venerdì 24 gennaio 2014

Famiglia - Recensione

scritto da Polloviparo.

Famiglia è un simpatico gioco di carte per 2 giocatori, ideato da Friedemann Friese, l'autore dai capelli verdi, pubblicato nel 2010 da 2F-Spiele (e diverse altre case editrici, tra cui la Rio Grande per l'edizione inglese).

Consiste semplicemente in un mazzo di 60 carte illustrate da Fréderic Bertrand e Lars-Arne "Maura" Kalusky, contenute in una scatolina dalle dimensioni molto contenute.
Una partita richiede circa una trentina di minuti, quindi può essere considerato, fra le altre cose, un ottimo filler.
Il gioco è un astratto puro e si sarebbero potute utilizzare carte codificate da un colore e da un valore numerico, simili a quelle di UNO.



Si è scelto comunque di dargli un tema e la scelta è ricaduta sulle gang di malviventi!
Il gioco chiede infatti di vestire i panni di boss mafiosi in lotta fra loro.
Cercando di costruire la migliore gang, i giocatori dovranno sfidarsi, cercando di reclutare i gangsters più quotati, appartenenti a quattro diverse famiglie.
A ricordarci il tema del gioco, l'immagine del padrino che si fuma un bel sigaro, riportata sulla confezione.

Il gioco

Allora abbiamo detto che le 60 carte si suddividono in 4 famiglie e più precisamente: Famiglia, Contabili, Bruti e Mercenari.
Le carte hanno valori che vanno da 0 a 4 (riportati in alto sulla carta), ad un valore maggiore corrisponde un maggior numero di punti vittoria (riportati in basso sulla carta e che saranno conteggiati a fine partita).
Ogni giocatore parte con un set di quattro carte di valore 0, le 52 carte rimanenti formano il mazzo di pesca.
Da questo mazzo vanno pescate e rivelate le prime 6 carte.
I giocatori a turno possono compiere fino a quattro azioni seguendo un ordine prestabilito:


 a) se non c'è nessuna carta di valore 0 fra le carte disponibili, è possibile scartare una carta e pescarne un numero equivalente al valore della carta scartata. Se nelle carte così rivelate non è presente uno 0, questa azione può essere ripetuta (n volte, fino a rivelare uno 0).
Ad esempio scarto un 3 e pesco tre nuove carte. Se nessuna mostra un valore 0, scarto un 2 e pesco due nuove carte e così via.

b) il giocatore può giocare un contabile (blu) davanti a se riprendendo in mano un numero di carte precedentemente giocato pari al valore del contabile, dopodichè deve rimettere davanti a se un egual numero di carte.
In pratica mi permette di scambiare carte precedentemente giocate con carte che ho in mano.

c) il giocatore può giocare un bruto (giallo) abbassando il valore di una carta a scelta fra quelle disponibili, del valore del bruto.
Ad esempio gioco un 1 ed una carta di valore 2, varrà 1 (2-1) ai fini dell'acquisizione.


d) il giocatore può prendere gratuitamente una carta fra quelle disponibili di valore 0, oppure di un valore maggiore a 0 giocando due carte del valore immediatamente inferiore (ad esempio due carte di valore 1 per prendere un 2).

Mancano all'appello le carte verdi (i mercenari) e le carte rosse (i membri de "La Famiglia"); le prime fungono da jolly e oltre alla possibilità di essere giocate normalmente per l'acquisizione di una carta verde, possono valere come carta di un qualsiasi colore, ma con un valore ridotto di un punto rispetto a quello riportato sulla carta (ad esempio un due verde, può essere giocato come un 1 di qualsiasi colore).
Se utilizzata come jolly, l'altra carta deve essere obbligatoriamente giocata come "normale".



Le carte rosse non hanno alcun potere particolare, ma sono quelle che valgono più punti a fine partita.

Indipendentemente dal colore, delle due carte giocate per prenderne una di valore maggiore, una deve rimanere scoperta sul tavolo, nella nostra area di gioco.

Quando termina per la prima volta il mazzo di pesca, si mescola il mazzo degli scarti e si crea un nuovo mazzo di pesca.
Da questo punto in poi, l’azione a) potrà essere eseguita una sola volta, indipendentemente dal fatto che escano degli “0” o meno e la carta scartata, andrà posta sotto al mazzo di pesca.
Quando il mazzo termina per la seconda volta i giocatori sommano tutti i punti riportati sulle carte in proprio possesso (sia quelle nell'area di gioco che quelle in mano).


