lunedì 22 maggio 2017

News varie: i nominati dello Spiel des Jahres ma non solo

scritto da Fabio (Pinco11)

Piccolo extra, oggi, di news, in occasione della comunicazione dei titoli nominati che si giocheranno l'ambito premio Spiel des Jahres (Germania), ovvero che saranno sotto osservazione della giuria sino alla comunicazione del vincitore, che avverrà il 17 luglio a Berlino.
Colgo poi al balzo la palla e aggiungo anche qualche notiziola veloce che mi è arrivata in questi giorni.
Parto proprio da queste ultime, per segnalare che è finalmente uscita l'attesissima versione italiana (di marca Ghenos) di Terraforming Mars, il gestionalotto a sfondo sci-fi che ha avuto tanto successo da Essen in poi e che (ve lo anticipo) è entrato nella nostra top100 di sempre nella revisione 2017 che a breve sarà online. Sempre dallo stesso editore italiano, l'espansione Invaders from Afar per Scythe (altro ingresso annunciato nella nostra top100 di sempre), che consente di portare a 7 (e non solo) il numero di giocatori.



In casa Raven invece sono state annunciate due novità, programmate però in uscita entro l'anno (ovvero hanno appena firmato i relativi contratti).
La prima è Clank!, gioco a base di carte e a sfondo fantasy che ha colpito alcuni dei nostri redattori (qui le recensioni), così come i giurati del premio Mensa americano, che lo hanno indicato tra i vincitori.
La seconda è la localizzazione di un fortunato german che è stato recentemente finanziato incassando la bellezza di 400.000 eurozzi su Kickstarter, ovvero Outlive (La boite de jeu), il quale si pone l'ambizioso compito di mescolare il classico gestione e piazzamento lavoratori con una curata ambientazione post apocalittica.


Outlive

Outlive ad Essen 2016

Un mio pensiero veloce va poi agli amici della Horrible Games, i quali sono impegnati proprio in questi giorni negli ultimissimi giorni della campagna del loro attesissimo Alone, gioco a base di miniature e di esplorazione labirinti (con ricca dotazione di miniature) nel quale i ruoli di eroe e cattivi sono in un certo senso invertiti, visto che il primo gioca in solitario e nel quale è stata ideata un'interessante modalità di gioco 'continuo', visto che il buono è interrotto nel suo continuo operare solo nei momenti ritenuti dai cattivi come ideali.
Il progetto è già finanziato, ma ve lo ricordo per chi volesse dare un'occhiata dell'ultimo minuto (qui il link), perché è un bel titolo e mi farebbe piacere, per gli amici della casa, sempre gentilissimi con noi, che sfondasse qualche muro di incasso già ora.


Ultimo pensierino è quello che dedico a un altro kickstarter: non pensate che voglia portare via il lavoro all'ottimo Sayuiv e alla sua vedetta, perché per qualche tempo non avrò altre segnalazioni da farvi.
Il ricordo dell'ultimo minuto va al progetto di Skyways, della Eagle Games (qui il link), un gioco ideato da Jeffrey Allers, che propone un nuovo sviluppo per una meccanica che l'autore utilizzò alcuni anni fa nel poco conosciuto Eine Frage der Ahre (Heartland) un gioco che tuttora riesco a mettere sul mio tavolo in partitine con la gentile consorte.
L'idea di partenza è la stessa che sta facendo la fortuna di titoli come Kingdomino, Honshu e via dicendo, ovvero quella di piazzare tessere (in Skways sostituite da delle belle coppie di blocchetti di plastica collegati da un bastoncino centrale) creando aree di caselle adiacenti dello stesso colore. Qui però il gioco vive una sua dimensione 3D, perché si introduce il piazzamento di 4 capitali per giocatore, che si possono collocare solo al 2°, 3°, 4° e 5° piano (con bonus a fine partita).
Mi sono mosso per segnalare il progetto (ancora, qui il link) perché il gioco mi interessa, ma il tutto scadrà già stasera intorno alle 19:00 e mentre scrivo manca ancora un bel pochetto perché raggiunga l'agognato funding ...







