sabato 30 novembre 2013

[Vetust Games] L'attacco dei cloni dalla Spagna

scritto da MagoCharlie

Siamo abituati a maneggiare diversi oggetti ogni giorno, sia di buona fattura sia “cinesate” da 4 soldi. Il made in china è ormai nel nostro quotidiano: siamo abituati a vedere copie di oggetti o cose fatte in maniera più economica e con materiali scadenti. Ma se si trattassero di giochi in scatola? Avete visto i cloni di Bang! e Saboteur fatti con carta di pessima qualità e stampati ancora peggio? Sì..ci sono…ma oggi siamo nel 2013, ormai il 90% dei giochi ha parti made in China, quindi non ci stupiamo poi molto…
Ma se il malcostume dei cloni ci fosse stato negli anni 90? Cloni di giochi commerciali stra famosi?!? Sarebbe fantascienza vedere un clone dell’isola di fuoco no?!? Ebbene…questo è stato fatto!
Lasciatevi guidare dal sottoscritto in questa lunga galleria dell’orrore: benvenuti allo showroom della Falomir Juegos!

venerdì 29 novembre 2013

Hero Quest: 25th Anniversary Edition - Anteprima


Scritto da Chrys.

Scommetto che molti di voi avranno letto il titolo e tanto è bastato per avere un accelerazione visibile di respirazione e battito cardiaco... per me è stato così. ^__^

Non è uno scherzo... il mitico Hero Quest, che tanto abbiamo amato da giovani e che per molti è stato un ponte dal gioco da tavolo vecchio stile al gioco di ruolo e che è a tutt'oggi (qualcuno ha provato a rigiocarci?) un prodotto assolutamente godibile, tornerà in stampa e lo farà alla grande con un assortimento di componenti completamente rivisto sia in termini di miniature che di grafica!

giovedì 28 novembre 2013

Anteprima: Race Formula 90

scritto da Agzaroth


Non sono un patito di corse e, di conseguenza, neanche di giochi dicorse. Prima di Race! Formula 90 (ideato da Alessandro Lala ed edito da Gotha Games) ho giocato solo a Pitch Car, che sta a questo gioco come un modellino di Ferrari sta a una Ferrari vera.

Sì, perché R!F90 è un gioco espressamente per giocatori, card driven, che prende in considerazione un po' tutto del mondo delle corse: dai piloti alla strategia di gara, dalla pioggia alla safety car, dai pit-stop alle gomme, dai sorpassi ai doppiaggi. Il tutto in 20 pagine di regolamento scritte belle fitte.

mercoledì 27 novembre 2013

Recensione - Carcassonne: South Seas

Recensione - Carcassonne: South Seas di Nero79

Oggi vi parlo di una rivisitazione di un grande classico, vale a dire Carcassonne di Klaus-Jürgen Wrede, il gioco che, pubblicato nel 2000, è considerato sicuramente tra i capostipiti dei giochi da tavolo intesi in senso moderno.
Nel 2001 ha vinto lo Spiel des Jahres e anche il Deutscher Spiele Preis e qui in Germania (ma credo ormai anche in altri paesi) è ormai diffuso nei centri commerciali tanto quanto i vari Monopoly e Risiko.

Carcassonne ha rivoluzionato l'industria dei giochi da tavolo talmente tanto che i suoi omini (comunemente conosciuti come meeple... contrazione di My + People) sono addirittura usati come simbolo dell'intera categoria dei boardgame in siti, blog, ludoteche ecc... in giro per il mondo così come il simbolo del dado a 20 facce è usato come sinonimo del gioco di ruolo.
Quindi dopo le magliette, le tazze, gli orecchini, i portachiavi, un numero impressionante di espansioni che non accenna a diminuire (alcune fondamentali, altre del tutto dimenticabili), versioni d'estate, d'inverno, alla scoperta del vecchio west o con i meeple trasparenti in plastica, ecco che la Hans im Glück decide di lanciare una linea di giochi che sfrutti a dovere il brand di Carcassonne. Con la linea Carcassonne around the world, la Hans im Glück ci porterà alla scoperta di diversi angoli di mondo mantenendo le meccaniche di base tanto care ai fan ma introducendo delle interessanti modifiche.

martedì 26 novembre 2013

Cinque Cetrioli - Anteprima

Scritto da Chrys.

