sabato 10 ottobre 2015

Diari da Essen 2 - Il venerdì

Scritto da Fabio (Pinco11)

Seconda parte del diario della fiera, stavolta online la mattina, essendo reduce da una serata di giochi conclusasi alle tre di notte: mi perdonerete quindi se noterete qualche modesto calo di concentrazione nel flusso del discorso ;)



Proseguiamo nelle nostre sensazioni da fiera, dicendo che l'atmosfera si sta scaldando progressivamente, con un bel flusso di gente che affolla le hall della struttura, ma con nell'aria la classica invasione da sabato pomeriggio, quando si riversano di solito in giro per i tavoli i numeri maggiori di persone.
La lotta per il dominio virtuale delle folle è ancora apertissima e le due classifiche che di solito utilizziamo quale spunto per le nostre chiacchierate sui titoli più in evidenza sembrano non trovare punti di contatto apprezzabili.


Fairplay

Classicamente si tratta della lista più considerata dagli espertoni amanti del gioco leggermente più 'heavy' o cinghialoso e lo dimostra abbondantemente, visto che in testa troviamo Nippon della What's your game.
Subito dietro il titolo forse più strutturato della terna degli Eggert, ovvero Mombasa, che devo ammettere di aver visto per la fiera molto gettonato ed a seguire, a pari merito in posizione due, ecco il primo gioco 'per tutti' che si sta imponendo, cioè Mysterium (gioco cooperativo di indagine, sfruttando logiche di interpretazioni immagini alla Dixit).
Per noi non è una novità, perchè già in giro in Italia da tempo, ma talvolta i nostri cugini della terra di Goethe si accorgono leggermente in ritardo di qualche titolo, salvo poi innamorarsene perdutamente (vedi Love letter - quest'anno in giro anche in versione Batman - o Machi Koro). Oggi il desiderio di provare Mombasa c'è ed anche forte, mentre per Nippon l'acquisto è sicuro e lo rinvieremo, essendoci stato descritto come leggermente più 'denso' di Signorie, alla prova sul campo una volta rientrati.
Procedendo oltre in Fairplay, che ammetto essere una classifica decisamente sulle mie corde, trovo La Granja, a sua volta tutt'altro che una novità, al terzo posto accanto a Signorie ed ad un altro titolo di fascia 'light', ossia Codenames della CGE. Quest'ultimo sarà però localizzato in italiano e presente a Lucca (così come, finally, Through the Ages in lingua di dante) ad opera della Cranio, per cui lo vedrò in terra di Toscana.

Più spazio per i family o simili al quarto e quinto posto, perchè compaiono appaiati nella prima delle due posizioni 7 Wonders Duel, che il buon Sergio si è già accaparrato come acquisto sicuro (".. non vorrei che andasse esaurito ..", mi ha ripetuto il preoccupato scudiero circa sei volte, prima di scomparire un attimo e comprarlo senza dirmi niente ...) e Discoveries della Ludonaute - seguito sul piano logico di Lewis and Clarke - (già provato e recensito prima della fiera, siamo troooopo avanti ..), 
Sul quinto gradino poi c'è Isle of Skye, che rivaluta il piazzamento tessere classico inserendoci una meccanica di 'commercio' light delle tessere.

A chiudere poi ecco un altro Eggert attesissimo, ovvero My Village, seguito dal titolo di Breese di quest'anno (Inhabit the earth), che dalla copertina sembra un gioco per bambini a tema animali ma che ho idea che nulla abbia a che fare con i dolci frugoletti e dal giapponese già da ieri soldout, ovvero Sheep and Thief.

Devo dire che per ora nella lista mi trovo abbastanza: ho, chiaramente, le mie preferenze ed ho in mente qualche titolo che farei entrare, ma non disdegnerei di mettere sul tavolo uno qualunque dei titoli in elenco.

P.S. l'elenco di cui sopra è stato preso ad una certa ora nel tardo pomeriggio, ma non giuro che sia esattamente quello di chiusura fiera, ma poco conta ...

BGG

Qui le cose hanno preso una direzione quasi del tutto diversa, con un elenco che in top 10 mi lascia un pelo perplesso. Mi ripropongo però di andare, se riuscirò, ad esplorare qualcosa.

La top 10 dell'Essen Geekbuzz è:

1. 7 Wonders Duel
2. 504
3. Codenames
4. Mombasa
5. TIME Stories
6.The Bloody Inn
7. Automania
8. The 7 Continent
9. Baby Blues
10. Pandemic Legacy.

