martedì 9 dicembre 2014

Drizzit: Il gioco di carte - Recensione + Intervista

Scritto da Chrys.

Oggi vi parlo di un gioco un po' diverso dai soliti tedesconi di cubetti, e cioè di Drizzit - Il gioco di carte: a prima vista potreste pensare che si tratti di un gioco tipo Munchkin, ma nonostante siano accomunati da una vena ironica e dalla tematica fantasy (se parliamo del Munchkin classico) in realtà siamo davanti a prodotti mooolto diversi.

Infatti Drizzit - Il gioco di carte è un cooperativo per 1-5 giocatori (va bene... in solitario non è che si cooperi con qualcuno, ma ci siamo capiti ^__^) in cui ciascuno controlla un personaggio con abilità e oggetti, e in cui come gruppo si affronta un'avventura specifica. Tanto di cappello in questo caso al fatto che la scatola base, come vedremo sotto, ci fornisce ben 3 mazzi avventura differenti. :D

Il gioco è illustarto dal grandissimo Bigio (fumettista autore di "Drizzit", il fumetto comico fantasy su cui è basato il gioco, oltre che dello splendido metafumetto "The Autor" di cui sto aspettando con ansia un'edizione cartacea per mettermelo il libreria *__*) mentre il regolamento è frutto di un lavoro a quattro mani, o sarebbe meglio dire a due teste, tra lo stesso Bigio e l'iperproduttivo Andrea Chiarvesio.

Il Contenuto della scatola (ops... il dado è rimasto dentro ^__^)
NELLA SCATOLA
Considerando il prezzo l'assortimento dei contenuti è dignitosissimo: abbiamo infatti 160 carte tra personaggi, abilità dei personaggi, ricompense, nemici e trappole generiche, una carta zaino, nemici ed eventi specifici delle 3 campagne e 3 boss per ogni campagna. A questi vanno ad aggiungersi vari token per punti vita ed eventi, e un dado da sei speciale con una faccia teschio e i valori da 1 a 5.

Il tutto ovviamente è illustrato da Bigio, ed ogni carta è un apiccola opera d'arte (ne potete vedere diverse corredate a questo articolo) oltre ad essere divertente da leggere e affrontare. ^__^

COME SI GIOCA
Anzitutto ogni giocatore sceglie un personaggio (ma Drizzit deve essere sempre in squadra) e riceve oltre alla carta personaggio anche le sue carte speciali (abilità, oggetti, alleati). Interessante il fatto che ogni personaggio abbia una carta obbligata (Drizzit 2) e altre tre a scelta tra 4... questo permette, anche se non di molto, di customizzare il personaggio in base allo scenario, al gruppo o allo stile di gioco, e garantisce anche una maggior longevità. ^__^

Fatto questo i giocatori devono scegliere un'avventura* tra le tre disponibili (per ora) anche in base alla difficoltà e al tempo a disposizione: infatti le tre avventure sono di difficoltà diversa il che influenza anche la durata. A questo punto le tre carte boss vanno messe da parte mentre le altre carte dello scenario (trappole, eventi, creature) verranno mescolate assieme a quelle generiche per formare il mazzo avventura. Ognuno riceve i suoi punti vita e ne vengono posti altri 5 "comuni" sullo zaino.

* come suggerisce il manuale stesso è anche possibile affrontarle tutte e tre in successione (senza resettare punti vita e abilità) come fossero una mega-avventura... ma solo per i più arditi. ;)

Ogni turno il primo giocatore (il Leader) può curarsi un punto ferita (prendendo un cuoricino dallo zaino comune, se ancora disponibile) e poi pesca una carta dal mazzo avventura... se è un evento o una trappola ne applica l'effetto e poi in alcuni casi dovrà (dipende dalla carta) pescare di nuovo. Se invece si tratta di un nemico bisogna affrontarlo a turno a partire dal primo giocatore finchè l'avversario non è sconfitto, dopodichè lo si mette giù sul tavolo a formare una fila "sentiero" a indicare un turno di viaggio completato.  Il nuovo leader diventa quindi il giocatore a sinistra di quello attuale e si ripete il turno.
Una volta affrontatti un certo numero di incontri, verificabili dalle carte a terra, (ad esempio in 5 giocatori sono 8, 10 o 12 a seconda dell'avventura) si scarta la fila e si affronta il primo Boss... fatto questo si ripete la cosa altre due volte affrontando il boss 2 e poi quello finale. Dopo ogni boss è possibile ripristinare un'abilità usata (sono quasi tutte monouso).