Il gioco di oggi è Cinque Cetrioli (aka Funf Gurken, per 2-6 giocatori) come facilmente intuibile dai colori, è una delle produzioni di Friedman Friese, autore incredibilmente prolifico, famoso soprattutto per Alta Tensione che rappresenta probabilmente la vetta più alta della sua produzione (almeno in termini di fama e successo di un titolo)*.

*Naturalmente è la mia opinione... tenete conto che ho nella mia collezione molti suoi titoli: "Fische, Fluppen, Frikadellen", "Funny Friends", "Fuggi Fuffi", "Formidable Foes", "Fabic Manager", "Friday" e ovviamente "Funkenschlag" (e cioè "Alta Tensione") con quasi tutte le mappe.
Ciò nonostante trovo che negli ultimi anni non abbia prodotto nulla di veramente degno di nota ad eccezione di Friday, che è oggettivamente un gioiellino ma pur sempre un solitario da 10 euro e non certo una pietra miliare. Sperando di non aver scatenato l'ira dei fan di mister testa verde, proseguo con la recensione. ;)

lunedì 25 novembre 2013

Recensione - Amerigo

scritto da Fabio (Pinco11)

A maggio scrivevo un primo breve articolo su Amerigo, di Stefan Feld, edito da Queen Games (per 2-4 giocatori, indipendente dalla lingua - salvo il manuale -, tempo medio a partita intorno all'oretta e mezzo), che l'intelligente editore tedesco proponeva sulla piattaforma kickstarter, raccogliendo ivi i suoi 60.000 dolarozzi di partenza.
Ad Essen il gioco, a dispetto della sua bruttezza grafica, ha a lungo interessato, e non poco, i visitatori, i quali lo hanno comprato in buone quantità, tanto da indurmi alla fine, da buon "Feldofilo", ad acquistarlo: letto bene il regolamento, defustellato il tutto ed avute le prime esperienze di gioco e  mi accingo a scrivere questa recensione.

domenica 24 novembre 2013

GSNP: intervista Pierluca Zizzi

Scritto da Fabio (Pinco11). Intervista con Pierluca Zizzi.

Ripartiamo oggi, spero di slancio, con una nuova puntata del nostro Podcast.
Ci siamo lasciati da quasi un mesetto ed i più fedeli tra i nostri ascoltatori ci hanno contattato per avere lumi sugli sviluppi dell'iniziativa e già con la ricomparsa di questa puntata cerco di dare un segnale positivo.
Per il resto colgo l'occasione per fare un po' il punto della situazione e devo dire che i vostri riscontri sono stati davvero positivi, con molti incoraggiamenti e sproni a continuare, con un crescendo di ascolti / download delle puntate, tanto che siamo arrivati nelle ultime ad assommare diverse centinaia di click sulle pagine ospitanti i file audio.

sabato 23 novembre 2013

I Video di Recensioni Minute: Sponge Bob - Krabby Patty

scritto da TeoOh! e Fabio


L'occasione fa l'uomo ladro, quindi mi sono subito cimentato in un esperimento videorecensente. Mantenendo sempre lo stile minuto composto da: veloce introduzione, regolamento, pareri e commenti; ho deciso di iniziare una sotto-rubrica dedicata ai più piccoli tra i giocatori

Siccome immagino che non tutti i genitori, fratelli maggiori, ...insomma gli adulti che giocheranno con i bambini, sono avvezzi a regolamenti e affini, ho pensato di dilungarmi un pelo di più sulle regole (che comunque sono molto concise, visto il target) per essere il più chiaro possibile. Tutti i giochi in questa sotto-rubrica sono stati (e saranno) testati sia con gruppi di bambini, che di adulti: non sia mai che qualche gioco possa essere comunque proposto come riempitivo a fine serata anche in un ambiente ad età "diversamente giovane".

venerdì 22 novembre 2013

[Boardgames World] Nestorgames

scritto da Nero 79

Oggi vorrei parlarvi di una realtà editoriale un pochino di nicchia che magari non tutti conoscono. Si tratta di Nestorgames, editrice di giochi spagnola nata da un'idea di Néstor Romeral Andrés.

Ciò che rende questo editore speciale è il fatto che abbia deciso di specializzarsi sui giochi astratti (non propriamente un settore facile nel mondo dei giochi da tavolo) riproponendo grandi classici o idee nuove di aspiranti autori che condividono tutti le stesse caratteristiche. Si tratta di giochi per 2 o più giocatori di carattere astratto (niente ambientazione, solo pedine che si muovono su una plancia) o semi-astratto (ambientazione presente ma poco rilevante in termini di gioco).

