martedì 23 agosto 2016

[Recensione] Descent - Viaggi nelle Tenebre (2^ Edizione)

scritto da Chrys

Mi sono reso conto che ancora mancava su queste pagine un bell'articolo sulla seconda edizione di Descent (2-5 giocatori, 60-120 minuti) edito dalla FFG nel 2012 e tradotto integralmente (gioco base ed ogni sua espansione) da Giochi Uniti.

Si tratta di una grossa mancanza nel nostro archivio per due motivi: il primo è che Descent 2^ Edizione è il motore alla base dell'amatissimo Assalto Imperiale (con poche modifiche... valuterete voi se in bene o in male), mentre il secondo è che con questa seconda edizione Descent ha migliorato esponenzialmente la meccanica e l'impostazione della sua prima edizione, divenendo più vario, più narrativo, più veloce e più moderno... al punto che a distanza di circa 3 anni resta ancora per molti il miglior dungeon crawler fantasy in circolazione.

Come muoversi però per recensire un gioco che vanta ormai una decina di espansioni importanti e dozzine di altri extra? Il lavoro è titanico e inizierò parlandovi della scatola base attuale, poi delle meccaniche e della campagna, chiudendo con un confronto diretto con Assalto Imperiale e col primo Descent, finendo con una carrellata del "mondo" Descent.

NELLA SCATOLA
La scatola è nel formato quadrato classico (come quella di Ticket to Ride o Catan), ma più spessa. Al suo interno troviamo decine di miniature di mostri, dai piccoli goblin arcieri fino a grandi ettin e draghi, e 8 miniature eroe. I pezzi sono splendidamente scolpiti e ben dettagliati con davvero tanti particolari.

Troviamo poi 8 schede personaggio, 8 mazzi classe, moltissime altre carte (oggetti magici, tesori, mostri, carte signore oscuro, carte viaggio, ecc.), ma soprattutto tantissime "stanze dungeon" e "corridoi" di svariate forme e dimensioni. Noterete che ho usato le virgolette... infatti i vari scenari della campagna base si svolgono in molti ambienti differenti e le tantissime tessere permettono di comporle tutte: abbiamo grotte, foresta, interni di castello, cripta, spazi aperti, case in legno, fiume e altro ancora.

Abbiamo poi un’enorme quantità di token di ogni tipo, porte, vari dadi speciali, altri mazzetti di carte e due manuali... regole base e manuale della campagna con tutti gli scenari.



MECCANICHE DI GIOCO
Descent può essere giocato al massimo in 5 (quattro eroi e un signore oscuro che muove i mostri) ed è teoricamente un "dungeon crawler", ovvero quella tipologia di gioco in cui un gruppo di giocatori esplora con i loro personaggi dei sotterranei, affrontando mostri e trovando tesori... questa definizione, coniata anni fa e molto legata ai primissimi giochi di ruolo, sta molto stretta a Descent 2^ Edizione che porta molto più in là il gameplay (così come anche i GdR hanno ormai poco a che vedere con i loro cugini delle origini).

Dico questo per una serie di elementi... prima di tutto come avviene con altri titoli (Assalto Imperiale, Case della Follia, ecc) la mappa non viene "esplorata" in quanto si costruisce subito l'intera area di gioco… inoltre l'ambiente non è il "dungeon" ma ci troveremo anche in spazi aperti, foreste, rocche, villaggi e molto altro. Infine i tesori raccolti saranno pochi e la finalità del gioco non è mai esplora/picchia/saccheggia, ma differisce anche moltissimo da un'avventura all'altra e anche tra i due scenari della stessa avventura. Infine le avventure sono sempre strutturate in campagne, brevi o lunghe che siano.

Durante la partita si alterneranno a giocare prima tutti gli eroi (nell'ordine che vogliono) e poi tutti i nemici mossi dal giocatore "antagonista" che avrà anche la possibilità di giocare delle carte da una mano di eventi, pescata dal suo mazzo signore oscuro. L'attivazione dei mostri è gratuita mentre le carte costano delle "risorse"... dei token che il signore oscuro pesca all'inizio di ogni suo round in base ai giocatori e può accumulare nel tempo.

Ogni miniaura (eroe o mostro) quando attivata ha due azioni a scelta tra muovere, attaccare, attivare un elemento dello scenario, usare abilità speciali, riposare, soccorrere un compagno ed esplorare (le ultime tre valgono solo per gli eroi). Ogni eroe ha un valore di movimento base, un limite massimo di fatica (ci si può affaticare per fare una casella extra oppure per attivare le proprie capacità speciali) e quattro caratteristiche, forza/volontà/destrezza/intelligenza, che vengono usate per vari check durante la partita (sfondare porte, risolvere enigmi, schivare trappole, resistere ad effetti, ecc.).

