martedì 2 febbraio 2016

Norimberga 2016 - Report

scritto sa Chrys

Ed eccomi, un po' sfatto, al ritorno da Norimberga... la mia prima esperienza con questa storica fiera mi ha fatto a pezzi (lunedì mi son pure preso giornata libera per recuperare il fiato ^^) ma di quella stanchezza soddisfacente.

Come iniziare a descrivervi una fiera che è in parte una piccola città? Nel precedente articolo trovate un po' di dati (170.000mq, 2.800 espositori) e l'immagine che vi ripropongo sotto con la foto di un padiglione (nemmeno tutto) e della mappa è il modo migliore per farvi capire di cosa si tratta.

Partendo dall'inizio, il viaggio è iniziato a Caselle con un bel gruppetto di torinesi: Mago Charlie (Carlo Emanuele Lanzavecchia), Walter Obert, Pierluca Zizzi e altri. A Norimberga ci siamo poi riuniti con Luca Borsa e Luca Bellini, coi quali condividevamo l'hotel, e con tante altre persone. 




L'AREA GAMES
I produttori di boardgame erano tutti concentrati (si fa per dire data l'estensione) in 2 padiglioni e un pezzo che corrispondono all'area gialla nella mappa... anche se alcuni editori erano distaccati in altri settori (ad esempio l'Haba era nell'area bambini come altri editori per fasce di età molto giovani, oppure i giochi interamente in legno).

Trattandosi di una fiera esclusivamente rivolta ad operatori del settore (potevano entrare solo publisher, distributori, autori, la stampa accreditata e quelli che avevano un invito diretto di un editore) la percorribilità degli spazi era eccezionale... gli stand erano quasi sempre mezzi vuoti, il personale sempre disponibile, mai nessuno che ti coprisse la vista o folle in cui infilarsi. Spesso ci si trovava in corridoi tra gli stand lunghi 100m con solo 4-5 altre persone visibili in tutta la lunghezza!

Il lato negativo era che... beh... per lo stesso motivo non si poteva comprare nulla (a meno di ordinare un pallet di scatole da farci consegnare a casa). Ottimo per risparmiare ma credo mi sarei portato a casa 500 euro di roba altrimenti (e non solo in boardgames, anzi).

TUTTO IL RESTO
Gli amanti della tecnologia resterebbero incantati dal giogantesco padiglione dedicato al modellismo e soprattutto da quello quasi interamente dedicato ai droni (tra cui ne spiccava uno largo 160 cm, con eliche di 60-70cm, che si pilota con un controller e indossando un casco per la realtà virtuale che ti dà la vista in soggettiva e ti permette anche di ruotare la telecamera muovendo la testa!).

I miei padiglioni preferiti restano quelli dei peluche (immenso e bellissimo), quello delle costruzioni (mattoncini di plastica, resina, legno, mattoncini in cotto e mille altre cose) e quello dei costumi.

La fiera presentava anche molte grandi installazioni, personaggi in costume (ho incontrato l'orso Heidelberger ^^) e tantissime splendide sculture scala 1:1 tra cui Hulk, BB8, Saetta McQueen, Batman e tanti altri.

Tra gli stand ce n'erano di davvero particolari... ad esempio uno vendeva giacche eleganti con texture nerd (bianca con macchie di sangue alla Dexter, Loghi di Superman, ecc.), un'altra vendeva grosse pecore in legno con vero vello di pecora (tra l'altro bellissime) e un'altra dei salvadanai tutti in legno a forma di dinosauro in cui infilavi la moneta in bocca.

Ho avuto anche modo di vedere il nuovissimo prodotto dai creatori degli story cube che è una specie di fucina creativa per bambini/ragazzi (ma secondo me interessante pure per un adulto) atta a spronare la fantasia ponendo però dei vincoli progettuali e un committente (un supereroe, un cavaliere, una fata, un esploratore) con dei bisogni. Praticamente una fucina per futuri fumettisti, progettisti, designer ed ingegneri! Quando avranno un partner italiano mi avvertiranno e ve ne farò un bell'articolo.


