martedì 5 luglio 2016

[Recensione] Fuggi Fuggi

scritto da Chrys

Colgo al balzo la ristampa in italiano di questo titolo grazie a Giochi Uniti, per scrivere un articolo su un titolo di Friedemann Friese che mi ha regalato un sacco di risate e che molto spesso ho messo in tavola nel corso degli anni.

Infatti il titolo risale addirittura al 2003 ed allieta le nostre serate già dal lontano 2004, anno in cui aggiunsi alla mia collezione l'edizione italo-francese stampata da Tilsit, edizione che come immaginerete è fuori produzione da parecchi anni. Sto parlando ovviamente di Fuggi Fuggi (2-7 giocatori, 30-60 minuti) ora finalmente di nuovo disponibile.

Ogni giocatore muoverà un gruppo di persone (splendidamente tematizzate) che sta disperatamente cercando di uscire da un sotterraneo in cui si aggira un mostro letale. Riuscirete a scappare o almeno a portar fuori più gente degli avversari?

Fuggi Fuggi è molto interessante per diverse ragioni... è semplice da spiegare, adatto a tutti, spassoso e con una meccanica abbastanza originale. Senza contare che non sono molti i giochi divertenti in grado di ospitare 6-7 giocatori attorno ad un tavolo senza essere party game (Richard I, Between Two Cities, 7 Wonders e poco altro che non ricordo al momento).

NELLA SCATOLA
Il materiale è tutto robusto (anche l'elemento più sottile è comunque di cartone spesso) e i disegni fumettosi sono adattissimi allo scopo. In una scatola abbastanza larga ma molto piatta troviamo una grossa plancia rappresentante il sotterraneo, 3 mostri tridimensionali in cartone componibili (un blob, un vampiro e il mostro di Frankenstein più qualche elemento speciale... lo stesso gioco incentiva a mescolare arti, torso e teste per crearvi il mostro che volete ^__^) diversi token che rappresentano elementi d'ambiente (blocchi di pietra, teletrasporti, pozze di sangue, cristalli, ecc.), otto token lapide per i movimenti del mostro e i 7 gruppi di sopravvissuti... o aspiranti tali (in totale 25 personaggi).


Questi ultimi sono dei dischi di legno con sopra gli adesivi che li raffigurano e sono tematizzati in modo eccezionale. *__* Troviamo il gruppetto di liceali americani (gioatore di football, bionda sexy, nerd e ragazza studiosa), i geek (trekkie, fan di Buffy e fan di X-Files), i bambini (tra cui non poteva mancare il cane e il cicciotto), i teppistelli "alla Grease", le forze dell'ordine, il clero (prete, chierichetto e prete anziano) e persino la famiglia Addams (Mercoledì, Fester, Morticia e Gomez). Praticamente impossibile non affezionarsi a qualcuno di questi gruppi e molti miei amici hanno il loro gruppo "del cuore". XD


COME SI GIOCA
Nella plancia suddivisa in tante caselle grazie alle colonne abbiamo ad un angolo l'ingresso dei personaggi e all'altro l'agognata uscita che porta alla salvezza. Sulla plancia vengono piazzate le due pozze di sangue e i vari blocchi di pietra (alla prima partita secondo lo schema del manuale... successivamente a scelta dei giocatori).

Ciascun giocatore sceglie un gruppo prendendo 4 personaggi (o 3 se si gioca in  cinque o più) tenendoli col lato chiaro in alto. Ogni personaggio ha un lato a sfondo chiaro ed uno a sfondo scuro con sopra riportati dei numeri (il movimento) la cui somma è sempre 7 (6-1, 5-2, 4-3, 3-4) e il gioco si alterna tra il turno dei giocatori e quello del mostro. 

Turno dei giocatori
Si muove un personaggio a testa che non abbia ancora agito quel turno e dopo il movimento si ribalta la pedina e si prosegue così per più giri finché tutte le pedine non avranno lo stesso colore (il che vuol dire che hanno mosso tutte). Il numero scritto sulla pedina indica il numero di caselle che quel personaggio potrà muovere all'attivazione (niente diagonali). Per il discorso della somma 7 fatto sopra, alcuni personaggi alterneranno turni velocissimi (5 o 6 caselle) a turni in cui saranno molto lenti (2 o 1 casella), mentre gli altri avranno attivazioni più costanti, ma senza picchi di velocità (3-4 e 4-3).


