martedì 14 luglio 2015

Room Escape - Quando il gioco si fa dal vivo

Scritto da Chrys.

Oggi esco un po' dal seminario del boardgame classico che è l'argomento ufficiale di questo blog... se seguite il blog da tanto sapete che non è la prima volta che lo faccio... l'ultima volta è stata per parlarvi di libro-game a fumetti e la cosa è stata accolta bene, quindi spero apprezzerete altrettanto la digressione ludica di oggi.

Sto parlando della Room Escape, un attività ludica dal vivo che sta iniziando a diffondersi nell'ultimo anno in Italia... inutile dirvi che come al solito siamo purtroppo il fanalino di coda dell'Europa (solo a Londra ce ne sono 17!!) ma pare che la cosa stia prendendo piede in fretta. Chi è stato a Modena Play potrebbe aver provato la Mini-Room Escape messa in piedi da Narrattiva per pubblicizzare quella che hanno poi aperto a Rimini.

Per quanto mi riguarda nell'ultimo mese ho avuto modo di conoscere da vicino questo mondo perché un mio cliente ha aperto una di queste attività a Torino (www.mysteryhouse.it) con un progetto anche decisamente ambizioso dato che l'immobile è strutturato per contenere 5 stanze tematizzate... ho potuto quindi conoscere molto bene alcuni retroscena e seguirne lo sviluppo, mentre lui non si è fatto scappare la possibilità di farmi testare in anteprima la stanza (con una mia selezione di boardgamer) per testarla sotto sforzo ed avere un parere "da gamer esperti"... potevo sottrarmi alla sfida?  :D




COS'E' UNA ROOM ESCAPE
Per quelli di voi con un passato da videogiocatori potrei descriverla come una versione "live" di avventure grafiche come Monkey Island o di Broken Sword, ma mi rendo conto che suonerebbe un po' vago. ^__^

Di fatto è un gioco che si fa in squadra (ci si organizza coi propri amici per affrontarla assieme: le stanze normalmente ospitano da 2 a 6 giocatori)... la squadra viene chiusa in una stanza con un obbiettivo e ha 60 minuti di tempo per raggiungerlo, ma per farlo dovrà risolvere una serie di enigmi di vario genere, sbloccando nuovi indizi, aprendo cassetti, cassaforti, ante, scrigni o altro (trovandone le chiavi dopo aver risolto altri enigmi o, spesso, usando la soluzione degli enigmi per sbloccare lucchetti numerici o alfabetici).

Gli enigmi possono essere di tipo logico/matematico (successioni numeriche o altro) o di osservazione (magari un bauletto chiuso con una combinazione presenta dei graffi che ragionandoci portano ad un codice che la apre) ma spesso sono di tipo deduttivo, in cui bisogna osservare gli indizi, maneggiarli, discuterne, ascoltare e capire. Infine non mancheranno anche degli enigmi di tipo meccanico (contrappesi, elementi mobili, doppi fondi, ecc.).

Il termine Room Escape deriva dalle origini di questo gioco: inizialmente le stanze erano una sorta di "trappola" in cui i giocatori erano chiusi e la cui porta di uscita era chiusa da vari lucchetti/serrature e per aprirli era necessario risolvere decine di enigmi presenti nella stanza dove ogni enigma sbloccava una serratura. Le Room Escape più moderne pur mantenendo il nome hanno aggiunto a questo una trama e un'ambientazione rendendo tutto molto più immersivo e caratteristico (invece che in una stanza anonima potremmo quindi trovarci catapultati in un tempio, in un fil di spionaggio, in un horror, nello studio di Sherlock Holmes o in un dungeon fantasy). 
Anche l'obbiettivo non è più necessariamente la mera fuga ma potrebbero esserci obbiettivi secondari aggiuntivi o totalmente slegati dall'apertura della porta d'ingresso: trovare un tesoro nel tempio, trovare e disinnescare la bomba, scoprire le prove dell'assassinio, ricostruire un evento o altro. Anche per questo inizia anche ad essere usato il termine Adventure Room.

LE ORIGINI
Le room escape nascono come trasposizione fisica di un genere di videogiochi in cui si doveva cercare appunto di scappare da una stanza chiusa raccogliendo vari indizi (il primo del genere è Behind Closed Doors del 1988) ma a riportare di moda il genere è stato nel 2004 il videogioco Crimson Room di Toshimitsu Takagi (questi giapponesi nel creare trend sono imbattibili ^__^). Ha seguito poi un ondata di giochini per cellulari ed infine questa versione dal vivo che è la più solida e ludica nel senso sociale che noi apprezziamo. ;)

LA MIA ESPERIENZA
Come accennato sopra ho avuto da poco la possibilità di provare Il Segreto del Faraone che è la prima stanza aperta da Mistery House a Torino: come potete immaginare si tratta di una stanza a tema la cui storia verte su un mistero dell'antico Egitto, su un egittologo che sembra non invecchiare e su uno scarabeo d'oro dagli strani poteri. Lo scopo in questo caso è trovare lo scarabeo d'oro prima che rientri e l'avventura inizia nello studio dell'egittologo ma si sviluppa poi attraverso altre 2 stanze che non vi racconto per non "spoilerarvi" troppo. ^__^

Si crea una splendida atmosfera di squadra, ci si aiuta a vicenda, a volte ci si mette a ragionare tutti, altre volte ci si divide in gruppetti per occuparsi di più cose assieme... veramente bello. 

