appuntamento (chi l’avrebbe mai detto) del polcast, l’unico, l’inimitabile, il fantasmagorico, il superstellare, il ….

“Ok dacci un taglio, hai reso l’idea, vediamo di andare avanti…”

Il pollo e superNerd anche oggi sono qua per voi.
Visto che un antico detto dice “se non puoi sconfiggerli fatteli amici”, ho deciso di invitare il nostro carissimo amico da subito (così ci togliamo il dente e non ci pensiamo più…)

“Non far tanto lo spiritoso tu, piuttosto qual è l’argomento di oggi?”

“Ah sì, l’argomento di oggi è molto interessante ed è…”

“Aspetta prima mandiamo la sigla!”

TA TA TATA TA TA TATA TARATATA TA TA TATA TARATTTTATTTTA

I GIOCHI DA TAVOLO E IL GENTIL SESSO





“EVVAIII!!!! E finalmente anche su questo blog si parla di FIG…”

“NOOOOO…. FERMO!!!! NON LO DIRE!!!! Ci leggono anche i bambin….”

“…HISSIMI ARGOMENTI!!!! Cosa stavi dicendo pollo?!? Scusa, ma cosa avevi capito?”

“No niente è che pensavo che… lasciamo perdere…”

“Ahhhh ho capito… tu avevi paura che io dicessi quell’altra cosa lì FIG…”

“NOOOOO…. Sono sicuro che da casa tutti hanno capito non c’è bisogno di finire la frase!!!”

“Oh ma che paura hai?!? Guarda che non morde mica…”

“Lo so, lo so… è solo che questo è un blog di giochi da tavolo serio e se iniziamo ad essere scurrili poi si abbassa il livello culturale e io troverei la cosa disdicevole, oltre che irritante…”

“Scurrili… disdicevole… irritante… ma cosa vieni direttamente dal 1800?!? Hai salutato Giuseppe Mazzini questa mattina prima di uscire di casa?”

“E cosa dovrei dire scusa?”

“Beh ad esempio invece di irritare potresti usare INCAZZA…”

“Ok, ok, hai reso l’idea…”

“Ma quante storie… una volta che si parla finalmente di donne, non si può nominare neanche quella cosa lì… neanche avesse mai ucciso qualcuno… magari si diventa ciechi, ma morire…”

“Ma cosa diamine stai dicendo?”

“Ecco l’hai fatto ancora, diamine ma vuoi dire CAXXO una volta per tutte!!!”

“AH AH AH è scattata la censura!!! Grazie tecnico audio per l’aiuto e ora smettiamola con questi stupidi battibecchi e passiamo a trattare l’argomento di oggi in modo più serio. Il nocciolo della questione è quanto alle donzelle piaccia giocare.
Personalmente quando ho proposto di giocare a coppie di amici completamente estranei a questo mondo, ho riscontrato un pari interesse ed apprezzamento sia nel lui del caso che nella lei della situazione.
Al contempo però noto che quando partecipo a serate di gioco in circoli, ludoteche o che altro il rapporto donna/uomo è sempre molto sbilanciato a favore di quest’ultimo.”

“E te lo credo, se avete paura anche soltanto a nominarle quelle parole lì, come potete pensare di farle partecipare alle vostre serate di gioco…”

“No guarda, te l’ho già spiegato che non è paura di nominarle, si tratta semplicemente di mantenere la discussione entro un limite accettabile di decenza…”

“Ma voi scusa a cosa giocate quando vi ritrovate in ludoteca o al circolo alla sera, perché se giocate a 1830 te lo dico che non vengono, magari se provate con un Ticket to ride…”

“Grazie super NERD, questa volta mi hai dato un assist, spostando la discussione su un punto interessante: la tipologia di giochi. E’ innegabile che ci siano giochi più indicati per il gentil sesso che solitamente sono quelli più colorati e leggeri. Sarà più facile che riusciate a far appassionare una ragazza che non ha mai giocato a giochi da tavolo facendole provare che ne so un Takenoko piuttosto che un Runewars.
Diciamo che i wargames in genere e i giochi azionari particolarmente complessi, da quello che ho visto, esercitano lo stesso fascino sulle ragazze di una tarantola ad un aracnofobico…”

“Ehi bello parla per te, la mia morosa gioca a Zombicide con me! E’ lei a chiedermi di giocare, no cioè non so se mi spiego…”

“Mai sentito dire Dio li fa e poi li accoppia ? Comunque guarda non è la regola è semplicemente un dato che ho constato e mi sono permesso di esprimere. Mi riferisco poi alle prime esperienze, poi magari si appassiona e lei stessa preferisce fare qualcosa di più profondo.”