Per determinare il successo di un attacco si tirano una serie di dadi colorati in base all'arma o all'incantesimo usato (o alla scheda mostro se attacca il signore oscuro)... si infligge un numero di ferite pari ai cuori mostrati e se sono presenti dei fulmini possono essere attivati effetti extra dell'arma (ad esempio la balestra pesante con un fulmine potrebbe fare +2 danni o stordire... con 2 fulmini ovviamente fa entrambe le cose) o abilità speciali (soprattutto i mostri). L'avversario tira quindi i suoi dadi di difesa in base all'armatura, annullando una ferita per ogni scudo ottenuto.

Se un mostro va a zero vita muore, mentre se succede ad un eroe crolla a terra gravemente ferito e può essere rimesso in piedi (con pochi punti vita) da un compagno con l'apposita azione o riprendersi da solo perdendo un intero turno. Quindi l'eliminazione dei personaggi per fortuna non esiste più... va ovviamente detto che andare a zero vita è una scocciatura (brucia azioni) e che a seconda dello scenario il signore oscuro potrebbe ottenere anche notevoli vantaggi.

Ogni avventura ha degli obbiettivi specifici da raggiungere (pubblici o segreti) per entrambe le fazioni... in questo le mappe precostruite e visibili dall'inizio, pur togliendo una componente "esplorativa", hanno permesso di creare un’enorme varietà di possibili scenari sia come tipologie (ricerca, esplorazione, salvataggio, fuga, inseguimento, indagine, difesa, attraversamento, ecc.) che nei dettagli. Ogni scenario fa schierare dei mostri predefiniti ed altri liberi (così da poter usare con le vecchie avventure anche i nemici delle espansioni), ma vincolati a certe caratteristiche: ad esempio potrebbe chiedere lo schieramento dei goblin arceri, del re goblin e di altri 2 tipi di mostri con la caratteristica "sotterranei".
Oltre all'intro e ai due finali, in ogni avventura al raggiungimento di certi risultati intermedi (mostri uccisi, altari attivati, turni trascorsi, stanze aperte, persone incontrate/liberate, ecc.) ci sono delle parti narrative da leggere che a volte aprono percorsi diversi.


Cosa importante e diversissima dalla concorrenza... ogni scenario contiene un numero contenuto di nemici, predeterminati nelle tipologie e con rinforzi controllati (tipo 1 miniatura a turno) e diverse volte senza rinforzi. Quindi si tratta di un gioco molto strategico da entrambi i fronti e non uno scontro con dozzine di nemici.

GLI EROI
Ho trovato geniale nella sua semplicità la gestione degli eroi... infatti questi sono la combinazione di due elementi: il personaggio e la classe. Ogni personaggio ha differenti capacità fisiche e abilità speciali proprie (una permanente ed una usabile una volta a scenario) ed appartiene ad una categoria: combattente, sacerdote, ramingo o mago. Al personaggio assegniamo quindi una classe della categoria appropriata che gli dà una abilità speciale iniziale di classe e l'equipaggiamento base. Le altre carte della sua classe potranno essere poi acquistate coi punti esperienza ottenuti con le avventure… le classi si differenziano molto e anche in una campagna lunga non avrete mai abbastanza punti esperienza per sbloccare tutte le carte classe, il che porta a poter sviluppare la stessa classe in più modi.

La cosa geniale è che la scatola con 8 personaggi (2 per categoria) e 8 classi permette già qualche incrocio, ma ogni espansione aggiunge altri 2-4 personaggi e 2-4 classi, senza contare le espansioni mostri ed eroi che agiungono 4 nuovi personaggi ciascuna.



LA CAMPAGNA
Nella scatola base trovate un campagna lunga divisa in una serie di 9 avventure brevi concatenate: introduzione, 3 avventure nel primo atto, interludio, un secondo atto di 3 avventure e finale. Ogni avventura può essere fatta di un solo scenario oppure il più delle volte di due scenari, normalmente più brevi e con mappe più piccole, dove quello che succede durante il primo influenza il secondo.