Dixit 4 - Impressioni

Scritto da Chrys.

Ho titolato l'articolo "impressioni" in quanto non so se abbia davvero un senso chiamare "recensione" queste poche righe, anche perché non c'è molto da recensire su un mazzo aggiuntivo per Dixit... mi faceva comunque piacere condividere con voi le mie impressioni sull'ultimo mazzo di espansione uscito.

Con la supponenza tipica del giocatore di lunga data do per scontato che conosciate tutti Dixit ma naturalmente se chi legge fosse invece qualcuno alle prime armi arrivato qui cercando Dixit su google... BENVENUTO SU QUESTO BLOG! ^__^  ...sappi che puoi trovare tutte le informazioni sul gioco base in questo nostro articolo di un paio d'anni fa e le info per l'altra scatola base (Dixit Odissey) in quest'altro articolo

Torniamo ora a parlare del nuovo mazzo, commercializzato in Italia come Dixit 4 (e per qualche strana ragione come Dixit Origins all'estero  O__o), come sempre prodotto dalla Asterion Press.


giovedì 21 novembre 2013

Recensione - Continental Express di Nero79

Recensione - Continental Express di Nero79


Oggi vi parlo di un altro gioco di Charles Chevalier (dopo avervi parlato di Kenya). Si tratta di Continental Express, gioco per 2-4 giocatori pubblicato da Bombyx (quelli che dovevano darci Sultaniya e Les Batisseurs ad Essen ma hanno avuto problemi di distribuzione).

Nel gioco raccoglieremo locomotive cercando di completare i set di locomotive richiesti dagli obiettivi comuni tenendo presente il nostro contratto segreto che potrebbe darci punti bonus fondamentali per la vittoria.

Recensione - Smash Up

scritto da Maxell

Come qualcuno sa purtroppo non sono riuscito ad andare al Lucca Comics quest'anno a seguito di un incidente d'auto che mi ha bloccato dal letto da cui vi scrivo (e a cui sono ancora legato per qualche giorno).
Avevamo preparato tutto e, all'ultimo, mi sono dovuto tirare indietro; i miei amici, per non farmi sentire più triste di quanto già non fossi, si sono incaricati di prendermi personalmente un po' di giochi, alcune nuove e uscite e altri magari “meno reperibili”.
Alla fine della fiera sono riuscito a prendere quasi una decina di giochi – uno tra questi è proprio Smash Up, gioco di carte del quale avevo sentito tanto parlare (ho un certo radar per i prodotti legati a Lovecraft – vedi espansione a fine articolo) e del quale voglio parlarvi oggi.

mercoledì 20 novembre 2013

CV cosa sarebbe accaduto se...

scritto da Federico

La Granna, conosciuta nel settore come produttrice di giochi, nel senso di azienda che produce fisicamente i giochi per le case editrici, quest'anno ha deciso di produrre internamente un gioco, sviluppato da Filip Miłuński

Il nome del gioco è tutto un programma: CV (per 2-4 giocatori, un'oretta a partita), ovvero il gioco del curriculum vitae.
Al giocatore viene chiesto di partire interpretando un neonato e ogni turno attraverso il lancio di dadi con delle faccine speciali acquistare carte da un pool comune per crescere e arricchire di esperienze la vita del tuo personaggio.

martedì 19 novembre 2013

Cavalieri (Librogame a Fumetti) - Recensione

Scritta da Chrys.

Prima dell'estate vi ho parlato del librogame a fumetti "Pirati - Diario di un Eroe" (qui ne trovate la recensione) ed oggi torno a parlarvi di librogame a fumetto con la nuova uscita della Cranio in questo filone... si tratta di  Cavalieri - Diario di un Eroe, sempre edito per l'Italia dai ragazzi della Cranio Creations.

Impersoneremo un giovane figlio di contadini che desidera divenire cavaliere del Re, e per farlo decide di andare in città ad affrontare la sfida per entrare nella milizia reale... questa sfida comporta avventurarsi nel regno, sopravvivendo ai pericoli, e tornare dopo 4 giorni col maggior numero possibile di braccialetti colorati (appositamente disseminati per mettere alla prova gli aspiranti cavalieri).