Materiali

Nulla di eclatante.
60 carte illustrate con uno stile piuttosto fumettoso e stilizzato.
La scatola è veramente minuscola e fatica a contenere carte e regolamento piegato in più parti.
Sembra che non si riesca a trovare una misura adeguata, o ci vengono propinate scatole enormi contenenti solo aria, o scatole talmente piccole da non riuscire a contenere quanto dovuto!
Comunque la qualità delle carte è nella media.
Segnalo che il regolamento inglese riporta un errore, ossia che i mercenari non possono essere utilizzati come jolly per se stessi (quindi per il colore verde).
Leggendo su Bgg, ho scoperto che si tratta di un errore di traduzione e che dal regolamento originale in tedesco, questa cosa è ammessa.



Durata

Direi che i 30 minuti sulla scatola sono azzeccati.
Se entrambi i giocatori hanno particolare familiarità col gioco, non dovrebbe essere difficile risparmiarsi ulteriori 5-10 minuti.

Scalabilità

Il gioco da il meglio di sè in due....
Ah già è un gioco solo da due... direi che possiamo chiudere qui questo paragrafo.

Considerazioni personali

"L'omino dai capelli verdi" ogni tanto riesce a stupirmi.
Dopo l'ottimo Power grid ed il discreto Fabrik manager, ho provato qualche suo titolo che ho trovato solamente mediocre come ad esempio Fürstenfeld.
Questo Famiglia l'ho trovato invece particolarmente interessante.
Sia chiaro non stiamo parlando di un super giocone o di qualcosa per cui strapparsi i capelli (verdi o meno che siano), ma sicuramente un buon gioco di carte da fare in due.
L'incidenza aleatoria è presente, come del resto in qualsiasi gioco in cui si pescano carte.


Le scelte che vengono proposte al giocatore e il modo di utilizzarle, propongono sfide comunque stimolanti.
Il gioco ha un retrogusto quasi da "deck building", in quanto si giocano carte per acquisirne delle altre e si deve gestire in un qualche modo il proprio mazzo.
Sia chiaro ho scritto "retrogusto" e non "sapore".
Il mazzo cresce progressivamente, all'inizio occorre pescare gli "0" per poi passare ad i numeri più alti.
Sicuramente le carte rosse sono la chiave per la vittoria (dato che sono quelle che valgono più punti), ma occorre giocare bene anche le altre carte per riuscire a prenderle e per non rimanere scoperti negli ultimi turni.
Gli amanti delle "combo", potranno ritagliarsi anche qualche piccola soddisfazione.


Il gioco come ho scritto è puramente astratto e se eliminate totalmente la parte grafica, il tutto gira tranquillamente.
Per farvi sentire l'ambientazione avrei dovuto dirvi che il display delle carte disponibili si chiama "strada", che l'area delle carte giocate si chiama area "gang", ma siamo obbiettivi... non è che cambi poi molto.
Famiglia, scorre via veloce, una partita dura poco e la spiegazione delle regole ancora meno.
Adatto a tutti e assolutamente indipendente dalla lingua.
Insomma per il prezzo attorno alla decina di euro, non posso fare altro che consigliarlo.

Se comunque aveste voglia di provarlo prima dell'acquisto, ricordo che è possibile giocarlo online su Yucata.

Link Egyp:  Qui trovate la versione inglese e qui quella tedesca.

-- Le immagini sono tratte da BGG. Tutti i diritti sul gioco appartengono all'Autore ed alla Casa editrice. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

6 commenti:

  1. Per l'appunto ci ho giocato ieri!

    RispondiElimina
  2. Scusa mi sembra dal regolamento di aver capito che quando si acquisisce una carta dalla strada...le carte che ho giocato, (per esempio 2 carte di valore 1 per prendere una da 2), una carta la riprendo in mano mentre l'altra rimane nell area di gioco (o covo) sul tavolo ..io ho sempre giocato così...giusto?

    RispondiElimina
  3. Sono un amante dei giochi ultra-portatili e "al prezzo delle patate".
    E poi le illustrazioni mi piacciono molto, mi ricordano il videogioco XIII (mi pare fosse Ubisoft)
    Insomma...sto già mandando una mail al mio pusher di board games
    ^_^
    Bravo Pollo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei amante dei giochi ultra-portatili, questo non può mancare alla tua collezione! Nota la foto sopra, in cui si vede chiaramente che lo spessore del mazzo di carte sommato a quello del regolamento, non permetterà mai alla scatola di chiudersi correttamente! :)
      Secondo me riuscirai ad infilare anche questo nella scatola di Havana, insieme a Condottiere.
      Mi auguro solo che la sacerdotessa dei filler, metta il sigillo Melonia Approved anche su questo, in tal caso, sarò sicuro di averti dato un buon consiglio! ;)

      Elimina
  4. Gran bel gioco...le scelte sono fondamentali e sono fatte anche in funzione di quelle dell'altro giocatore, la possibilità di accelerare o rallentare il gioco scartando più o meno carte dalla strada è ad esempio un aspetto strategico apprezzabile. Si crea un'atmosfera di sfida molto coinvolgente e il rapporto qualità prezzo è straordinario. Consigliato!

    RispondiElimina