mercoledì 4 febbraio 2015

GSNPodcast: seconda stagione, quinta puntata. Intervista a Dado Critico

Audio by Federico Latini. Intervista con Andrea Dado.

Di recente abbiamo avuto l'occasione di incontrarci e/o sentirci con Andrea, la penna virtuale dietro ad uno dei blog più noti tra i giocatori, ovvero Dado critico.

Gli abbiamo accennato al desiderio di 'fare qualcosa insieme' e, dopo aver condiviso con lui il nostro pesce d'aprile e la sua iniziativa per promuovere le donazioni di sangue, abbiamo pensato di coinvolgerlo anche in una puntata del nostro podcast.



Dopo aver pensato a lungo a quello che poteva essere il tema della puntata, abbiamo ceduto alla curiosità di, semplicemente, saperne di più sul mondo del ludoblogger che beve birre e perde ai german ;)

Speriamo che interessi anche a voi ... :)







buon ascolto
Fede

14 commenti:

  1. Offline qui:
    https://archive.org/download/37DadoCritico/37%20Dado%20Critico.mp3

    RispondiElimina
  2. Ascoltarvi (sopratutto tu dado) è un piacere!

    Applausi!

    RispondiElimina
  3. Ascoltarvi (sopratutto tu dado) è un piacere!

    Applausi!

    RispondiElimina
  4. Bell'intervista ad un personaggio,come Andrea Dado,che ho avuto il piacere di conoscere prima indirettamente durante una partita a Zombicide e poi al Centro Giochi educativo a Torino....Ebbene sì: sono colui che da fan ha avuto la fortuna di incontrarlo dopo aver letto i suoi blog e visto i rari video che carica sul suo canale di Youtube.
    Il suo modo di scrivere è unico e ha dato,secondo me, una freschezza che manca un pò nel modo di "raccontare" i giochi da tavolo e di carte.
    Condivido entrambi i punti di vista riguardo al sedersi ad un tavolo da gioco: sia nel caso della ludoteca che tende a raccogliere appassionati e ad "iniziare" i novizi a questo mondo, sia al piacere (e Andrea sà profondamente cosa voglia dire) di avere delle serate tranquille dove godersi un giocone in tutti i suoi dettagli.
    Seguo tramite internet e giornalmente, diversi blog e forum relativi al mondo dei board game e credo che effettivamente molti altri blogger avrebbero bisogno di più spazio per avere nuovi punti di vista utili a far conoscere questo che per me è un bellissimo modo di passare un pò di tempo in compagnia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gentilissimo Davide.

      Comunque si, anche a me piacerebbero nuovi punti di vista.

      Elimina
  5. Grandissimi!
    Dado te lo aspettavi un successo del genere per il tuo blog?
    insomma, tutti ti adorano! (federico non sei l'unica groupie! :D )
    Come te la vivi questa reputazione da Star che ti sei guadagnato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non me l'aspettavo, ma più realisticamente credo che sia solo la novità del momento.

      Credo anche nel pericolo del "Tutti ti adorano".
      Quando ricevi tanti complimenti, risultare poi antipatico è davvero un attimo.
      Anche questo alone da "guest star" non mi si addice proprio (e chi mi conosce e frequenta di persona sa che sono un tipo alla “E prendiamoci 'sto caffè, va”).

      Elimina
  6. Personalmente avrei voluto sapere cosa contiene la sua "ludoteca"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito la chiamo libreria, perchè board games e libri condividono gli stessi ripiani.
      Un'ottantina di titoli, circa. Sto ancora sotto il centinaio, con qualche sacrificio.

      Elimina
  7. Bellissima intervista. Federico ha contenuto benissimo l'emozione.
    Anche io sono in modalità "groupie" per Dado!!!

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Simo se oramai ci sentiamo un giorno sì e l'altro pure!

      Elimina
  8. Il Dado è una penna felice. Al di là dei contenuti - che ci sono - il Dado è uno che da scrivere. E se deve criticare o dire cose scomode lo fa con stile, che non significa non usare parolacce.
    Probabilmente sarebbe piacevole leggerlo anche se scrivesse del ciclo digestivo degli zebù malgasci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Agza.
      Io ti aspetto al varco per fare qualcosa insieme, dalle nostre diversità potrebbe nascere qualcosa di interessante (o un buco nero in grado di inghiottire Saturno).

      Elimina