La collana è la stessa dell'altro libro-game, così come anche l'autore (mentre disegnatore e colorista), ma in questo caso inizio già con il dirvi che siamo di fronte a un lavoro persino migliore, chiaro segno che la coppia ha tenuto conto delle seppur limitate critiche movibili alla loro prima opera. Ma andiamo con ordine...

lunedì 18 novembre 2013

Recensione: Tash - Kalar

scritto da Agzaroth e Fabio

Ultima fatica del prolifico e geniale Vlaada Chvàtil, Tash-Kalar: Arena of Legends ci porta nelle arene di combattimento di un mondo fantastico, in cui potenti maghi-guerrieri evocano le creature più disparate per strappare il plauso della folla tra sangue e polvere. L'arena alla quale fa riferimento il titolo è rappresentata da una griglia quadrettata sulla quale sono inserite, una volta evocate, le vostre creature, le quali, nel comparire, normalmente scatenano sangue e distruzione al loro passaggio.
Edito dalla Czech Games Edition e in italiano dalla Cranio Creations, è un titolo per 2-4 giocatori, da circa 15-20 minuti a partecipante, guidato dalle carte (sulle carte vi è testo in lingua, per cui ha senso, per i non anglofili, l'edizione italiana).
Il livello di difficoltà è, curiosamente, non elevato, nel senso che le regole di base stanno in due paginette: tutto sta poi nell'avere una adeguata capacità di riconoscimento di forme nello spazio (le evocazioni prevedono la previa disposizione di pedine in certe posizioni) e nel gradire la ricerca di combo tra carte.

domenica 17 novembre 2013

Vetust Games - Tornado Rex

scritto da MagoCharlie

L’altro giorno mettendo a posto alcuni giochi “minori” della mia collezione son dovuto scendere in cantina; tutte le volte che ci vado anche solo per lasciare una scatola la voglia di aprire quelle già presenti è tanta! Così… per ricordarmi cosa avevo lasciato là anni addietro…ah, a proposito: diffidate da chi vi dice: “beh, se non lo usi più portalo giù in cantina…intanto se ne hai bisogno scendi e lo riprendi…” TUTTE BALLE! Qualsiasi cosa chiusa in una scatola e portata in cantina o in soffitta è persa per sempre…non si discute… è così!
Questo vale finchè appena portate giù qualcosa, riaprite le vecchie scatole per rinfrescare la vostra memoria… e per il gioco di oggi è successo proprio questo…
Sotto 3 dita di polvere e strani animali, riapro finalmente una scatola con la generica dicitura “Cameretta Carlo” e tra un Attenti all’avvoltoio e un Battista Cameriere Equilibrista ritrovo lui: il massiccio e rumoroso Tornado Rex!

sabato 16 novembre 2013

Giochi sul Nostro Tavolo incontra Recensioni Minute

scritto da Fabio e TeOoh!


Poco tempo fa, solcando i mari di internet, mi sono imbattuto in alcune videorecensioni realizzate su diversi giochi da tavolo, notando che il baldo giovine che ne era autore, tale TeOoh! ne aveva messe online già oltre una ventina. Apprezzai l'entusiasmo con il quale la cosa era portata avanti e lo misi 'in memoria'.
Dopo Essen mi sono di nuovo imbattuto in quel canale, ovvero Recensioni Minute, notando che aveva messo online anche un report sulla fiera di Essen, spiegando come aveva compiuto, con i suoi amici della Ludoteca Galliatese, un vero e proprio tour de force alla fiera, con tanta macchina e poco sonno (molto zombie). 
Intrigato da quel video e da quello successivo, sulla fiera di Lucca, girati con un mix tra reporter in resa diretta ed esaltato ed avendo notato che in diverse occasioni aveva frequentato il nostro blog e pagina facebook, ho pensato di contattarlo.

venerdì 15 novembre 2013

Caffè Melange

scritto da Federico

Quest'anno ho capito che vado ad Essen per giochi come Caffè Melange, piccole perle curate con amore dai loro ideatori, innamorati a tal punto del loro gioco da prodursi il gioco come piccola casa editrice (parliamo della Clicker Spiele) prendersi uno stand alla più grande fiera mondiale del gioco da tavolo per spiegare un cliente alla volta (lo stand era così piccolo che non ci stavano due giochi contemporaneamente) il gioco a tutti coloro che, come me, hanno avuto l'occhio di fermarsi a chiedere. 
Nove su dieci di queste storie finiscono malino, tante copie prodotte poche copie vendute, boom!
Questa storia sono pronto a scommettere che avrà un finale più lieto, il gioco si contraddistingue per una grafica molto curata, il disegnatore e grafico (Christian Opperer) ha messo attenzione, esperienza e amore in questo progetto, sicuramente è grazie ad essa che mi avvicino allo stand.