In ogni avventura gli eroi dovranno prima anche viaggiare sulla mappa fino al luogo in cui si svolge il capitolo: questa parte è svolta sinteticamente guardando la mappa del mondo e pescando una carta viaggio per ogni tratto di percorso che il gruppo percorre. Se sulla carta è presente il simbolo del territorio viaggiato (montagna, strada, foresta, ecc.) se ne legge il raccontino e si affrontano le conseguenze... il gruppo potrà quindi incappare nei nemici o in persone bisognose, in mercanti o in informazioni, incontrare intemperie, disavventure e molto altro (certi territori sono ovviamente più pericolosi di altri).



L'avventura poi si svolge come spiegato (in 1 o 2 scenari) e in base a chi ha vinto si applicano le conseguenze indicate dall'avventura: alcune danno solo premi in oro e punti esperienza, mentre altre conferiscono anche degli oggetti (che quando a vincere è il signore oscuro riceve lui, potendoli poi assegnare ai propri luogotenenti, dei PNG malvagi che controlla). Tra un'avventura e l'altra è possibile poi acquistare o vendere equipaggiamento e acquisire nuove abilità dal proprio mazzo classe (mentre il signore oscuro può usare i suoi punti guadagnati per migliorare il suo mazzo eventi).

Il procedere della campagna segue una sorta di storia a bivi... infatti nel primo atto saranno giocate 3 avventure a scelta tra 5 proposte nel manuale, segnando per ognuna il vincitore sul blocchetto. Nel secondo atto saranno poi disponibili delle avventure differenti a seconda dell'andamento di quelle del primo (praticamente ciascuna ha un seguito in caso di vittoria e uno in caso di sconfitta). Anche per interludio e finale ci sono due diverse avventure a seconda della fazione che ha vinto la maggioranza delle avventure dell'atto appena concluso (e addirittura il finale ha un set-up personalizzato in base all'andamento delle singole avventure dei due atti).

Questa cosa è molto bella, perché da un lato crea continuità narrativa e fa sentire ai giocatori che le proprie vittorie e sconfitte influenzano la trama, dall'altro genera molta rigiocabilità (nel primo atto si giocano 3 avventure tra 5 disponibili, nel secondo altre 3 tra 10 possibili e anche interludio e finale cambiano).


DIFFERENZE COL PRIMO DESCENT (scheda gioco)

Premetto che ho venduto il primo descent dopo 6-7 partite, mentre questo ha già "vinto" due campagne complete col set base e due espansioni (di cui una già giocata) e 1 set di mostri/eroi... e non mi ha ancora stufato. La ragione? È infinitamente più giocabile.

Abbiamo avventure più brevi e su mappe mediamente molto più piccole al punto che noi in una serata facciamo normalmente un'avventura intera (viaggio, 2 scenari, mercato, avanzamenti) e un altra mezza avventura (viaggio più primo scenario). Il fatto che molte avventure siano divise in due scenari permette di fermarsi a metà avventura con facilità, oltre a dare varietà, dato che spesso gli obbiettivi cambiano per tipologia (prima esplori e poi scappi con la reliquia, prima sfondi per entrare e poi difendi il castello, ecc.). Nel vecchio Descent gli scenari erano delle fucilate da 3 ore e anche molto piatti, con la sola eccezione di Road to Legend e dell’altro box campagna che sono l’ispirazione del concept di questa nuova edizione.

La quantità di mostri è più contenuta e i rinforzi minimi (nel primo continuavano a piovere nemici, con una meccanica di controllo linee di vista per il respawn, interessante sulla carta ma per lo più frustrante in pratica).

In questa scatola abbiamo poi un enorme varietà di scenari (grotte, foreste, rocche, ecc.) mentre il vecchio con la scatola base dava solo tunnel ed ogni costosa espansione aggiungeva un nuovo singolo ambiente... inoltre la modalità campagna è molto bella e ben sviluppata ed è a tutti gli effetti una versione 3.0 di Road to Legend (una delle ultime espansioni di Descent).

Di fatto con questa nuova edizione vi trovate in mano in una scatola da 80 euro le stesse potenzialità che avreste prendendo per centinaia di euro il box campagna del vecchio più vari set, ma in più con meccaniche svecchiate e aggiornate.

DIFFERENZE CON ASSALTO IMPERIALE (scheda gioco)
Il famosissimo dungeon crawler di Star Wars è figlio di questo nuovo Descent (di fatto se sapete giocare al primo vi bastano poche regole per fare l'altro e viceversa) con alcune differenze importanti.

