venerdì 17 giugno 2016

[nonsolograndi] Primo Frutteto

scritto da 
Simarillon (Davide)

6 febbraio 2014 iniziava così la presentazione di fabio per l’articolo del giorno:
Diamo il benvenuto oggi ad un nuovo collaboratore, il quale si dimostra molto interessato soprattutto al settore nonsolograndi, ovvero ai titoli che possono essere proposti ai piccoli giocatori che crescono.
mentre queste erano le prime righe della mia recensione:
Il Frutteto (Obstgarden) è un gioco cooperativo per 2-8 bambini (il regolamento dice che si può anche giocare da soli, ma ci si diverte a giocare da soli, soprattutto a 3 anni?) creato da Annelise Farkaschovsky illustrato da Walter Matheis e pubblicato in Italia dalla Haba, il gioco è completamente indipendente dalla lingua. 

17 giugno 2016. Oggi, esattamente oggi, esce l’articolo numero cento scritto dal nuovo collaboratore di allora. Non avrei mai pensato di arrivare a scrivere cento articoli sul blog, ma visto il traguardo oggi ho deciso di parlare, ovviamente per affinità, di Primo Frutteto, gioco della Haba che sfrutta il successo e la bellezza del suo illustre genitore per proporre un gioco molto semplice e veloce che si può giocare a partire già dai due anni di età e che può essere giocato da uno a quattro giocatori. Autore del gioco (o meglio autrice) sempre Annaliese Farkaschovsky mentre le illustrazioni sono state affidate a Jutta Neundorfer. Ma Primo Frutteto ha le qualità del suo illustre progenitore?… se vi ho incuriosito continuate a leggere.

I MATERIALI
I materiali, come nella quasi totalità dei giochi della Haba, sono strepitosi, soprattutto i quattro frutti
per ogni tipo che sono di grosse dimensioni proprio per consentire l’utilizzo anche ai bambini più piccoli. C’è poi il simpatico corvo, anche questo - naturalmente - di buone dimensioni ed in legno, e le cinque tessere percorso su cui si muoverò il corvo. Ci sono poi quattro cartoncini albero su cui posizionare i frutti e un bel cestino per contenere i frutti raccolti.
Anche il dado è sinonimo di qualità, di grosse dimensioni e con le stampe chiare, ben incise e facilmente riconoscibili aiuta i bimbi nella sua lettura immediata. Insomma Haba va alla grande anche in questo gioco.


IL GIOCO... OVVERO ECCOVI LE REGOLE
Lo scopo dei giocatori è quello di riuscire a raccogliere tutti insieme i frutti dagli alberi prima che il corvo arrivi al frutteto.
Ogni giocatore, al proprio turno, tira il dado e, in base al risultato del dado, compie l'azione indicata
dal dado:
  • nel caso esca uno dei colori (rosso, giallo, verde, viola) il giocatore raccoglie il frutto corrispondente dall'albero (pruno, pero, melo con mele rosse, melo con mele verdi) e lo colloca nel cestino ricevuto all’inizio del gioco;
  • nel caso esca il cestino il giocatore raccoglie un frutto a piacimento dagli alberi presenti e lo colloca nel cestino ricevuto all’inizio del gioco;
  • nel caso esca il corvo il giocatore muove il corvo sul percorso che lo avvicina al frutteto.
Il gioco termina o quando tutti i frutti vengono raccolti, nel qual caso i giocatori hanno vinto tutti insieme, o quando il corvo è arrivato all’ultima tessera del percorso verso il frutteto, in questo caso il corvo ha vinto e tutti i giocatori hanno perso.


CONSIDERAZIONI PERSONALI / IMPRESSIONI
Il Frutteto è il gioco cooperativo per eccellenza, e Primo Frutteto permette di estendere questa esperienza già a partire dai due anni. Come per il padre non c’è niente che non funzioni in questo gioco, è tutto semplice, ma perfetto nella sua semplicità. Tutto concorre a rendere il gioco ottimo per un’età anche molto bassa e la velocità delle partite permette di poter concedere la rivincita in caso di vittoria del corvo.
Interessante poi che proprio la sua natura cooperativa permetta di giocarlo anche con gruppi numerosi, le istruzioni suggeriscono sino ad otto giocatori, ma con un po’ di down-time si può arrivare anche a gruppi più ampi. In teoria ci si può giocare anche da soli, ma personalmente sconsiglio per diversi motivi questa opzione.
Positivo che i materiali, possano uscire dalla scatola e trasformarsi in gioco creativo per i piccoli giocatori, dal momento che come ho scritto sono davvero belli da vedere e da usare.
Da ultimi una piccola nota sulla disponibilità di una app sul sito www.haba-apps.com, consigliata per i piccoli giocatori dai tre agli otto anni, che simula il gioco su terminali digitali, dove, come scritto nel libretto delle istruzioni, è possibile limitare il tempo di gioco, e al contempo è possibile salvare dei profili personali con i progressi di gioco per un massimo di quattro bambini divertendosi, imparando, scoprendo e creando. 