“Quindi dopo Takenoko un bel Here I stand?”

“beh adesso non esageriamo, ci dev’essere un approccio graduale. Guarda ti posso dire che mia moglie, pur non essendo un’appassionata sfegatata di giochi da tavolo, generalmente gioca con piacere. Sono riuscito a farle provare titoli come Through the ages e addirittura il sopra citato Runewars. Ha giocato a Battlelore, Terra Mystica e altri titoli piuttosto impegnativi. Ho notato che a lei, come a molte altre ragazze di mia conoscenza, piacciono generalmente di più i giochi gestionali e di piazzamento.
Quando c’è una componente guerrafondaia o un regolamento particolarmente cavilloso invece tende a storcere il naso. Può adorare un Village, tanto quanto può disprezzare un Age of Steam. Poi ripeto non è assolutamente la regola…

“Ma tua moglie non viene alle serate di gioco?”

“No, abbiamo un bambino di sette ed una bambina di tre anni e quindi spesso e volentieri preferisce stare a casa con i bimbi. Alcune volte, quando i bimbi restano dai nonni però viene volentieri”.

“Magari è così anche per gli altri…”

“No, guarda, vedo anche un sacco di ragazzi giovani… anzi diciamo che vedo prevalentemente ragazzi giovani… soprattutto ragazzi… ecco è questo il problema… vedo poche ragazze…”

“Cosa ti aspettavi di cuccare con i giochi da tavolo? Pensavi che invece di vieni a vedere la mia collezione di farfalle, tu potessi dire vieni a veder il mio Takenoko? Oddio adesso che ci penso potresti dire vuoi venire a vedere il mio BIG BAMBOO e se lei fa una faccia indignata a quel punto tiri fuori Takenoko, altrimenti se la vedi accondiscendente, ti slacci i….”

“Ma cosa sei un maniaco sessuale?!? Guarda non è che mi aspettassi di cuccare. Allora non mi ascolti quando parlo. Ti ho detto che sono sposato e felicemente anche! E’ solo che non mi spiego perché quando provi a far giocare a giochi da tavolo delle ragazze magari sono entusiaste, ma poi farle partecipare a serate o ad eventi ad hoc è veramente difficile…”

“Questa volta te lo spiego io! Giocare è ancora visto come una cosa da SFIGATO… scusa voglio parlare in modo che tu mi capisca da SOCIALMENTE DISADATTATO… e quindi figurati se le ragazze, specie se avvenenti e aspiranti a reginetta del ballo, possono abbassarsi ad una cosa del genere rischiando di beccarsi delle etichette… fare shopping FA FIGO… scusa E’ SOCIALMENTE  ACCETTATO, ma riunirsi in una sala piena di  NERD come noi….”

“Parla per te, NERD ci sarai tu…”

“Cos’è ti fa paura anche la parola NERD? Guarda che non è mica offensivo? E poi tu pensi di non essere nerd? Te ne stai seduto ad un tavolo a spostare dei cubetti di legno colorati o a spostare miniature di un druido, lanciando incantesimi a destra e a manca invece di stare seduto su di uno sgabello ad un bar con un boccale di birra in mano disquisendo sull’ultimo fuorigioco della tua squadra di calcio del cuore… se non sei un NERD… e poi ti stupisci che vedi poche FIG….”

“NOOOO!!!”

“..URE FEMMINILI alle serate di gioco”.