LO SPIEL DES JAHRES

Solita premessa, ovvero che la chiave di lettura del tutto è quella di un premio che ha come target la famiglia media tedesca, che è diversi passi più avanti delle nostre in materia di frequenza di fruizione e di gradimento dei giochi da tavolo come intrattenimento, ma che resta composta (si parla di media) da utenti comunque poco 'esperti', per cui la famosa asticella della difficoltà è sempre posta decisamente sul basso. A questo giro, ciò premesso, però, qualche sorpresina la abbiamo!!!

Tre le categorie, per cui partiamo da quella base.
Kingdomino
Qui i nominati (ovvero i titoli tra i quali sarà scelto poi il vincitore) sono:

Kingdomino di Bruno Cathala (edito in Italia da Oliphante)
Magic Maze di Kasper Lapp (edito in Italia da Ghenos)
Wettlauf nach El Dorado di Reiner Knizia (edito da Ravensburger)

I consigliati (ovvero titoli che sono stati considerati apprezzabili e che sono indicati all'attenzione del pubblico ) sono invece:

Deja Vu
Dodelido
Fable Fruit 
KLASK
Shiftago
Tempeln des Schreckens
Word Slam

Nel settore dedicato agli Esperti i nominati sono invece:

Raiders of the North Sea di Shem Phillips
Terraforming Mars di Jacob Fryxelius
Exit - das Spiel di Inka e Markus Brand

Qui i 4 consigliati sono:
Capitan Sonar
Great Western Trail
Il Grande Libro della Follia
Ta-Pum!

Nella categoria bambini, infine, eccovi i nominati (qui il vincitore sarà comunicato il 19 giugno):

Capitan Silver (Queen) di Reindl-Discherl
Ice-Cool (Amigo, qui da noi Oliphante) di Brian Gomez
Der Mysteriose Wald di Carlo Rossi

COMMENTI

Giusto due parole, a margine dell'elenco, di commento, sono sempre dovute.

Parto dalla categoria che a noi interessa tradizionalmente di più, ovvero quella dedicata agli esperti, per dire che, inusualmente, nell'elenco (che di solito racchiude titoli appena un pelo più difficili, ma ben lontani dai cinghiali che apprezziamo) dei nominati compare anche un titolo di un certo peso, come Terraforming Mars e anche tra i consigliati fa capolino l'ottimo Great Western Trail.
Entrambi, a conferma del loro valore, hanno trovato edizione italiana (il primo con Ghenos e il secondo con Uplay) e ciò conferma come la loro scelta da parte della giuria sia più che comprensibile.
Più attinente al classico livello dell'asticella (un pelo più verso il basso) che utilizza la giuria del premio è invece la scelta di Raiders of the North Sea e, soprattutto, di Exit quali altri sfidanti per il premio finale. Il primo, per altro, entra abbastanza a sorpresa nella terna, trattandosi di un titolo di provenienza addirittura neozelandese, già finanziato su Kickstarter, che ha ottenuto di recente un'edizione tedesca.
Il secondo, invece, qui da noi semi-sconosciuto per via della dipendenza dalla lingua, è la versione Kosmos dei titoli legati alle escape room che di recente stanno mietendo tanti successi.

Great Western Trail
Passando alla categoria base nella terna noto la presenza di Kingdomino, che era e resta un grande favorito alla vittoria, per via del peso specifico (leggero), fruibilità e costo contenuto, che lo rendono il candidato ideale per il tipo di premio in questione.
Assai meno scontati sono invece gli altri due, con Magic Maze che è un cooperativo con spunti da party game ed El Dorado del quale nulla sappiamo, essendo uscito in Germania da poco (ci toccherà quindi prenderlo ...), ma che ha sicuramente beneficiato sia dell'editore (Ravensburger) che della notorietà dell'autore, cosa che potrebbe renderlo un valido pretendente al titolo altrimenti predestinato in capo a Cathala.

