martedì 17 novembre 2015

[Recensione] - Ultimate Warriorz

Scritta da Chrys.

Questo Essen io e Fabio ci siamo orientati su scelte molto diverse... mentre fabio si è lanciato a testa bassa sui gestionaloni (più setolosi erano meglio era) io mi sono lanciato su titoli mediamente più leggeri, e Ultimate Warriorz (2-8 giocatori, 30 minuti, Matagot Games) di Guillaume Blossier era tra le varie scatole tornate con me nel valigione imbarcato vuoto all'andata e tornato con 22,95 Kg di giochi (soglia massima 23Kg!!).

In poche parole si tratta di un gioco di combattimento in arena che schiera una rosa di massimo 8 possibili personaggi tutti diversi usabili da altrettanti giocatori in sfide tutti contro tutti o a squadre. Il tutto condito da un mix di meccaniche tedesche ed american. Incuriositi? ^__^


NELLA SCATOLA
All'interno troviamo il manuale in più lingue, delle sagome in cartone degli 8 personaggi con relativi piedistalli (le sagome mostrano il davanti del gerriero su un lato e il suo retro sull'altro), 8 mazzi combattimento diversi e otto set di token punti vita negli otto collori dei personaggi. Abbiamo poi 6 dadi, una manciata di altri token e una plancia formata dalla scatola stessa in cui vanno ad incastrarsi le colonne in cartoncino, a formare una splendida arena tridimensionale.

L'arena è fantastica e i personaggi sopra fanno la loro porca figura... anche avessero usato delle miniature  non avrebbe potuto essere meglio, ed anzi trovo che i cartoncini dei personaggi essendo disegnati e a colori diano un effetto anche migliore. Impossibile passarci accanto senza fermarsi a curiosare. ;)

Le illustrazioni delle carte e dei personaggi sono molto colorate e volutamente fumettose (o cartoonose)... i mazzi di carte sono inoltre taglia forte (la stessa dimensione delle carte di Dixit!).


COME SI GIOCA
La battaglia per stabilire il guerriero più forte dura 7 round e i giocatori giocheranno una carta a round a scelta tra le proprie otto. Le carte vanno giocate coperte e poi girate in ordine di velocità (indicata sulla carta).

Appena girata bisogna eseguire quanto scritto sulla carta (se possibile) e poi questa va piazzata sulla pila di quelle giocate precedentemente in modo che a tutti sia visibile la nuova difesa. Ogni carta rappresenta infatti una mossa specifica e determina al contempo quanto il personaggio si "scopre" nell'eseguirla, quindi magari un affondo potente fa tanti dadi di danno in corpo a corpo ma ci espone fino all'azione successiva abbassandoci la difesa.

Ogni attacco ha un valore di forza che rappresenta il numero di dadi che tireremo (nel caso dell'attacco a distanza tiriamo però un dado in meno se il bersaglio è a due settori di distanza). La soglia di successo è pari al valore di difesa... ad esempio se attacchiamo un personaggio che quel round ha difesa 3 facciamo una ferita per ogni risultato di 3+ sui dadi tirati.

Ogni volta che feriamo qualcuno per ogni danno inflitto lui perde un token cuore del suo colore e ce lo consegna girato (sul retro sono indicati i punti vittoria). Tutti i cuori valgono 1PV con l'eccezione della prima ferita che vale 3PV (escamotage geniale per disincentivare l'accanimento sul singolo e creare una distribuzione omogenea dei primi attacchi!). Sempre con la stessa filosofia, se un giocatore ne elimina un altro nei primi 3 round subisce un attacco a sassate dal pubblico scontento (qui ci si aspetta una bella sfida.... con quel che costa il biglietto!).

Se prima della fine dei 7 round resta in piedi un solo giocatore questo è il vincitore, altrimenti si va "ai punti" e si conta chi ha più punti vittoria.

Anatomia delle carte
Diamo un occhiata a cosa abbiamo sulle carte... ognuna rappresenta una differente mossa (raffigurata con un'immagine del nostro personaggio coerente con gli effetti della mossa! *__*)
Ognuna riporta un valore di velocità (più alta è meglio è), un valore di difesa (che sostituisce quello della carta prima), un valore di movimento (da 0 a 2 settori), un valore di attacco in corpo a corpo ed un valore di attacco a distanza (la carta può riportare uno solo o entrambi questi attacchi). Notare che lo scudo è presente anche in basso a sx al contrario per semplificare la lettura della difesa agli altri giocatori. ;)

Le varie azioni (attacco a distanza, movimento e attacco in corpo a corpo) possono essere svolte nell'ordine che si vuole, ma il movimento è obbligatorio.

Differenziazione dei personaggi
E' stato fatto un ottimo lavoro perché sebbene alcune mosse siano comuni a tutti (ogni personaggio ha un affondo con solo tanto danno in corpo a corpo, un attacco a distanza forte senza corpo a corpo e un attacco debole di entrambi) anche queste sono personalizzate e differenziate nel mix di attacco/movimento/velocità/difesa. 

In basso a destra troviamo poi un riepilogo che ci ricorda la taglia del nostro personaggio (a parità di velocità i più piccoli agiscon prima).

In aggiunta le altre azioni differiscono ancora di più fino ad arrivare ai due attacchi speciali unici di ciascun personaggio. 