Combattimenti
Ogni nemico, come ogni personaggio, ha tre valori: attacco, difesa e punti vita (oltre ad eventuali abilità speciali). A partire dal primo giocatore tutti affrontano in successione il nemico  finchè non muore: prima di tutto il giocatore ha una fase di preparazione in cui può attivare eventuali poteri/oggetti, poi il nemico attacca ed infine contrattacca il giocatore. Se il nemico non muore si ripete l'operazione col giocatore alla sua sinistra, e così via. Un attacco consiste nel lanciare il dado speciale, sommarlo al valore di attacco e verificare se è pari o superiore alla difesa del bersaglio, nel qual caso lo si ferisce (normalmente causando 1 danno). La maggior parte dei nemici hanno solo un punto ferita, mentre i boss ne hanno sempre 3 o 4.

Ricompense
Alcuni nemici hanno un'icona ricompensa... quando vengono sconfitti il giocatore che ha sferrato il colpo mortale pesca una carta e decide a chi assegnarla: ovviamente questo avviene confrontandosi col gruppo, ma la scelta finale è sua. Molte ricompense sono oggetti magici, ma ce ne sono anche altre di tipo "evento" (ad esempio "Pausa spuntino") con altri effetti... sono comunque sempre carte positive.

Ferite e sconfitta
Se un giocatore arriva a zero punti vita è considerato KO e non potrà più combattere i nemici fintanto che non riacquista almeno un punto vita... questo può accadere quando è il suo turno come Leader prendendo un cuore dallo zaino oppure grazie ad abilità speciali ed oggetti di altri giocatori. Se il personaggio ha degli alleati questi possono continuare a combattere al posto suo. Se tutto il gruppo va KO la partita è persa.


ESPANSIONI
Inutile dire che sono previste delle espansioni, che però non rientrano nella strategia del "tolgo un giocatore e ve lo vendoa  parte" ma saranno nuovi mazzi avventura a tema (e magari anche qualche personaggio giocabile a parte ^__^). Non c'è ancora stato un annuncio ufficiale in tal senso ma la stessa scatola ha su scritto "Il set base contiene le avventure: Orchi, Sottosuolo e Gilda dei Ladri" e lo stesso Bigio ce ne parla nell'intervista sotto.

A costo zero potete già avere la Promo (inclusa con tutta la prima tiratura del gioco) che è un 6° personaggio giocabile: Pako (una "capra" mannara) con le sue 5 carte speciali di partenza. 

Inoltre son già state create diverse espansioni e varianti ufficiali Print&Play, come ad esempio un Drizzit speciale per le partite in solitario, 3 boss alternativi e nientepopò di meno che... Bigio come personaggio (munito delle abilità che vedete sotto: "Reagire male alle critiche", "Benedizione di Talia", "Benedizione di Melpomene", "Benedizione di Mese e Nete" e con l'alleato "Alonso" l'orsacchiotto... son tutti personaggi tratti da The Author)!!

Se vi interessano potete trovarli e scaricarli da questo link.


IMPRESSIONI FINALI
Con qualche partita alle spalle posso dire che Drizzit è davvero un bel prodotto... rientra per molti versi nello stile americano essendoci tiri di dado, pesca di carte e molte variabili fuori controllo, ma allo stesso tempo si basa anche sul saper usare le abilità giuste al momento giusto. Il risultato è un mix interessante e decisamente divertente da giocare con qualsiasi numero di giocatori e giocabile in 20-30 minuti.

Non fraintendete però quanto scritto sopra... se siete dei giocatori che cercano il controllo totale e considerano i titoli di Feld il punto di riferimento per definire un gioco da tavolo statene lontani ad ogni costo perchè si tratta di un gioco scanzonato e leggero. 