Recensione - Bang! The Dice Game

scritto da Maxell

Bang! (di Emiliano Sciarra, edito nel 2002 da dVGiochi) è sicuramente uno di quei titoli che hanno reso, soprattutto in Italia, noto al pubblico il mondo dei giochi da tavolo e, nello specifico, di carte (qui trovate le varie recensioni ad esso dedicate sul nostro blog).
Ricordo di averci giocato la prima volta a un raduno di videogiocatori dove ognuno si era portato il proprio computer (i cosiddetti “lan party”) e, per due giorni consecutivi, ci siamo consumati occhi e dita davanti al monitor. Un gruppo di ragazzi di Lucca a cui sono ancora molto affezionato, portò, per fare una pausa tra una partita e un'altra, un gioco di carte: fu abbastanza evidente che quel gruppetto che si era radunato al tavolo si stava divertendo più di me visto che ogni tanto uno dei ragazzi si alzava e, levando un urlo da battaglia, faceva il verso dell'indiano. Gli chiesi cosa stesse succedendo - “arrivano gli indiani” mi rispose.
Da allora ho acquistato, giocato e consumato Bang! – un gran party game spaghetti western tutto made in Italy!
Quello di cui parleremo oggi, dopo il ricordo riaffiorato di quello che per me è stato un gioco che mi ha regalato una infinità di risate e emozioni, è la versione con i dadi : Bang! The dice game.

giovedì 14 novembre 2013

Provati ad Essen: i filler

scritto da Bernapapà

Anche quest'anno ho avuto il piacere di andare ad Essen con Fabio (Pinco11), in una 4 giorni veramente esaltante! Abbiamo provato un sacco di cose, dai filler ai cinghiali, passando anche per qualche family, dove, però, non abbiamo trovato granché. In questa breve carrellata vi parlerò dei filler che abbiamo provato, cercando di essere il più sintetico possibile, per descriverveli tutti in poche parole.
 Ecco la lista: I Know; Going going, GONE; Continental Express; Zen Garden; Wooolf!; Kumbu; Cappuccino; Kenya; Ugo; Longhorn; Ring-o Flamingo; Handler Karibik; AttrAction; Cuatro; Skull and Roses.

mercoledì 13 novembre 2013

Recensione - Pitch Car

scritta da Agzaroth

Non so se ora lo facciano ancora, ma quando ero bimbo io, non era infrequente, sulla spiaggia, vedere uno col culo per terra venir strascicato da un altro che lo teneva per le gambe e che procedeva per curve e cambi repentini di direzione, manco la mamma gli avesse dato da bere grappa invece delle solita acqua minerale.
Facevano la pista per le biglie.
Biglie di plastica, di quelle con una emisfera colorata (già a quel tempo il nero era il mio colore) e l'altra trasparente, almeno appena comprata. Perchè bastava un po' di sole, di salsedine, di graffiante sabbia, per renderla semiopaca. Ma in trasparenza, con un po' di sforzo, riuscivi ancora a vedere, all'interno, la figurina stampata di una macchina da corsa, di un ciclista, di una qualche faccia di sportivo.

[nonosolograndi] Kakerlakak - La Cucaracha

scritto da Fabio (Pinco11)

Uno dei miei primi pensieri, ogni anno ad Essen, è quello, tra un titolo e l'altro che gioco per il gusto personale, di andare alla ricerca di qualcosa da prendere per mio figlio (di cinque anni e mezzo) e quest'anno la scelta è caduta (assieme ad altro: del resto, quanto torni con un pacco di giochi per te, non puoi limitarti ad una scatola per il figlio ...) proprio sul gioco di cui vi parlo oggi, ossia Kakerlakak (dovrebbe essere una storpiatura di 'scarafaggio', in tedesco), edito da Ravensburger ed ideato da Peter - Paul Joopen. 
Il giochetto, per 2-4 giocatori, con partite da pochi minuti a mezz'oretta, adatto per bimbi dai cinque anni in su ed indipendente dalla lingua (lo potete prendere in qualsiasi edizione), ha riscosso e sta riscuotendo un successo notevole, tanto da essere nominato tra i consigliati nel concorso Spiel des Jahres e da vincere il Deutscher Spiele Preis nella categoria bambini e, soprattutto, da essere ora proposto in tutta Europa (compresa l'Italia!) sotto vari nomi, tra i quali La Cucaracha (qui da noi ed in Spagna) e Bugs in the Kitchen (nei paesi di lingua inglese).

martedì 12 novembre 2013

La Boca - Recensione

Scritta da Chrys.