Altro piccolo rammarico è che al di fuori dell'area boardgames (lì potendo indossare i panni dell'autore e del giornalista riuscivo a farmi aprire quasi ogni porta) alcuni grandi stand e installazioni erano riservate ai distributori (nemmeno editori potevano), come ad esempio il tour alle novità 2016-2017 della LEGO (una mia passione personale).  :Q_

ANEDDOTI La compagnia ludica era di altissima qualità e ha portato a tante risate e numerosi aneddoti per il futuro (molti dei quali non è il caso che li scriva qui XD). 

Uno che posso tranquillamente divulgare riguarda i supersensi nerd di Luca Bellini durante la prima sera passata assieme a Tascini e ai ragazzi della Horrible Games: una mega cena a base di grigliata mista, botte di birra (sul serio) e 7 stinchi di prosciutto giganteschi! Immaginate un locale immenso e strapieno, con persone che ridono e parlano chiassosamente (si quelli in cui devi concentrarti per parlare con la persona a 2 sedie da te)... ecco: a metà della serata il buon Luca Bellini alza di colpo la faccia dal piatto con l'espressione del suricate di vedetta in cima alla collina affermando "Ho sentito cadere un dado". La ragazza di Zizzi al suo fianco già parte dall'idea che la stia perculando ed ecco che controlliamo... ed il dado era lì (era caduto dalla tasca di Luca Borsa mentre prendeva un fazzoletto). O__O

Ogni sera è finita allo stand Giochi Uniti dove viene stappata ritualmente una buta di vino e aperto un pacco di taralli, cosa che evoca istantaneamente tutti gli autori italiani della fiera (5/5, trumple) quasi come le tartarughe che ogni anno percorrono migliaia di chilometri e trovano d'istinto la strada verso la stessa spiaggia.

La correttezza e l'educazione dei tedeschi come sempre è eccezionale... io resto sempre sconvolto dal fatto che nelle fiere tedesche quando gli standisti se ne vanno resta tutto lì (pile di giochi, materiale, libri) perché nessun tedesco penserebbe di portarselo via (da noi in Italia chi ha fatto fiere come Lucca dall'altro lato della barricata sa che bisogna avere 10 occhi perché l'italiano taccheggia qualunque cosa non sia inchiodata a terra. Allo stesso modo se il personale di uno stand si assenta si limita a mettere una sedia  nell'accesso (magari una sedia in uno spazio largo 2 metri) e questo si trasforma per i tedeschi in una barriera fisica insuperabile.

Invece noi abbiamo Luca Borsa famoso per parcheggi così selvaggi che i vigili tedeschi non gli mettono la multa tanto restano spiazzati ("ha lasciato la makkinen in zona pedonalen con due ruote su una pankinen... kiaramente è un'emerkgenza!"). Se Luca vi dice che ha parcheggiato a 50 metri dall'ingresso della fiera sappiate che probabilmente intende 50 metri verso l'interno, oltre i tornelli. XD

Il nostro albergo, in un paesino dei dintorni e in cui si mangia benissimo (la seconda cena di gruppo è stata lì), sembrava la fabbrica del cioccolato di Willy Wonka... Charlie si è trovato un bagno completamente marrone, Zizzi una radio incassata nel muro con comandi mescolati agli interruttori che è inavvertitamente partita in piena notte e io un bagno con doccia incassata nella falda del tetto (fortuna che non sono alto se no eran guai). In compenso mi hanno detto, gli altri erano habitué, che quest'anno mancavano le inquietanti bambole horror sui pianerottoli che la notte si muovevano da sole. ^^ 

