sabato 1 ottobre 2016

Recensioni Minute - Trains

scritto da TeOoh!

Deckbuilding. È una delle dinamiche di gioco che più mi soddisfano e che mi divertono. Sono rari i casi in cui non abbia funzionato e, per fortuna, è anche tra le preferite della Moglie.

Peraltro, era da un po' che mi chiedeva di sbloccare questa rece che ormai "era pronta" da tempo con tutte le volte che siamo tornati a parlare di questo titolo: è uno dei suoi preferiti e voleva vedere come l'avrei presentato. (Spoiler: ha approvato il filmato). Ecco quindi Trains, di Hisashi Hayashi per 2-4 giocatori, 45 minuti di durata, edito dalla AEG.
La minutissima è: ogni turno peschi 5 carte dal tuo mazzo e le usi nell'ordine che vuoi. Alcune ti daranno anche soldi, per acquistarne di nuove, oppure per sviluppare la tua rete ferroviaria in plancia. Potrai quindi piazzare binari, stazioni, oppure punti vittoria diretti, ma ognuna di queste azioni aggiungerà al tuo mazzo anche delle carte Waste. Di utilità zero. Quando un giocatore termina i suoi cubetti-binario, finiscono tutte le stazioni, oppure 4 mazzi tra quelli di acquisto sono esauriti, il gioco termina e, in quel momento, chi ha più PV è il vincitore.

Molte delle dinamiche di base di questo gioco sono mutuate da Dominion, il capostipite del genere. Peraltro alcune carte tra quelle selezionabili (casualmente ne scegliete solo 8 su un pool di 30 a inizio partita) hanno esattamente lo stesso costo ed effetto di quelle di papà D. Il vero twist di questo gioco è che, sviluppando in plancia la propria rete ferroviaria, si crea un'elevata interazione tra i giocatori e aumenta notevolmente la longevità del titolo.

Quando dovete infatti piazzare binari dove ci sono altri giocatori o stazioni (che potrebbero quindi essere state piazzate apposta dagli avversari), dovrete pagare soldi in più e, contestualmente, vi arriveranno anche nuovi Waste nel mazzo. Non c'è quindi possibilità di preparare una strategia a priori e, se non ci sono carte adatte a rimuovere Waste dal mazzo o riciclarli in qualche modo, in brevissimo tempo vi troverete a dover gestire mazzoni anche di 80/90 carte.

Diventa quindi fondamentale l'approccio adattivo ad ogni turno. Sia per il turno in corso, che per quelli a venire per evitare che "il prossimo mazzo dopo aver rimescolato" sia troppo diluito di azioni utili o soldi. 
Questo risolve anche il "problema" che in tanti riscontrano in Dominion che "se fai big money vinci sempre". Qua non puoi decidere a priori, tanto più che le posizioni di partenza sono decise dai giocatori stessi, ergo, ci saranno partite in cui si parte vicini e si prova a "tagliare" la mappa per rendere difficoltoso lo sviluppo agli avversari e altre in cui si parte lontani e si fa a gara a collezionare punti.
Ah, e il big money non vince sempre. Se lo fa, siete scarsi. Ok, ora che ho infervorato gli animi, procedo.

Devo trovarci qualcosa? Be', nonostante sia risolta la sensazione di poca interazione, non è assolutamente pervenuta l'ambientazione. Resta un gioco freddo, che vi fa pensare ai treni solo perché dovete mettere i cubetti uno adiacente all'altro, come un binario, ma il tutto si ferma lì.

È un gioco però decisamente da esplorare. La plancia è doppio lato nel caso voleste fare una seconda partita senza selezionare nuove carte. Vi assicuro che l'approccio cambia e di molto.
Segnalo poi che esistono scaricabili da internet 2 plance addizionali ottimizzate per i 2 giocatori, create in occasione della Gen Con 2014. Lo spazio è tipo 1/3 di quello standard e lì ci si picchia che è un piacere.

Vi lascio ad un link Egyp e vi auguro buona visione con il filmato, se volete approfondire!



4 commenti:

  1. Provato con Fabio: gran bel gioco

    RispondiElimina
  2. Non c'è pericolo che qualcuno lo localizzi, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh mi sa che è dura...

      Elimina
    2. Il momento per l'edizione italiana mi sa che sia sfumato, perché ora è semplicemente troppo tardi per sperare di accumulare volumi di vendite adeguate per giustificare una traduzione. Amerei essere smentito, ma ho dubbi ..

      Elimina