mercoledì 25 marzo 2015

[Giochi da zaino] Tausch Rausch

[Giochi da zaino] Tausch Rausch di Nero79

Dopo Abluxxen e Stichling ecco l'ennesimo gioco da zaino targato Ravensburger che va ad aggiungersi alla mia collezione.
Questa volta ad attivare i miei sensi di ragno è il nome dell'autore sulla scatola, un certo Rüdiger Dorn che con Istanbul mi ha regalato un gioco quasi da gamer che piace anche ai miei amici non gamer.

Niente a che vedere con il giochino di carte di cui vi parlo oggi, Tausch Rausch, per 2-4 giocatori a partire da 8 anni, un filler senza troppe pretese che nel suo piccolo può diventare un bell'esempio di buon game design per tutti i miei amici autori e aspiranti autori.

Anche in questo caso nessuna ambientazione appiccicata sopra (forse almeno un paio ci sarebbero state pure bene). Ci resta il dubbio di come l'autore abbia presentato il prototipo. Magari si trattava di scambi di merci in un bazar, oppure pirati che venivano presi e scambiati finendo sballottati da una nave all'altra... non lo sapremo mai e dovremo accontentarci di guardare quattro strane facce colorate che passano di mano in mano.

La scatola
Anche Tausch Rausch è un titolo della serie di giochi di carte di Ravensburger e come tale ha la stessa scatola di Abluxxen e Stichling. A livello grafico i disegni di Stephan Lomp non mi entusiasmano anche se tutte le icone sulle carte obiettivo sono abbastanza chiare e intuibili (non tutte ma quasi tutte).
Nella scatola troverete 80 carte numerate in quattro colori con i valori da 1 a 10 ripetuti due volte per colore.
Ci sono poi cinque carte mercato (si chiamano proprio così) che mostrano due frecce divergenti e da 1 a 3 carte e costituiscono il fulcro del gioco, 24 carte obiettivo da completare con indicato un set di carte con determinate caratteristiche (ad es. quattro carte rosa con valore uguale o maggiore di 23) e infine 11 carte riepilogative in ben cinque lingue (evviva c'è anche l'italiano).
Si poteva far meglio a livello di illustrazioni ma in fin dei conti è un prodotto abbastanza uniformato alla linea editoriale intrapresa da Ravensburger per i suoi giochi di carte e quindi apprezzo almeno la coerenza del progetto. I pallini sul dorso delle carte son comunque terribili  e secondo me danno pure fastidio durante la partita ma la Ravensburger con i dorsi non ci ha mai saputo fare (dai tempi di Memory).
Il regolamento per ora è solo in tedesco ma è prevista una versione internazionale (le carte riepilogative nelle varie lingue già ci sono in questa versione). Il titolo significa più o meno Scambia e Vai e da solo riassume tutto il funzionamento del gioco.

Il gioco
Per iniziare si posizionano le carte mercato in ordine sul tavolo e su un lato di ognuna vanno messe delle carte prese dal mazzo (una due o tre carte come indicato dalla carta mercato stessa).
Dal mazzetto di carte obiettivo invece si mettono sul tavolo cinque carte visibili a tutti (sono i cinque obiettivi che cercheremo di completare). Ogni giocatore riceve quindi cinque carte mentre le carte riepilogative sono messe alla portata di tutti i giocatori.

Il turno di gioco è semplicissimo. Nel proprio turno un giocatore può scegliere una di due azioni:

a) Scambiare con il Mercato
Scartare una, due o tre carte dalla mano mettendole a disposizione sotto la carta mercato relativa per poi prendere in cambio la carta o le carte presenti all'altro capo di quella carta mercato, quindi pescare una carta.

b) Completare un Obiettivo
Scartare le carte indicate dall'obiettivo che si sta completando e pescare una o due carte come indicato dalla carta obiettivo completata.

L'obiettivo completato viene messo coperto davanti al giocatore e se ne aggiunge uno ai quattro rimanenti per tornare a cinque.

Tra gli obiettivi che il gioco ci richiede di completare ci sono cose come cinque carte pari di qualsiasi colore, cinque carte dispari di qualsiasi colore, due carte di colore e numero uguale, una scala, un full, due carte gialle la cui somma faccia nove, quattro carte la cui somma sia minore o uguale a 9 ecc ecc...

Grazie alle carte riepilogative anche l'insieme di simboli più strano può essere facilmente interpretato.

Il primo giocatore a realizzare cinque obiettivi sarà il vincitore.

Impressioni
Apprezzo molto la semplicità di questo gioco che si spiega in un attimo e nonostante l'assenza di interazione diretta vede i giocatori competere per realizzare obiettivi comuni.
Tutti vedono ciò che viene scambiato ad ogni turno e possono intuire quali siano gli obiettivi che fanno gola agli avversari. Naturalmente l'alea nel gioco è molto alta dato che una buona pescata può mettervi da subito sulla buona strada per la vittoria ma il continuo pescare e scambiare carte mitiga questo aspetto almeno in parte.
Un filler carino che consiglio soprattutto se potete giocarlo con dei bambini che durante la partita possono allenare divertendosi la loro capacità di calcolo.

Le immagini sono tratte da BGG, dal manuale del gioco o dal sito della casa produttrice (Ravensburger) alla quale  appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta degli interessati.

3 commenti:

  1. Questo è proprio un classico titolo Ravensburger :D

    RispondiElimina
  2. Questi giochi mi piacciono molto, ma rendono bene da tre giocatori in sù, questo come gira in due?

    RispondiElimina
  3. In due riesci abbastanza a farti i fatti tuoi ma funziona lo stesso... al massimo forse ridurrei il numero di obiettivi disponibili da 5 a 3 (da provare).

    RispondiElimina