Che dire?
Nulla di particolare di cui lamentarsi, perché il premio viaggia secondo criteri propri ed è legato al mercato tedesco, con un occhio di riguardo alle famiglie.
Diciamo che per certi versi quest'anno i titoli indicati mi trovano più 'soddisfatto' addirittura rispetto ad alcune annate nelle quali facevo fatica a trovare consigli effettivamente utili, perché sono stati ricordati un paio di cinghiali (Terraforming e Western Trail) e/o citati alcuni titoli che sono risultati a vario titolo assai graditi a me (Kingdomino, KLASK) o ad altri nostri autori (Tempeln al Berna, Ta-Pum! a Chrys e Teo, Raiders a F/\B!O P., Fable Fruit  a Sergio, per citarne alcuni).
Ferme restando le sorprese, che non sono mancate (El Dorado, Exit, ...), stavolta le scelte della giuria si sono rivelate assai più adatte al nostro palato rispetto al passato ;)

Chi manca? Be', ovviamente Century, direte voi, ma non so se l'omissione sia voluta o se, più semplicemente, l'edizione tedesca non era uscita in tempo per rientrare nel premio. In tal caso lo potremmo vedere il prossimo anno :)
Per il resto, abbiamo qualche compitino per casa da fare, andando ad approfondire qualcuno dei titoli indicati, dei quali meno sappiamo, ma del resto è proprio questo uno degli obiettivi della giuria e del premio, ovvero promuovere l'acquisto delle scatolotte :)

.. e voi che ne dite dell'elenchino uscito???

P.S. complimentoni anche a Carlo Rossi per la nomina nella terna dei titoli che concorreranno al premio per i più piccoli!!!

6 commenti:

  1. Sono contentissimo per Raiders e Magic Maze!!!

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere per Kingdomino perché lo trovo molto "adatto" al premio rosso. Non sottovaluterei però Magic maze che ha dalla sua il fatto di poter essere giocato in modalità solitaria, collaborativa e, se non vado errato competitiva.

    Allo stesso tempo faccio il tifo per Terraforming Mars perché l'ho giocato ultimamente ed è veramente bello: mescola sapientemente diverse meccaniche e questo ne fa un buon candidato.

    Vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Poldeold!
      Nel regolamento di Magic Maze non c'è alcuna versione competitiva.
      Avendoli provati entrambi, faccio il tifo comunque per MM ^_^

      Elimina
  3. Ciao Fabio, sono un avido lettore del blog che ritengo un punto di riferimento imprescindibile per tutti gli appassionati di giochi da tavolo. Davvero complimenti a te e a tutti i collaboratori. Approfitto di questo articolo, dal quale apprendo per esempio che Clank sarà prossimamente localizzato da Raven, per fare una proposta (non credo ci sia da qualche altra parte, in caso smentitemi). Sarebbe bello che ci fosse una sezione nel blog in cui vengono raccolte le localizzazioni in arrivo. Una bella lista che possa essere da supporto per quelli che vorrebbero comprare un gioco ma temono un po' l'aspetto linguistico. Potrebbe far desistere più di qualcuno (in primis il sottoscritto) dall'acquisto dell'edizione straniera in favore di quella italiana che sta per arrivare. Probabilmente gli editori sarebbero ben lieti di contribuire inviando gli aggiornamenti. Un saluto a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea è interessante, ma ci sono anche diversi problemi pratici, legati al fatto che gli editori non sempre mandano comunicazioni per preannunciare le uscite in anticipo (anzi, molte volte lo sappiamo anche noi proprio mentre stanno uscendo). Ne parlo con gli altri redattori per capire se sia fattibile ... ;)

      Elimina
    2. Ti ringrazio per l'interessamento.

      Elimina