Gli enigmi sono ben fatti, divertenti e con anche alcune idee davvero originali rispetto al solito... il livello di difficoltà è a mio parere corretto: col mio gruppo l'abbiamo completata nei 60 minuti al primo tentativo (ma era un gruppo di gamer decisamente performante e molti degli altri gruppi di test non l'anno completata) ma la soddisfazione è stata impagabile... un ora di adrenalinica lotta contro il tempo e poi l'esultazione finale con noi sei che ci davamo il cinque come non ci fosse un domani.

DOVE POSSO GIOCARCI
Si siete di Torino o a pochi chilometri non posso non consigliarvi spassionatamente la stanza che ho provato da Mystery House (www.mysteryhouse.it); esiste anche un altra room escape ma non è ambientata, il che per me è una grossa pecca, ed è anche strutturata per essere praticamente infattibile al primo tentativo per spingerti a tornare per finirla (ok la sfida, ma voglio avere la possibilità reale di risolverla). Mentre scrivo so che altre due stanno aprendo (sì, noi torinesi siamo molto giocosi ^__^)

Se siete sulla riviera romagnola potete provare quella che ha creato Narrattiva e cioè Rimini Escape (www.rimini-escape.it) situata al bowling sulla superstrada per Rimini-San Marino; io sono originario di quelle parti e ci torno tutti gli anni quindi sicuramente la proverò (poi vi aggiornerò qui o su FB *__*).

Se siete a Milano potete googlare allegramente perché ne esistono già nove (!!!)... ho sentito parlare bene di Get Me Out (www.getmeout.it) ma avete solo l'imbarazzo della scelta.

So poi che ce n'è una a Firenze chiamata Adventure Rooms (www.adventurerooms.it) che ha aperto una "filiale" anche a Catania.

A Roma ce ne sono tre tra cui Escape Oddity (www.escapeoddity.com) con due stanze dal tema interessante, e Escape Rome (www.escaperome.com) con tre stanze (mi hanno parlato abbastanza bene di quella a tema "I misteri del Vaticano" e malino di quella a tema CSI... ma sono info di seconda mano).

QUANTO COSTA GIOCARCI
Giocare una Room Escape non è economico in senso assoluto ma diventa abbordabile per via del fatto che il costo della stanza lo si divide tra tutti (possibilmente andateci in 5 o 6). Il prezzo per una partita da 6 giocatori a Torino o a Milano costano sui 60-75 euro a squadra, ma i prezzi da altre parti d'Italia sono normalmente più cari oscillando sui i 90 € per partite da 6. Credetemi comunque che quelle 10-15 euro il gioco le vale tutte. ;)

Chrys

31 commenti:

  1. Risposte
    1. A Torino io ho provato la mystery room di Escape Academy. molto ben fatta

      Elimina
    2. E' da provare assolutamente. Io ho fatto EFFUGIO a Verona e mi sono divertito tantissimo. Ottimo l'allestimento e gli enigmi non sono banali.

      Elimina
  2. Ma vedi te cosa si scopre sul blog. Mai sentito prima di una cosa simile.
    Già dall'accenno agli adventure games stile LucasArts dal vivo avevo le antenne drizze, poi a Torino, per me che sono un piemontese esule da anni... Doppia occasione di tornare in "patria" e provare qualcosa di nuovo!

    Un plauso alla creatività degli imprenditori che si lanciano in nuove sfide, ed un altro a Chrys* per aver ripetutamente usato la forma "obbiettivo", con la doppia b, stile Pasolini! :D

    Saluti,
    Claudio


    * giusto per essere chiari... Immagino che il replay value sia nullo, una volta risolto il mistero non ci torni una seconda volta giusto? Un po' tipo Sherlock Holmes Consulting Detective?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. L'unico motivo per rifare la stessa stanza è quella di volerla risolvere al 100% se la prima volta non si è riusciti (finito il tempo fallisci e ti fanno uscire... in quel caso ti danno anche un punteggio tipo 68% o 89%). Ovviamente se tornate una seconda volta la chiudi poi sicura sapendo già la soluzione di buona parte degli enigmi.

