martedì 27 maggio 2014

Innovation: Echoes - Recensione

Scritto da Chrys.

Son passati quasi due anni da quando io e Fabio vi parlammo per la prima volta di Innovation... si trattava della seconda edizione inglese e da allora abbiamo visto arrivare un ottima edizione italiana a cura di Asterion Press e successivamente anche l'edizione italiana della sua espansione... Echoes.

Proprio di quest'ultima vi parlo oggi... inutile dire che se non conoscete questo gioco nella sua versione base potete rinfrescarvi la memoria con i nostri vecchi articoli. ;)

Questa espansione permette di giocare in 5 (ma a mio parere questa non è la solita manovra commerciale del "tolgo un giocatore per vendervelo a parte" in quanto nel gioco base non vi erano sufficenti carte e probabilmente nemmeno potenziali obiettivi per giocare in più di quattro) e tante nuove carte con relativi effetti e potenziali combo.

LA SCATOLA
La confezione è esattamente la stessa dell'edizione base, compatta (formato A5), robusta e con chiusura magnetica. Al suo interno troviamo un inserto in plastica che contiene due slot per i due mazzi nuovi e uno slot superiore che contiene la quinta plancia (che sul retro contiene anche un riepilogo omnicomprensivo delle regole nuove e delle vecchie).
Per i più precisini segnalo che se come me tenete le buste originali delle carte o le fascettate non avrete problemi, altrimenti purtroppo tenendo la scatola verticale è facile che una parte delle carte scivoli fuori dal comparto.
I due mazzi contengono 105 nuove carte "eco" e 5 nuove carte obiettivo, in aggiunta alle 5 del mazzo base.

NUOVE REGOLE
Il setup iniziale è lo stesso, ma oltre ai 5 nuovi obiettivi andremo ad aggiungere 10 nuovi mazzetti, uno per ogni era, che andranno affiancati a quello dell'era appropriata e rappresentano i "mazzi eco".


La pesca da questi nuovi mazzi eco avviene come segue: ogni volta che dobbiamo pescare se in mano non abbiamo carte eco, e ci sono ancora carte eco associate all'era da cui stiamo pescando dobbiamo pescare una carta eco. Se invece ne abbiamo già in mano o il relativo mazzo eco è esaurito peschiamo normalmente. Questo si applica ad ogni singola carta pescata (se dobbiamo pescare 3 carte della quinta era e non abbiamo carte eco in mano pescheremo 1 carta eco e due carte normali). Se un era ha il mazzo principale esaurito si considera esaurita anche se ci sono ancora carte eco di quell'era.

Si aggiunge anche una nuova azione che è quella di ricercare progetti: se un effetto ci dice di ricercare una carta allora invece di metterla in mano dobbiamo piazzarla in tavola tra noi e la plancia, e diventa un progetto. Se successivamente usiamo l'azione di giocare una carta, dopo aver svolto l'azione possiamo giocare gratuitamente un nostro progetto e attivarlo immediatamente se il suo livello/era non supera quello della carta giocata.

In basso a destra vediamo il bonus di influenza, mentre
in basso al centro l'effetto eco. ^__^
Le nuove carte eco hanno inoltre un simbolo nuovo che rappresenta un bonus di influenza.. quando calcoliamo la nostra influenza per dominare un periodo, aggiungiamo anche il singolo bonus influenza più alto tra quelli visibili. E' un aiuto non da poco perchè i bonus, che crescono man mano con i periodi, arrivano anche a +11.

Per concludere abbiamo anche gli effetti eco, che vanno a posizionarsi in uno dei 4 spazi della carta dove normalmente si trovano i simboli, e pertanto possono rimanere visibili anche quando la carta non è più quella attiva. Attivando una carta si attivano assieme anche tutti gli effetti eco visibili per via della scalatura nel mazzo di quel colore, a partire da quelle più vecchie. 

Se volete approfondire le nove regole vi rimando al manuale in italiano messo a disposizione online.