Nel movimento i giocatori posso passare sopra altre pedine e spingere i blocchi di pietra andandoci contro, se la casella dietro e libera... data la peculiarità del movimento del mostro (vedi sotto) questa parte è estremamente tattica e il gioco permette delle bastardate di una cattiveria inaudita. ;)
Se un blocco o un personaggio entra in una pozza di sangue scivola al di là di essa.

Turno del mostro
Il mostro muove secondo un automatismo... viene girata una delle sue tessere lapide che sul retro riporta il numero di passi (da 5 a 10) che farà quel turno. Di base il mostro si muove in avanti, ma prima di ogni passo guarda avanti, a destra e a sinistra (mai alle spalle) e se vede un personaggio in una direzione gira e fa un passo verso di lui. Se invece vede più personaggi va verso il più vicino, mentre se ne vede due o tre alla stessa distanza resta confuso e, essendo anche un po' scemo, continua nella direzione del turno prima facendo finta di nulla (un po' la tattica del gatto quando fa qualcosa di goffo). Inutile dirvi che questa meccanica può essere usata bastardamente per mettere a rischio gli avversari... poche cose soddisfano quanto mettersi in un punto per essere visibili al mostro, sapendo che in questo modo venendo verso di voi cambierà direzione prima di raggiungervi perchè vedrà un avversario e andrà ad ucciderlo! :D

Se va contro un masso lo spinge (essendo fortissimo ne spinge anche più assieme e se ne spinge uno contro un muro lo rompe) mentre se va su un personaggio lo uccide. Stessa cosa se un personaggio venisse schiacciato dal mostro tra due massi o tra un masso e il muro. 

Considerate che tra le tessere del mostro ve ne sono anche due speciali, una con una croce e l'altra con due... quando escono il mostro muove secondo la normale regola finché non uccide uno o due personaggi. O__O

Fine della partita
La partita finisce quando un giocatore ha portato in salvo tre dei suoi quattro personaggi (due in 5+), oppure vince chi ne ha portati fuori di più se non ve ne sono più nei sotterranei o se finiscono le tessere movimento del mostro.


PS: ho saltato una manciatina di regole minori, comunque semplici ed intuitive, che trattano eventuali casi particolari, come eventuali morti nei primi due round o interazioni tra oggetti. ;)

TESSERE SPECIALI
Una volta impratichiti col gioco si potranno usare dei blocchi speciali (sul retro di quelli base) che influiscono sul movimento del mostro (ad esempio con quello con la freccia rossa a destra il mostro, ligio alla segnaletica, invece di spingerlo girerà a adestra), dei blocchi di cristallo (come i normali ma non bloccano la vista del mostro... con consegueze "schiaccianti") e teletrasporti.

In questo caso anche il piazzamento iniziale degli ostacoli diventa più importante e lo spostamento dei blocchi ancora più bastardo, perché permette di manipolare il percorso del mostro.


CURIOSITÀ
Come già accennai in un'altra mia recensione di un suo gioco (lo splendido Terra) il buon Friedemann Friese non nasconde due "feticismi"... quello per il verde, che da anni imperversa sulle sue scatole e nella sua chioma, e quello per le F, che non solo è la sua iniziale ma anche quella di ogni suo gioco (almeno in lingua originale)... pensiamo ad Alta Tensione (Funkenschlag in tedesco), all'ottimo solitario Venerdì (Freitag in tedesco), come a Fauna, o ai divertenti Fische Fluppen Frikadellen (davvero un gran gioco di commercio risorse e gestione della domanda/offerta... potremmo riparlarne in futuro) o il goliardico Funny Friends (Fiese Freunde Fette Feten).

Il titolo originale di questo titolo non faceva eccezione ed era Finstere Flure (traducibile in corridoi bui), divenuto poi Fearsome Floors in inglese (pavimenti spaventosi),  兇煞迴廊 in cinese (se qualcuno sa dirmi la traduzione lo apprezzo ^__^) e infine Fuggi Fuggi in italiano. 

All'interno del manuale di ogni edizione è anche presente un testo introduittivo dell'ambientazione che è tutto scritto con parole che inizano con F (piccolo estratto del nostro: "...che Fiasco! Fregato finisci in una fredda, fosca e fetida fortezza, una farandola dal fosso al fossato..." ecc.).

In francese è invece divenuto La Crypte de la Créature, mantenendo il gioco di parole nel titolo e la ripetizione costante di una lettera nella trama, ma spostando il tutto dalla F verso la C.

