anteprima Recensioni Minute

Recensioni Minute - (Anteprima) 7 Rosso

scritto da TeOoh!

Il 7 bello è da sempre, nell'immaginario dei giocatori di carte, la carta da avere a tutti i costi. Chiaro, solo se state giocando a scopa, perché se foste a un tavolo di briscola in cui il seme è picche...
Però il 7 color rosso ha attinenza comunque con il gioco in questione e, sebbene non sia la carta da volere necessariamente ad ogni costo, è comunque la più forte in assoluto nella scala dei valori.
Vi parlerò di 7 Rosso, di Carl Chudyk e Chris Cieslik per 2-4 giocatori, durata della partita sui 30 minuti. Edito in Italia da Cranio Creations.


La minutissima è: durante il proprio turno, un giocatore potrà giocare una carta di fronte a sé come numero colorato o come nuova regola di gioco oppure entrambe le cose. Ma solo se sarà il vincitore secondo la regola vigente. Altrimenti deve dichiarare di aver perso. L'ultimo a non perdere, vince.

Al di là di una sorta di sillogismo, le regole sono davvero queste. Ovvero, che durante la partite le regole di 7 Rosso cambiano sempre. Le carte sono numerate da 1 a 7 in 7 colori differenti e a parità di valore vince il colore più alto nella gradazione di colori, altrimenti vince il numero più alto. Va da sé, quindi, che il 7 rosso è la carta più alta singola. 

Come dicevo, però, le regole cambiano: ogni colore porta con sé la possibilità di vincere se si ha appunto di fronte a sé la carta più alta, ma anche più carte in scala o più carte di colori diversi o più carte sotto al 4...
La tensione insomma è alta, perché una buona giocata o una carta forte può diventare completamente inutile sotto le regole avversarie. 
È quindi un gioco di rischi, di valutazione della propria mano e minimizzazione dello spreco risorse. 

Dal canto mio, reputo questo gioco decisamente geniale, perché con 1 semplice carta che riassume la forza dei colori... tiene in piedi un sacco di scelte per ciascun turno e una variabilità elevatissima. 
Capisco che forse così non si coglie dove sta tutto l'inghippo, perché, specialmente nella prima manche "di prova" (che consiglio sempre), si buttano un po' le carte... finché non si nota che siamo magari usciti al primo giro, mentre il vincitore... ha resistito molto di più e sembrava anche avere idea del perché ci sia riuscito...

Nel filmato, quindi, ho deciso di fare una sorta di "breve gameplay" (in 2 minuti ci stanno regole e 3 giri di tavolo) per catapultarvi in tale esperienza.

Devo trovarci qualcosa? Può capitare che per sfortuna usciate al primo giro di tavolo. Raro, ma succede. In verità non è così brutto, perché, in una partita "normale", si giocheranno manche successive e il modo per distribuire i punti è che ognuno raccoglie SOLO le carte che gli hanno permesso di vincere. In tale situazione, quindi, può darsi che tutti decidano subito di dichiararsi comunque sconfitti (se hanno una mano non bella) per far portare a casa pochissimi punti all'ultimo rimasto... so che anche questa cosa può sembrare strana, ma... in questo gioco si riesce a intravedere la luce dopo qualche partita!

Vi lascio quindi alla visione, ad un link Egyp e vi auguro buon weekend!

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.