Una delle ultime uscite di Asterion PressLa Boca (3-6 giocatori) è arrivata finalmente nelle mie manine di gamer... ho avuto modo di giocarci diverse partite e premetto da subito che mi sono divertito moltissimo! ^__^

Iniziamo col dire che si tratta di un gioco che mescola logica, capacità di collaborazione e, in parte molto minore, capacità manuale (giusto perché si costruiscono forme con parallelepipedi di legno, ma a meno di essere veramente goffi non avrete problemi).

Il gioco prende il nome dal quartiere omonimo di Buenos Aires, famoso per i suoi palazzi colorati in modo "arlecchinoso" che in effetti ricordano abbastanza la costruzione che viene fuori dopo ogni manche di gioco.

lunedì 11 novembre 2013

Anteprima - Legacy: The Testament of Duke de Crecy

scritto da Fabio (Pinco11)

Siamo nella Francia prerivoluzionaria, dove siamo chiamati ad entrare nei panni di capostipiti di famiglie nobiliari, presi ad ampliare il nostro prestigio e potere attraverso lo strumento principe, allo scopo, dell'epoca, ossia la tessitura di una fitta rete di matrimoni tesi ad imparentarci con le più ricche ed influenti dinastie.
L'idea di questo gioco dal titolo lunghissimo, ovvero Legacy: The testament of Duke De Crecy, ideato da M.J.E. Hendriks e prodotto dalla Portal (e Iello) è quella di spingere da 1 a 4 giocatori (è presente testo in lingua, per quanto sintetico e semplice, sulle carte) a competere tra loro nel costruire la propria genealogia, partendo da un capostipite iniziale, attraverso quattro generazioni, il tutto fruendo delle opportunità che i vari matrimoni consentono di cogliere.
Il titolo, adatto anche al solitario, è incentrato sull'uso di carte ed ha inoltre dinamiche di gestione azioni, apparendo adatto ad un pubblico anche di non esperti (anche se non lo vedo adattissimo per gli occasionali).

domenica 10 novembre 2013

Recensione - Renaissance man

scritto da Faustoxx

Renaissance Man è il titolo del gioco che Anthony Rubbo ha ideato per la Rio Grande Games e che, uscito in questo periodo, ho pensato di accaparrarmi al volo. 
Si tratta di un gioco di carte per 1-4 giocatori, indipendente dalla lingua, che propone partite da circa mezz'ora di durata. 
Come suggerisce il nome in questo gioco dovremo addestrare, istruire o reclutare carte personaggio allo scopo di creare un Maestro in una delle quattro aree della conoscenza presenti nel gioco.
Ciò è rappresentato anche fisicamente nel gioco formando una piramide di carte personaggio fino a raggiungere l'apice con la creazione dell'Uomo Rinascimentale. Vince la partita il primo giocatore che completa la propria piramide di 15 carte.

sabato 9 novembre 2013

Anteprima - Corto

scritto da Iziosbiribizio


Con l'aumento delle tasse e la carenza di lavoro, spesso vengono strane idee... C'è chi evade, fiscalmente parlando, o chi si da alla delinquenza.
Ci sono poi anche eroi come Robin Hood, rubava ai ricchi per dare ai poveri, o meno eroi, come Corto Maltese che rubava e basta, ma schierandosi comunque dalla parte dei più deboli.
Dall'opera di Hugo Pratt, il gioco su mister "svelto di mano" (questa la traduzione andalusa del nome "Corto Maltese") ha come scopo proprio l'accumulare più oro di tutti. La particolarità del gioco sta nel fatto che i giocatori non vestiranno i panni del celeberrimo pirata, ma saranno degli avventurieri che rivivranno contemporaneamente diverse storie di Pratt, tentando di assicurarsi il supporto di Corto ed evitando il caos generato da Rasputin.
Queste premesse mettono molta carne al fuoco, infatti le azioni e il gameplay dovrà essere perfettamente aderente al fumetto, non potrà essere una delle solite ambientazioni attacca-stacca.
Riusciranno Laurent Escoffier e Sebastien Pauchon a convincere da 2 a 4 giocatori (mezz'ora a partita, editore Ludocom - Matagot) a ritrovarsi nel mondo di Corto Maltese? Lo scopriremo nel prossimo fumet... paragrafo. Particolare è anche il sito del gioco, al quale potete dare un'occhiata.