Tra l'altro le chiavi erano simpaticamente agganciate a dei portaghiavi in ghisa da 1 chilo abbondante che io sono pure riuscito a portarmi via in tasca per errore (mi sentivo appesantito ma pensavo fosse la cotenna fritta della sera prima). Quando sulla via dell'areoporto siamo ripassati per riportarla sono entrato in un albergo completamente deseto... chiama chiama non arrivava nessuno, guarda in cucina, sali le scale, vai nelle salette... un hotel fantasma. Pauuuura! Io gliel'ho alfine lasciata sul bancone. XD
NOTE D'AUTORE
Per i più curiosi di voi, sappiate che gli incontri con gli editori sono andati molto bene... tanti complimenti e parecchie richieste di regolamenti e versioni print&play da spedire perché possano playtestarle internamente. Come primo approccio agli editori esteri non posso certo lamentarmi e devo dire che l'organizzazione è eccezionale (spesso c'è una receptionist che ti accoglie allo stand e ti porta all'appuntamento nella saletta interna, ambiente silenziosissimo, ti chiedon cosa vuoi da bere, ti offrono un cioccolatino... ^^
TELEGRAM
Vorrei capire da voi com'è andato l'esperimento... purtroppo avendo entrambi molti appuntamenti con gli editori aggiornarlo è stato più difficile del previsto (ci è capitato spesso di correre da un appuntamento all'altro... io ho saltato tutti i pranzi). Spero la cosa sia comunque piaciuta... fateci sapere così ci regoliamo per il futuro. ;)

GALLERIA FOTOGRAFICA
E ora vi lascio alla galleria fotografica della fiera... se volete vedere ancora più foto potete accedere come al solito sul canale Facebook del blog dove trovate l'album integrale di Norimberga 2016.






















 















17 commenti:

  1. Ragazzi quanta curiosità mi avete trasmesso!!! L'esperimento Telegram è stato buono, ma se fosse stato possibile fare dei brevi video sarebbe stato forse un po' meglio. Per il resto... tanta invidia!!! Non appena possibile raccontateci un po' più nel particolare le novità che avete visto!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo. qualche brevissimo video ci sarebbe stato bene

      Elimina
  2. Ciao, grazie per il report. L' idea di aggiornarci con telegram mi e' piaciuta molto ed ho aderito immediatamente. Sono rimasta un po' delusa nel vedere tante belle foto senza due righe di spiegazione/ commento. Comunque idea promossa e spero che con il prossimo evento possa essere arricchita e migliorata. Grazie ;) Angi

    RispondiElimina
  3. L'esperimento mi pare andato bene, ma come Angi sono d'accordo sul fatto che qualche riga di commento in più sarebbe stata gradita... esperimento che spero venga comunque ripetuto già dalla prossima Play (ci sarò comunque, ma avere altri riscontri è sempre gradevole - soprattutto perché nove volte su dieci non riesco a provare i giochi che vorrei)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scritto purtroppo il tempo è stato tiranno (ç__ç)... già trovare il tempo di fare le foto e postarle è stata dura. E se contate che il materiale che avete visto è stato postato da 2 persone (me e Charlie) capite il poco tempo pro-capite.

      Per Play dovrebbe essere più semplice perchè gli appuntamenti di lavoro con gli editori sono pochissimi.

      Elimina
  4. Ma la mappa di ticket to ride United KINGDOM non e' per massimo 4 giocatori? :) Vedo cinque pedine e 5 colori. E' stato preparato senza sapere le regole :)

    RispondiElimina
  5. ma il mini stone age che roba e?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stone Age Junior... giocato insieme a Micheal della HiG e a Pierluca Zizzi. Uno Stone Age per un target (a pelle) 6-8 anni che mantiene le sensazioni e l'idea del base ma con meccaniche diverse. Interessante e divertente (ne fatò un articolo più in là quando sarà in commercio). ^__^

