domenica 28 maggio 2017

Recensioni Minute - Hangout Heroquest 25th

scritto da TeOoh!

Hangout fortemente voluto da Agzaroth (che ha anche contattato le persone giuste per dare un'ottima forma alla discussione!), per far chiarezza su un tema molto caldo.
Il progetto di ridare vita all'ormai mitologico HeroQuest della nostra infanzia ha preso forma in un crowdfunding ormai vecchio di qualche anno.
I backer attendono, le notizie sono poche e frammentate e... ad aggiungersi c'è un PICCOLO problema legale che, in sostanza, impedirebbe di produrre il gioco così com'è.
Non preoccupatevi, il taglio è molto diverso da quello che immaginate.


Abbiamo provato a tenere il discorso sul più oggettivo possibile, facendo luce e chiarezza. Evitando quindi di diventare un "cattivi" vs "buoni", così come una promozione o una stroncatura. 

Giusto in fondo, si è toccato il discorso etico e morale.

I protagonisti sono stati:
  • Agzaroth: backer del progetto e addentro al progetto che vede la Tana dei Goblin impegnata nella traduzione italiana;
  • Harlan: avvocato specializzato in questione di marchi e similia;
  • Yon: backer e traduttore del progetto;
  • Charlie: autore di giochi e appassionato di vetust.

La scaletta utilizzata ha seguito queste linee guida:
  • Breve cronistoria del progetto;
  • Differenze tra HQ e HQ25 dal punto di vista del gioco;
  • Spiegazione delle problematiche legali;
  • Punto della situazione sull'avanzamento lavori;
  • Breve giudizio morale;
  • Breve giudizio etico.

Il tutto nei consueti 60 minuti circa!

Buona visione!

7 commenti:

  1. Oramai potrebbe chiamarsi HQ30

    RispondiElimina
  2. Complimenti per i vostri pareri che avete spiegato e approfondito. Concordo con Agzaroth che ha ragione sull'esempio di Teooh che non è calzante, se io pago per un gioco lo DEVO avere e su questo non si discute! Se ho investito su HQ25 me lo devono dare oppure rimborsare i soldi, il resto sono solo chiacchere da bar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh... qua la questione si sposta leggermente, perchè riguarda le linee guida di KS. In verità, se il progetto è una sovvenzione di progetto, il contraccambio del bene non è vincolante. Tu stai sponsorizzando la ricerca per ottenere un risultato.
      Il fatto che ora ci si sia abituati a "comprare" tramite ks è solo una conseguenza del fatto che, altrimenti, pochissimi finanzierebbero il sogno di un altro... a gratis...

      Però, sarebbe da approfondire meglio. Tengo nel taccuino delle idee.

      Elimina
    2. E' proprio questo il nocciolo di tutto (e parlo da finanziatore di HQ25) ma come può un giudice ritenere vincolante un patto su una piattaforma di crowfoundig; è una cosa folle (di cui non si è ragionato a mio avviso abbastanza) vuol dire che stai trasformando le piattaforme di crowfounding in negozi virtuali.
      Poi naturalmente io sono il più contento se arriverà il gioco, ma a parte HQ25 qui si innestano scenari molto più grandi e non solo nel Gioco in Scatola.

      Elimina
  3. non c'è una conclusione..

    RispondiElimina
  4. Ehi! Ma ho visto male o a un certo punto è comparsa un Agzarothina sullo sfondo? :) Matteo

    RispondiElimina
  5. Senza stare a ridiscutere sull'etica o sulla morale, ai tempi che furono pledgiai (inglesismo) il progetto non solo per heroquest in se per se, ma per la quantità di miniature e soprattutto di oggetti scenici 3d che avrei cannibalizzato per giocare a d&d.
    Tre anni fa questo era uno dei pochi progetti a proporre una tale quantità di roba, quantità che oggi invece propongono in molti.
    Io ormai l'ho data per persa, nel frattempo Heroquest me lo sono autocostruito (Teooh ti posso garantire che un risparmio non c'è stato) e gli oggetti scenici li ho presi dai set di Dungeon Saga.
    Non credo che parteciperò mai più ad un crowdfunding del genere, piuttosto do i soldi a Telethon.
    In fondo, ragazzi, sono giochi. Belli, appaganti, longevi, classici, da collezione, appassionanti ecc. ma sono giochi.

    Un saluto
    Nippo

    RispondiElimina