Nel valutare questa recensione tenete però anche conto che per quanto abbia giocato in passato a Munchkin quel titolo ormai non lo reggo più... troppa casualità e soprattutto troppo, troppo, troppo lungo per il tipo di gioco che è. Al contrario questo gioco mi è piaciuto moltissimo e penso che lo proporrò come filler a tutti i miei amici amanti del fantasy. ^__^

Credo che la scelta più interessante sia stata il farne un cooperativo... non solo lo rende un gioco originale dato che i giochi di questo tipo cooperativi sono decisamente rari (al punto che su due piedi non me ne viene in mente nessuno o__o) ma allo stesso tempo nell'ottica del tiro di dado, comunque molto presente, ne amplifica i successi (se uno fa un bel tiro tutto il gruppo esulta) ma soprattutto smorza la sensazione di sfortuna individuale perchè fa ragionare a livello di gruppo. 
In un gioco analogo competitivo la partita potrebbe finire in modo sgradevole col giocatore in testa superato per un tiro sfortunato dal terzo che tira quattro 6 di fila con quel che ne consegue... qui a fine partita ci si batte il 5 per la vittoria ridendo delle sfortune e delle morti mancate.

La durata del gioco è assolutamente contenuta... la scatola recita 20 minuti, ma a seconda del numero di giocatori e dello scenario potreste facilmente sforare stando comunque nella mezz'ora o poco più.

Invece la longevità del gioco è a mio parere assicurata... se lo prendete adesso vi trovate con 6 personaggi, ciascuno con 5 carte abilità/oggetto/alleato di cui ciascuno ne può mettere solo 4 a scelta in gioco. Se mediamente giocherete in quattro dovrete fare un bel po' di partite già solo prima di aver provato tutte le combinazioni (e se vi piacerà vi verrà voglia di provare almeno una volta ogni personaggio essendo abilità e giocabilità differenti)... e questo senza contare le tre differenti avventure, i boss aggiuntivi Print&Play già scaricabili e il settimo personaggio scaricabile. :D

Come al solito chiudo parlando del prezzo di listino... il gioco si vende a 19,90 euro che è un prezzo assolutamente onesto per quantità e qualità dei componenti, oltre che per il valore del gioco in sè, soprattutto se pensiamo che già contiene il sesto personaggio giocante. Come al solito potete anche comprarlo online sul sito Egyp.it dove trovate ancora (mentre scrivo) la prima ristampa con Pako. ^__^

E ora vi lascio alle interviste... ;)

INTERVISTE A BIGIO E ANDREA CHIARVESIO
Questa volta ho voluto strafare, quindi eccovi la bellezza di 2 interviste, una al mitico Bigio e l'altra ad Andrea Chiarvesio... ^__^  ...cominciamo con quella di Bigio, per la prima volta ospite sul nostro blog.

CHRYS: Sicuramente sei (o sei stato) un giocatore di ruolo visto che Drizzit attinge a piene mani dal genere con le sue gag... sei anche un boardgamer? Se sì, quali sono i tuoi giochi preferiti?
BIGIO: Ovviamente lo sono! Gioco un po' a ogni genere di board-game, da 7wonders a Kingsburg, da Agricola a Ticket to Ride, da Citadels a Smash-up, da Descent a Drakon. Detesto i classici Risiko, Monopoli e i party game di ogni tipo, mi sanno di giochi che non rendono giustizia all'universo complesso e bellissimo dei boardgame sacrificando meccanismi regolistici e ingegnosità sull'altare di un'appetibilità più generalizzata del prodotto.

CHRYS: Cosa ti ha spinto a creare un gioco di carte ispirato al tuo fumetto?
BIGIO: Mi è stato proposto, ci ho pensato, mi andava di farlo. Direi che le motivazioni sono le stesse per cui faccio praticamente ogni cosa!