      Elimina
  6. Ciao Chris ottimo lavoro ..é stato un piacere condividere questa meravigliosa esperienza che è sempre "Norimberga" ...per me ormai la settima volta ...per quanto riguarda i parcheggi selvaggi
    sono nato e cresciuto in una città dove ci sono più auto che abitanti ...di necessità virtù :-)

    RispondiElimina
  7. “Ogni sera è finita allo stand Giochi Uniti dove viene stappata ritualmente una buta di vino e aperto un pacco di taralli, cosa che evoca istantaneamente tutti gli autori italiani della fiera (5/5, trumple) quasi come le tartarughe che ogni anno percorrono migliaia di chilometri e trovano d'istinto la strada verso la stessa spiaggia”

    Ecco, già solo per questa.
    Bel report.
    ^_^

    RispondiElimina
  8. Ciao Chris,
    Ho seguito la diretta aspettando con impazienza nuove informazioni. Il risultato e` stato interessante ma qualche commento in piu` avrebbe fatto comodo. Capisco che in realta` la cosa sia molto complicata. Per via del mio interesse per i GdT auspico comunque che venga replicato quantomeno ad Essen o eventi particolari come IdeaG. Modena e Lucca sono obiettivi piu` raggiungibili e piu` frequentati.

    RispondiElimina
  9. Anche io mi aggiungo a chi dice che l'esperimento Telegram è riuscito bene ma va sicuramente migliorato, in effetti un po di testo dopo le foto sarebbe stato molto apprezzato, ed anche un recap "stile podcast" la sera post-fiera sarebbe stato anche apprezzato.

    Mi ha colpito e mi chiedo come mai alcuni titoli non sono stati fotografati/postati/sviscerati, e probabilmente sono quelli che hanno fatto parlare di più su BGG (La riedizione del progetto GIPF, l'espansione 3 di T.I.M.E Stories, Castles of Burgundy The Card Game, SOL, Pandemic: Reign of Cthulhu).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi capire che purtroppo la fiera di Norimberga è per gli addetti ai lavori. Dimentica la ressa e le code di Essen (a volte in 60 metri di corridoio ci sono 2-3 persone in tutto) ma allo stesso tempo i tavoli dimostrativi sono presenti col contagocce perchè è una fiera in cui principalmente gli editori incontrano gli autori, gli altri editori (per le localizzazioni), i distributori e i grossisti (grandi catene, supermercati, ecc.)... normalmente in salette private.

      Per darti un esempio concreto: interessantissimo TIME Stories e nell'articolo sopra puoi vedere TUTTO ciò che ne veniva mostrato al pubblico (foto 24 dall'alto): tavolo apparecchiato col set-up base e 2 scatole di espansione sigillate accanto. L'espansione Under the Mask non era nemmeno esposta. TIME stories non era giocabile. Il tutto era esposto su un tavolo insieme ad altri 20 giochi Asmodee recenti a mo di mostra.

      Pandemic Reign of Cthulhu io non l'ho nemmeno visto aperto (Z-Man non era presente e Filosofia Edition non lo esponeva).

      Sulle novità trovi più materiale fotografico su BGG di quanto ne vedrai mai a Norimberga...

      Elimina
  10. Ciao e complimenti per l'esperimento di Telegram. Vi ho seguito con interesse. Promosso a pieni voti.

    RispondiElimina
  11. Sul robot di Star wars c'era scritto PLEASE DO NOT TOUCH.
    E tu ti sei fatto immortalare mentre lo toccavi... I soliti italiani :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sciocchino... non lo stavo toccando (sono molto tedesco in queste cose). ^__^

      A parte che il cartellino si riferiva alla sabbia vera sulla base (infatti era l'unico con questa dicitura) nel dubbio ho solo tenuto la mano a destra staccata di 5-6 cm dalla statua per far si che nella foto ripresa dall'altro lato sembrasse lo accarezzassi (direi che funziona ^^). xD

      Elimina
  12. Ma Catan Big Box arriverà in Italia tradotto?

    RispondiElimina