sabato 19 marzo 2016

Recensioni Minute - T.I.M.E. stories "The Marcy case" (no spoiler)

scritto da TeOoh!

Sapete già, se avete letto l'articolo precedente, che sono letteralmente innamorato del sistema di gioco proposto da TIME Stories.
È quindi stato un attimo rimettere insieme il gruppo collaudato per lanciarci in questa seconda avventura:
The Marcy Case è scritto stavolta da Nicolas Normandon, sempre per 2-4 giocatori, sempre per un totale di circa 90 minuti a Run.

Ve lo dico subito: scrivo pochissimo, perché tutto può essere spoiler. Nel filmato qualcosa in più c'è, ma l'ho segnalato e diviso proprio per permettere a tutti di stoppare quando si sta per superare la propria soglia di spoiler. State comunque tranquilli: il "livello massimo" è semplicemente che vi mostro lo stile della grafica delle carte.

La minutissima è: con la vostra squadra, sarete catapultati a New York per recuperare una ragazzina di nome Marcy, scomparsa improvvisamente.


Questo è quello che vi rivela la scatola e vi dirà la Base prima di catapultarvi là. Stop.

In linea generale, sarà un'avventura molto più densa di azione rispetto alla Asylum che avrete giocato con il base. Gli enigmi ci sono, ma non sono mai bloccanti come lo sono stati nella precedente missione, e comunque sono spesso anche risolvibili con i "tentativi". Diciamo che questa volta il vostro più grosso nemico è il tempo (inteso come Time Units), più che rimanere spaesati.

Devo trovarci qualcosa? Diventa una questione di gusto personale definire se vi piacerà di più o di meno. In Asylum, il rischio di non sapere più cosa fare era alto: c'è stato da spaccarsi la testa insieme più volte. Ma per alcuni, capisco che tutto ciò possa essere stato frustrante. Qua è molto probabile che non esplorerete tutto e, paradossalmente, potrete tentare di finire la missione molto presto. Ma è anche molto più alta la possibilità di fallire (e alla TIME lo sapete, non sono così sereni quando sbagliate).

A me questa avventura tutto sommato ha fatto immergere un po' meno. L'ho trovata comunque benissimo ambientata e ne ho percepito la freneticità che volevano trasmettere, ma sono amante degli enigmi e del poter sfruttare al meglio le caratteristiche del proprio personaggio. Qua le differenze potrebbero non risultare così evidenti. Insomma, secondo posto.

Ah, per la cronaca: il nostro gruppo ha già acquistato la nuova espansione. Ora è in mano al padrone del gioco. Non appena arriverà da noi... sarete informati!

Come vi dicevo, nel video vi mostro semplicemente (alla fine! tutto segnalato per tempo!!!) le carte della prima location in cui sarete catapultati. Per noi è stata una gran sorpresa anche vederla per la prima volta: sia per lo stile grafico che per quel che c'era disegnato. Ma, immagino, che se qualcuno mi avesse proposto di vederle, probabilmente le avrei guardate. Potrebbero pesare nella scelta dell'acquisto.

Link Egyp e vi lancio nella visione! ciao!


14 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao Teooh! complimenti come sempre.

    Sono tentatissimo da questa struttura, ma temo l'effetto sherlock holmes... giocatolo e concluso una volta si può rigiocare con le stesse persone? oppure si conoscono fatti ed eventi che ne compromettono completamente la rigiocabilità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rigiocabilità: zero. Una volta che hai finito la missione, l'unico obiettivo che ti rimane è quello di impiegarci meno tempo per fare meno punti. Oramai sai tutto, quindi devi muoverti semplicemente il meno possibile. E' quasi un puzzle da risolvere.
      Diciamo che però finito anche quello... fine :D

      Noi appunto stiamo acquistando a gruppi le espansioni e ce le prestiamo, per ottimizzare i costi.

      Elimina
    2. come un coguaro attenderò un usato... :) grazie TeOoh! sei mitico!

      Elimina
    3. Anzi come mi disse Giobbe Covatta una volta in risposta alla stessa affermazione: "Mitico nu cazzo! i miti so mmorti!"

      TeOoh! sei un grande! meglio no?!

      Elimina
    4. in effetti: meglio grande che morto! ahahhaah

      Elimina
  3. Dai Asterion, non farci aspettare troppo...

    RispondiElimina
  4. Ciao.
    Dei 3 che ho giocato, “The Marcy Case” è lo scenario che mi ha lasciato per ora più freddino, anche se mi sono cmq divertito.
    La profezia del dragone è l’avventura che mi è piaciuta di più (quasi a parità con quella del base). In questo scenario, al contrario di TMC, sarà importante la scelta del personaggio.


    Spoiler:
    Siamo rimasti inizialmente molto sorpresi dopo aver svelato le carte iniziali, non ci aspettavamo un’ambientazione del genere (che è tutt’altro che una delle mie preferite!). Alla fine però ci è piaciuta questa corsa contro il tempo. Siamo anche stati molto fortunati ad accaparrarci ciò che ci serviva per portare a termine la missione.
    Una trovata geniale è quella del non fare rumore. Oltre ad essere una soluzione molto ambientata, rende anche dal punto di vista del gameplay.
    Fine Spoiler

    RispondiElimina
  5. Comunque la Asterion ha detto di aver ricevuto i files per la traduzione il 4 Marzo :)

    RispondiElimina
  6. Agz, esco di tema perche ti vedo in conversazione... ti ho chiesto aiuto e consiglio tra i commenti dell'articolo:
    http://pinco11.blogspot.it/2015/12/recensione-assalto-imperiale.html

    grazie del tempo :)

    RispondiElimina
  7. Se hanno avuto i file magari qualche speranza per l'estate c'è, chiedo comunque, lo si volesse prendere in inglese, ne perde la componente di immersione ?

    RispondiElimina
  8. Se hanno avuto i file magari qualche speranza per l'estate c'è, chiedo comunque, lo si volesse prendere in inglese, ne perde la componente di immersione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao LordStriker, dipende come ve la cavate con l'inglese. Il testo è tanto el'immersione è fortemente dipendente dalla lingua. Non solo, visto che alcuni testi sono anche importanti per risolvere degli enigmi, la lingua è da conoscere bene! Poi per carità, si fa tutto anche in inglese.

      Elimina
    2. Sottoscrivo quanto detto da Poldeold: se riesci a comprendere un libro di narrativa inglese non dovresti avere problemi, ma conta che ti trovi di fronte anche a lettere scritte "a mano" o comunque enigmi in qualche modo linguistici. Insomma, se devi ricorrere al vocabolario ogni tanto, secondo me non ti conviene. Rischi (specie nel primo caso) di rimanere poi bloccato.

      Elimina