COSA SI IMPARA IN QUESTO GIOCO
Personalmente aggiungo questo paragrafo perché ritengo importante ricordare ancora che, come dice proprio una delle pubblicità della Haba, i bambini scoprono il mondo giocando.

Ecco quindi in elenco le cose che Lorenzo si imparano giocando a Primo Frutteto:
  • il concetto di cooperazione, ovvero si gioca e si vince (o si perde) tutti insieme;
  • affrontare la sconfitta, infatti, non è così difficile perdere, come si può facilmente constatare sia con l’evidenza pratica, ovvero giocando, sia con la statistica, ma qui mi avventurerei in territorio non mio;
  • il concetto di turno, già ad un’età molto bassa, ovvero prima di poter raccogliere un secondo frutto si deve attendere, magari anche impazientemente, che tutti abbiano completato la tua stessa azione;
  • i colori e le terminologie legate alla frutta;
  • affrontare le primissime scelte, ovvero, quale frutto devo raccogliere (scegliere) quando con il dado esce il cestino.

FINO A QUANDO CI POSSO GIOCARE
Eccoci qui in un paragrafo che in questa specifica recensione non ha molto senso dal momento che il suo punto di forza non è sino a quando ci posso giocare ma a partire da quando ci posso giocare e quel 2+ sulla scatola lo fa apparire come un prodotto assolutamente appetibile.

PERCHÉ GIOCARE CON PAPÀ MA SOPRATTUTTO CON MAMMA
Tutti i giochi è bello giocarli con mamma e papà: ecco qui i motivi in più per giocarli insieme. 

Il Frutteto, essendo cooperativo puro, pone i figli al livello degli adulti e quindi li aiuta a farli sentire grandi e nel contempo aiuta a creare uno spirito di gruppo sin da molto piccoli, molto utile in un legame famigliare.
Se volete fare un bel regalo a dei bimbi proprio piccoli potete trovare il gioco anche su Egyp.

8 commenti:

  1. Buon complepost Davide!!!
    Ambra compie due anni mercoledì prossimo e sono indeciso tra regalarle questo o Acchiappa la polpetta... suggerimenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi metti un po' in difficoltà.

      Parto con la risposta facile: tutti e due, visto che sono due ottimi giochi!

      Ora vado con quelle un po' più seria ed argomentata.
      Acchiappa Polpetta è più giocattolo che gioco e sono certo che piacerà sempre a chiunque venga regalato, veder schizzare palline ovunque è divertente (e ogni tanto Lorenzo me lo fa tirar fuori ancora adesso che ha sei anni), ma ribadisco è orima giocattolo e poi gioco in scatola.

      Primo Frutteto ha materiali stratosferici, è bellissimo, e ha saputo conquistare tantissimo filgi di amici non giocatori, con il corvo cattivo e in questo caso parliamo di un gioco in scatola i cui componenti possono eventualmente diventare giocattolo.

      Credo che, personalmente, sarei orientato per Acchiappa Polpetta e ... magari verso i tre anni per Il Frutteto, ma comunque scegli non sbagli.

      Ciao
      Davide

      Elimina
    2. Sì, pensavo già a tutti e due, ma magari a sei mesi di distanza... a Natale Ambra avrà due anni e mezzo ^_^
      Se il semaforo giallo di Egyp diventa verde ordino le polpette allora!

      Elimina
    3. Conosco Acchiappa la polpetta solo di nome ma essendo un dexterity penso che i più piccoli siano svantaggiati. Ok, i genitori giocheranno più lentamente ma un bimbo di 6 anni giocherà per vincere contro uno di 3. Questo gioco fa eccezione?

      Elimina
    4. in realtà in questo caso direi che se non si è alla pari ci si avvicina, considerando sia il fatto che si deve gattonare per prendere le polpette sia che l'abilità richiesta è davvero elementare, si tratta di schiacciare una ciotola a terra per raccogliere queste polpette

      Elimina
  2. Mi ricordo che, almeno in questa versione, quando esce il cestino prendi un solo frutto, non due.
    Confermi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fantavir, si confermo io, solo un frutto a tua scelta.

      Elimina
    2. Sì il frutto da prendere è uno. Piccolo refuso mio. Grazie per la correzione.

      Elimina