Assalto Imperiale infatti introduce l'alternanza d'azione (invece di tutti i mostri e poi tutti gli eroi, lì diventa: un eroe, poi un gruppo di mostri poi un eroe poi un altro gruppo di mostri, ecc). Da un lato questo assottiglia i tempi morti e rende il tutto più strategico ma al contempo anche "calcoloso" creando molta più paralisi d'analisi... inoltre la regola che permette ai personaggi di auto-curarsi anche punti vita con l'azione di riposo unita ai PF più alti di base rende gli eroi fin troppo resistenti.

Cambia anche la modalità campagna che alterna scenari primari più lunghi con una struttura orizzontale a bivi in base a vittorie e sconfitte e missioni secondarie semi-casuali (i giocatori scelgono tra più opzioni estratte a caso). Viene infine eliminata la parte di viaggio.



UN MONDO DI ESPANSIONI
Il gioco è già uscito da un po' e la FFG è bene o male famosa per la sua capacità di "spremitura della mucca", cosa che personalmente apprezzo moltissimo quando, come qui, le varie espansioni non sono obbligatorie e il fatto che ci siano già 7 espansione campagna significa per noi la possibilità di scegliere quella che ci attira di più... comunque per darvi una panoramica, abbiamo:

Campagne brevi
Viaggiano sui 35 euro e comprendono 2 nuovi personaggi con le miniature relative e due nuove classi (aumentando quindi le combinazioni possibili), 2-3 nuovi tipi di mostro a tema con 3-4 miniature ciascuno (usabili anche in altri scenari), nuove tessere "terreno" a tema con il box/mini-campagna e 5-6 avventure collegate a formare una mini campagna (spesso sono 3-5 avventure collegate tra loro e un finale a scelta tra due a seconda di come sono andate le avventure prima). Ad esempio Le Paludi dei Troll ci vede alle prese con una palude e le sue minacce, mentre Il Maniero dei Corvi ci vede indagare in un antico maniero infestato.

Campagne lunghe
Ne sono uscite due al momento (Il Labirinto della Rovina e L'Ombra di Nerekhall) e sono box più corposi (sui 50-60 euro, di listino), perché contengono 4 nuovi eroi, 4 classi, molti mostri, tantissime tessere, mazzi nuovi di oggetti e carte oscuro signore e una intera campagna lunga. Il contenuto non differisce di molto in quantità. Delle due attualmente uscite sono una (bellissima) ambientata in città (quindi molte avventure in edifici, cimiteri, fogne, vicoli e quant'altro) e l'altra, che non ho mai provato, ambientata in un nuovo reame e che introduce in più un maggiore "sviluppo" dei personaggi non giocanti, che in base alle nostre scelte nelle avventure possono divenire alleati o passare al male divenendo antagonisti. È anche uscito da poco un libro campagna (Heirs of Blood) che propone una lunga campagna senza però l'aggiunta di materiale.

Avventure Co-op
Sono delle avventure singole strutturate con delle carte che consentono un automatismo del movimento dei mostri così da giocare senza signore oscuro in full co-op. Cosa che ora si può fare anche col sw gratuito della FFG (vedi poi).

Set mostri + eroi
Ognuna di queste 9 scatole, utilissime per dare ulteriore varietà, contiene 3 nuove tipologie di mostri e 4 nuovi personaggi giocabili (ma non nuovi mazzi classe), ovviamente con le relative miniature.

Sono per lo più eroi e mostri tratti dal primo Descent, ma con i dati aggiornati e con le sculture completamente rifatte. Sono anche incluse 2 avventure collegate pensate a tema per il set di mostri della scatola, giocabili sia come side-quest di campagne lunghe che come micro-campagne di 2 scenari.

Nemici speciali
Come per Assalto Imperiale (Boba Fett, C3PO, ecc.), nelle campagne sono presenti vari nemici speciali rappresentati da token... quelli di voi più amanti del tridimensionale possono sostituire i token con miniature fisiche acquistandole a parte. Nella scatola oltre alla miniatura è presente anche una mini-espansione con un mazzetto di carte e dei token e delle regole per gestire una nuova regola e una variante di storia più incentrata su quel nemico. Il costo delle singole miniature viaggia tra i 5 e i 9 euro. Anche le campagne brevi hanno la stessa cosa, però è presente 1 sola miniatura non inclusa (normalmente una miniatura molto bella e più grossa che è il boss finale, ma che appare in diverse avventure della mini-campagna).

GIOCARE SENZA SIGNORE OSCURO
Alcuni mesi fa è uscito uno splendido programma ufficiale che gira su computer, tablet e cellulare (su Steam e Android é gratuito... per iOS non so dirvi) che permetteva di giocare senza che nessuno faccia il signore oscuro. Basta dirgli quali espansioni si possiedono e si occupeà lui di tutto, dicendovi al suo turno quali mostri muovere e come… persino pensando lui a selezionare i set di mostri per l'avventura e le carte miglioria per il signore oscuro.



