martedì 8 agosto 2017

[Recensione] King's Blood

scritto da Chrys

Faccio una dovuta premessa... sto per parlarvi di un gioco che trovo interessante per diversi motivi, ma che se vorrete comprarvi sputerete sangue, perché risale a un decennio fa abbondante e nonostante l'editore non certo piccolo (la Steve Jackson Games... l'editore di GURPS e dei mille Munchkin) è fuori produzione dal 2008.

Il fatto è che nel metterlo in valigia come ogni anno per portarmelo al mare, mi son reso conto che non era mai stato recensito e ci tenevo a farlo, per fargli lasciare una piccola impronta. ^^

Sto parlando di King's Blood (2-6 giocatori, 10-30 minuti) della coppia Tadaaki Kawahito e Hitoshi Yasuda (che ha una decina di giochi all'attivo... in gran parte rimasti però sul territorio giapponese)... sì, ormai lo sapete che ho un debole per i giochi giapponesi. XD


In questo titolo, che come vedremo rivede e rende "tridimensionale" una meccanica a dir poco classica, creeremo con gli altri giocatori l'albero genealogico comune di una casata reale, che a partire dal Re iniziale andrà a crescere e ramificarsi davanti a noi, tra figli e fratelli, generazione dopo generazione.

NELLA SCATOLA
La scatola è piccola e compatta (poco più del volume dei due mazzi che contiene) e dentro troviamo un regolamento in inglese e 90 carte tra personaggi e una dozzina di eventi.

Le carte potrete trovarle bellissime e brutte a seconda che vi piacciono o no manga e anime. Lo stile del disegno è un "chibi" non troppo accentuato (non sono super deformed, per capirci) che ricorda volutamente quello degli RPG giapponesi di diversi anni fa. Inutile dilungarmi oltre che di più non saprei dirvi.


COME  SI GIOCA
A inizio partita ognuno riceve 7 carte e sul tavolo (lasciandole ampio spazio sotto) viene piazzato un personaggio pescato a caso, che è il capostipite della dinastia.

Al proprio turno si sceglie se giocare una carta (anche più d'una con alcune combo) oppure pescare una carta (se non si può o non si vuole giocare). Il primo a finire tutte le sue carte è il vincitore.

Le carte sono quasi tutte personaggi che possono essere agganciati a qualunque altra carta attiva in campo (ovvero che abbia almeno un lato ancora libero e non sia parzialmente coperta da un'altra carta) se ne condividono il simbolo o il numero. Se la carta piazzata ha lo stesso numero di qualla a cui la si attacca sarà un fratello/sorella, mentre se ha lo stesso simbolo e sesso opposto avremo creato un matrimonio (vedi poi).

Anatomia di una carta
Il simbolo rappresenta la principale passione del personaggio (arte, guerra, denaro, romanticismo) che si rispecchia poi anche molto bene nell'illustrazione. Sulla carta abbiamo poi anche un numero, il sesso e, talvolta, un fumetto che innesca effetti speciali. Chiude poi il nome e un soprannome, che aiuta a caratterizzarlo.

Matrimonio
Se si genera un matrimonio peschiamo la prima carta dal mazzo e piazziamo il personaggio sotto i suoi genitori, a metà tra le due carte, parzialmente sovrapposto. Se in questo momento abbiamo in mano altri personaggi con lo stesso numero del nuovo nato possiamo immediatamente giocarli come fratelli/sorelle. Se invece è stato pescato un evento lo si applica e la coppia di sposini risulterà sterile.

Effetti speciali dei personaggi
Alcuni hanno un fumetto (come se dichiarassero l'azione) che può generare uno dei seguenti effetti: inversione dell'ordine di gioco, far saltare il giocatore successivo o far pescare 3 carte al giocatore successivo (che se però al suo turno aggiunge alla famiglia un personaggio con un fumetto può, deviare l'effetto su un altro). Vi ricorda qualcosa, questa parte?


Eventi
Una decina di carte del mazzo sono eventi speciali più articolati che normalmente vanno giocati su un personaggio attivo... ad esempio potremo assassinare un personaggio o spostarlo altrove nell'albero (un colpo di scena tipo figlio illegittimo? una fuga d'amore?), ecc.

CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco è molto semplice da spiegare, carino, veloce e anche originale nella forma che prende (se non nelle sue radici, come vedremo sotto). L'ho giocato abbastanza da averne usurato la scatola e tendo a portarmelo sempre tra i giochi da spiaggia, che il lettino lo riempie bene. XD

Dal punto di vista dell'estetica, l'albero genealogico che si viene a formare è molto piacevole da vedersi, attira l'attenzione e soprattutto... è splendidamente in tema.

Proprio l'ambientazione, per quanto non fondamentale (poteva essere un astratto), trovo sia davvero ben resa e nel creare le coppie e nel vedere nascere i figli si genera quel processo mentale che ti fa costruire cose nella testa... e tipicamente si scherza sulla coppia mal assortita, sul figlio guerriero nato da due musicisti, sullo "svergognato" di turno (una delle carte personaggio sono due gemelle XD), ecc.

L'edizione giapponese. ^^
I più svegli di voi avranno notato il DNA da cui questo gioco nasce... di fatto è la reimplementazione di uno dei più classici giochi di carte, di cui vi ha anche parlato recentemente il nostro MagoCharlie, e cioè UNO. Solo che qui abbiamo non solo degli eventi, ma soprattutto una ramificazione che ci porta ad avere più carte attive simultaneamente a cui si aggiunge il fatto di avere tutto visibile, il che ci permette di capire anche quali carte devono ancora uscire (sia come numeri che come simboli... per ogni passione ci sono 2 serie di carte da 1 a 9, una di maschi e una di femmine) e altri elementi.

La dipendenza dalla lingua è limitata agli effetti degli eventi, che alla fine sono solo 4 tipi diversi.

La durata della partita sta sempre nei 10-30 minuti dichiarati.

Se vi capita di trovarlo usato o se lo vedete in qualche fiera in un cestone vi suggerisco di prenderlo... il suo prezzo dell'epoca era di 17$. E se vi ho fatto venire voglia, ma non lo trovate... non odiatemi troppo. ;)

-- Le immagini sono tratte da BGG, sono state scattate da noi o provengono dal sito della casa produttrice a cui appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta. --

2 commenti:

  1. molto piu bello di uno, meriterebbe una ristampa
    GG

    RispondiElimina
  2. Un UNO iperpompato, carine le illustrazioni se piace il genere, è un divoratore naturale di spazio.

    RispondiElimina