CONSIDERAZIONI FINALI
È chiaro che il gioco strizza l'occhio ad un target di giocatori un po' caciaroni e, se siete dei puristi appassionati solo di giochi gestionali supercomplicati, questo non è il gioco per voi e passate pure oltre (ma probabilmente non siete arrivati nemmeno fin qui ^__^). Per tutti gli altri è un gioco che mi sento di consigliare, perché semplice da mettere in tavola, non troppo lungo e sicuramente regala sia momenti di tensione che delle situazioni memorabili e grasse risate (e non è poco).

Il numero di giocatori da 2 a 7 è una forbice molto alta ed il gioco scala molto bene anche in pochi... per quanto giocabile in due, lo consiglio per partite da 3 o più, perché l'interazione diventa minore (e qui la fa da padrone) e perché, diciamocelo, di bei giochi fatti apposta da due ce ne sono un sacco.

La difficoltà delle regole è abbastanza bassa... sopra ho saltato qualche regola minore, ma a parte una manciata di situazioni il tutto fila liscio come l'olio. Inoltre non c'è una sola parola in italiano al di fuori del regolamento!

La complessità del gioco invece non è da sottovalutare; è difficile in questi casi parlare di curva di apprendimento... si tratta di un gioco prettamente tattico, ma che vi mette davanti a tantissime opzioni possibili, il che con 1-2 persone al tavolo affette da paralisi da analisi può dilatare i tempi di attesa. Infatti non lasciatevi ingannare: le variabili sono comunque molte, soprattutto quando nei paraggi avete il mostro e le pozze, o blocchi dietro cui nascondervi o da spostare per mettere a rischio gli avversari, ostacolarli o togliere loro copertura.

L'interazione all'interno del gioco è principalmente indiretta (con le mie azioni metto a rischio l'avversario, oppure attiro il mostro verso di lui) ma è comunque abbastanza forte se uno vuole e se il vostro gruppo apprezza i giochi in cui si posson fare bastardate, sicuramente vi farete un sacco di risate.

Un esempio... nella foto qui accanto il teppistello blu che muove 5 col percorso che ho disegnato può rimuovere il masso davanti alla pedina rossa e riallontanarsi. In questo modo il mostro vedrà il rosso e si muoverà verso di lui... dopo un passo vedrà anche il blu ma essendo più lontano lo ignorerà mangiando il rosso. Chiaramente è il caso di allontanare anche l'altro blu. ;)

La durata è ragionevole per un gioco di questo tipo e viaggia sui 30-60 minuti in base ai giocatori.

Il prezzo di listino è sui 25 euro e a regalarlo ci fate anche un figurone, considerando che la scatola, seppur abbastanza piatta, è bella grossa. Come al solito lo trovate anche in vendita sul sito egyp.it.

-- Le immagini sono tratte dal regolamento o dal sito della casa produttrice (2F Spiele), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco o da BGG (in particolare ringrazio Mike Hulsebus per le splendide foto artistiche!). Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

10 commenti:

  1. Laddove puoi far bastardate non può che esserci divertimento! Da provare.
    PS: La bimba della Famiglia Addams si chiama Mercoledì ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dov'è che l'ho scritto sbagliato? O__O

      Elimina
    2. Avevo letto Venerdì... Strano...

      Elimina
    3. Era scritto "Venerdì" infatti, ma l'ho corretto al volo stamane quando ho letto il post. Mistero risolto!

      Elimina
    4. Ok! Allora disdico l'appuntamento con lo psichiatra...

      Elimina
  2. Tra i "giochi divertenti in grado di ospitare 6-7 giocatori attorno ad un tavolo senza essere party game" aggiungo Nuns on the Run.
    Ottimo post e bel gioco, che non conoscevo: grazie!

    RispondiElimina
  3. secondo me i personaggi rossi sono i protagonisti di scooby doo e quelli gialli sono le simpatiche canaglie , i blu mi sfuggono .

    comunque bel gioco.

    Diego.

    RispondiElimina
  4. "Fuggi Fuggi" è uno dei giochi più belli e sottovalutati della storia.
    Come ben descritto si tratta di un astratto tatticissimo; difficile fare strategie a lungo termine.
    L'algoritmo del mostro lo rende anche fin troppo cervellotico per i neofiti che si vogliono impegnare. Si rischia spesso la paralisi da analisi.
    Preferibile giocarlo in meno di 4, altrimenti sembra più una simulazione del primo giorno dei saldi.

    RispondiElimina
  5. La traduzione in cinese dovrebbe essere corridoio avviluppante del demone

    RispondiElimina