Il programma è in inglese ma il problema diventa secondario perchè la maggior parte delle cose sono ostrate a schermo (movimenti mostri, attacchi, ecc.) e comunque basta che uno solo dei giocatori sappia l'inglese per usarlo senza problemi, senza contare che carte, gli effetti dei mostri e i testi li avete comunque tradotti sulle cartte fisiche che avete nella scatola o sul tavolo.

Se vi interessa per computer potete scaricarlo da questo link, altrimenti potete scaricare l'app tramite i normali store che usate di solito nelle versioni iOS e Android (si chiama ROAD TO LEGEND).



CONSIDERAZIONI FINALI
Se siete arrivati fin qui vi sarete fatti un idea abbastanza chiara... io personalmente ve lo consiglio vivamente. Lo comprai la scorsa estate con qualche dubbio (la prima edizione mi aveva rapidamente annoiato e sostanzialmente deluso) trovandomi con un gioco ben pensato, rimodernizzato e decisamente immersivo. Per una seconda opinione vi rimando anche al reportage fatto da Dado sul suo blog in seguito ad una serata di gioco a casa mia con Red e Vik.

Come ambientazione non siamo ai livelli di Le Case della Follia, ma la si sente parecchio e se nel confronto perde sulla singola avventura, va detto che vince invece sulla campagna che è molto bella.

La durata delle singole avventure è ragionevole (in un paio d'ore fate i due scenari di un'avventura) anche grazie al numero limitato di nemici e alle mappe mediamente piccole che semplificano anche il set-up.

La difficoltà del gioco non è elevata e a seconda dello spirito dei gruppi di giocatori ci sarà chi lo affronta in modo scanzonato e chi lo fa in modo più "scacchistico" e in potenza di tattica ce n'è parecchia.

La dipendenza dalla lingua è totale... totalmente ingiocabile non conoscendo bene l'inglese, ma per fortuna il materiale uscito in questi anni è stato tutto tradotto in italiano (le immagini che corredano questa recensione sono in inglese solo perché prese dal sito ufficiale di FFG) ;)

Per quanto riguarda il bilanciamento ho notato un leggero squilibrio a favore dei giocatori (ma meno che in Assalto Imperiale) soprattutto nella seconda metà di ogni atto, quindi suggerisco a chi fa il signore oscuro di agire senza scrupoli e senza pietà entrando a gamba tesa sui giocatori ogni volta che può senza farsi scrupoli (che tanto non c'è l'eliminazione dei giocatori ^__^) e di scegliere molto bene le carte migliorie e i mostri in base agli obbiettivi dello scenario in corso. Se può si studi bene lo scenario in anticipo, dato che uno dei suoi principali svantaggi è che i giocatori pensano strategie con 4 teste. ;)

Il costo non è contenuto, ma stiamo parlando di un titolo davvero ricco di materiale (rovesciare il contenuto della scatola su un tavolo è una di quelle cose che fa impressione) e, ancor più importante per me, se vi piace il genere ci giocherete tantissimo, anche a fermarvi alla sola campagna della scatola base.

Come detto la scatola base viaggia sugli 85 euro di listino e la potete trovare facilmente in qualsiasi negozio specializzato o, come sempre, anche in vendita su Egyp.it dove trovate anche tutte le espansioni uscite dai nemici singoli alle campagne.

-- Le immagini sono tratte dal regolamento o dal sito della casa produttrice (FFG, Giochi Uniti), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco o da BGG . Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

36 commenti:

  1. Da specificare che essendo il gioco "linguaggio dipendente" , l'App x giocare senza Signore Oscuro SOLO in Inglese è alquanto inutile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio... mi ero in effetti scordat di specificarlo (ho corretto la dimenticanza).

      A mio parere, per quanto dove posso compro sempre roba in italiano per renderla giocabile senza problemi a tutti, questo non rende però per nulla "inutile" l'app, visto che in realtà basta che anche uno solo al tavolo capisca l'inglese (gli altri potrebbero non sapere nemmeno un vocabolo).

      Inoltre effetti delle carte ed abilità dei mostri li si ritrova anche tradotti nelle carte fisiche sul tavolo... ;)

      Elimina
  2. Gran titolo e bravo Chrys a colmare la lacuna!

