venerdì 26 agosto 2016

[nonsolograndi] Insey Winsey Spider

scritto da
Simarillon (Davide)

Whisky il ragnetto saliva la grondaia
Piovve a dirotto e Whisky cadde giù
Spuntò un bel sole asciugò la grondaia
Whisky il ragnetto svelto tornò su

Oggi nonsolograndi torna dopo moltissimo tempo la Orchard Toys, casa inglese specializzata in giochi per i più piccoli, con il suo Insey Winsey Spider, in italiano Whisky il ragnetto, che a chi ha un po’ di dimestichezza con i bumps sicuramente ricorderà qualcosa (ecco il doppio link in inglese e in italiano per la canzone). A questo veloce gioco si può giocare da 2 a 4 giocatori a partire già dai tre anni in partite di una decina di minuti circa. Vediamo ora un po’ di più su questo gioco per i piccoli giocatori. 


I MATERIALI
Nella scatola di Insey Winsey Spider troviamo:
  • quattro percorsi grondaia, in cartonato lucido e molto spesso, double face e ognuno dei quali
    composto da due tessere puzzle. I percorsi sono nei colori rosso, giallo, blu, verde;
  • quattro ragni di plastica di grosse dimensioni sempre nei colori rosso, giallo, blu, verde;
  • una ruota spinner tempo meteorologico, sempre in cartonato spesso;
  • un dado numeri;
  • un dado sagome;
  • un bicchiere in plastica lancia dadi.
I materiali sono di pregevole fattura (forse solo i dadi avrebbero potuti essere leggermente di dimensione più grande) e sono perfettamente funzionali sia al gioco sia all’età a cui il gioco viene proposto. Una piccola nota per la scatola del gioco, forse un po’ leggerina e che se impilata tenderà a non reggere il peso delle altro scatole (ma non tutti hanno il problema di non saper più dove mettere le scatole di gioco :D ).


IL GIOCO... OVVERO ECCOVI LE REGOLE
Ogni giocatore sceglie un ragnetto e una cartella grondaia dello stesso colore e, costruita la grondaia, pone il proprio ragno alla base di questa.

Al proprio turno il giocatore tira il dado e fa avanzare il ragno sulla grondaia di tante caselle quanto il numero ottenuto sul dado. Si fa poi girare la ruota del tempo: se la freccia indica il sole il ragnetto rimane dove è arrivato, se invece indica la pioggia il ragnetto ridiscende la grondaia fino alla casella di partenza.

Vince il primo giocatore che porta il proprio ragnetto alla sua tela in cima al tubo della grondaia.

Nella versione con le sagome il gioco è analogo, con la differenza che si tira il dado sagoma e il ragnetto sale sino alla casella con la sagoma rappresentata sul dado. In caso non ci siano sagome di quel tipo il ragnetto resta fermo (così come lo spinner del tempo, ma se si vuole si può anche far girare!). È necessario, per raggiungere la ragnatela, che il dado indichi la giusta sagoma.


CONSIDERAZIONI PERSONALI / IMPRESSIONI
Partiamo dall’ottimo rapporto qualità prezzo, caratteristica comune ai prodotti della casa inglese, almeno per le scatole che ho avuto l’opportunità di vedere. I materiali, come descritti sopra, sono davvero ottimi e i quattro ragni di grosse dimensioni possono diventare un gioco oltre il gioco, anche per i più piccoli.

Piccolissime note dolenti: per mitigare l’effetto fortuna si poteva pensare ad un dado con i soli numeri da uno a tre in modo da far rimanere sempre piuttosto vicini i ragni in gioco. Se si è proprio sfortunati può essere un po’ frustrante per i più piccoli vedere il povero ragnetto che casca sempre a causa dello spinner che finisce sempre sulla pioggia.

L’associazione con la famosa canzone apre prospettive anche a chi i giochi non li conosce e può far avvicinare, già molto presto, piccoli giocatori verso il gioco in scatola. Positivo poi come sia ricostruita l’ambientazione e sia di conseguenza molto semplice coinvolgere i piccoli giocatori. 

La doppia versione della grondaia numeri e forme è un ulteriore spunto positivo del gioco con la prima (numeri) che è da preferire con i bimbi più piccoli sia per la maggior facilità di raggiungere la cima della grondaia, sia per la maggior facilità nel contare piuttosto che non nel dover sperare l’arrivo della forma corretta sul dado.

Il produttore suggerisce per questo gioco come età minima un 3+, in realtà credo che, almeno nella sua versione semplice, possa essere giocato anche prima di raggiungere i fatidici tre anni, che sembrano essere soglia minima per avere dei buoni prodotti ludici.  


COSA SI IMPARA IN QUESTO GIOCO
Personalmente aggiungo questo paragrafo perché ritengo importante ricordare il valore educativo del gioco e che “dal ragno si impara a tessere" come nella tradizione popolare.

Ecco quindi in elenco le cose che i piccoli giocatori possono imparare giocando al gioco Insey Winsey Spider (se già non le hanno imparate):
  • chiaramente si impara ad attendere il proprio turno;
  • gestire frustrazione e arrabbiatura, può non essere simpatico vedere il proprio ragnetto ridiscendere giù proprio a pochi passi dal traguardo, così come può essere frustrante, nella versione con le forme, vedere diversi tiri consecutivi andare a vuoto e non succedere nulla;
  • poi si imparano i numeri e, contestualmente, a contare;
  • il concetto di forme geometriche;
  • e poi smitizziamo la bruttezza dei ragni... in attesa di Spider-Man :D

FINO A QUANDO CI POSSO GIOCARE
In questo caso è già la scatola a suggerire la longevità del gioco, con il suo 3-6 age. In effetti, come tutti i giochi che si possono giocare sin da molto piccoli, la longevità è piuttosto limitata e non sopravvive al giungere dell’età scolastica; sensazioni comuni e confermate anche per Insey winsey spider.


PERCHÉ GIOCARE CON PAPÀ MA SOPRATTUTTO CON MAMMA
Tutti i giochi è bello giocarli con mamma e papà: ecco qui i motivi in più per giocarli insieme.

Un gioco davvero semplice da giocare, con mamma che, finalmente, potrà toccare un bel ragno senza rimanerne disgustata, ma anzi facendo anche un sorriso contagiata dalla sua simpatia. 

Se vi fosse piaciuto il gioco potete acquistarlo al seguente link su Egyp.



Nessun commento:

Posta un commento