“Fiù… no è che pensavo che… vabbè lasciamo perdere, penso che abbiamo reso l’idea, vediamo un po’ cosa ci raccontano i nostri ascoltatori, se hanno fidanzate, mogli, amiche, che condividono con loro la passione per i giochi da tavolo e partecipano alle serate di gioco. Magari interviene direttamente anche qualche lettrice (non che a giudicare dai commenti sembrino esserci molte rappresentanti del gentil sesso che frequentano questo blog, avvalorando la mia tesi…) e ci dice la sua! Magari ci raccontano quali sono i giochi che preferiscono e scopriamo di esserci sbagliati o di essere noi l’eccezione…”

“Questa volta te lo dico io parla per te! Adesso infatti ti devo… scusate… vi devo salutare perché ho la morosa che mi aspetta per una partita a TIDE OF IRON…”

“Tide of Iron?!? Ma non è un gioco di guerra?”

“Te l’ho detto che sei te lo sfigato… mica io! Ciao bello!”

TA TA TATA TA TA TATA TARATATA TA TA TATA TARATTTTATTTTA



Link agli episodi precedenti:

POLCAST - 01
POLCAST - 02

11 commenti:

  1. Battlelore e runewars impegnativi????
    Ahahah....allora stalingrad poket e totaler krieg cosa sono?
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh volevo ovviamente intendere più impegnativo di un Ticket to ride o di un Takenoko, senza andare a scomodare titoli estremi.
      Comunque stalingrad pocket è il classico esempio di gioco che se lo proponessi a mia moglie me lo tirerebbe nella schiena...
      Il problema comunque non si pone, perchè neanche io sono particolarmente amante dei titoli che hanno come tema la guerra!

      Elimina
  2. Per qualcuna è impegnativo anche Takenoko... x me il primo gioco da proporre è Dixit: un successo con tutte le donne ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti io ho provato a proporlo...2 round ed è crollata (che schifo di gioco...meglio transamerica!)
      ecco, tutto finisce li..al maledetto transamerica!
      provato anche con Ristorante italia....macchè....troppo lungo e ripetitivo (beh effettivamente come dargli torto??)

      Elimina
  3. Volete l'opinione di una ragazza? Io adoro i gestionali... Adoro soprattutto i giochi di Rosenberg... Non disprezzo neppure i giochi di Feld e tanti altri german... Proprio ieri sera ho giocato a Urban Sprawl, vincendo.
    Ad esempio tra dixit e twilight struggle preferisco il secondo, ma non nego che nella mia collezione ci siano giochi cha vanno da Earth reborn a flux.
    Sfatiamo il mito che le ragazze giochino solo a giochi con poche regole, colorati e puccettosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava. Ma magari cerchiamo di non essere ipocriti e di non fare le femministe a tutti i costi. Ci sono ragazze che amano giochi anche più impegnativi di moltissimi ragazzi?! Certo, ma sono una miniranza. Vai nella maggior parte fi circoli e fiere e conta il numero di uomini e donne che ci sono... Se si facesse finta che tutte le ragazze fossero come te e si proponessero i giochi che piacciono a te, la maggior parte scapperebbe a game levate.
      In realtà ogni tanto sarebbe utile l'opinione di una ragazza come te che ha amiche diverse da te e sapere che gli proponi, invece di ergersi subito a paladina del principio "le donne sono come gli uomini"

      Elimina
    2. P: Hei Nerd, qua sembra che ci sia un commento di una ragazza!!!"
      N:"Fa un po' vedere... a cosa dice di giocare?"
      P:"Ma qua scrive Twilight struggle ed Earth reborn..."
      N:"Siiamo sicuri che sia una ragazza?"
      P:"Qua c'è scritto Nicole..."
      N:"Non è che ci sia un errore... oppure si chiama Nicola, sai quanta gente c'è su facebook che fa finta di essere una ragazza ed in realtà..."
      P:"Ma no dai, evidentemente abbiamo anche qualche lettrice oltre che dei lettori..."
      N:"Si ma dovremmo esserne sicuri però..."
      P:"E cosa facciamo il test del DNA?"
      N:"No lasciami pensare... IDEA!!!! Puoi mandarci una foto dove ci fai vedere le TE..."
      P:"NOOOOO!!!! Fermo!!!"
      N:"...UTONICHE TUE PASSIONI... Scusa ma cosa avevi capito?!?"
      P:"Niente, niente..."
      N:"Scusa guarda qua c'è scritto che le piacciono Uwe e Stefan... cioè i giochi di Uwe e Stefan, perchè se veramente è una donna, non vorrei che si fraintendesse..."
      P:"Ma si dai, secondo me è una ragazza sul serio..."
      N:"Quindi una ragazza a cui non piacciono i giochi puccettosi e preferisce Urban sprawl a dixit?!? FIGHISSSSIMOOOOO!!!! anzi... FIGHISSSIMAAAAA!!!!"
      P:"Cosa dici la salutiamo?"
      N"Sì ciao, continua a seguirci!!!"