      Invece una volta finita una stanza (risolta e fatta al 100%) non ha senso rigiocarla, esattamente come per Consulting Detective. Per questo normalmente le società di Room Escape creano più stanze così puoi tornare a giocare altro, come le diverse avventure di Consulting Detective... ad esempio Mistery House di Torino ne avrà 5 in capo a un anno... le prossime due saranno una a tema terroristico (se i stato narcotizzato e chiuso con una bomba: 60 minuti per liberarti, uscire e disinnescarla) e l'altra a tema zombie (yeah!).

      In più mi hanno detto che una stanza ha un ciclo vitale... col passaparola arriverà al 100% di prenotazioni, poi in capo a un paio d'anni le prenotazioni scenderanno: sotto una certa soglia normalmente la si smantella e se ne crea una completamente nuova sia come tema che come enigmi.

      Elimina
  3. C'è anche a Genova...

    Ciao
    Italo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Così anche in liguria non bisogna fare troppi chilometri. ^__^
      (ero certo di essermene perse...)

      Elimina
    2. A Genova c è EVASIONE.. locked room & horror room. www.evasi-one.it

      Elimina
  4. Grandissimo Chrys!
    Guarda pochi minuti fa ho finito Pirati che ho conosciuto leggendo il tuo articolo sul secondo capitolo della serie.
    Questi tuoi post "fuori dal coro" sono DAPAURA! perchè aprono uno scorcio al di là della siepe!

    Queste Excape Rooms mi aruzzano parecchio da come ce le descrivi, io farei un'ambientazione tipo Saw L'enigmista.... per far mettere un po di "caga" ai giocatori....

    Bello bello bello.

    PS: su Cavalieri1 avevi ragione, tostarello e a tratti frustrante... anche il finale....mh..... però con mi figlio di 5 anni ci siamo divertiti tantissimo e lo consiglio a tutti i papà... ho già acquistato Cavalieri tanto per camiare e mi sembra, sfogliando le prime pagine, che sia più fumettoso, con più scritte e quindi più adatto ai bambini grandi... come me :D

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: Cerco di coinvolgere la cricca per andare a quello di roma-vaticano... non si sa mai trovassimo un pertugio per entrare nella città del papa :D

      Elimina
  5. Un amico ha avuto una esperienza abbastanza frustrante. Aveva un pass da giornalista per la Tana e si è ritrovato nella stanza assieme ad altri con lo stesso pass, per cui erano tutti perfetti sconosciuti. Appena iniziata la prova, uno di questi, esagitato, si è messo a correre e urlare per a stanza aprendo tutto e buttando tutto all'aria, risolvendo praticamente il caso da solo, con zero partecipazione degli altri che lo guardavano attoniti.
    Peso sia meglio partecipare con un gruppo già affiatato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sto ridendo a bomba immaginando la scena!!!
      - Prego potete iniz...
      - SEEEEEEEE PRESTOOOOOOOOOO ECCO L'INDIZIO!!! ADESSO SPACCO LA SCRIVANIA A TERRA PER VEDERE SE DENTRO C'E' ROBAAAAAAAAAAARGH!! NIENTE, ALLORA DO' FUOCO A TUTTI I POSTER CHE MAGARI PARTONO GLI SPRINKLER!!! DAI, NON RIMANETE FERMI CHE FATE SCHIFOOOOOOOOO!!!

      Elimina
  6. Qualche anno fa lo provai a Mosca, poi a Praga. È un'esperienza da fare, a prescindere dalla passione per il gioco da tavolo. In gruppo diventa molto divertente e meno dispendioso, se ci si coordina ognuno cerca qualcosa, ognuno sfrutta un'abilità, fisica, logica o deduttiva... insomma un'esperienza appagante a 360 gradi, e molto molto soddisfacente.

    RispondiElimina
  7. Bah a me non ispirano particolarmente, forse la novità della prima volta ma poi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tentativo fallo e poi dimmi... al contrario io ho trovato che danno dipendenza (parlo di quelle ambientate... altrimenti è solo un accozzaglia di enigmi ed una vale l'altra). ;)

      Elimina
  8. Ho provato l'altra escape room di Torino (entrambe le stanze), e in effetti la cosa che secondo me mancava era proprio un'ambientazione e, soprattutto la prima room, mi ha dato l'impressione di essere una ricerca di codici piuttosto che risolvere enigmi. Ben venga una nuova escape room.

    Spero che tra le ambientazioni mancanti ne inseriscano una di tipo lovecraftiano, secondo me ambientazione perfetta per un gioco di enigmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gliela proporrò alla prima occasione... anche se io la farei al volo credo che una stanza "fortemente" lovecraftiana non avrebbe così tanto appeal perchè (purtroppo) resta uno scrittore bravissimo ma di nicchia... appena nomini Cthulhu fuori dal panorama nerd/geek i confronti con espressione stile "cerbiatto abbagliato da un suv" e la room escape è una attività molto trasversale come pubblico... incredibilmente i gamer rappresenteranno forse il 20% della clientela tipo...

