sabato 18 ottobre 2014

I diari di Essen ´2014 - III - Parliamo del venerdi

Una classifica parziale del pomeriggio ... ;)
scritto da Fabio (pinco11)

Anche il venerdi´ se ne e´ andato e la fiera sta entrando nel suo momento piu´ caldo, ovvero la giornata di sabato, che e´per certi aspetti la piu´ intensa, in quanto e´quella nella quale si consolidano definitivamente le tendenze di vendita e le classifiche di gradimento della fiera.
La domenica, infatti, e´ il giorno finale dell´evento, nel quale gia´ nel primo pomeriggio diversi stand iniziano a sbaraccare, per cui la sensazione delle ultime ore e´ un poco quella tipica dei momenti di tramonto, ossia belli per ricordare la giornata passata, ma poco propizi per le attivita´ pratiche (ossia quelle di prova dei titoli).
Vabbe´, bando alla filosofia e passiamo al sodo, ossia andiamo a vedere come si stanno comportando i nostri candidati per il bestseller della prossima stagione ludica!

Essen the boardgame
Prima di tutto andiamo a vedere come stanno andando le cose ...

La classifica di BGG sembra che a questo giro si sia piuttosto stabilizzata, con al suo vertice sempre Alchemist (CGE), Deus (Pearl) ed Essen: the Game (quest´ultimo e´ un titolo che mette sullo sfondo levento stesso, facendo calare i giocatori nei panni di visitatori della fiera).
Dietro di loro un gruppo eterogeneo di titoli, tra i quali troviamo giochi per piü´esperti, come Hyperborea, Progress e Castle of Mad Ludwig (dall´´editore di Suburbia, un titolo dedicata alla costruzione di un teorico maniero), ma anche altri per un pubblico piu´ampio, come Five Tribes (che gode in fiera di un gran numero di tavoliper promuoverlo) o Doodle City (il gioco che si svolge disegnando su di un blocco di carta prestampato ...).

Passando a Fairplay Magazine la classifica ´di venerdi´sera e la seguente:
Murano








Spiel
Verlag
Note







































.
Orléans
dlp games
1,71
.
The Manhattan Project
Asmodee
1,92
.
Deus
Pearl Games
2
.
AquaSphere
Hall Games/Pegasus
2,07
.
Beasty Bar
Zoch
2,15
.
Die Staufer
Hans im Glück
2,16
.
Five Tribes
Days of Wonder/Asmodee
2,22
.
ZhanGuo
What's Your Game?
2,31
.
Patchwork
Lookout/Mayfair
2,31
.
Mahé
Franjos
2,33
.
El Gaucho
Argentum
2,38
.
Abyss
Bombyx/Asmodee
2,4
.
Murano
Lookout/Mayfair
2,45
´
Come potete notare anche qui dominano i titoli per esperti ed il peso specifico di diversi giochi compresi nellélenco s avvicina a quello dei classici cinghialozzi a noi cari.


 
In testa campeggia il noto Orleans, uno dei tre moschettieri del bag building, seguito (al di la´delle riedizioni) da Deus, da Aquasphere (uno dei due feld della fiera, ove lßaltro e´il relativamente poco seguito La Isla), nonche´da altri pesi mediomassimi come ZhanGuo (della What´s Your Game), Die Staufer e Murano (Lookout Games.
.. Ebola style ... ;)
Qualche spazio lo trovano pero´anche titoli piu´sbarazzini come Mahe, Patchwork (qui pero´il nome Rosenberg conta eccome ...) ed il leggero Beasty Bar della Zoch.
Come potete vedere si sta facendo notare una quindicina di titoli, ma un corridore in fuga non cé´...

Continua anche la mia avventura personale ... ;)

Ieri sera lelenco dei titoli provati e´arrivato al lusinghiero numero di 1´8 giochi provati, prestazione che devo riconoscere essere abbastanza soddisfacente :)
Per arrivare a questi numeri, pero´, lo spirito con il quale mi approccio agli stand e´quello della mente aperta, per cui, cosi´come dietró langolo cé sempre la perla pronta per essere scoperta, nello stesso tempo e´facile pure imbattersi in clamorose ciofeche ...

3D rulez!!!

Tra le delusioni (qui la valutazione e ´decisamente personale e non pretendo assolutamente di esprimere giudizi assoluti) posso annoverare Colt Express, che ho trovato essere estremamente ben fatto sul piano della componentistica, tanto da renderla assoluta protagonista della scena. Il gioco, messo sul tavolo, e´cosi´ carino, tra il treno tridimensionale e le belle illustrazioni, da far quasi dimenticare che il gameplay e´ basato molto sul "facciamo un po´di casino tutti insieme" (se lo vogliamo dire da esperti, possiamo inquadrare il gioco come un titolo che punta sul bluff e controbluff ...). Quasi ...


Ai miei compagni di tavolo Artificium, come potete vedere, e´piaciuto tantissimo :)

 
Ecco il gioco di dadi olandese di cui parlavo ieri ...
Disappunto e´invece la sensazione piu´calzante per il momento successivo alla prova di Artificium, che mi era sembrato prima di provarlo assai interessante ed intelligente, con il suo ´albero di costuzione e raffinazione delle risorse , ma che alla prova dei fatti e´´risultato titolo molto schiavo dell´alea e scarsamente interattivo (salvo i colpi di fortuna).

Tra le belle sorprese direi che posso annoverare il terzo moschettiere del bag building, ovvero il coreano King´s Pouch, comprato subito dopo la partita di prova (e´titolo forse leggermente acerbo sul piano dei componenti, ma sicuramente non complesso da spiegare e divertente da giocare, nonche´abbastanza interattivo grazie alla mappa centrale fatta di territori da contendersi a colpi di assalti), ZhanGuo, che ho trovato ben fatto e lineare (pur nella complessita´di fondo). Manca forse un pizzico di innovazione (salvo il bag building, per cui direi che e´abbastanza), ma la solidita´ sembra esserci tutta.

Ancora negli acquisti e´comparso il successore di Handler der Karibik, ossia Paititi, che mi sembra girare abbastanza bene, a anche se sicuramente non e´al livello del predecessore dello scorso anno.

.. vaya con dios .. amigo .. ;)
Per domani, comunque, ho ancora una lista piena di titoli da provare e/o comprare, per cui ho idea che sicuramente non riusciro´a fare tutto quello che vorrei  ...
Tra gli stand da visitare direi che mi manca la Zoch (Mangrovia mi intriga, ma anche il suo titolo emerso nella lista di Fairplay Magazine), cosi´come penso che prendero´ Murano, Orleans, Die Staufer e diversi altri titoli ...
Vediamo se anche domani mi riuscira´ di toccare quota dieci altri titoli giocati ... :)










Nessun commento:

Posta un commento