    RispondiElimina
  3. Ciao Chrys! Bella recensione! Ho una domanda: siccome lo sto cercando invano da mesi (soprattutto dopo che la FFG ha creato l'app per giocare full coop), sia in negozi fisici che store online senza fortuna, hai qualche dritta da darmi? Grazie e buon gioco.
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere esaurito e in ristampa... domani rientro dalle ferie e scrivo al mio contatto dentro Giochi Uniti per informarmi. ^__^

      Elimina
    2. Ottimo! Grazie mille! Buon gioco, Alessandro

      Elimina
    3. Se ti può interessare io vendo il mio (yepsensuality@gmail.com)
      Qualche settimana fa in ogni caso mi pare d'averne visto una copia ad Ars Ludica a Chieri, nel caso t'interessasse solo il nuovo... però potrei anche sbagliarmi. Se per caso sei nel torinese prova a fargli uno squillo.

      Elimina
    4. Giochi Uniti mi ha detto che la ristampa è prevista (ma non posso ancora darti una data ufficiale).

      Elimina
  4. Ottimo articolo. Letto con molto piacere.

    RispondiElimina
  5. Pure io lo cerco da mesi

    RispondiElimina
  6. La catena "La Città del Sole" lo ha a catalogo e non credo li abbiano venduti proprio tutti tutti.

    Seldon

    RispondiElimina
  7. E' piaciuto anche a me questo articolo, a tal uopo avrei una domanda per il suo autore:
    se tu dovessi scegliere tra descent e assalto imperiale valutandone solo l'aspetto delle meccaniche e tralasciando tutto il resto,quale tra questi compreresti?

    m@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So di andare controcorrente rispetto al sentito comune ma probabilmente, se fossi obbligato, sceglierei Descent.

      Elimina
  8. Ho adorato la prima versione di Descent, sia nella sua versione base che in quella campagna. Giocone in scatola, lungo, ma soprattutto difficile da trasportare.
    Ho acquistato al day one Assalto Imperiale, ma forse per ambientazione, non più lunghi e stretti corridoi disseminati di trabocchetti e cadaveri pronti a rianimarsi, ma ampie stanze, e la regola del dado in difesa che proprio non riesco a farmi piacere, in oltre mezza campagna giocata e poi interrotta, non è riuscito a restituirmi il divertimento avuto con descent o starquest (ambientazioni agli antipodi insomma). Forse sono troppo cresciuto, il lato german che è in me ha sopraffatto quello american, ma la nostalgia è tiranna e ogni tanto mi vien voglia di rivivere una serata a colpi di secchiate di dadi e morning star sui denti dei poveri malcapitati costretti a raccogliersi la mascella, o quel che ne rimane, nel turno successivo. Ma mi ha sempre un po' frenato l'acquisto della seconda versione, vuoi per una vaga delusione dovuta a star wars, vuoi perchè mi pare di "fare un torto" alla prima edizione che posseggo quasi interamente (manca solo "Oceano di sangue").
    Il web in tutto questo non aiuta, con pareri contrastanti. Vale la pena tentare questa second edition? Magari con il kit di conversione abbinato per aumentare le scelte possibili?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco! dopo anni di german in quest'ultime settimane ho ripreso la prima versione (che ho tutta: dipinta e imbustata!) ed è stato un vero piacere. Non ho mai avuto la voglia di acquistare la seconda, sia perché sono principalmente un giocatore euro, e dunque di questo genere mi basta avere la priam edizione completa, sia perché ai tempi lessi molto sulla seconda versione e per chi ha giocato alla prima sembra semplificare molto alcune caratteristiche che rendevano eccezionale al prima. Per carità, la semplificazione e lo snellimento sicuramente saranno utilissimi, ma solo a chi dovrà iniziare già con la seconda, per chi viene dalla prima, a meno che non abbia avuto difficoltà, secondo me, può farne a meno. Facessero l'app pure per la prima sarebbe ottimo, ma siamo stati abbandonati

      Insania

      Elimina
    2. Condivido esattamente la vostra opinione!
      Tom

      Elimina
  9. Gran bell'articolo: complimenti! Se non lo avessi già avuto, mi sarebbe venuta voglia di comprarmelo!

    RispondiElimina
  10. Sono rimasto soddisfatto da questa seconda edizione. Ho trovato tutto più semplificato ed accessibile a tutti.