Come notate gli unici titoli che condividono la presenza nelle due liste sono 7 Wonders, troppo classico e troppo family per non comparire ovunque, Codenames e Mombasa.
Quest'ultimo ragionevolmente farà il botto anche nel post fiera, perchè è l'unico quasi - cinghiale, o almeno setoloso, che si è fatto strada in ambo i campi.
Per il resto menzioni interessanti sono quelle di 504, che quindi una fetta del pubblico sembra gradire, mentre ai miei occhi resta una sorta di Frankenstein ludico (ricordo che si tratta di un gioco che propone di giocare a oltre 500 possibili giochi diversi, mescolando le sezioni di regole che si trovano nella scatola) con appeal per me molto basso (sapete però quanto sia disponibile a cambiare idea sulla base della prova su strada!). 
Per ora nessuno dei miei scudieri lo ha preso, per cui non ho prospettive di provarlo a breve.
Anche TIME Stories è un qualcosa di particolare, perchè si inserisce nel concetto, in senso ampio, di un Sherlock Holmes, con la differenza però che qui l'indagine è ambientata nel futuro (siete nell'agenzia di controllo dei viaggi del tempo) e che il titolo, per quanto ho compreso, propone una sola avventura, che quindi, pur difficile, dovrebbe essere risolvibile nel giro di qualche partita. Espansioni, quindi, dietro l'angolo, ma un concetto di gioco a racconto che giustamente affascina. 

Poco altro vi so dire degli altri: forse Automania proverò a sedermi a vederlo, mentre Pandemic Legacy so che sarà presto in italiano grazie ad Asterion, per cui rinvio l'acquisto a breve.

Le serate

Ieri sera, lo accennavo, abbiamo finalmente fatto le tre e sul tavolo sono finito Potion Explosion, che ci ha colpiti assai favorevolmente, grazie al suo gameplay semplice (ed a componeti mooolto accattivanti), ma con qualche spazio per ragionarci sopra (in fiera ho visto un saccho di buste verdi con il logo Horrible, per cui, anche se non è nelle liste, mi sa che sta andando parecchio bene) e quella che considero per ora la nostra grande sorpresa, ovvero Ponzi Scheme.
Il gioco, un economico con regole semplice ed una bella fetta di interazione, ci ha davvero conquistati (anche se lo abbiamo finito alle 3.00!) e ci siamo fatti anche un sacco di risate, soprattutto nella fase delle 'offerte segrete' per portare via il controllo delle compagnie. Bello, bello: per capire se dal punto di vista matematico sia solido dovremo riprovarlo, ma credo che finirà spesso sul tavolo (e che qualcuno non tarderà a produrlo su licenza da qualche parte - è di origine taiwanese, della Homosapiens Lab).

Prospettive

Oggi maratona giochi!
Abbiamo un bell'elenco di cose da provare (verso la vetta della lista c'è Il consiglio dei quattro, mentre i titolo per due, visto che siamo un bel gruppetto, mi sa che li vedremo solo a casa) ma, consapevoli del fatto che ci sarà una ressa da paura, siamo mentalmente anche molto elastici. Vi saprò dire ancora, spero, domani.
A presto, ragazzuoli ed un saluto speciale da Essen ai nostri lettori a casa, che spero di aiutare, con questi articoli, ad assaggiare un poco di aria della terra di Germania e della ventata di novità di questa stagione ludica (verso la quale sono già ottimista)!!!

... e voi, in quale delle due classifiche vi ritrovate maggiormente ?






8 commenti:

  1. Pandemic Legacy già comprato io qui Fabio. A presto la recensione, per cui puoi soprassedere. :)

    RispondiElimina
  2. Qual'è il titolo della terzultima foto? Tank color pesca e casette del mulino bianco su mappa esagonata... Grazie

    Saluti,
    C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per fare la stessa domanda XD. Cmq anche io preferisco la lista di fairplay. Seguendo i vorsti articoli mi sta crescendo la curiosità per Zena e Il consigio dei quattro

      davide nippo

      Elimina
  3. Ciao Fabio, qual è il titolo dell'ultima foto? Sembra una via di mezzo tra Metropoli e La Boca :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rispondo da solo, ho trovato la recensione nel post successivo: è Skylaners :)

      Elimina