CHRYS: Come è nata la collaborazone con Andrea e come si è sviluppata?
BIGIO: Questa è una curiosità interessante! Andrea è un lettore appassionato di Drizzit e quando ha saputo che c'era in programma un gioco di carte del mio fumetto, mi ha contattato. In quel periodo io avevo appena iniziato a mettere in piedi le meccaniche base del gioco, e gli dissi che allo stato attuale delle cose non avrei potuto ancora collaborare con nessuno. In pratica in quel momento stavo disegnando le carte su pezzetti di carta con i quali facevo giocare i miei amici e condividere il materiale con altri game-designer molto distanti sarebbe stato un problema.
Qualche mese dopo fui invitato alla trasmissione radiofonica "The Big Game Theory" durante la quale svelai un po' a tutti che stavo lavorando al gioco, e Andrea era tra i conduttori, quindi attraverso Mario Sacchi che è l'editore del gioco (Post Scriptum) ha ribadito la sua disponibilità a collaborare e dopo qualche settimana era con me a calibrare meccaniche e modificare regole.
Il suo contributo è stato prezioso perché io per quanto possa essere appassionato di giochi, ero alla mia prima esperienza nel campo e quindi è stato molto rilassante potergli affidare gran parte delle responsabilità per quel che riguarda il bilanciamento e la struttura del gioco.

CHRYS: Hai qualche aneddoto divertente riguardo al gioco che vuoi condividere con i lettori del blog.
BIGIO: La carta "stickman" e la carta "frapporsi" sono idee di Andrea. In particolare per quest'ultima, Andrea mi propose di disegnare Drizzit schiacciato tra due orsi! ...alla fine decisi che era troppo nonsense e lo disegnai schiacciato da due orchi, ma fu una trovata geniale.

CHRYS: Collaborerai o creerai altri giochi?
BIGIO:
Al momento siamo al lavoro sulla prima espansione del Gioco di Carte, che dovrebbe vedere la luce in primavera.

Ed ora è il turno di Andrea... ^__^

CHRYS: Sicuramente questo è un progetto un po' diverso dai tuoi giochi soliti... come ti sei trovato?
ANDREA: Molto bene. A me in realtà piace molto lavorare su licenze, di fumetti in particolare. Mi piace la sfida di trasferire in un gioco lo "spirito" di un fumetto. In questo caso, poi, Bigio aveva già fatto metà lavoro lui!

CHRYS: Com'è lavorare con Bigio?
ANDREA: Bigio non è solo molto simpatico anche di persona, ma è molto serio e professionale nelle cose che fa, quindi è stato un vero piacere. Non è solo sempre semplice tenere i suoi ritmi di lavoro serratissimi!

CHRYS: Hai qualche aneddoto divertente riguardo al gioco che vuoi condividere con i lettori del blog?
ANDREA: Divertente non saprei... Forse quando, assieme a Bigio e Mario, abbiamo plytestato con un mazzo di cui alcune carte le avevo create io... disegni inclusi! e io non so proprio disegnare... il mio disegno di Drizzit in mezzo a due orsi per "frapporsi" qualche risata l'ha fatta fare anche allo stesso Bigio! I momenti più difficili sono stati invece quando per motivi di bilanciamento abbiamo dovuto rinunciare a una o più carte dal disegno e dall'effetto divertenti.

CHRYS: Quanto sei contento di avere un set di carte "print and play" personalizzato con la tua caricatura e i tuoi poteri?
ANDREA: La uso come foto profilo su Facebook, può bastare per farvi l'idea di quanto mi ha fatto piacere?

-- Le immagini riprodotte sono state fotografate/composte da me oppure tratte dal sito della casa, da BoardGameGeek o dal manuale del gioco. All'editore o ai fotografi spettano tutti i diritti sul gioco e sulle immagini, le quali sono state riprodotte qui ritenendo la cosa una gradita forma di diffusione, ma saranno rimosse su semplice richiesta. --

3 commenti:

  1. Dopo che ho provato "Deficent & Dragons" (se non erro della stessa casa) potrei dare anche un opportunità a Drizzit.
    Piano, piano mi state convincendo :)

    RispondiElimina
  2. Preso al Torino Comics con la prima espansione...entrambe le copie con dedica di Chiarvesio :)
    Bel gioco scanzonato e veloce...adatto a tutti anche per l'ironia che permea tutto il titolo

    RispondiElimina
  3. Non lo conoscevo ma dopo aver letto questa bella recensione ho deciso di ordinarlo, anche mia figlia di 8 anni lo vuole provare, dopo aver visto le immagini e letto le battute...Grazie per l'ottima recensione!

    RispondiElimina