giovedì 7 luglio 2016

[Recensione] Zombicide Black Plague: Wulfsburg e altre espansioni

scritto da Agzaroth

Avevamo già parlato qui di Black Plague, lo spin-off fantasy-medievale di Zombicide. Oggi mettiamo un po' di carne al fuoco parlando delle varie espansioni che troverete in giro, a partire da quella grossa: Wulfsburg.

Per una breve panoramica delle regole del gioco vi rimando alla precedente recensione.

- Wulfsburg
Questa scatola, unica espansione “grossa” per ora disponibile, contiene una manciata di lupi zombi e un Wolfbomination, più quattro nuovi personaggi – tra cui la per me imperdibile elfa oscura Morrigan – da aggiungere ai sei della scatola base. Ah, anche un paio di tiles “torre di guardia” su cui ci si può arrampicare per sparacchiare praticamente a tutta la città.

Dal punto di vista dei materiali, quindi, abbastanza deludente, perché un solo tipo di nemico e un abominio alternativo non è che siano tutta questa ventata di novità nel gameplay. Il suo pregio è soprattutto aumentare la difficoltà degli scenari, perché sia i lupi che il bestione hanno ben tre azioni a testa per cui corrono e attaccano come matti con una priorità pure molto bassa contro il tiro (tra runner e necromanti).
I quattro personaggi sono indispensabili per dare un po' di alternativa a chi ha solo il base, ma in questo caso vedrete che di box dedicati ce ne sono in giro a tonnellate, per cui potrete scegliere quelli che più vi aggradano.
Simpatiche le torri, ma non indispensabili e i nuovi scenari continuano sulla falsariga del “prendi le X e vattene”.
Per rendere il tutto più appetibile, i furbacchioni hanno infilato nella scatola anche degli oggetti magici, che sono armi e armature di livello superiore, più potenti naturalmente, usabili sono quando si è ad esempio a livello giallo o arancione.
In definitiva, onestamente un po' poco in relazione al costo.


- Abomination Pack
Per chi non ha fatto il Kickstarter e si ritrova quindi privo degli abomini esclusivi, questo pack è parecchio interessante, perché ne offre tre abbastanza diversi e veramente rognosi da affrontare.
Il Minotauro fa due ferite a colpo e soprattutto abbatte porte e pareti in direzione del suo bersaglio (arriva con gli appositi segnalini “muro rotto”), aprendo nuovi passaggi per tutto il tabellone.
Il Blob attacca la sua zona e tutte quelle adiacenti, rivelandosi pericolosissimo.
Il Troll può essere ucciso solo dal fuoco di drago e si muove di tre quando vede il bersaglio, diversamente avanza di uno come tutti gli altri.
Tre belle miniature, tre abomini che donano varietà alle vostre partite, tre sfide diverse che aumentano il livello di difficoltà degli scenari. Mescolate queste 18 carte al mazzo di pesca e non avrete di che annoiarvi.

- NPC
Questi sono zombi vip, ovvero semplici walker non popolani, ma personaggi di rilievo e più facilmente riconoscibili. Troviamo la dama, il vescovo, il giullare, ecc, tutti sfigurati dalla nonmorte. Vengono forniti di basette bianche per renderli subito identificabili, hanno la stessa priorità dei walker e quando uccisi, sono collezionati accanto alla scheda del giocatore. Quando questi ne fa fuori 5 differenti, li scarta per scegliere un oggetto dal prezioso mazzo Vault: questi importanti zombi avranno pur addosso qualcosa di prezioso appartenuto alla loro vita precedente.
Una buona aggiunta, tematica, che facilita un po' la vita dei giocatori non solo per gli oggetti molto forti, ma anche perché diluisce il mazzo di pesca con questi zombi che in fondo sono solo dei walker.

- Arcieri Zombi
Lenti come i walker, con la pericolosa abitudine di sparare frecce a distanza 0-3, che è tanto purtroppo. Dotati di basette nere e quindi subito identificabili, questi zombi sono pericolosissimi e la nemesi dei personaggi, specie se si piazzano a qualche incrocio con più strade in vista. Aumentano sensibilmente la difficoltà della partita e maledirete ognuna delle loro sei carte, quando avrete la sfortuna di pescarle dal mazzo.

- Box dei personaggi
Qui potete sbizzarrirvi come più vi pare. Tra gli Hero Box, gli Special Guest Box, il Knight Pack e l'Huntsman Pack, potete rimpolpare il vostro parco giocatori in base a gusti e necessità. Come sempre, ce ne sono di più utili e meno utili, di più forti e meno forti. Utilissimi ad esempio quelli che hanno +1 in danno già a livello blu o arancione, oppure addirittura superstrength (danno 3 con qualsiasi arma); ottimi anche i tiratori che possono scegliere il bersaglio a distanza e non colpiscono gli alleati con i tiri falliti. Insomma, il bilanciamento dei personaggi è decisamente sconosciuto alla CMON e ne troviamo che vanno da svaccatemante sgravi a inutili soprammobili.
Facendo il Kickstarter, mi è arrivata una valanga di questi personaggi, pure troppi, che probabilmente non utilizzerò mai.

CONCLUSIONE
Come per la maggior parte dei Kickstarter, quelli CMON specialmente, quando a casa ti arriva tutta la roba il primo pensiero è sempre “che me ne faccio di tute queste cose?”. La ridondanza la fa da padrona, specie se confrontata alla spartana essenzialità dei giochi a cui sono abituato. Molto “more of the same”, variazioni sul tema e tante, tante miniature.
Certamente c'è in buona parte materiale scenico, in questi titoli, tanto divertimento senza troppi pensieri, che non guasta. Ah, qualcuno chiedeva delle porte 3D: sono effettivamente molto belle e molto sceniche e funzionano in modo eccellente.

Tra tutte queste nuove opzioni, con Wulfsburg avete già un buon mix, ma fossi in voi prenderei gli Abomini, un paio di box di pg e magari arcieri + npc, per bilanciare la difficoltà. Ma poi alla fine va tutto bene, dovete solo decidere quanto spendere...

Link a EGYP per chi fosse interessato.

3 commenti:

  1. Trovo che alcuni personaggi siano "esageratamente + forti di altri". Come vitavi tu super streght, come rigenerazione o altre abilità portano alcuni pg veramente fuori scala. A questo punto bisogna adottare un "auto-regolamento" del gruppo per non rovinarsi la partita con il giocatore powerplayer che romperà le scatole per usare Xuxa a tutti i costi e il giocatore che invece vuole godersi di più il "flavour" del gioco. In questi piccoli dettagli CMON fallisce spesso. Altro grosso difetto, l'assenza di scenari personalizzati per gli abomini o i necromanti... semplicementi li butti dentro al deck e basta. Gli costava molto fare uno scenario un minimo performante per gli abomini nuovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, ma finché questi alzano milioni di dolla a ogni ks continueranno così...

      Elimina
    2. Anche in Zombicide l'unica cosa veramente oscena erano gli scenari. Le grandi produzioni si perdono sempre nelle piccole cose. Ancora mi ricordo tutte le unità particolari e nuove di Memoir e Battlelore che non vedevi l'ora di provare dopo aver letto le regole che praticamente non giocavi mai perchè non spinte con scenari dove risultassero veramente utili.

      Elimina