venerdì 8 novembre 2013

Recensione - Cave Troll

scritto da Maxell

Ricordo che era un Giovedì e volevo proporre al mio gruppo di gioco, avendo prevalentemente giochi “impegnativi” e comunque lunghi, qualcosa che fosse giocabile in 3 o al massimo 4 e, quasi per magia, mi sono imbattuto in una scatola FFG con un enorme troll ad un prezzo decente.
Incredibile dico io.
Chiedo informazioni e capisco abbastanza presto che è uno di quei prodotti passati sotto al radar, non famosissimi (come molti della stessa linea) ma comunque non posso ignorare un dungeon con un troll e impulsivamente lo acquisto - già pregustavo il mio gruppo che prendeva a calci porte e sbaragliava mostri per poi confrontarsi con il troll di caverna riportando alla memoria lo scontro a Moria nel signore degli anelli.
E fu una sorpresa.
Cave Troll è un gioco che ha visto due edizioni, la prima uscita nel 2002 e la seconda nel 2006 - versione di cui parleremo in questa recensione.
Pubblicato dalla Fantasy Flight Games (in Italia da Giochi Uniti) e ideato da Tom Jolly, il gioco fa parte della "silver line" di prodotti e sono caratterizzati da scatole più piccole e giochi tendenzialmente da giocare in meno di un'ora - Cave Troll non fa eccezione. E' un gioco dai 2 ai 4 giocatori dalla durata dai 20 ai 60 minuti.

giovedì 7 novembre 2013

Recensione - UGO!

UGO! Recensione di Nero79

Alla fine ad Essen non ho resistito e ho comprato soprattutto cose o ad un prezzo scontato o difficilmente rintracciabili qui in Germania... Tutti i titoloni di cui parleremo nei prossimi mesi arriveranno presto sugli scaffali quindi li lascio decantare (e magari li provo prima nel mio gruppo di acquirenti compulsivi) mentre cerco qualcosa di buono in titoli di second'ordine.

Tra questi non ho resistito a UGO! della PLAYTHISONE gioco sulla carta per 2-4 giocatori realizzato da un trio di autori Ronald Hoekstra, Thomas Jansen e Patrick Zuidhof (alcuni di loro hanno realizzato un paio di titoli di scarsa rilevanza su cui nemmeno mi soffermo).

mercoledì 6 novembre 2013

Anteprima - Wildcatters

scritto da Agzaroth

Il boom dell'industria del petrolio in un gioco da 3-4 giocatori esperti (tempo a partita intorno al paio d'ore, con testo in lingua, anche se non sovrabbondante), reduce da un playtest di 9 anni (il che significa o che prima non funzionava per nulla o che ora funziona benissimo; di solito, purtroppo, mai entrambe le cose assieme).
Si tratta di Wildcatters, edito da Rass Games - Vendetta, ideato dalla coppia Sagel - Spil e proposto in un bello stand alla scorsa Essen.
Varie le meccaniche proposte, tra le quali aste, possesso di azioni e costruzione di reti.

martedì 5 novembre 2013

Report - Lucca Games 2013

scritto da Fabio (Pinco11)

Eccomi ancora qui a scrivere il mio annuale report di Lucca Games: noterete che non faccio menzione della prima parte del nome della manifestazione, ovvero Comics, ma è solo perché io ogni volta mi ficco dentro alla tensostruttura che ospita i solo giochi, limitandomi per altro alla sua parte dedicata ai boardgames, senza avventurarmi minimamente per le vie del centro dedicate ai fumetti.