      Elimina
    3. vorrei rispondere ad Anonimo che parla di ipocrisia e femminismo senza conoscere una persona... è stata chiesta un'opinione ed io ho dato la mia, ma non ho mai detto di proporre i giochi che piacciono a me alle altre ragazze, io stessa non ho mai proposto ad amiche come primo gioco twilight struggle o le havre, ma lo stesso non lo faccio con gli amici... valuto attentamente le persone che ho davanti e lo faccio indipendentemente dal sesso. Io e il mio ragazzo la prima volta abbiamo proposto De Vulgari Eloquentia a 4 neofiti di cui 2 ragazze, è stato molto apprezzato. Una di queste poi è passata a giocare assieme al suo ragazzo a TS, Agricola e Le Havre Ancora in porto... ed ho proposto in altre occasioni anche Takenoko, Dixit, Il castello del Diavolo, la Boca.
      Faccio parte di una associazione e frequento ormai assiduamente le fiere/manifestazioni... e certo, hai ragione, scapperebbero se presenti loro TS, ma mi vengono i peli d'oca quando vedo certi uomini che propongono Fantascatti e il Verme è tratto a ragazze di 16 anni solo perchè credono che non ci arrivano a giocare a qualcosa di più serio... e non c'è soddisfazione più grande di farle giocare a Seasons e vedere come si divertono. Quello che a me da fastidio è che voi maschietti diate per scontato che ad una donna vada presentato un gioco puccettoso o con poche regole, provate a far finta per una volta che siamo davvero al vostro livello, cosa presentereste ad un vostro amicO che sta muovendo i primi passi tra i giochi da tavolo? Provate a darci un po' di fiducia e vedrete che ve ne pentirete... si, perchè la vostra ragazza, o altra rappresentante femminile che gioca con voi, vi stupirà battendovi... e si sa, non c'è umiliazione più grande per uomo che essere battuto da una donna :-)

      ps: i miei primi giochi sono stati Alle porte di Loyang e Trajan

      Elimina
  4. Anche le ragazze si dividono in ragazze interessate ai giochi da tavolo e ragazze non interessate ai giochi da tavolo... le prime in netta minoranza rispetto alla controparte maschile... ma le due percentuali maschili e femminili si livellano sempre più man mano che alziamo l'età dei giocatori...
    Resta vero che se vogliamo far avvicinare qualcuno ai giochi da tavolo (indipendentemente dal sesso)... twilight struggle non è tra le prime scelte...

    RispondiElimina
  5. Per un bel periodo (prima dell'avvento del piccolo Mat) casa mia era frequentata regolarmente da diverse coppie di amici, con le gentili signore assolutamente calate nella parte delle giocatrici. Ho spesso ragionato con loro su cosa mettere sul tavolo e su cosa comprare e si sono dimostrate giocatrici molto tenaci e competitive. Quindi non è affatto vero che il gioco da tavolo non sia adatto al pubblico femminile e non mi stupisco di persone come Nicole (anche con mia moglie, pur tra i mille pensieri ed impegni di ogni giorno, ho occasione di giocare e sul tavolo vanno dei gestionali ...). E' vero anche che, statisticamente, si registra una presenza femminile minore ai tavoli: addirittura il nostro canale youtube (che pure riceve una frazione minima dei visitatori che abbiamo qui) ha avuto negli ultimi 3 mesi il 95% delle visite da utenti di sesso maschile. Conclusione: dobbiamo impegnarci per coinvolgere di più le gentili donzelle ai tavoli!!! Le nostre fedeli lettrici, quindi, si facciano avanti per collaborare e colorare di rosa qualche recensione ;)

    RispondiElimina
  6. Aggiungo che la ragazza di cui sopra ci ha asfaltati anche a Specie Dominanti...
    Takenoko che?

    RispondiElimina