martedì 24 novembre 2015

G! come Giocare 2015 - Reportage

Scritta da Chrys.

Oggi è giornata di reportage... apro con un reportage di G! come Giocare 2015 e subito dopo pranzo troverete anche quello di GiocaTorino 2015. Caso vuole che cadano nello stesso week-end, ma si sa che noi quando si tratta di giochi facciamo miracoli! ^__^

Ammetto di non essere mai stato a G! come Giocare, nonostante siamo ormai all'VIII edizione un po' per la distanza e un po' per il fatto che cadeva quasi sempre in sovrapposizione con un evento ludico torinese, ma quest'anno l'organizzazione è stata così gentile da farci avere dei pass stampa, e mi sono fatto tentare. In più anche Dado (di Dado Critico) era curioso di vederla e quindi alla fine è scappata una macchinata molto ludica e molto caciarone con su me, Dado e il buon Viking. ^__^

Il primo impatto della fiera è notevole, con grossi e vistosi padiglioni che ricordano quasi quelli di Essen, e ben lontano dai soffocanti corridoi di Lucca ma anche dalla disposizione a corte tipica di modena con lo sterminio di tavoli in centro.

Premetto sin da subito che questa manifestazione è mirata ad un target giovane e giovanissimo.

Non mancano come già accennato inizialmente i principali editori italiani (Asterion, DvGiochi, Giochi Uniti, Ghenos, Oliphante, Red Glove, Cranio, ecc.) alcuni anche con stand di buona metratura, ma la loro scelta di titoli era orientata ai giochi Party e Family, anche se non mancava qualche sporadico titolo più hardcore: si potevano ad esempio provare titoli come Assalto Imperiale, X-Wing (prendiamoli da piccoli che la prima dose è quella che conta ^__^), Andor... questo per quanto riguarda le dimostrazioni, mentre per quanto riguarda le scatole in vendita c'eran titoli ben più importanti come Marco Polo e (finalmente disponibile) Signorie. I prezzi in generale erano quelli normali ma un po' di offerte si trovavano (ad esempio Mondo a 5€ o un 3x2 sui titoli DvGiochi).

Gli stand di boardgame erano raggruppati in un isola che raggruppava nemmeno un decimo della fiera, mentre gli altri 9/10 erano stand più per bambini (con qualche eccezione sporadica). Ma erano stand che se fossis tato un bambino avrei ucciso per girare... immaginateli grossi stile Essen con tantissime attività da fare: lego da costruire, biciclette da guidare in un percorso, pennarelli per scrivere sui vetri con bambini che potevano entrare in un grosso cubo di vetro ad usarli, macchinine radiocomandate, mega piste di trenini, poligono di tiro Nerf, versioni radicomandate provabili di R2D2, Millenium falcon e Camminatore ATAT (ok, ammetto che con quelli ci ho gicoato anche io), costruzioni lego, campo giochi Didò, e tante altre cose che ora non ricordo (scorrete le foto per farvi un idea.

Se avete dei bambini e non dovete fare troppi km per andarci fateci un salto il prossimo anno... tra l'altro fino ai 14 anni pagano solo 1 euro quindi non ci son scuse per andarci con tutta la cucciolata.

Segnalo infine la splendida tavola rotonda condotta e moderata da Spartaco Albertarelli titolata "Il gioco si fa adulto" in cui si è parlato moltissimo della crescita del gioco, della sua diffusione tra gli adulti e (il titolo era volutamente duplice) delle tematiche dei contenuti adulti (violenza, sesso, ecc) nei giochi... si è parlato in questo caso di giochi da tavolo ma anche di videogiochi (e della contaminazione tra i due).
In particolare davvero interessante l'intervento di Maresa Bertolo specializzata in Studio del Gioco (che va oltre il game design che ne è solo un applicazione am esplora anche le origini del desiderio di giocare, le dinamiche innestate dal gioco e molto altro) autrice tra l'altro del libro Game design. Gioco e giocare tra teoria e progetto che mi sono comprato e che vi consiglio se cercate un approccio molto profondo al tema.

Detto questo vi lascio alle foto. ^__^
(inizio con la parte boardgames, e a seguire quella più giocattolosa)


 


 





















 





Su queste avevo proprio messo l'occhio... 15€ ma ben spesi...





Segue breve carrellata dei candidati al premio gioco dell'anno...














Nessun commento:

Posta un commento