      Però potrebbe inserirsi benissimo in una stanza a tema mistero/horror, apprezzabile dai fan di H.P. che ne coglierebbero ogni sfumatura e giocabile anche dagli altri. Proverò a proporgliela alla prima occasione!! Non si sa mai... :D

      Elimina
  9. Sabato 5 Settembre proverò una stanza a Firenze. Vederemo.

    RispondiElimina
  10. Ho provato diverse escape room negli ultimi mesi (essendo che mi sposto parecchio per lavoro) quella che mi ha incuriosito parecchio era un'escape situata a Milano e l'altra situata a Trieste (la grande fuga) in entrambe mi sono veramente divertito anche se nell'ultima sono uscito appena in tempo :) vi lascio anche il sito se pensate di andarci http://lagrandefuga.it

    Ciao Marco
    P.S. Fatemi sapere i vostri tempi hehe

    RispondiElimina
  11. Quali sono i giochini per cellulari a tema?

    Ero un grande appassionato delle avventure grafiche e mi piacerebbe trovare qualcosa per tablet..

    Non vedo l'ora di provare dal vivo la room escape!

    RispondiElimina
  12. Finalmente anche in Italia stanno arrivando, io l'ho provato a Londra eppoi in Ungheria!Mi sono piaciuti talmente tanto che ho aperto da poco una Roomescape, si chiama Fox in a Box ed e' a Firenze. Se volete passare un ora di divertimento passate a salutarmi! :)

    RispondiElimina
  13. Ho giocato a Trap Milano, www.trapmilano.it dopo averne fatte parecchie altre e devo dire che spakka!!!! l'ambientazione della tomba ti fa cagare addosso, niente a che vedere con il finto splatter di un altro che ho provato!

    RispondiElimina
  14. Escape room- Trieste: La grande fuga... LABORATORIO SEGRETO o LA BASE TERRORISTICA?

    RispondiElimina
  15. A Genova c è EVASIONE.. locked room & horror room. www.evasi-one.it

    RispondiElimina
  16. A Torino, nella fantastica cornice del quadrilatero, c'è ONE WAY OUT!! E' fatta davvero bene!!!
    http://escaperoomtorino.it/ qui trovate tutte le info per venire a verificare di persona!!!

    RispondiElimina
  17. Hanno aperto da poco qui a Bari "exCape", con tre escape room diverse; io ho provato la Stanza Vittoriana, ci è parsa molto divertente e l'abbiamo risolta all'ultimo momento! C'è poi la Prigione e - a breve - la Stanza Horror che comunque mia moglie non mi farà MAI provare. :)
    Consigliatissimo se siete da queste parti, ma occhio, gli enigmi non sono semplici!

    RispondiElimina
  18. Se volete ragazzi da 10 giorni è aperta a Roma, quartiere San Lorenzo, Escape Room Resolute e le scenografie sono veramente belle. Dracula, 50 Sfumature ed i segreti d'egitto.

    RispondiElimina
  19. Ciao Chris, ho visto che ti sono piaciute molte le escape, da aprile 2015 ci siamo anche noi di Clues Hunt a Milano, con due linee di gioco.
    Se passi da Milano ci piacerebbe farti provare anche i nostri giochi, contattaci per i dettagli http://www.clueshunt.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=97&Itemid=268

    RispondiElimina
  20. Ragazzi vi consiglio se siete a Roma di dare un'occhiata qui. Game Over Escape Rooms che sta nei pressi di Viale Trastevere. Un mio amico ha organizzato un compleanno e siamo finiti in un qualcosa di unico. Stanze dalle scenografie degne di Hollywood. Questo è il sito www.escapegameover.it

    RispondiElimina
  21. A Brescia ESCAPOLOGY con 3 diverse stanze a tema e la possibilità di sfida

    RispondiElimina
  22. A Lecce ce n'è una molto bella. Tratta un tema originale diverso dai soliti scienziato pazzo, horror, spionaggio. In pratica devi eseguire l'esorcismo di una donna tarantata. La storia diventa fondamentale e ricalca il vero rito che la tradizione prevede per liberare una persona dal veleno della tarantola. Una FIGATA!
    A breve han detto che apriranno un'altra stanza, ma sarà totalmente diversa dalle solite, almeno così han detto. Credo che forse faranno una cosa simile a quella che tu hai chiamato adventure room.
    L'escape room di Lecce si chiama (con molta originalità) LECCESCAPE, di comodo ha che si trova in centro-centro ed è molto meno cara di quelle dove ho giocato all'estero. Giocare in UK è un privilegio da sceicchi.

    RispondiElimina