Quest'anno dire, senza andare a scomodare i comunicati ufficiali, che è stato un vero e proprio bagno di folla, per cui l'evento sarà catalogato come un grande successo, sia per l'organizzazione, che per gli espositori, che nel nostro settore erano tra il distrutto (per la fatica) e l'ultrafelice, tanto che alcuni mi dicevano di aver stabilito, nella giornata di venerdì, i loro record assoluti di vendite in una giornata di Lucca. A questo han fatto da conferma le dichiarazioni ufficiali dell'organizzazione, che parla di oltre 200.000 visitatori paganti per l'evento (ed oltre il doppio di non paganti che hanno semplicemente percorso le vie del centro cittadino).
Aspetto collaterale di ciò, naturalmente, è rappresentato dalla quantità di gente che nei ristretti spazi della tensostruttura ti spingeva, saltava in testa, camminava sopra ... ;)

lunedì 4 novembre 2013

Nations recensione

scritto da polloviparo.

Oggi parliamo di Nations, ultimo gioco di civilizzazione, ideato da Rustan Håkansson, Nina Håkansson, Einar Rosén, Robert Rosén da 1 a 5 giocatori della durata di... beh questo dipende dai giocatori! :) comunque sulla scatola sono indicati 40min/giocatore.
Il gioco, come forse molti di voi avranno intuito dai nomi degli autori, proviene dalle terre fredde del nord Europa e la casa editrice è la finlandese Lautapelit.fi, che molti di voi già conoscono per Eclipse.
Chi ha letto le mie anteprime (qui e qui),  sa che questo è uno dei giochi su cui ho puntato maggiormente quest'anno, quindi vi dico subito che l'attesa è stata ben ripagata!
Tornando al gioco abbiamo già molti altri publisher importanti che sono la Ystari e la italianissima Asterion.


Lucca Games Report - In arrivo ..

Ci siamo quasi: stiamo lavorando per voi, con in cantiere il nostro classico report  di fine fiera, focalizzato, come sempre, sul padiglione Games della kermesse lucchese.

Troverete al suo interno, con relativo supporto fotografico, notizia delle principali novità presentate (per il nostro settore, dei giochi da tavolo) in fiera, nonché qualche curiosità ed impressioni varie.

A domattina presto, per la messa online dell'articolo!!


domenica 3 novembre 2013

I video di Giochi sul Nostro Tavolo

scritto da Fabio (Pinco11)


La fiera di Essen ci dà sempre una bella sferzata, perchè in un colpo solo butta sui nostri tavoli il 70% almeno delle uscite annue di novità: nel corso della affollata kermesse tedesca ho avuto modo di girare qualche rapido video di presentazione, così come, al ritorno, sto facendo con alcuni dei titoli presi in terra di Germania.

Vi segnalo quindi l'inserimento sul nostro canale Youtube di ben tre video.

Il primo è quello relativo a Nauticus (del quale avevo parlato pochi giorni fa in un articolo di anteprima): un gentile lettore aveva chiesto una traduzione delle regole ed io mi sono messo di buona lena a girare un video esplicativo di esse. Stavolta i tempi classici di pochi minuti sono stati sforati, perché ho proposto un turno completo del gioco, illustrandone le regole in modo più approfondito del solito.

sabato 2 novembre 2013

Riscopriamoli: Tobago

scritta da Bernapapà

In questo periodo di febbrile attesa delle nuove uscite, voglio proporvi un piccolo tuffo nel recente passato: Tobago, di Bruce Allen, pubblicato nel 2009 dalla Zoch zum Spiele, e italianizzato ad opera della Stratelibri (benché completamente indipendente dalla lingua). Si tratta di un simpaticissimo gioco di esplorazione, basato su gestione di carte e spostamento su mappa. Il target è decisamente a familiare, da 2 a 5 giocatori, per un'oretta di svago, ma con un discreto livello strategico e tattico. Quello che colpisce all'istante è il sontuoso materiale fornito, soprattutto nelle miniature delle statue moai veramente ben fatte (paiono quasi di pietra!). Se ancora non lo conoscete, e vi interessano le ambientazioni esplorative, credo valga la pena approfondire l'argomento.

venerdì 1 novembre 2013

Recensione - Kenya

Recensione - Kenya di Nero79

Uno degli autori che sto analizzando in questo periodo è il francese Charles Chevalier che sembra essere prolifico su parecchi fronti ultimamente anche se con giochi davvero molto semplici.
Oggi vi parlo di un suo piccolo gioco di carte per 2-5 giocatori pubblicato dalla francese Ilopeli. L'ambientazione è quella del Kenya, i giocatori piazzeranno animali sul tavolo a formare una savana. Lo scopo è cercare di restare a fine gioco con il maggior numero di animali del proprio tipo visibili sul tavolo decidendo se e quando mostrare il proprio animale.