    RispondiElimina
  11. @Mello: se non ti è piaciuto Assalto Imperiale, non ti piacerà Descent 2. inoltre stanno per uscire dei DC che penso proprio saranno decisamente superiori a questo Descent. Uno è Sword & Sorcery, decisamente ispirato da Descent come meccaniche. Gli altri due hanno un lato più german e quindi potenzialmente potrebbero piacerti ancora di più: Gloomhaven e soprattutto Perdition Mouth. Nei prossimi giorni leggerai qualche anteprima sulla Tana dei Goblin...

    RispondiElimina
  12. Descent 2nd al momento pare abbastanza esaurito ovunque... se a qualcuno può interessare comunque vendo la mia copia (usata ma in buonissime condizioni - scrivete a yepsensuality@gmail.com).

    Per quanto riguarda il mio gruppo di gioco, a differenza di altre esperienze - a quanto sento -, l'abbiamo sempre trovato abbastanza frustrante e sbilanciato nei confronti del signore oscuro. Passare a Imperial Assault è stata la cosa migliore che ci potesse capitare perché finalmente ci ritroviamo con partite che si chiudono sul filo del rasoio e con una buona alternanza di vittorie.

    RispondiElimina
  13. Letto ma trovo strano che il signore oscuro è svantaggiato nella seconda metà di ogni atto O.O
    Ma ogni partita che abbiamo fatto il signore oscuro è tremendamente più potente dei giocatori tanto che anche sprecando gran parte delle azioni ha sempre vinto lui O.O
    Unica eccezione per la missione introduttiva che è esattamente il contrario...

    Qualcosa non mi torna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premetto che nell'articolo parlo di "leggero" sbilanciamento, nulla di esagerato. Io ho fatto due campagne lunghe (3 e 4 giocatori) e questo è il mio percepito... probabilmente molto dipende dal gruppo e da come si affronta la cosa.

      Io ho giocato con giocatori abbastanza tecnici che si studiavano la strategia molto bene (e ti assicuro che a parità di risorse se in una situazione a due schieramenti da un lato metti 1 giocatore a far tutto da solo da solo e dall'altro ci metti 4 teste che si studiano la strategia assieme l'ago della bilancia pende a favore delle 4 teste). Se lo si gioca in modo meno "tecnico" probabilmente il vantaggio va al signore oscuro.

      Il signore oscuro è giustamente più forte per compensare ma secondo me non abbastanza (ma è il mio percepito).

      La cosa l'ho notata nella seconda parte di ogni atto perchè trovo che l'avanzamento dei giocatori in termini di carte abilità e oggetti più potenti non è compensata dalle nuove carte del signore oscuro: dopo 3 avventure il signore oscuro ha mediamente 3 carte in più mentre i giocatori hanno mediamente 2-3 abilità extra a testa e oggetti più forti (anche perchè le avventure non scalano). L'inizio del secondo atto compensa la cosa perchè tutti i mostri diventano più forti, ma andando avanti nelle avventure risuccede la stessa cosa.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Dove posso trovare l'applicazione per giocare senza Signore Oscuro? Su internet ho trovato quella su Road to Legend. Non ho capito se è la stessa cosa o sono due app distinte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella che trovi gratis su internet (STEAM) o quella che puoi scaricare come APP per iOS/Andoid (per Androd è sempre gratis, per iOS non so) si chiama ROAD TO LEGEND ed è proprio quella di cui parlo per Descent seconda edizione.

      Quando la avvii ha un'area in cui puoi indicargi tutte le espansioni grandi e piccole ce possiedi di Descent 2^ Edizione (le supporta TUTTE) perchè in base a cosa hai amplia il database di elementi usabili come mostri, personaggi, classi, oggetti, carte signore oscuro, ecc.

      Sopra ho aggiunto anche un video e un link. ^__^

      Elimina
  16. Non conosco questo gioco e l'ho sentito solo come alternativa a Heroquest (che su amazon è arrivato al "modico" prezzo di 600 euro...assurdo !!).
    Tuttavia non so se prendere il primo o la seconda edizione di questo gioco in parte simile a Heroquest.
    Mi piacerebbe sentire pareri anche opposti di gente che ha giocato col primo e col secondo per capire bene le differenze tra i due.
    Una cosa del secondo che non mi piace è il fatto che gli eroi non possono morire !!. Questo fa sparire ogni prudenza dei giocatori (tanto sono indistruttibili). A parte questa nota stonata, vorrei sentire pareri possibilmente ragionevoli e non troppo di parte.

