sabato 4 giugno 2016

Recensioni Minute - Nome in Codice

scritto da TeOoh!

Se vi chiedessi quale parola accomuna: stagioni, Napoli, crosta, mi rispondereste "Pizza"?
E se facessimo l'esperimento al contrario? Ovvero, in una ventina di parola vi chiedessi di trovare quelle collegate a "Pizza", mi indichereste quelle tre?
Perfetto: allora avete tutto il necessario (regolamento compreso) per giocare a Nome in Codice, gioco di Vlaada Chvàtil per 2-8 giocatori, della durata di 15 minuti, edito in Italia dalla Cranio Creations!
La minutissima è: 2 squadre e 1 caposquadra per ciascuna. Il capo indicherà un indizio di 1 sola parola per far abbinare quante più parole possibili alla sua squadra tra le 25 sul tavolo. La prima squadra che indovina le sue 8 bersaglio, è la vincitrice.

Detta così, è semplice. E lo è. Ma il tutto sta nell'avere un caposquadra sufficientemente sveglio e un gruppo di discussione capace di ragionare anche lateralmente.
È un party game che sa sicuramente il fatto suo: ha scalato le classifiche di BGG arrivando nella Top20 della generale e al Primo posto in quella Party Game. La durata contenuta e le regole immediate lo configurano senza problemi come un "animale da fiera".

La rigiocabilità è elevatissima, ci sono 400 parole indizio e una quarantina di "bersagli" da utilizzare (utilizzabili su 4 lati), con un po' di matematica si capisce che le combinazioni di queste due cose portano a numeri improponibili. 
Utile la presenza di una clessidra nella scatola per dare una smossa ad un caposquadra troppo pensieroso o ad un gruppo troppo indeciso.

Ci devo trovare qualcosa? La dipendenza dal caposquadra si sente in maniera consistente: se non è abbastanza bravo (o magari ha avuto un pizzico di sfortuna) nel collegare più di 1 parola a giro al proprio indizio, difficilmente si riuscirà a vincere. Così come attendere 5 minuti tra un indizio e l'altro perché ci si vuole pensare per bene, rompe moltissimo il flusso del gioco. Insomma: se non siete convinti che il gioco funzioni, provate a cambiare caposquadra.

Chiaro che la base di tutto è che debbano piacere i giochi di parole e, se non prendete l'edizione italiana, è fondamentale che abbiate totale padronanza della lingua della scatola, perché la dipendenza... è 100%.

Vi lascio quindi ad un link Egyp e al mio filmatino di approfondimento!


4 commenti:

  1. Un party game sicuramente ottimo per sostituire l'inflazionato Taboo. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Dici che possa funzionare anche in 4?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dice a fine video, la modalità da 2 e 3 giocatori io non la prenderei nemmenonin considerazione!!! 4 è il minimo per un massimo di 8/10 giocatori

      (Commento basato su circa 20 partite)

      Elimina
  3. È un buon party game, probabilmente il numero di giocatori top è 6.
    Confermo anche che molto del divertimento è nelle mani del caposquadra che deve essere in grado di eliminare i tempi morti e cercare di puntare sempre in alto.
    Personalmente lo gioco sempre con la clessidra e non chiamo mai meno di 4

    RispondiElimina