In quasi tutte le partite che ho fatto siamo arrivati spesso tutti vivi almeno fino al penultimo round, il che lo vedo come un segno di buon bilanciamento tra  personaggi nonostante le grandi differenze.

Lo gnomo moschettiere... un peronaggio da gestire bene per via dei suoi soli 5 punti vita (!!) ma è il più piccolo
e ha una difesa mediamente molto alta. Gli attacchi speciali sono l'anello di invisibilità (immune agli attacchi a distanza
e il barile eplosivo che se usato bene è micidiale. ^__^
I personaggi si differenziano poi molto per punti ferita, che vanno dai 16 del dragone ai 5 dello gnomo spadaccino (che però è molto più agile e quindi con una difesa di un paio di punti superiore alla media). La taglia è un'altra forma di bilanciamento tra i personaggi piccoli (normalmente con pochi punti vita) e quelli più grossi: infatti in caso di pareggio di iniziativa si agisce dal più piccolo al più grande.


CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco mi è piaciuto molto e si tratta di un ottimo titolo per una mezzora di gioco leggera (ma non troppo che secegliere bene le proprie mosse ed intuire quelle avversarie è fondamentale).

La difficoltà è abbastanza bassa ed il gioco, come avete potuto notare da questa recensione, si spiega in 5 minuti. Non va comunque preso sottogamba perché la scelta nascosta dell'azione è il fulcro del gioco.

Parlando infatti di tattica, questo gioco ne richiede parecchia... contate che le carte sono 8 e i round 7 quindi prima o poi le userete quasi tutte: resta quindi fondamentale scegliere il momento giusto per difendersi o affondare, o per attaccare a distanza o usare le abilità speciali... soprattutto cercando appunto di leggere negli altri le loro intenzioni! ^__^

Quanto alla durata del gioco, questo fila liscio e rapido con qualunque numero di giocatori (anche perché la maggior parte dei tempi morti sono dovuti alla scelta della carta che comunque avviene in contemporanea).

Quanto a rigiocabilità, la sensazione è comunque quella di fare una partita molto diversa a seconda del personaggio scelto, il che non solo aggiunge rigiocabilità ma fa venire anche voglia di far subito un'altra partita per provare personaggi diversi.

La dipendenza dalla lingua è nulla... le carte non contengono infatti scritte. Il manuale invece è di sole 4 pagine ed è presente in 5 lingue: inglese, francese, tedesco, olandese e cinese. Se riuscite a leggere il manuale per il resto siete a cavallo!

Se vi chiedete a chi si rivolge... ci troviamo davanti ad un titolo un po' per tutti, ma che sicuramente non si adatta al tavolo di chi vuole il controllo totale ed alea nulla. Va comunque sottolineato che per quanto vi siano i dadi, la parte di scelta dell'azione e l'obbligo di gestire il proprio pool di scelte che si assottiglia di round in round lo rende un titolo da non sottovalutare. :D  Con certi gruppi di amici può essere anche un ottimo modo di rompere il ghiaccio, ludicamente parlando.

Per quanto riguarda il prezzo al pubblico... l titolo ad essen era venduto a 25 euro (prezzo fiera) metre da noi si trova a poco di più, sui 29 euro massimo. Come al solito lo potete trovare in vendita anche su Egyp.it.

A Essen erano presenti diversi tavoli di questo gioco, ma non poteva mancare una edizione gigante tutta in legono. ;)

10 commenti:

  1. Condivido il tuo parere Chrys! Ricordo che dimostravo la versione francese anni fa a Novegro ed in effetti i tavoli si sono sempre riempiti in un attimo, con gruppi che addirittura hanno voluto fare subito una nuova partita per provare un personaggio diverso.
    Ottimo "animale da acchiappo" per i neofiti.

    RispondiElimina
  2. Sembra un gioco veloce e divertente. Mi frena la grafica.

    RispondiElimina
  3. Titolo che mi era sfuggito (ma l'area Asmodee a Essen era quasi inavvicinabile a meno di lunghe code), ma che si presenta interessante per con il giusto gruppo. Da provare. Grazie per la segnalazione Chrys.

    RispondiElimina
  4. Com'è la scalabilità a due giocatori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione (argomento non toccato)... in due si gioca ma secondo me il suo meglio lo da a partire da 3 giocatori in su. In due si trasforma infatti in un duello ed il fatto di avere sempre lo stesso bersaglio lo rende meno bello (almeno a mio parere). La cosa è ovviabile tenendo 2 personaggi a testa, ma personalmente trovo molto più bello usarne uno solo.

      La modalità Tag Team (a squadre) è invece molto carina e permette anche alcune strategie combinate decisamente interessanti. ^__^

      Elimina
    2. Infatti leggendo il regolamento in inglese ho notato che c'è una modalità a squadre e quindi anche giocando uno contro uno si possono tenere più personaggi a testa e creare una sorta di squadra.......non sembra male.

      Elimina
  5. Mi conosco troppo bene..
    Sarà mio al più presto :)

    RispondiElimina
  6. Consigliato a tutti i papà che non possono più fare a "cuscinate" sul divano col proprio figlio perchè la mamma rompe le p..lle :-)

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Ottima recensione. V

    RispondiElimina