CONCLUSIONI
Il gioco base è già di per sé molto interessante ma questa espansione garantisce una quantità enorme di possibilità aggiuntive. in particolar modo tra gli effetti base (dogmi) delle 105 nuove carte e i tanti effetti eco (presenti in quasi metà delle carte) combinabili a cascata le nuove possibilità strategiche e le combo possibili aumentano a dismisura.

Aggiungere un quinto giocatore, o anche solo giocare con anche i mazzi eco, allunga inevitabilmente il gioco e la cosa è stata sicuramente considerata: probabilmente sono stati introdotti i nuovi obiettivi, i bonus influenza e i progetti appositamente per sveltire il ritmo di gioco facilitando l'accumulo di dominazioni; tenete comunque conto che il gioco già di base si piazzava sui 20-30 minuti a giocatore, e con l'espansione ho percepito un ulteriore dilatamento dei tempi, seppur non eccessivo.

Questa espansione è a mio parere un acquisto interessante ma se il gioco vi ispira e non lo possedete vi sconsiglio di acquistare base ed espansione assieme, perchè vi trovereste davanti ad uno sterminio di carte e possibilità; vi suggerisco invece di prendere il set base e giocarlo un po'. Quando l'avrete spolpato ben bene e sentirete la necessità di nuova carne al fuoco, allora varrà la pena passare a Innovation Echoes.

Se invece avete acquistato il set base un paio di anni fa (sicuramente molti lo avranno fatto anche perchè il gioco ha da anni un ottimo piazzamento su bgg ed è abbastanza famoso) probabilmente si tratta di un ottimo acquisto. ;)

Piccola parentesi sulla lingua: il gioco teoricamente è giocabile anche avendo base ed espansione in due lingue diverse, ma questo potrebbe facilmente generare qualche confusione per le terminologie utilizzate. Se vi è possibile vi consiglio quindi di tenerli entrambi nella stessa lingua. ^__^

Il prezzo di listino di Innovation Echoes è di circa 24 euro e come al solito lo potete trovare anche su Egyp.it sia come scatola singola che in bundle con la scatola base (ma per i motivi sopra ve li consiglierei separati).

-- Le immagini riprodotte sono tratte dal sito della casa (Asterion) e/o dal manuale del gioco e/o da una copia del gioco fattaci gentilmente pervenire dalla casa editrice. All'editore spettano tutti i diritti sul gioco e sulle immagini, le quali sono state riprodotte qui ritenendo la cosa una gradita forma di diffusione, ma saranno rimosse su semplice richiesta. --

5 commenti:

  1. innovation penso che sia un ottimo gioco in 2 giocatori,ci gioco spesso e mi piace molto

    a mio avviso in 4 giocatori perdi il controllo delle varie carte in gioco,simboli ecc...non oso immaginare in 5

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In due è un ottimo gioco, anche se personalmente lo apprezzo di più in 3 anche perchè rende più efficaci e interessanti i dogmi cooperativi... in 4 l'ho giocato spesso, ma preferisco non superare i 3 se riesco perchè trovo che tenda a diventare troppo lungo (soprattutto se ci sono giocatori soggetti alla paralisi da analisi).

      L'aggiunta del quinto giocatore è alla fine una cosa estremamente secondaria di questa espansione il cui fiore all'occhiello sono le nuove strategie e possibili combo, che la rendono appetibile a patto che tu abbia già giocato molto al base (indipendentemente dal numero di giocatori).

      Elimina
  2. ....innovation non mi ha convinto....la sensazione di poco controllo e' purtroppo quello che non me lo fa preferire...giace a prendere polvere.....e vorrei tanto fare spazio....

    RispondiElimina
  3. Innovation è un bel gioco, che sia a me che ai miei amici è piaciuto sin dalla prima partita!
    Ogni partita è sempre diversa e non ci sono le carte "deus ex machina": ogni carta può essere più o meno forte, dipende dal contesto!

    Con l'espansione sinceramente avrei aggiunto anche qualche carta al set base, perché con le regole di pescaggio non è automatico pescare carte eco e il mazzo base finisce abbastanza presto.
    Avrei fatto una cosa come: 40 carte base e 60 0 eco per esempio, ma non importa. Le partite sono sempre competitive!

    RispondiElimina