    RispondiElimina
  17. Non conosco questo gioco e l'ho sentito solo come alternativa a Heroquest (che su amazon è arrivato al "modico" prezzo di 600 euro...assurdo !!).
    Tuttavia non so se prendere il primo o la seconda edizione di questo gioco in parte simile a Heroquest.
    Mi piacerebbe sentire pareri anche opposti di gente che ha giocato col primo e col secondo per capire bene le differenze tra i due.
    Una cosa del secondo che non mi piace è il fatto che gli eroi non possono morire !!. Questo fa sparire ogni prudenza dei giocatori (tanto sono indistruttibili). A parte questa nota stonata, vorrei sentire pareri possibilmente ragionevoli e non troppo di parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io li ho giocati entrambi e sia io che i due gruppi con cui ho fatto la campagna del set base hanno nettamente preferito questa versione alla vecchia (che ha corretto una marea di difetti della prima). Non mi dilungo perchè avrai letto l'apposito capitolo di confronto nell'aricolo. Poi il risparmio è notevole.

      Elimina
    2. PS: la rimozione dell'eliminazione di un giocatore non toglie affatto ogni prudenza sia perchè comunque dai spesso punti al Signore Oscuro avvicinandolo alla vittoria, sia perchè ti perdi spesso un intero turno (o lo fai perdere a un altro). Inoltre l'azione di recupero ti ridà solo una manciata di cuori il che vuol dire che essendo in fin di vita facilmente andrai ko di nuovo a breve. Mal gestire i propri PV è molto penalizzante. ;)

      Elimina
    3. Sì ho letto ma fa il confronto solo su 2-3 aspetti che differiscono (es. la lunghezza delle missioni mi pare) e tralascia sicuramente molto altro. Ho letto commenti positivi di altri utenti sulla vecchia versione. Anche per questo preferivo sentire vari pareri diversi.
      Poi vorrei sapere la longevità di un gioco simile, perchè se le missioni sono quelle poi muore lì una volta fatte le missioni ??...oppure devi spendere altri soldi (che non ho voglia di spendere) per comprarti le espansioni ?.
      E' possibile creare le missioni di propria fantasia ?, senza per forza andarle a leggere su un libretto.
      La mappa scomponibile non mi piace molto...mi ricorda il gioco da tavolo di "Doom" compreso il respawn dei mostri. Inoltre il dungeon (o quel che è) scomponibile è possibile comporlo in vari modi oppure si può comporre solamente in un unico modo. ??


      Elimina
    4. PS.
      Va bè la regola che il giocatori non muoiono mai posso pure cambiarla e faccio in modo che invece il rischio di morte ci sia eccome a me piace più così.
      Questa è una cosa secondaria. La cambierò sicuramente se e quando comprerò il gioco.

      Elimina
  18. P.P.S.
    Guardando le immagini vedo che è stra-pieno di pezzi, pezzetti e pezzettini di ogni forma e genere anche piuttosto facili da perdere. Troppa roba. !!.
    Poi ho grossi, anzi ENORMI dubbi riguardante la longevità del gioco che mi da l'idea sia scarsa una volta fatte le missioni principali, (a meno di non comprare le espansioni, spendendo ancora). E' possibile inventare missioni di propria fantasia senza dover per forza usare gli stessi dungeon usati nelle missioni ?.
    Ho visto alcune immagini e certe mappe sono microscopiche (del tipo 2 corridoi e 3 stanze). Non ho ancora capito se i pezzi usati per creare i "dungeon" sono intercambiabili tra loro così da creare "dungenon" nuovi usando gli stessi pezzi.
    Inoltre parole come......"semplificazione" (che ho letto sopra) ....mi fanno storcere il naso e non poco. !! Lo dico perchè a volte la "semplificazione" tende un pò tanto, anzi troppo, ad appiattire il gioco per renderlo comprensibile a tutti.
    Dovrei chiarirmi questi dubbi prima di andare a spendere una cifra cmq importante.

    RispondiElimina
  19. Grazie a tutti ho letto le recensioni di entrambi i giochi e credo che la PRIMA edizione sia più interessante della seconda. C'è la possibilità di giocare + a lungo anche perchè le missioni sono molto + lunghe (qui invece mi da l'idea che finiscono praticamente ancor prima di iniziare).
    Se devo spendere voglio avere la possibilità di giocare a lungo e non di concludere tutto nel giro di una settimana.
    Inoltre è probabile che anche il prezzo sia decisamente + basso.
    Nella prima poi è presente l'eliminazione del personaggio in caso di morte, che rende tutto molto + elettrizzante e realistico piuttosto che vedere un personaggio immortale.
    Grazie a tutti lo stesso e buon gioco.

    RispondiElimina